Il paese della Fase come vi pare

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – “Soltanto chi lascia il labirinto può essere felice, ma soltanto chi è felice può uscirne”. Michael Ende, “Lo specchio nello specchio”

Lo scorso 23 giugno, con apposita disposizione a tutte le compagnie aeree, l’Enac ha vietato ai passeggeri l’uso delle cappelliere, quegli utili vani posti sopra i sedili dove riporre i trolley e le altre borse di piccole dimensioni.

“La misura”, recita rigoroso ma giusto il comunicato, “è per evitare assembramenti delle persone nel momento in cui devono posizionare il proprio bagaglio a bordo dell’aeromobile”.
Infatti, chi avesse la disavventura di frequentare lo scalo di Fiumicino per motivi (indovinate un po’) di viaggio sarà costretto a file mostruose per raggiungere gli sportelli del check-in (pur essendo già provvisto di check-in) onde spedire nella stiva il bagaglio (se eccedente la misura 36 per 45 per 20, praticamente la calza della befana).

Si posizionerà accanto ad altri sventurati, che avranno almeno la soddisfazione di imbarcare degli armadi a quattro ante. Infatti, in forza della prima legge della termodinamica, secondo la quale dei corpi umani in fila (anche soltanto un paio) tendono comunque a premere gli uni sugli altri, per evitare qualche assembramento a bordo se ne creano altri, di massa, in aeroporto, perfetti per la trasmissione di eventuali contagi (coronavirus o peste bubbonica).

Infatti, stremati, accaldati e incazzati dalle attese, una volta seduti e allacciate le cinture condivideremo una distanza di circa venti centimetri con il passeggero accanto, che potrà tranquillamente starnutirci addosso milioni di germi, naturalmente protetto dall’indispensabile mascherina (che va tenuta comodamente sulla bocca e sul naso fino ad avvenuta asfissia).

È il “Comma 22” del comitato tecnico scientifico: il modo migliore per evitare gli assembramenti è crearne di nuovi.

Capitolo sotto la banca il cliente crepa.
Come sanno i comuni mortali, negli istituti di credito si può entrare uno alla volta. Capita quindi che sul marciapiede, e sotto il saettante sole estivo si creino vasti assembramenti, con anziani stramazzati sull’asafalto.

Del resto, può capitare che proprio nel bar accanto si creino davanti al bancone degli allegri assembramenti (e senza mascherina non potendosi altrimenti sorbire il caffè).

Del resto, siamo il paese dove negli stadi, rigorosamente senza pubblico, i giocatori, dopo ogni segnatura, festeggiano con veri e propri amplessi, poco profilattici.

Siamo il paese dove ci si assembra e senza precauzione alcuna nelle strade della movida. E dove nelle spiagge carnaio ci si assembra gli uni sugli altri (tanto, come dice Jair Bolsonaro, tutti dobbiamo morire).

Siamo il paese dove il dibattito politico si accende sullo stato d’emergenza che il governo intende prorogare a fine 2020, con politici e giornalisti dell’opposizione che evocano (senza ridere) la dittatura di Pinochet.

Siamo il paese della Fase Come Vi Pare.
Dove per uscire dal labirinto delle proibizioni basta non entrarci, direbbe Michael Ende.

Perché siamo il paese dove sarebbe bello se il ministro della Salute, Roberto Speranza, con codazzo di esperti, prima di escogitare nuove misure per tormentare inutilmente il prossimo, si facessero un giretto negli aeroporti, tra le cappelliere, davanti alle banche, al bar sottocasa, sulla spiaggia di Ostia (ma anche Fregene e Ladispoli vanno bene).

Per vedere l’effetto che fa.

Una minchiata resta sempre una minchiata

(Ottavio Cappellani – La Sicilia) – D’accordo, la situazione è, o almeno è stata, drammatica, e non è facile gestire una situazione del genere e tutto quello che volete. Ma per quanto la situazione sia o sia stata tragica, una inedita catastrofe, nessuno era preparato, si naviga a vista e tutto quello che volete, un delirio resta sempre un delirio. Cioè, detto in altri termini, più popolari, meno DPCM (decreto del presidente del consiglio della minchia): una minchiata resta sempre una minchiata, o no?

Per esempio. In aereo i posti a intervallo, a sbalzo, non so come si dice, uno sì e uno no, sono stati aboliti. Adesso ci possiamo sedere vicini vicini (anche perché, poi, a pensarci, vi potevate anche sedere uno sì e tre no, l’aria circolante sull’aereo è sempre quella, geni). Però è vietato l’uso delle cappelliere. La regola fa vacillare la mente. Per quale ragione, secondo quale sillogismo, a partire da quale parere di luminare la cappelliera sarebbe “cluster” di contagio? Forse che in piedi, con le braccia alzate e uno zainetto in mano l’essere umano sarebbe più sensibile all’infezione da coronavirus? Si trasmette attraverso le ascelle? Passa da zaino a zaino?

Per gli spettacoli all’aperto vigono rigide misure. Distanziamento, posti a prenotazione, sanificazione di oggetti di scena, sanificazione di camerini, sanificazione di groupies, sanificazione di aspiranti attrici e aspiranti attori che di solito aspirano dietro le quinte e quindi vanno sanificati (come, col colluttorio?). E però, se vai allo spettacolo in autobus, come per magia, il distanziamento scompare. La cultura, la musica, sono veicolo di contagio? Il virus balla sulle note musicali? O è l’individuo colto più deboluccio? E perché, l’individuo colto, sull’autobus, diventa più forte? Quali segreti anticovid ci nascondono i tramvieri? E’ un complotto?

Perché le forze dell’ordine passano il tempo sui social alla caccia di quegli individui molto intelligenti che postano i selfie degli assembramenti nei locali (per poi chiuderli) ma non dicono nulla degli assembLamenti sulla pubblica via? E cosa dire delle catene di assembLaggio. L’assembramento contagia e l’assembLamento no? E’ una questione di lettere? Ci si contagia di più in un locale all’aperto che in un mercato all’aperto? Le cappelliere no, le bancarelle al mercato sì? Quali segreti ci nascono le cappelliere? Perché nessuno ne parla? Condividi se sei indignato.

Perché sono i Cinquestelle al governo (ex bidelli, ex magazzinieri, ex aspiranti attori) a vagliare e decidere e giudicare i consigli degli scienziati e non al contrario? Sono davvero gli scienziati più ignoranti dei Cinquestelle? E se sì, perché #noncelodicono? E’ un complotto accademico?

Perché i migranti vengono tamponati, controllati, quarantenati e i turisti no? La povertà aiuta il contagio? Le banconote e le carte di credito sono efficaci al pari dei raggi UVA contro il Covid? O è semplicemente questione di razza? Gli africani sono più contagiosi degli europei?

Infine: è possibile che nessuno si accorge della quantità di minchiate che sono in giro? E la minchiata, è meno pericolosa del Covid19? Non si trasmette essa forse più facilmente?

2 replies

  1. Ottavio Cappellani, un altro che scrive di cose che non conosce e diffonde inconsapevolmente le sue erronee credenze. Si informi su come circola l’aria in un aeroplano.

    "Mi piace"

  2. Ho letto i due articoli: effettivamente di mixxxte ce ne sono in giro tante. Anche quelle dei pennaruli, come li chiamava Ferdinando II di Borbone/ Due Sicilie ( di pessima memoria).

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.