Restituzioni M5S, si cambia: gran parte “tesoretto” al partito

(adnkronos.com) – Verranno sottoposte al voto della Rete, così che sia la base M5S a dire l’ultima parola. E a mettere il sigillo sulle nuove regole delle ‘restituzioni’ in casa grillina. Vecchia battaglia anti-casta del pianeta 5 Stelle, approdato in Parlamento tra scontrini e spese da rendicontare così da poter rendere parte degli stipendi alla comunità, il Movimento si sta dotando di nuove regole che, a quanto apprende l’Adnkronos, verranno rese note a inizio anno e sottoposte al voto online. Con cambiamenti significativi rispetto al passato: i parlamentari dovranno restituire mensilmente 2.500 euro, ma, di questi, ben 2.000 andranno al M5S, dunque al partito, mentre soltanto 500 finiranno “su un conto intestato all’Associazione MoVimento 5 Stelle appositamente dedicato alla restituzione alla collettività”, si legge nel documento con le nuove regole visionato in anteprima dall’Adnkronos.

Ma sono ben altre le novità di peso, salvo cambi in corsa. I parlamentari potranno trattenere “il 25% di ogni eventuale indennità o rimborso in relazione ad ulteriori cariche assunte”, fino alla scorsa legislatura rese per intero -si pensi solo a quella del presidente della Camera, Roberto Fico-, “la restante parte dovrà essere versata all’Associazione MoVimento 5 Stelle per le spese di funzionamento dell’Associazione”. Novità in arrivo, inoltre, anche per l’assegno di fine mandato, che gli ex parlamentari dovrebbero aver ricevuto proprio in questi giorni e che, stando alle vecchie regole, avrebbero dovuto restituire quasi per intero (due terzi). Si tratta della liquidazione di circa 44mila euro per legislatura – dunque poco meno di 90mila euro per chi è saltato sulla tagliola del doppio mandato- che, per le regole del M5S volute agli albori da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, i deputati e senatori 5 Stelle avrebbero reso alla comunità.

Ora, però, si cambia: stando alle nuove regole, l’assegno di fine mandato resterà per l’80% nelle tasche degli ex, il restante 20%, anche per questa voce, finirà nelle casse dell’associazione M5S per le spese di funzionamento. E questo varrà anche per gi uscenti della ex legislatura -compresi dunque i ‘big’ che non hanno cambiato maglia – ammesso che siano ancora iscritti al M5S.

Raggi si mette di traverso, ultima parola alla Rete

“Potrà trattenere per sé l’assegno di solidarietà̀ (detto anche trattamento di fine mandato) per la parte eccedente la quota del 20% di quanto percepito – si legge nella bozza del documento – la parte restante dovrà essere versata all’ Associazione MoVimento 5 Stelle per le spese di funzionamento; tali importi sono calcolati al netto di eventuali tassazioni”. Mentre per chi ha lasciato il Movimento -si pensi solo alla scissione dei dimaiani- “si applicano le disposizioni contenute nel Regolamento relativo al trattamento economico degli eletti del Movimento 5 Stelle deliberato dal Comitato di Garanzia in data 11 aprile 2021”, ovvero due terzi dell’assegno andranno restituiti, stando al documento in possesso dell’Adnkronos.

Le nuove regole erano state sottoposte nell’ottobre scorso al comitato di garanzia grillino, composto da Fico, Laura Bottici e Virginia Raggi. Tuttavia l’ex sindaca capitolina, come raccontato all’epoca dall’Adnkronos, si sarebbe messa di traverso, perché contraria a diversi cambiamenti, non ultimo quello sull’assegno di fine mandato per i parlamentari uscenti, la cui restituzione è stata a lungo un fiore all’occhiello del M5S. Poi la questione non sarebbe stata più affrontata in sede di comitato di garanzia, dove due membri su tre -ovvero Fico e Bottici- sarebbero per altro in potenziale conflitto di interesse sulla regola sul tfr, proprio in quanto uscenti.

Forse anche per questo, i vertici del Movimento avrebbero deciso di imboccare un’altra strada, sottoponendo la questione alla Rete lasciando che sia la ‘base’ a dire l’ultima parola. Scelta che, sulle regole in materia di restituzioni, non ha precedenti. Il voto dovrebbe essere indetto tra una manciata di giorni.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

62 replies

  1. Per gestire gruppi di persone, acquistare materiale per la divulgazione, gazebi, bandiere ci vogliono fondi, i volontari ci sono ma non tutti possono mettere a disposizione denaro, specialmente se sono persone disoccupate ma che vogliono aiutare ed esporre le proprie idee.. organizzare costa.. Casaleggio capirebbe…

    Piace a 3 people

  2. Assolutamente d’accordo.
    Sine pecunia ne cantantur missae, senza soldi non si cantano messe.
    Senza soldi il M5S guerreggia ad armi impari contro le cosche politiche. È giunto il momento di radicarsi sul serio sul territorio.
    Mi auguro che la Raggi non sia spettacolo, magari approfittando dell’occasione per lasciare il Movimento (è noto che ormai trattasi di corpo estraneo più vicino a Di Battista che al M5S e che senz’altro entrerà a fare parte dell’associazione Schierarsi).

    Piace a 2 people

    • Di Battista non è un talebano, è semplicemente più scaltro di certi democristiani all’interno del movimento(non mi riferisco a conte ovviamente),se il movimento prendesse in considerazione alcuni suoi consigli(no al pd in primis,per favorirne l’implosione a nostro vantaggio)eviterebbe certe zappate ai piedi che ama darsi da solo

      "Mi piace"

      • Scusa: chi è che, nel m5*, vuole avere rapporti col pd a tutti i costi?
        Lo chiedo perché ho sempre timore di essere distratto.

        "Mi piace"

  3. Ricordo che una volta coi soldi del Movimento si aiutò una ragazza a non perdere la propria casa in pignoramento.
    Come ringraziamento la tizia si candidò con Forza Italia.
    Altruisti sì, scemi no.

    Piace a 1 persona

  4. È 10 anni che il M5S dona soldi, propri, a chi poi li usa per comprare scarpe chiodate con cui riempirlo di calci in bocca…….anche basta! Gli italiani continuano ad apprezzare chi ruba, oltre a tenersi quattrini e privilegi, e secondo la mentalità nazionale chi non lo fa è fesso. ….In 10 anni il M5S non ha rubato, non ha favorito evasori, corrotti e corruttori, non ha truccato appalti, non ha sperperato soldi pubblici per favorire il profitto di parenti, amici, affiliati, anzi ha donato milioni di euro di sua legittima proprietà ai cittadini e gestito le risorse pubbliche, cioè dei cittadini, nel loro interesse, collettivo……ma non è apprezzato in entrambi gli aspetti, per cui quel 47% che ha votato la destra, quel 19% che ha votato PD e frattaglie, e quel 7% il Terzo polo, cioè la stragrande maggioranza degli italiani aspetti pure speranzosa i doni, la Befana è alle porte, basta crederci! I soliti delusi diranno che anche il M5S non è stato all’ altezza delle aspettative, sono 18 milioni di astenuti, che mentre aspettano un paese migliore, subiranno le scelte altrui. ……insomma ” aspettare è ancora un’ occupazione, non aspettare più nulla è terribile” Cesare Pavese……siamo un paese di occupati e di occupabili. …..avrà ragione la befana bionda, i cui doni non si faranno attendere con effetti speciali…….col botto!

    Piace a 3 people

  5. Fanno bene che gli italiani non si meritano un ca…. Uno come Di battista che ha restituito fino all’ultimo centesimo è passato per lo scemo del villaggio. Se li tenessero i soldi cosi ogni tanto magnano pure quelli che vengono dal basso.

    Piace a 1 persona

  6. Mv5stronz, niente di nuovo sotto il sole, un partito come un altro, opposizione di facciata, e fiduce a go go al sistema,

    "Mi piace"

    • Mi ricordi uno che da tempo immemore, nell’apposito spazio commenti del Fatto, aspetta bramoso le vignette al solo scopo di insultare il vignettista. Ogni settimana, ogni mese, ogni anno, per anni e anni e anni, sempre le stesse stolide vaccate. Nel suo patetico odio da timbrare per decenni come un cartellino si è ormai contratto, contorto, ridotto a una macchietta umana: e quel che è peggio è che lo vedono tutti tranne lui.

      Ci siamo capiti.

      Piace a 1 persona

    • Sei il solito povero e inutile co..ione decerebrato, la facciata l’hai presa tu da piccolo e i risultati sono sotto gli occhi di tutti…una volta esisteva lo scemo del villaggio ora abbiamo quello del blog. che vita da frustrato idi..ta che ti tocca.

      Piace a 1 persona

  7. I soldi fanno comodo a tutti, non si discute.
    Ma le regole che aveva il M5S erano pensate proprio per tenerli lontani, perchè quando uno comincia ad abituarcisi poi non riesce più a farne a meno e cambia, e magari capita che invece che fare gli interessi dei cittadini cominci a privilegiare i propri.
    “Ma senza soldi parte svantaggiato”. E’ quello che diceva il pd per giustificare il finanziamento pubblico, dicendo che sennò avrebbe vinto tutto berlusconi che i soldi li aveva.
    “Se un parlamentare è pagato bene poi non ruba”. Altra motivazione logica per giustificare i milioni, poi si è visto quanto fosse teorica.

    Senza soldi il M5S è andato oltre il 30%, come ha fatto?
    Non è la dimostrazione che si può fare politica anche senza soldi?
    Ora invece ecco tutta una serie di regole cambiate, che fanno sì che i finanziamenti pubblici e affini restino al parlamentare o al partito.
    Il concetto per cui sta valanga di soldi era ingiustificata e quindi il M5S li avrebbe restituiti alla collettività è superato.

    C’era una bella mela sana e non ancora matura: entrò nel cesto delle mele marce e naturalmente subito iniziò a marcire.
    Ora siccome non è marcia del tutto, ma soltanto mezza marcia, la si può considerare meno peggio delle altre, e qualcuno spera ancora che torni sana, ma non funziona così, almeno per le mele, e temo anche per i movimenti.

    E goccia dopo goccia, la cosa diventa ogni giorno più evidente, ma siccome non succede tutto in un colpo, risalta meno, e lascia spazio alla speranza di chi vuol continuare a sperare.
    Una piccola delusione al giorno è più facile da ingoiare rispetto a una grossa delusione tutta insieme.

    "Mi piace"

    • Un partito o movimento che sia, ha bisogno di espandersi, di spazi per riunioni, che costano, materiale, che costa, e tutto ciò che serve per la divulgazione!! Non ci sono più i Meetup, è giusto che il denaro dei i parlamentari venga ANCHE devoluto ai nuovi gruppi territoriali, non soltanto agli altri a cui sono stati devoluti sinora! Abbiamo visto poi con che risultati!! Gli attivisti se possono devolvere bene, altrimenti ci devono pensare i portavoce..

      "Mi piace"

      • Mokj in teoria potresti anche avere ragione, ma nei fatti secondo me no.
        Il movimento ha dimostrato che si può fare politica senza soldi, diventando in breve tempo il più forte di tutti, ora evidentemente ha cambiato metodo, quindi è cambiato.
        I soldi di per se stessi non sono nè un male nè un bene, ma nei fatti possiamo vedere come tendenzialmente più ce ne sono e più la situazione degenera. Poprio per questo secondo me Casaleggio aveva pensato di limitarli. Questo comportava degli svantaggi, però più che compensati dai vantaggi.

        "Mi piace"

      • Bisognerebbe provare a immaginare cosa direbbe Casaleggio se fosse ancora vivo.
        Come si sarebbe comportato di fronte al tradimento di JOE DI MAGGIO E I 61 LADRONI?
        Come si sarebbe comportato nei confronti del BEPPONE GRILLONE NOSTRO col suo insistere a appoggiare il governo del nostro MARIONE IL PEGGIORE DEI PEGGIORI? Che poi secondo me il BEPPONE lo ha fatto un poco per Ciro e un poco per soldi. Magari CASALEGGIO avrebbe pensato che forse qualche soldo ci vuole. Avrebbe accettato come capo politico CONTE?

        Piace a 1 persona

      • Grillo e Casaleggio all’inizio hanno messo tanta della loro energia\tempo nel movimento, non denaro, o almeno non mi risulta.
        Grillo (genovese fra l’altro) andava in giro per le piazze in camper e ha dato al movimento ospitalità nel suo blog, Casaleggio studiava e pianificava.

        Il movimento è nato grazie al loro impegno, non ai soldi.

        "Mi piace"

      • Giusto Fabrizio. anche un essere umano nasce non grazie ai soldi Però per farlo crescere e mantenerlo ci vogliono parecchi soldi.

        "Mi piace"

      • mah, non sono d’accordissimo.
        Ci sono culture che tirano su i figli con due lire e non vengono peggio dei nostri, anzi. Quello che conta più di tutto coi figli è l’amore che riesci a dargli, se c’è quello il più è fatto. Viceversa puoi anche sotterrarlo di banconote, ma se hai poco amore da dargli, rischi di ritrovarti con un insopportabile piccolo matteo.
        Il movimento finchè ha ricevuto dedizione e cure, stava benissimo anche senza soldi, invece ora che si è messo a incassare come gli altri guarda com’è finito … ora sembra essersi ripreso, ma conta che non deve decidere più niente e può ballare all’opposizione e raccontare qualsiasi cosa, come faceva la meloni, ma tra il dire e il fare …
        Comunque io sono aperto, se dovesse tornare credibile tornerò a votarli, sono elastico, e mi rendo conto che non è ancora marcio come i partiti, però se continua a rimanere in quel cesto di partiti marci non sono per niente ottimista.

        "Mi piace"

      • Giusto ma noi viviamo volenti o nolenti in una cultura in cui per crescere i figli ci vogliono i soldi. Per quanto riguarda il resto si dice che quando immergi una mano dentro un sacco di farina per quanto tu la tenga aperta quando la tiri fuori un poco di farina ti rimane attaccata.
        Tu pensi che in Svezia non ci sia corruzione?
        Esiste solo che è a livelli fisiologici e non patologici come da noi. Con questo non voglio dire che i 5STELLE si devono corrompere però devono essere consapevoli di quello che si possono trovare di fronte e migliorarlo.

        "Mi piace"

      • Nascere in un contesto culturale non significa necessariamente adattarvisi.
        La stessa “cultura” dice che se non hai i soldi non sei felice e se li hai lo sei, il che è falso.
        Andare contro corrente è faticoso inizialmente, poi ti abitui, come i salmoni, e se serve a vivere meglio ne vale la pena.
        Sulla corruzione: è un’arma molto potente, e pochi saprebbero resistere, ma se non cedi su quel lato possono sempre minacciarti, circuirti, o ricattarti, o ammazzarti …
        Come finirà il movimento ce lo dirà quel galantuomo del tempo.

        "Mi piace"

      • Penso che un poco di tempo con la Meloncina premier non potrà che farci del bene servirà a toglierci un poco di puzzettina da sotto il naso e pur di vincere le elezioni ci farà accettare qualche compromesso non al ribasso.
        BUON ANNO

        "Mi piace"

      • Fabrizio, grillo ha messo tanto denaro e lo ha testimoniato di Battista raccontandolo.. quindi i soldi c’erano..

        "Mi piace"

      • Mokj questa me la sono persa.
        Forse intendi che Grillo ha rinunciato per un periodo a lavorare per andare in camper, e poi col sistema contro ha avuto difficoltà a riprendere?
        O il fatto che il blog era in perdita?
        Non credo che Grillo abbia messo soldi, perlomeno non cifre consistenti, magari qualche mille euro per coprire qualche spesa può darsi, ma non sono certo i milioni che arrivano ora.
        Senza soldi è arrivato al 33%, è un fatto o no?
        Hanno restituito decine di milioni (42 solo del finanziamento pubblico se non ricordo male) eppure crescevano a dismisura.
        Magari hanno dovuto rinunciare a qualche comodità, a affittare posti costosi, a usare i taxi, ma l’elettorato ha ricevuto il messaggio e ha riconosciuto le buone intenzioni, e gli ha dato fiducia. Quello che perdevano da un lato lo hanno ampiamente recuperato dall’altro.
        Ora, coi soldi, quella fiducia non ce l’hanno più (non quanto prima almeno), e temo che molto difficilmente la recupereranno. Almeno la mia.

        "Mi piace"

      • Fabrizio!! Se ti dico che di Battista ha detto che Grillo si è svenuto per il movimento è verità assoluta!! A 62 anni se non sono più che certa di ciò che dico evito di insistere!! Quindi fidati!! Oppure vai si YouTube e guardati tutti i video di Alessandro finché trovi questa dichiarazione… Un abbraccio 💝

        Piace a 1 persona

    • Hai ragione ma senza i soldi si è poi precipitati al 15,4. Se vuoi radicarti sui territori devi disporre di soldi. Nelle elezioni amministrative M5S è sempre stato deboluccio e per cambiare bisogna essere forti anche lì. E poi la mancanza di soldi non ha certo impedito a JOE DI MAGGIO E I 61 LADRONI di fare quello che hanno fatto. Quanti parlamentari M5S hanno fatto il salto della quaglia? Il problema non sono i soldi ma i controlli.

      "Mi piace"

      • Senza soldi sono saliti oltre il 30, quindi non vedo perchè l’assenza di soldi possa essere considerato il motivo della successiva discesa. Successivamente sono scesi a mio parere perchè si sono messi con draghi e gli hanno votato tutto, non perchè non avevano soldi.
        Il radicamento sui territori era stato previsto e attuato (con i meetup), poi questi sono stati smantellati e la situazione è precipitata anche per questo credo.
        E di ma(R)io e i 60 se ne sono andati alla fine, quando ormai il movimento non era più un movimento, non quello iniziale comunque.
        Così è come la vedo però, non necessariamente la realtà, magari mi sbaglio su tutto.
        Per me il movimento ora non è tutto marcio, ma solo a metà, però con outlook negativo, quindi da parte mia fiducia finita.

        "Mi piace"

  8. E te pareva che non venivano fuori i boccaloni a dire che i 5s sono uguali agli altri …. ma dare un’occhiata ai programmi no vero?
    “Del principio meglio apparire che essere”
    Perchè la differenza sta proprio lì…NEI PROGRAMMI… grandi teste di c…o!
    Eppure il Movimento ha dimostrato che la politica poteva costare meno!

    PS: Nessuno degli altri partiti hanno seguito l’esempio del Movimento, quindi a che è servito ? A NULLA!
    Solo danni a se stessi… e donazioni che non sono servite a nulla.
    Privati di mezzi legali che ti potevano far diventare una organizzazione politica più forte e che non si basava esclusivamente sul volontariato.

    Piace a 2 people

  9. Le linee teoriche sono presupposti e su quest’ultimi non si dovrebbe costruire un castello ne impegni che non possono essere portati a termine in virtù dei presupposti sui quali si fondano. Le poche certezze garantiranno sempre una maggiore solidità a fronte anche di milioni di presupposti. I maxi contenitori sociali che la politica crea ad uso della stessa congelano i vari malaffari insiti naturalmente nella grandezza e vacuità delle questioni. Le cooperative sono tanto più mafia non tanto quanto è grande il loro potere o peso politico, ma in relazione alle risorse acquisite in virtù di servizi spesso scritti solo di carta. Sono le scelte a monte che creano le conseguenze visibili in quel fondovalle dove si resta perplessi dalle molteplici attività sottobanco. In un bicchiere di sabbia posso ritrovare uno spillo, in una spiaggia è impossibile. Il PD, che avrebbe dovuto opporsi alla creazione di macro contesti in virtù di un’idea progressista poggiante sulle competenze e sulla forza di una collettività, ha saputo solo approfittare delle politiche della destra berlusconiana alle quali si è allineato cantando la stessa opposta storiella . Il progressismo è diventò la creazione di maxi contenitori dove è impossibile ritrovare un filo che possa consentire di tornare indietro. Le cooperative inoltre offrono servizi di base, approfittando di vari sgravi fiscali per circuire risorse che finiscono in ambito privato e in questa logica stritola tutto vi sta veramente tutto, il bene come il male. Il salto qualitativo a questo punto è impensabile che possa provenire da questa sinistra e il M5S stelle non dovrebbe adeguarsi a questa idea di progressismo solo per dirsi in conflitto con lobby o poteri forti in quanto sono le stesse gigantografie che di strutturano a lobby, maglie strette o larghe a seconda della convenienza o dei personaggi da portare in alto o da spingere verso l’anonimato mondo in cui non si conta più nulla. Discorso complesso che parte dal valore delle singole competenze alla creazione di maxi contenitori dove invero ne servono poche e tutte uguali. Auguri.

    "Mi piace"

    • Questo è solo a vantaggio delle politiche clientelari e familistiche delle persone che giungono ai vertici, o perché brave o perché piazzate la questione è in questo senso irrilevante in quanto garantiranno comunque la linea del partito con molti vantaggi personali.

      "Mi piace"

  10. Perché non ammettere che il mv5s è morto e sepolto e che quello attuale è solo una patacca, una patacca che si è appropriata del marchio, come i senegalesi che vendono marchi taroccati così i vari crimi fico taverna continuano a vivere e prosperare con denari pubblici e più ne prendono più ne vogliono.

    "Mi piace"

    • Oddio. Credo sia un marchio che costa 300.000 euro l’anno ma tempo 4/5 anni vedrai che anche quel marchio verrà tolto anche perché quel marchio ricorda una persona non molto gradita agli iscritti 5STELLE. Hai notato che non si sente parlare molto di lui. Secondo me qualcuno più incazzato degli altri lo ha aspettato sotto casa e gli ha detto: O LA SMETTI DI FARE DANNI O DOVRAI MUOVERTI SU UNA CARROZZELLA.

      "Mi piace"

  11. Non ho capito, un partito/movimento non può assumere e pagare con i suoi soldi chi gli pare? Quando un parlamentare, un consigliere regionale, un europarlamentare riceve sul suo conto corrente i relativi emolumenti, non sono più soldi pubblici, sono i suoi soldi, come del resto lo stipendio accreditato di chi lavora per lo Stato, cioè dipendenti pubblici come operatori sanitari del SSN ed insegnanti! Se viceversa nessuno deve essere pagato dallo Stato, allora significa privatizzazione! Ed è esattamente lo scopo/programma del cdx! Il M5S ha sempre pagato attraverso una parte degli stipendi dei suoi esponenti, parlamentari o consiglieri regionali, chi forniva servizi per piattaforma di voto, comunicazione, tutela legale, e credo gli spetti decidere come utilizzare risorse economiche ,che non sono più pubbliche, ma legittimamente private, e prive di ipotesi di reato come frutto di corruzione, evasione fiscale, riciclaggio. ..! Secondo il ragionamento assurdo per cui chi è pagato dallo Stato è reo di utilizzo improprio di soldi pubblici, si arriva dritti alla privatizzazione dei servizi e ad impedire donazioni al proprio movimento, da parte di dipendenti pubblici, visto che sono sempre soldi provenienti da uno stipendio statale! Vi piace la privatizzazione? Solo i privati, imprenditori, commercianti, ecc e loro dipendenti, possono finanziare le forze politiche magari attraverso le fondazioni ? Auguri! Con la flax tass al 15% avranno più obolo per incidere su leggi a loro favore, pagando…..con i loro soldi ,che non sono pubblici, ma in grado di condizionare il funzionamento dello Stato secondo il loro interesse! Come al solito si guarda la pagliuzza 5 stelle, e non il ponte sul punto di crollare sulle teste di chi eccepisce , mentre lobbisti, mafie, potentati e corrotti fanno eleggere nelle istituzioni i loro referenti a suon di valigiate di quattrini……e lo scandalo sono Fico e Taverna regolarmente pagati dal M5S con risorse provenienti dai vari esponenti 5 stelle e dalle microdonazioni dei sostenitori ed iscritti? Aveva ragione Berlusconi, si è pagato di tasca propria il suo partito, senza soldi pubblici …..pure quelli evasi, tanto per non aver alcun rapporto con lo Stato!

    Piace a 1 persona

  12. Ho cercato di trovare la frase del presidente Conte nella quale affermava che lo ebbero scalzato da pdc perché le lobby, lui, non le aveva volute a palazzo Chigi!!! Se ricordo bene l’ha detta, quando si era in tanti in auditorium a Roma per la presentazione del programma elettorale.. e la sua rettitudine morale viene pure ridicolizzata! Anche se il movimento avrà dei fondi, saranno puliti perché provenienti dai portavoce e più limpidi di così non si può!

    "Mi piace"

  13. E bè, se crimi fico e taverna sono il meglio della politica itaGGliana è giusto pagarli,
    Com’è giusto sfancularli e guardare oltre.
    Visto che sono i coautori della morte del vero mv, a mio avviso meritano solo disprezzo, ma ognuno ha diritto ad avere i politici che più si meritano

    "Mi piace"

  14. Auguri a tutti! Ognuno ha diritto ad avere i politici che più si meritano. ….infatti gli italiani hanno appena votato ed eletto la peggiore maggioranza parlamentare che si ricordi! Mentre Fico e Taverna, su cui si può esprimere ogni giudizio di demerito, svolgono una funzione limitata all’ interno del M5S, quindi non più rappresentativa/ istituzionale, eventualmente politica ,come qualsiasi altro esponente/iscritto che fosse pagato dal M5S per un contratto di collaborazione/servizio. ….al pari di David Casaleggio che ha sempre negato il suo ruolo politico! Per cui delle due l’ una, se basta collaborare e fornire servizi al M5S ,con relativa retribuzione, per essere considerato politico, è stato un politico anche Casaleggio junior al pari dei suddetti, viceversa se non lo è stato lui, come sostenuto per anni, non lo sono neppure gli altri. ……poi ognuno ha libertà di critica e parere negativo su chiunque, ma queste sono opinioni personali, non suffragate da uso/abuso di soldi pubblici, non esisteva per Casaleggio junior, come non esiste adesso! Io credo che la peggiore politica sia al momento in parlamento come maggioranza, stampella della maggioranza e finta opposizione, ma continuiamo pure a considerare i 5 stelle come il peggio del peggio. …..il peggiore esponente, a servizio interno del M5S , non potrà mai eguagliare in demerito i suddetti campioni politici regolarmente eletti!

    Piace a 3 people

  15. ”non ultimo quello sull’assegno di fine mandato per i parlamentari uscenti, la cui restituzione è stata a lungo un fiore all’occhiello del M5S.”

    Fiore all’occhiello?
    Ma se pur di non versarlo sono passati con chiunque, perfino con giggino e tabacci!

    Colleghi commentatori, che idea platonica della politica che avete. O più prosaicamente, come si dice a Roma, siete f…i col c degli altri.

    "Mi piace"

  16. Mentre le mancate restituzioni degli altri, per 70 anni, i privilegi, le mazzette e prebende varie ed eventuali, ma sempre in fiore, sono l’ occhiello del cappio intorno al collo degli italiani, tanto stretto da mandare il loro cervello in anossia. ……con esiti!

    Piace a 1 persona

    • Buongiorno Alessandra, è inutile … quando si è in malafede e pur di dare addosso all’unica organizzazione politica onesta, ribadisco unica onesta nella politica italiana(debbono ancora trovare un ladro), deve essere combattuta perchè ha dimostrato e dimostra tutt’ora che si può fare politica in modo trasparente e onesto, ma di onestà negli italiani ce n’è poca, pochissima, visto come sono andate le elezioni.
      Premiati i disonesti…anzi in questi giorni la disonestà è stata “esportata”, ma gli Italiani giustificano, si fanno segh@e mentali pur di accontentare il padrone,il conducente del baraccone italia ,pur di non ammettere che hanno votato condannati ed inquisiti.
      Le capriole del governo …sono evidenti per il solo scopo di mantenere il potere.
      Quel potere assopito da anni da circa 80 ,Inoltre fanno di tutto per tranquillizzare i cittadini e mi chiedo perchè?
      Se è vero che siete diversi da allora perchè tranquillizzare…allora è vero..i sintomi ci sono il che vuol dire che l’italiano ha sbagliato a votare o voleva ritornare al passato?
      Avete notato l’arroganza, inespressa prima delle elezioni, ed ora emersa nel ministro della “guerra”?
      Le voci delle seconde linee che ritornano alle nostalgie del passato?
      Coraggio c’è da aspettarsi di peggio ,ripeto siamo agli inizi dell’avventura.

      Piace a 2 people

  17. Le parole guerriere, la politica dal basso, l’uno vale uno, Piazza San Giovanni piena fino a scoppiare, i tour in motorino e in camper, lo Tsunami di piazza che faceva tremare i Palazzi, i Meetup pieni di volontari aggratis in tutta Italia, le sentenze lette sotto casa dell’ psico-nano a cui non stringere neanche la mano, il PD peste nera della politica, niente presente in TV con i telemortiviventi, due mandati e a casa, le trazzere costruite con i soldi delle restituzioni, e si potrebbe continuare all’infinito, per arrivare prima al 25 e poi al 33% e poi chissà a cosa avrebbe portato, mantenendo la barra diritta fino alla fine…

    Tutto nel cesso, per pagare gli stipendi ai Crimi, ai Fico ed alle Taverna…

    Avanti così, moderati, social-democratici (o liberali, a seconda dei gusti), con un potente 17% per cambiare questo Paese dalle fondamenta… soprattutto con l’esempio… buon Capodanno a tutti, ne abbiamo davvero bisogno, date le premesse…

    Piace a 1 persona

    • Eccone uno quasi nuovo…avanti un altro deluso… che ha votato a destra o si è astenuto… bravo… continua così …per non cambiare perchè va bene cosi vero?
      Non votare per i programmi ma solo per le persone è di normale prassi italiana ed ecco che ci i ritroviamo sempre con i “migliori” ….ciuccia caro e va bene cosi vero?
      E se va bene a te va bene a tutti …questa è democrazia..
      Ha fatto male a nascere il Movimento..dovevano rendersi conto i votanti che sarebbe stato contro il sistema e pertanto votato alla sua morte e che il sistema si sarebbe ribellato ..infatti fra traditori e ladri si è ristrutturato al 18% ,ma non è morto perchè ci sono ancora persone oneste che lo votano…dispiace per te fattene una ragione se puoi!

      Piace a 1 persona

      • Si capisce ben poco del tuo discorso sconclusionato, l’unica cosa comprensibile è che fai una gran confusione fra il Movimento anti-sistema di Casaleggio e Di Battista (fatto fuori con manovre di palazzo dai poltronari che hai votato), oggi abbondantemente morto e sepolto, e l’onesto partito social-democratico di Conte, che ha un 17% in gran parte dovuto allo sfruttamento di un brand ben riconoscibile.
        Si fosse chiamato “Con te”, magari avrebbe preso il 10%. Onestà intellettuale avrebbe voluto che almeno cambiasse nome, perché Gianroberto da un soggetto politico del genere (come ebbe a dire quando era ancora vivo) sarebbe uscito in un nano-secondo, e Grillo non è un mistero che ha dovuto ingoiare una vagonata di Maalox per farselo digerire.

        "Mi piace"

      • “”” l’onesto partito social-democratico di Conte, che ha un 17% in gran parte dovuto allo sfruttamento di un brand ben riconoscibile.
        Toh…. almeno una dote ce l’ha “onesto” …è già qualcosa in tanto marciume.
        In quanto allo sfruttamento …. di un brand (brutta parola riferita solo ad un prodotto commerciale) direi che i 5 stelle si siano liberati di traditori e politici fasulli che erano corsi sul primo treno… ora abbandonati per strada…giggino non era con gianroberto e grillo?
        Diciamo che ritornare a quello che fu il movimento, come lo definite voi maldestri politici, non risolve il vostro problema perchè il M5s è vivo e vegeto..fatevene una ragione…un MOVIMENTO non è statico…altrimenti si chiamerebbe Partito 5stelle.
        Ciao bello!

        "Mi piace"

      • Dimenticavo… il cambiare nome … impossibile. Furono d’accordo Conte e Grillo(depositario) nel mettere solo una data 2050…e togliendo Beppe Grillo!
        Ps: Che ti abbia risposto in modo confusionale hai ragione perchè di solito a certi commenti anti 5 stelle,mi tremano i polsi dalla rabbia e quindi non rileggo e non correggo…
        Credimi avessi avuto la mia esperienza politica, come cittadino per 70 anni, ti incazzeresti anche te!

        "Mi piace"

      • Nessuno a tutti oltretutto è un brand che costa 300.000 euro l’anno. Uno o due giorni prima che il migliore dei peggiori se la desse a gambe un cronista parlamentare su LA7 disse che i senatori 5STELLE erano tutti con CONTE il quale se avesse detto loro di sfiduciare il DRAGONE lo avrebbero fatto. Gli iscritti al movimento invece stavano sfanc………. Grillo perché si chiedevano cosa aspettasse a uscire dal governo. Grillo probabilmente si è mangiato quintalate di Maalox ma non per le ragioni addotte dall’amichetto di cui sappiamo io e te.

        "Mi piace"

      • Per me non è solamente Ciro.
        Grillo, io finanzio il tuo blog. Però CON M5S al governo di do tot, con M5S all’opposizione ti do di meno.
        A buon intenditor poche parole.

        "Mi piace"