La Raggi e l’alleanza col Pd

(Tommaso Merlo) – Dopo Mafia Capitale il Pd avrebbe dovuto azzerare il partito laziale e non solo, cospargersi il capo di cenere davanti al Campidoglio e chiedere scusa all’Italia intera per la vergogna con cui ha ricoperto non solo la capitale ma l’intero paese. Ed invece il Pd ha fatto spallucce in attesa che passasse la tempesta e nel frattempo si è messo a far sgambetti alla Raggi nella speranza di riprendersi le poltrone perdute. Zingaretti è stato tra i primi a tuonare contro la ricandidatura di Virginia Raggi e allo stesso tempo a lagnarsi che il Movimento non si alleava alle regionali con statisti alla De Luca. Da allora il Pd sta cercando un malcapitato che rischi l’osso del collo sfidando la sindaca di Roma. Nonostante tutto il fango con cui l’hanno ricoperta, la Raggi è infatti politicamente molto più solida di quello che han sempre blaterato e fa paura a molti. Virginia Raggi è un simbolo del Movimento perché ne incarna la storia e la cultura più genuina. Anni di persecuzione, l’impegno e il coraggio quotidiano senza mai scimmiottare atteggiamenti e vizietti dei vecchi politicanti. La Raggi ha poi tracciato una linea politica nuova. Dopo i sindaci fanfaroni del passato che han sommerso la capitale di chiacchiere e di debiti facendogli perdere decenni. La Raggi ha intrapreso la strada più complessa della legalità, della sobrietà e della concretezza con gli scarsi mezzi a disposizione. Da un comune infiltrato dai mafiosi ad una sindaca antimafia. Se non si fossero fottuti tutti i soldi la Raggi avrebbe potuto fare di più, ma a livello politico ha comunque drasticamente voltato pagina dopo anni di malapolitica e può vantare una serie di risultati che spetterà ai romani valutare a fine legislatura. Ma Virginia Raggi ha tracciato una nuova linea politica anche nel rapporto tra Movimento e Pd. Ha detto cioè “no” ad un partito che prima ha ridotto Roma in macerie e poi si è messo a far la guerra a chi come la Raggi sta cercando di ricostruirla. La linea è chiara. Ci si allea col Pd solo se quel vecchio partito di marpioni poltronistici si dimostra degno, altrimenti ciao. Una linea sacrosanta. È il Pd col suo curriculum da film horror che si deve dimostrare all’altezza di cooperare col Movimento. Non viceversa. È il Pd col suo curriculum da film horror che deve dimostrarsi all’altezza del nuovo corso politico aperto dal Movimento. Non viceversa. A Roma come in tutta Italia. Altrimenti torniamo indietro invece di andare avanti. Il Pd è il passato e il Movimento nasce anche dalle sue ceneri. Se si vuole alleare è il Pd che deve aggiornarsi ai tempi. È il Pd che deve darsi una ripulita, una svecchiata e già che c’è tirar fuori uno straccio d’idea se ne è capace. È questo il nodo politico fondamentale. Non se fare l’alleanza o meno, ma a quali condizioni farla. Il quadro politico nazionale non offre molte alternative al Movimento. Le porte a destra sono chiuse e i numeri scarsi. Se vuole governare e incidere sulla realtà il Movimento deve allearsi con la fu sinistra. Ma “alleanza organica” sono quelle parolacce politichesi che fan venire l’orticaria e scatenano rissosi malintesi. Proseguire a braccetto del Pd ad ogni costo giusto per raccattar poltrone significherebbe non solo la fine del Movimento ma anche la fine della fase politica che ha aperto nel paese. Un danno enorme. Diversa è la linea tracciata dalla Raggi. Se il Pd si dimostra all’altezza bene, altrimenti ognuno per la sua strada. Punto. E non contano solo i programmi e le cose da fare con cui un accordo alla fine si trova sempre. Conta anche quello che c’è dietro ai finti sorrisi e alle cravatte di sartoria. E cioè la volontà del Pd di mettersi alle spalle una volta per tutte facce e logiche e pagine buie del suo passato che han devastato Roma come l’Italia intera. Solo così il Movimento manterrà la sua integrità e quindi la sua forza politica e quindi il suo ruolo storico di motore del cambiamento della vecchia politica come del paese.

11 replies

  1. Tommaso,
    ma lo hai sentito il tetrapoltronaro di cosa ha detto della Bellissima e Dolcissima Virginia… o no…?
    no, perché é parso di capire, da come parla il traditore destrorso, che il problema sia la Raggi… non il pd-l di mafia capitale…!!!

    Forse, come giornalista serio quale sicuramente sei, dovresti cominciare ad occuparti dei “traditori gialli” e denunciare le loro melfatte al popolo sovrano…!?!?

    "Mi piace"

      • @Master Class,
        come diceva quello … del ramo sul lago di como…?
        “se uno il coraggio non c’e l’ha non se lo può dare…”!!!

        "Mi piace"

      • @Gatto,
        come diceva quello … del ramo sul lago di como…?
        “se uno il coraggio non c’e l’ha non se lo può dare…”!!!

        per combattere contro i ladri, i corrotti e i corruttori, etc… é necessario essere dotati di un prorpio endoscheletro…!!!

        "Mi piace"

      • Ma difatti! Quello dell’altro ramo (del Lago di Como), mi diceva sempre che il ‘Bobbolo’ è un grandissimo invertebrato con l’esoscheletro: duro fuori e molliccio dentro: basta uno schiaccianoci, mica chissacché!

        "Mi piace"

  2. Si deve parlare di accordi e non di alleanza.
    E il primo è sulla Raggi, che deve essere un punto fermo. Se il pd non accetta la Raggi non può pretendere altri accordi, e questo secondo me deve essere chiaro.
    Infatti Di Maio è stato un po’ sibillino e deve chiarire. Di Maio alla fine è un rappresentate, ma, per quante cose ha fatto di buono che gli riconosco, se prende la strada poco chiara emersa dalla sua dichiarazione, non lo seguirà nessuno.
    Andiamo avanti con questi “Stati Generali”, prima chiariamo la linea, meglio è per tutti.

    Piace a 3 people

  3. Cmq Di Maio ha parlato di alleanze programmatiche (quindi di un accordo) e non di alleanza strutturale, e quando lo stava dicendo chiaramente “sentonparlare in giro di alleanza strutturale col pd” la Annunziata lo ha interrotto passando alla domanda successiva…

    "Mi piace"

  4. Poi è chiaro che su Roma se il pd fa un programma “serio” e una lista di candidati di solo “presentabili”, probabilmente con la Raggi se ne potrebbe anche parlare, ma la vedo dura…

    "Mi piace"

  5. La Raggi si è dimostrata una donna d’acciaio inox ed una sindaca bravissima dopo qualche incertezza iniziale. Merita certamente di proseguire il suo mandato, che il Partito Disonesti sia d’accordo o meno

    Piace a 3 people

  6. Leggo volentieri le tue riflessioni Tommaso e condivido la massima stima per la Signora sindaca. Il discorso che fai è condivisibile in teoria ma dimentichi il fatto che la brava Sindaca Raggi, a Roma è Sindaco e ha libertà di azione. La Signora giustamente si trova in un’altra posizione, può dire no alle alleanze col PD e continuare a legiferare per quanto le sia concesso dalla legge. A livello nazionale i 5S per avere un governo, per sedersi al tavolo esegutivo e quindi per continuare a fare leggi hanno l’obbligo e il dovere di cercare alleati. Possiamo teorizzare all’infinito ma se non siedi al governo non puoi legiferare e quindi non puoi portare nulla di buono a questo paese. Certo, anche a me, piacerebbe non aver bisogno dei voti del PD per governare ma siamo in democrazia (fortunatamente) e serve la maggioranza per agire. Se perdiamo il governo, se facciamo i nudi e puri, ci estingueremo nel giro di pochi mesi e allora addio a tutte le belle idee e sogni. Detto questo anche io mi sento frustrato dal mancato appoggio alla Sindaca …. mi sarei aspettato una levata di scudi in sua difesa. Sono altresi convinto che Virginia Raggi incarni appieno i valori che molti come me vorrebbero vedere nel governo e nel movimento a livello nazionale.

    "Mi piace"