Europa bella senza anima

(Dott. Paolo Caruso) – Con una Europa “bella senza anima”, priva di voce autorevole e univoca, interessata più ai fattori economici e ai problemi geopolitici, c’era da aspettarselo. La Turchia, paese che fa da ponte tra i due grandi continenti Europa e Asia, da anni è governata sotto una falsa democrazia da un capo assoluto, Erdogan, che l’ha privata della libertà di informazione, dei diritti umani, e inoltre ha arrestato e torturato migliaia di oppositori tra i quali le migliori intellighenzie. Lo stesso Erdogan,  che perseguita i Kurdi cercando l’estinzione di un popolo, che non si è tirato indietro  con i bombardamenti sui civili nella guerra siriana, pronto ad accendere focolai in Grecia e in Libia, e che ricatta costantemente l’Europa con le minacce fondate di aprire le frontiere ai tanti disperati che pressano ai confini, si è macchiato di sangue innocente per la morte dell’avvocata Ebru Timtik in lotta per i diritti avvenuta in un carcere di Istanbul. L’avvocata aveva iniziato lo sciopero della fame da 238 giorni, dal febbraio scorso, per il rispetto del diritto proprio e di quello di tanti altri, e per essere sottoposta ad un processo equo dopo la condanna a 13 anni di reclusione per appartenenza, a detta del governo di Ankara, a una organizzazione criminale terrorista Dhkp. La notizia del decesso è stata fatta passare inosservata dalle autorità e dalla stampa locale e in parte anche da quella internazionale, ma grazie ai colleghi dell’associazione contemporanea degli Avvocati in difesa dei casi politicamente delicati di cui faceva parte la Ebru Timtik e di cui fa parte anche l’avvocato Aytac Ursal, attualmente in carcere, è circolata in tutta la sua drammaticità. Una morte da martire, reclusa solo per aver difeso un giovane adolescente morto per le ferite riportate durante le proteste antigovernative a Gezi Park. Di tutto questo, quello che colpisce è il silenzio assordante delle Istituzioni Europee, che come già avvenuto in precedenza in altre occasioni assistono indifferenti all’attacco allo Stato di diritto e alla Democrazia portato avanti in  Turchia dal “dittatore” Erdogan.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.