Il viceministro Sileri dà i numeri: “Con il lockdown abbiamo salvato più di 600mila persone”

(Da un Giorno da Pecora – Radio1) – Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, oggi è intervenuto a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, dove ha toccato diversi temi: assembramenti e cortei, l’uso dei guanti, la app Immuni, le parole di Zangrillo sul virus e molto altro. Dobbiamo ancora avere paura di prendere il Covid, oggi? “Il virus circola, facciamo chiarezza anche sulle parole di Zangrillo, che non ha detto una cosa sbagliata. Ha detto che l’impegno critico è in questo momento verso le zero. Il virus può continuare a circolare, circola meno perché siamo stati bravi a seguire le regole. Un recentissimo lavoro stima quante vite sono state salvate col lockdown: si superano le 600mila in Italia”.

Oggi gli assembramenti sono permessi oppure no? “Le manifestazioni in cui si è senza mascherine gomito a gomito assolutamente no, questo dovrebbe dirlo anche il senso civico. Se si vuole manifestare va fatto in sicurezza”.

Eppure in questo periodo ce ne sono state diverse, da quella del c.destra alle Sardine. “Le Sardine da quello che ho visto sono state ben distanti l’uno dall’altro, con le mascherine. Ma ho visto comportamenti che non dovrebbero esserci, anche tra semplici cittadini, per strada, persone che si scambiano una birra. Sono comportamenti pericolosi”. E i cortei possono esser fatti? “Così come una processione in cui la distanza non può esser controllata non andrebbero fatti. Vale anche per una festa a casa: se volessi invitare a casa 20 persone lo spazio dentro casa non sarebbe sufficiente a mantenere le distanze: se consideriamo che ogni persona ha bisogno di un metro di distanza intorno a sé…Insomma, va bene fare le cene ma vanno fatte in sicurezza”.

Per l’OMS i guanti non servono più. “Se usati nel supermercato, in frutteria, c’è la necessità di usarlo, altrimenti non vi è motivo di usarlo, perché diventa un ricettacolo di germi. Meglio lavare le mani frequentemente, è la soluzione migliore”. Lei sarà tra gli invitati degli Stati Generali? “Non credo, sto imparando a fare il viceministro, basta e avanza”.

Ha scaricato Immuni? “L’ho scaricata alle 20.02 del giorno in cui è stata disponibile. Dalla prossima settimana avremo i primi dati, siamo partiti da poche ore. Io non avrei fatto alcune affermazioni come ‘io non la scarico’: superiamo i pregiudizi e i limiti politici”. A livello di comunicazione c’è qualcosa che non ha amato durante questo periodo difficile? “Quello che non ho amato, alla lunga, è stata la comunicazione quotidiana dei dati I dati vanno valutati in un trend settimanale”. Chiudiamo parlando di cose più leggere: come si distrae in questo momento il viceministro Sileri? “Lo scorso weekend ho trapiantato nel mio orto dei pomodorini ciliegino e delle zucchine”.

SALUTE, SILERI: VIROLOGI PAGATI IN TV? IO NON MI FAREI PAGARE, AL MASSIMO FEE PER UNIVERSITA’

(Da un Giorno da Pecora – Radio1) – Se ci sono alcuni virologi che in tv vengono pagati? “Questo non lo so. E’ giusto? io non mi farei pagare se, da chirurgo, dovessi andare in tv a parlare. A quel punto al massimo farei un’altra cosa: da professore universitario direi che c’è una fee da donare all’università, con la quale si potrebbero pagare la ricerca ed i contratti”. Lo dice Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, che oggi è intervenuto a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1.

CALCIO, VICEMINISTRO SILERI: IO TIFOSO DELLA ROMA, MA SE LAZIO VINCE SCUDETTO SONO CONTENTO

(Da un Giorno da Pecora – Radio1) – “Se sono tifoso? Si, io sono della Roma. Quando vinse lo scudetto la mia squadra abitavo negli Stati Uniti, e misi una bandiera giallorossa dal balcone, al 47esimo piano di un grattacielo. La scambiarono per la bandiera della Spagna…” Lo dice Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, che oggi è intervenuto a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1. Per la lotta scudetto di quest’anno ci sono Juventus, Lazio, Inter. Chi preferirebbe vincesse il campionato tra queste tre? “Se vince la Lazio sono contento anche da romanista”. 

6 replies

      • Io non sono un senatore della repubblica e viceministro che insulta e mente ad un giornalista.
        La vicenda sollevata dalle iene piaccia o no rimane tutta li.
        Aveva detto che la moglie faceva la segretaria e invece si è scoperto che faceva la rappresentante,
        Aveva detto che la moglie non riceveva premi presentando furbescamente il CUD e si scopre che sul CUD non vi sono premi produzione.
        Si è messo insultare un giornalista (che non stimo affatto) con volgarità non degne nemmeno di un netturbino.
        Si deve dimettere.

        BASTA TIFOSERIE!

        "Mi piace"

  1. Scusi Stefano :lei scrive: aveva detto che la moglie non riceveva premi presentando furbescamente il CUD, e si scopre che nel CUD non ci sono premi! Dove sta la menzogna? Tutto torna io dico che non li riceve e nel cud non ci sono! Cosa voleva trovare nel CUD?

    "Mi piace"

  2. Il titolare ha la sua azienda da gestire, io avevo un territorio in esclusiva e vivevo solo di provvigioni, era mio interesse che tutte le carte fossero al posto giusto, quando il mio cliente riuscivo a farlo incontrare con il titolare( che vendeva in altri territori e doveva seguire altri agenti)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.