Il governo e il tracollo dell’unità nazionale

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Conosco Primo Di Nicola dai tempi dell’Espresso, entrambi giornalisti ai tempi di Claudio Rinaldi e Giampaolo Pansa, e non mi ha sorpreso, anni dopo, averlo ritrovato senatore dei 5Stelle, animato dalla stessa passione civile di quegli articoli, di quelle inchieste.

Perciò, sentirgli dire che, soprattutto al Senato, la maggioranza rischia davvero, che “i numeri sono troppo risicati per affrontare le emergenze che ci aspettano”, e “che ogni votazione a Palazzo Madama può trasformarsi in un terno al lotto”, mi è sembrato come l’annuncio di una disfatta. Non tanto di questo governo, che potrebbe galleggiare ancora a lungo privo come appare di alternative credibili. No, assistiamo a un tracollo più grave che sta travolgendo l’idea stessa che ci aveva dato energia e speranza nei giorni più cupi del morbo. Chiamiamola condivisione, unità morale, difesa del bene comune, dell’interesse nazionale, un po’ ci avevamo creduto in tanti.

L’altro giorno, su queste pagine, Marco Travaglio ha scritto: “Ci avevano giurato che, dopo la pandemia, nulla sarebbe stato come prima e tutto sarebbe cambiato”. Poi, di seguito, una lista delle piccole e grandi mascalzonate post Covid, aperta dalla vergognosa resurrezione dei vitalizi al Senato, simbolo di una politica impegnata continuamente a peggiorare se stessa. E mentre i soliti trafficoni hanno ripreso alla grande a farsi gli affari loro, ogni occasione è buona per alimentare divisioni, litigi e risse. Come prima, più di prima. Dal controverso Mes alle norme su semplificazioni e appalti, alla modifica dei decreti Sicurezza (per limitarci alle prime pagine), il quadro politico è continuamente percorso, come in una tempesta elettronica, da quelle che i giornali definiscono “tensioni”. Destinate a scaricarsi in un futuro imprecisato, che va dal prossimo settembre all’eternità.

Il 24 marzo, mentre il virus mieteva ogni giorno centinaia di vittime, Sergio Mattarella lanciava un drammatico appello all’“unità del popolo italiano”, con un richiamo “allo spirito che dopo gli anni della dittatura e della guerra aveva consentito la rinascita del Paese”. Messaggio ribadito, in forma ancora più solenne, il 2 Giugno per la Festa della Repubblica: “Siamo parte della stessa storia, di uno stesso popolo”.

Davanti al desolante spettacolo odierno, chissà cosa penserà dei suoi accorati richiami il presidente della Repubblica. Prediche inutili? Parole al vento?

2 replies

  1. Come al solito Padellaro tira la volata al PD che si è scocciato di Conte che non lo lascia FARE. Adesso la scusa per farlo fuori è l’Unità Nazionale.
    A chi la vuole dare a bere?

    Piace a 1 persona

  2. Padellaro è deluso?
    E’ venuta meno la speranza che qualcosa possa veramente cambiare?
    E la lista delle mascalzonate venute dopo il Covid?
    Perchè questo fumoso articolo che dice e non dice, che allude a tradimenti e marce indietro senza mai
    scrivere chiaramente, con nomi e cognomi e appartenenze politiche, chi sono gli artefici di tali mascalzonate?
    Eppure, a parte la destra che fa il suo eterno mestiere, chi si mette costantemente di traverso ad ogni tentativo
    di spostare l’asse politico di questo Paese dai sempiterni interessi di Lorsignori a quelli dei cittadini?
    Ce lo dica chiaramente Padellaro e la smetta una buona volta con questi articoletti gonfi di ipocrisia.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.