Fino all’ultimo ucraino (o fino all’ultimo russo)

(Andrea Zhok) – Da quanto trapela da fonti di solito ben informate, dopo l’impressionante esplosione del deposito di armi a Khmelnitsky, bombardato dall’aviazione russa, le misurazioni di radiazioni gamma nell’area circostante hanno segnalato un netto incremento. E’ assai probabile che nel deposito fossero custoditi i proiettili a uranio impoverito graziosamente donati all’Ucraina dal Regno Unito. Se è così l’intera area urbana circostante risulterà contaminata.

Ma a noi che importa.

Finché non ci arriva un missile o un attentato in casa andremo avanti impavidi, tra un’Eurovision e un Bruno Vespa, nutrendo la nostra guerra per procura fino all’ultimo ucraino (o fino all’ultimo russo, se pensate che ciò vi salvi l’anima).

18 replies

  1. Hanno già deciso, inutile preoccuparsi. Siamo in troppe, le pecore nel mondo, i pastori faticano molto a pascolarci, gli rimane poco tempo per i lazzi e i frizzi. Meglio alcuni bei stermini di massa (di pecore quali siamo) ben assestati e si riequilibrano i numeri 👍
    Su, su sbrighiamoci a inviare più armi così sta farsa finisce in fretta. W la guerra😬🙄

    "Mi piace"

  2. E’ Uranio impoverito, qualunque scienziato o studente che abbia almeno aperto un libro sa che non e’ in grado di provocare reazioni di fissione. Viva l’ignoranza..

    "Mi piace"

  3. Ulteriore aggiornamento sull’uranio impoverito di Khmelnitsky.

    Ottima ricerca di Gleb Georgievich Gerasimov.

    Un chiaro picco di radiazioni gamma è stato rilevato a Khmelnitsky intorno al 12 maggio, con l’emissione che continua a salire il giorno successivo e rimane a un livello elevato da allora in poi.

    Considerando quanto poco le radiazioni gamma provengano dall’uranio impoverito, questo chiaro picco di radiazioni gamma a Khmelnitsky indica che c’era una scorta molto grande di munizioni all’uranio impoverito che è stata distrutta, sollevando la polvere di uranio nell’aria.

    In confronto, le città di Ternopol, Khmilnik e Novaya Ushitsa (immagini 3, 4 e 5) sono rimaste ai loro livelli di base apparentemente regolari. Ciò indica che l’anomalia di Khmelnitsky è effettivamente un picco e corrobora l’affermazione secondo cui le scorte a Khmelnitsky contenevano munizioni all’uranio impoverito. La mappa visualizzata è allegata come sesta immagine.

    Questo regalo britannico continuerà a produrre danni

    "Mi piace"

  4. Ma pare che il numero degli Ucraini “determinati a morire per la libertà” sia infinito. I Russi invece sono già finiti. Misteri della fede.

    "Mi piace"