Il gregge è globale la sanità no

(di Maria Rita Gismondo – Il Fatto Quotidiano) – In genere l’influenza che arriva nel quarto trimestre di ogni anno, ci proviene da virus che hanno già provocato l’epidemia stagionale nell’altro emisfero. Ciò ci permette di conoscere con un certo anticipo quali saranno i virus che circoleranno. I due gruppi influenzali sono i cosiddetti “Influenza A” e “Influenza B”.

La caratteristica costante e comune è che sono virus estremamente mutevoli. Infatti, malgrado siano stati condotti numerosi studi per trovare un unico vaccino antinfluenzale, a oggi i risultati sono ancora deludenti. Dobbiamo annualmente “adattarci” a/ai virus in arrivo e preparare nuovi vaccini. Quest’anno si attendono virus H1N1, H3N2 e qualche ceppo del gruppo Influenza B. Diverse aziende propongono sul mercato questi vaccini e ne sono già pronti alla distribuzione almeno due tipi, vaccini trivalenti che contengono dei frammenti di virus dell’influenza derivati da due ceppi del virus Influenza tipo A e un ceppo del tipo B, vaccini tetravalenti contenenti anche frammenti inattivati di un secondo ceppo di tipo B.

Il principio sul quale si fonda la loro efficacia è la presenza di quelle parti del virus che sono capaci di stimolare anticorpi protettivi dall’infezione e la loro innocuità si fonda sulla quasi totale assenza di effetti collaterali, primo fra tutti, quello di provocare la malattia influenzale. Solo il 10% dei vaccinati ha un innalzamento febbrile passeggero. Malgrado ciò, non possiamo dimenticare che esiste l’annoso dilemma sugli eventuali effetti collaterali degli eccipienti.

A oggi non è chiaro l’effetto a lungo termine della presenza di elementi come il mercurio. Alcuni Paesi, per esempio, come la Svizzera, non ne consentono la presenza. Certamente il fenomeno più strano è che le composizioni e le campagne vaccinali, nonché gli obblighi in alcuni casi, siano variabili, non solo tra i diversi Paesi Ue, ma persino tra una regione e l’altra della stessa nazione.

È questo un reale controsenso. Se una volta si poteva parlare di effetto gregge (percentuale di vaccinati che, di fatto, protegge totalmente dall’infezione) a livello locale, oggi, con i movimenti e gli scambi dovuti in gran parte dalla globalizzazione, “il gregge” è mondiale e queste politiche, almeno per alcune infezioni, dovrebbero essere globali.

2 replies

  1. Il globale se lo faccia a casa sua condito insieme alle paste per favore, che lei vuole smuovere solo le leve per far guadagnare chi con questa indastria riesce solo a speculare; sarà pure una scienziata de sinistra, ma talmente de sinistra che riesce ad inserire nelle tasche del suo cervello il mondo intero e il cosmo che lo attornia. Perché non propone l’Arca genetica che tantissime specie animali e vegetali sono in fase di eterna estinzione, oppure, consideri l’inasprimento delle infezioni animali dovuto alla rottura di tantissimi micro equilibri a cominciare dalla denaturazione delle acque superficiali causa inquinamento terrestre e atmosferico; pensa di spaventare le zecche oppure il plasmodio della malaria africana? e se qualcosa, attraverso uova fra luridi vestiti è arrivato fra noi? Per consumé possiamo anche sottolineare il fatto che da qualche anno non esiste più il gatto europeo è diventato americano anche lui.

    "Mi piace"

    • Tutto questo inquinamento che tu stesso riconosci, l’hanno provocato quelli che non si accontentano mai e vogliono sempre più crescita, più sviluppo, di tutto e di più, che corrispondono ai suprematisti che farebbero tabula rasa della natura e della gente de sinistra, pur di rimanere gli unici impotenti a comandare.
      Quando c’è una carenza dentro, la si cerca sempre fuori, perchè è sempre colpa degli altri.
      C’è una infinita bio diversità che molti vorrebbero eliminare con la cura unica, e il pensiero unico.
      L’aggressività e la rabbia non saranno mai indicazioni di giusta destinazione: portano fuori strada.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.