I Benetton ora sanno chi è Conte

(Gaetano Pedullà – lanotiziagiornale.it) – Per la serie non è mai troppo tardi, il governatore ligure Toti ha fatto causa alla società Autostrade controllata dai Benetton, mettendoci dentro per par condicio anche il Ministero dei trasporti, tanto ormai tra Stato e Regioni manca solo la consegna della dichiarazione di guerra. Purtroppo lo stesso Toti e la sua parte politica, a cominciare dalla Lega, fino a ieri hanno fatto tutt’altro che contrastare i Benetton, assestando il classico calcio dell’asino giusto adesso che arriva il game over da parte del Governo. Il premier Conte, col sostegno in concreto dei soli Cinque Stelle, ha dovuto lavorare sodo due anni, raccogliendo perizie, pareri legali, persino una pronuncia della Corte costituzionale, e adesso ha qualche freccia al suo arco per revocare la concessione a chi doveva impedire il crollo del ponte di Genova, i 40 morti del viadotto di Avellino e un altro bel po’ di disastri in mezza Italia dovuti a carenze di controlli e manutenzione.

Per non arrivare a tanto i Benetton hanno usato tutto il potere di cui dispongono, minacciato cause miliardarie, fatto finta di volersi comprare l’Alitalia, avviato trattative su un possibile ingresso dello Stato nella società che gestisce le infrastrutture per conto dello stesso Stato. Tutte manovre con un solo fine: prendere tempo in attesa che saltasse il primo Governo dopo decenni indisponibile a scendere a patti con loro. Un Governo che a differenza del racconto di immobilismo e liti continue che vediamo immancabilmente su stampa e tv, sta facendo molte cose. E che cose!

Mentre cerca fondi in Europa, gestisce l’emergenza sanitaria niente affatto finita, prepara la riapertura delle scuole e quant’altro, Conte e la sua maggioranza giallorossa stanno riuscendo anche a togliere questa incredibile mangiatoia delle autostrade regalate nella Prima Repubblica ai signori dei caselli. Bisogna infatti risalire a quell’epoca per trovare le leggi e i contratti sciagurati voluti (e blindati) da una politica disinteressata dell’interesse pubblico e genuflessa ai capricci dei privati, che regalò ai Benetton e agli altri grandi concessionari un’autentica gallina dalle uova d’oro, con guadagni garantiti e utili miliardari da poter rimpinguare risparmiando sulle manutenzioni, come ha denunciato solo pochi giorni fa anche l’Autorità Anticorruzione.

Oggi tutto questo può cominciare a diventare un ricordo, con tutti i sacrosanti effetti benefici per le tasche dei cittadini e di chi presto potrà pagare pedaggi più bassi, ma anche con alcuni costi per il mercato e i dipendenti della società concessionaria. Atlantia, la holding che controlla Autostrade per l’Italia (Aspi), ieri è letteralmente crollata in Borsa, facendo perdere molti soldi ai piccoli e grandi azionisti che si sono fidati dei Benetton, senza considerare la loro folle strategia per restare in paradiso a dispetto dei santi. Dopo il crollo del Ponte Morandi la famiglia di Ponzano Veneto aveva promesso collaborazione con lo Stato, salvo poi scoprire che i loro manager continuavano a nascondere le carte sulle manutenzioni.

Ne seguì il taglio di qualche testa, compresa quella dello storico amministratore delegato Giovanni Castellucci, che chissà come mai ha preteso e ottenuto ampie manleve, ma la volontà di un accordo vero non c’è mai stata e ieri, solo dopo le parole definitive del premier, pure il mercato ha capito che il tempo di certi regali di Stato è finito. Perciò i Benetton sono responsabili anche delle perdite dei loro investitori, così come del possibile taglio dei posti di lavoro nelle loro società, che con ben altro atteggiamento si sarebbero potuti preservare facendo lavorare queste imprese ad esempio con l’Anas. Mai però c’è stato un lavoro serio per trovare un accordo con lo Stato, e Aspi può solo prendersela con se stessa se la revoca della concessione portasse al suo default. Resta invece aperto il tema su chi gestirà in futuro le nostre autostrade.

Purtroppo pure in Italia abbiamo visto quanto sia negativa l’esperienza dello Stato imprenditore. La politica dove può infilare le zampe e fare clientele non ha mai perso quasta occasione. Lo Stato invece fa molto meglio quando è un buon regolatore, e una volta fissati dei guadagni equi (e non faraonici come avviene adesso nelle concessioni non solo autostradali) i privati possono portare efficienza e benefici per tutti i cittadini. La strada da perseguire resta allora questa, con ampia rassicurazione per i Benetton come per tutti di poter partecipare a un futuro bando di gara, ma alle condizioni, agli equi guadagni e agli obblighi di fare le manutenzioni stabiliti dallo Stato e non dettati dai privati. Per arrivare a questo – apparentemente il minimo sindacale – sono serviti decenni di denunce, all’inizo flebili e isolate (questo giornale ne fa una bandiera da otto anni, dal primo giorno in edicola) e ora più decise ed efficaci, con un Governo e una forza politica autenticamente antisistema come i 5 Stelle disposte ad andare fino in fondo.

11 replies

  1. “Un Governo che a differenza del racconto di immobilismo e liti continue che vediamo immancabilmente su stampa e tv, sta facendo molte cose. E che cose!”
    Credo che abbia sbagliato punteggiatura, forse voleva scrivere “E che cose?”
    Sarebbe anche ora di piantarla con questa retorica dell’Immenso Statista Conte, che sta assumendo toni sempre più grotteschi, fra un po’ scriveranno che ridà la vista ai ciechi e fa camminare i paralitici. “Mentre fa questo, mentre fa quello, trova anche il tempo di combattere contro i Benetton”: sembra l’Uomo Tigre che lotta contro il male.
    Prima di celebrare la vittoria sui Benetton occorrerà vedere che succederà in concreto: non si agita lo scalpo del nemico prima di averlo conquistato. E si sa che i nemici peggiori sono spesso tra gli alleati.
    E lo stesso vale per le altre cose che l’autore spaccia per successi dell’Immenso Statista Conte, a partire dal Recovery, che potrà essere celebrato solo quando si capirà se arriverà e a quali condizioni.

    "Mi piace"

    • @Johnny Honesto
      “Immenso Statista Conte” è una tua definizione.
      E su una tua definizione fondi il tuo sarcasmo.
      Conte non è immenso, è solo una persona che, in un percorso disseminato di trappole e agguati,
      sta tentando di indirizzare la politica italiana verso l’interesse dei cittadini e non verso quello di
      Lorsignori che hanno sempre fatto il bello e il cattivo tempo.
      Ha commesso errori ed altri ne commetterà ancora, ma è segno di malafede fingere di non
      vedere che la musica è cambiata e che Conte non è un Esaù qualunque che puoi comprare
      con un piatto di lenticchie.
      Non farà camminare gli storpi né ridarà la vista ai ciechi, ma vuoi mettere la differenza con
      i Renzi, Gentiloni, Monti, Letta e Berlusconi che la Grande Stampa ha incensato fino a ieri?

      Piace a 3 people

      • “Immenso Statista Conte” è una mia espressione per riassumere il servilismo di certa stampa nei confronti di questo Presidente del Consiglio. La stessa stampa che, peraltro, a suo tempo (cioè quando governava con Salvini), lo definiva senza mezzi termini un pupazzo. Ora si è accorta che Conte è bravo, serio, responsabile, ecc. ecc.: ma Conte è lo stesso di un anno fa, mica è il suo fratello gemello buono. Ne segue – ed è un problema diffuso tra i media italiani, che l’obiettività non sanno neanche dove stia di casa – che la narrazione su una persona cambia in funzione del risultato che si vuole conseguire: se si vuole abbattere il governo gialloverde, ecco che occorre dare addosso a Conte e considerarlo un incompetente, un uomo di paglia, uno spaventapasseri in balia dei suoi vice-presidenti; se si vuole salvare a tutti i costi il governo giallorosso perché sennò arrivano i barbari, ecco che Conte diventa bravissimo, capace, apprezzato a livello internazionale, e così via.
        E su Conte che non puoi comprare con un piatto di lenticchie non concordiamo, mi spiace. Io non riesco a dimenticare l’immagine di Conte che fa da sandwich-man a Salvini e regge, sorridente, il cartello con scritto #decretisalvini; non riesco a dimenticare Conte che blinda Salvini dal processo sulla Diciotti; e così via.
        Ritengo che abbia dimostrato di essere un uomo per tutte le stagioni e che guiderebbe un governo con chiunque per non tornare a casa e realizzare le sue (nemmeno tanto celate) ambizioni personali: è stato lui a dichiarare che non vuole fare il Cincinnato e, al termine del suo incarico da Presidente del Consiglio, tornare a coltivare il suo orticello. Che poi sia migliore di tanti altri che lo hanno preceduto non è dirimente: essere meglio di soggetti impresentabili è un merito da poco.

        "Mi piace"

  2. Egregio Johnny, il governo gialloverde lo ha fatto cadere Salvini, non la stampa riunita. Ripeto la mia impressione: Salvini si è mosso in pieno Agosto perché si stava per far decadere la concessione ad Autostrade. Non si spiega altrimenti la mossa suicida (politicamente) di un vice Premier e ministro dell’interno. Quanto alla stampa che elogia Conte, io non l’ ho vista, forse lei è stato più bravo o fortunato di me.
    Saluti

    Piace a 1 persona

  3. Purtroppo Pedullà è così biecamente schierato e evidentemente cretino che anche quando scrive qualcosa di parzialmente giusto infarcisce il discorso di osservazioni, pensieri e vaneggiamenti talmente faziosi da rendere l’insieme vagamente ridicolo. Si fosse limitato a descrivere come forse accettabile una parte dell’operato del nostro insulso premier (volutamente minuscolo) forse lo avremmo potuto leggere con attenzione. Ma non è riuscito neanche stavolta a dissimulare la scarsa competenza e la disinvolta incapacità che d’altra parte contraddistingue anche parlamentari (con qualche rara eccezione) e ministri (volutamente minuscolo) della sua parte politica. Purtroppo la vena comica, naturale discendenza, non fa più ridere, anzi …..

    "Mi piace"

    • @NEBI
      In stridente contrasto con le reiterate affermazioni “volutamente minuscolo” il suo nick, egregio NEBI, è scritto tutto
      in lettere maiuscole.
      Vorrà dire qualcosa?
      Per scrivere le sciocchezze che ha inanellato, sarebbe stato più consono un “nebi” in lettere tutte volutamente minuscole.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.