Reddito cittadinanza, verso stop da gennaio 2024

La misura verrà abrogata per tutti, occupabili e non, e sostituita ‘tout court’. Tra i provvedimenti sul tavolo Consiglio dei Ministri taglio del cuneo fiscale e aumento delle pensioni minime

(adnkronos.com) – Manovra allo sprint finale. Sul tavolo del Consiglio dei Ministri in corso un pacchetto di misure da 30-32 miliardi che, ha detto il premier Meloni, sarà “attenta a famiglie e imprese, con particolare attenzione ai redditi bassi”. Domani mattina si terrà alle 10 la conferenza stampa del presidente del consiglio sulle misure della legge di bilancio e altri provvedimenti.

REDDITO CITTADINANZA – Stop al reddito di cittadinanza a partire dal gennaio del 2024. Stop non solo per gli occupabili. La misura sarà abrogata per tutti -occupabili e non- sostituita ‘tout court’ da una nuova riforma, “perché serve un cambiamento a 360 gradi”, spiegano fondi di governo all’Adnkronos a Consiglio dei ministri in corso.

L’assegno del reddito di cittadinanza per gli ‘occupabili’ nel 2023 sarà ridotto “da 12 a 8 mesi”. Nulla cambia, invece, per gli ‘inoccupabili’ per il 2023, che continueranno a vedersi accredito a fine mese il reddito di cittadinanza. Questa la soluzione alla quale lavora in queste ore il governo, in vista della riunione del Consiglio dei ministri in corso.

Il 2023, dice Giovanbattista Fazzolari, sottosegretario con delega all’attuazione del programma di governo, sarà “un anno transitorio nel quale tutte le persone in difficoltà saranno tutelate e chi è in grado di lavorare, invece, avrà una riduzione dei mesi di sostegno”. “Dal 2024 rivedremo l’intero sistema, lavorandoci su per garantire pieno sostegno ai bisognosi e inserire nel mondo del lavoro chi invece è in grado di lavorare”, aggiunge l’esponente di Fdi. “Non abbiamo mai voluto riformare il reddito di cittadinanza per fare cassa, non era quello il senso. Il senso è ottimizzare le risorse a sostegno dei bisognosi e per l’inserimento nel mondo del lavoro. E’ quello che vogliamo fare, a prescindere dalla questione di cassa”.

TAGLIO CUNEO FISCALE – Sembrerebbe confermato, a poche ore dal Consiglio dei ministri sulla manovra, anche il taglio del cuneo fiscale interamente a beneficio dei lavoratori. Il taglio ammonterebbe a 2 punti per i lavoratori con redditi fino a 35mila euro -proroga alla misura introdotta dal governo Draghi- mentre salirebbe a 3 punti, questo l’elemento di novità, per i redditi fino a 20mila euro. In tutto la misura assorbirebbe 5 miliardi, spiegano fonti di governo.

PENSIONI MINIME – Pensioni minime a quota 600 euro. E’ quanto sarebbe emerso dal vertice di maggioranza della Camera con Forza Italia a porre il tema dell’innalzamento delle minime. Il vicepremier Antonio Tajani, lasciando la Camera ha garantito che ci sarà “in legge di bilancio un innalzamento delle pensioni”.

ASSUNZIONI UNDER 35 – Decontribuzione totale per le aziende che assumono under 35. Questo uno dei punti contenuti nella manovra di bilancio, all’esame del Consiglio dei ministri.

CARTELLE FINO A MILLE EURO – Lo stralcio delle cartelle previsto dalla manovra di bilancio, secondo quanto si apprende, dovrebbe riguardare quelle fino a mille euro. Su questa cifra ci sarebbe l’accordo tra le forze di maggioranza.

FLAT TAX – Il Consiglio dei ministri dovrebbe dare il via libera alla estensione della flat tax fino ai redditi pari a 85mila euro per le partite Iva. Lo si apprende da fonti di maggioranza. Al vaglio del Cdm ci sarebbe anche la flat tax incrementale al 15% per i lavoratori autonomi.

MULTE – Dovrebbe avere accoglienza la richiesta di Matteo Salvini di evitare in manovra la ‘stangata’ ai danni dei cittadini conseguente all’aumento biennale, previsto da gennaio, delle multe per violazione del codice della strada. Una misura su cui la Lega ha insistito nelle scorse ore, come riferiscono fonti di Via Bellerio.

LA CARTA DELLA SPESA – Per i meno abbienti, quelli con un reddito fino a 15mila euro, spunta la carta della spesa. La manovra sul tavolo del Consiglio dei ministri avrebbe previsto un fondo di 500 milioni, destinato a ‘coprire’ l’acquisto di beni di prima necessità come pasta, pane e latte, garantiti così a chi ha difficoltà a riempire il carrello della spesa. La carta verrebbe gestita dai Comuni, utilizzabile in tutti i punti vendita che aderiscono all’iniziativa. La misura ha preso il posto del taglio dell’Iva generalizzato ai beni di prima necessità, “che rischiava di essere assorbito senza variare il prezzo di vendita” spiega una fonte di governo all’Adnkronos.

PENSIONI – Soluzione ponte per un anno per superare la legge Fornero. A quanto si apprende nella manovra sul tavolo del Cdm è prevista l’introduzione di quota 103 ma solo per il 2023. Dunque in pensione a 62 anni di età con 41 anni di contributi all’attivo.

OPZIONE DONNA – Cambia, con la manovra targata Meloni, ‘opzione donna’, il calcolo contributivo che consente alle lavoratrici di ottenere un trattamento pensionistico con requisiti notevolmente ridotti. A quanto si apprende da fonti di governo ‘opzione donna’ viene sì prorogata di un anno, ma anche legata al numero di figli: si esce a 58 anni con due o più figli, a 59 se si ha un solo figlio.

Reddito cittadinanza, Conte: “Pronti a dare battaglia nelle piazze”

L’ex premier: “Disposti a tutto per difenderlo. Chi vuole smantellarlo è in preda a furia ideologica. Spero Pd si unisca a nostra battaglia”

(adnkronos.com) – “Noi, e lo dico con la massima fermezza, siamo disposti a tutto per difendere il reddito di cittadinanza, un sistema di protezione sociale che doveva essere introdotto da decenni. Siamo disposti a dare battaglia in tutte le sedi, istituzionali e nelle piazze, se il governo andrà avanti con questo indegno proposito di smantellare il reddito di cittadinanza”. Lo promette il leader M5S Giuseppe Conte.

“Un governo che ha come obiettivo quello di smantellare il reddito di cittadinanza – attacca Conte – è un governo che ha completamente perso il contatto con la realtà delle difficoltà economiche e sociali che attraversano il Paese. E’ un governo in preda a una furia ideologica. Non è conservatore, è reazionario“.

“E’ disumano tagliare il reddito di cittadinanza anche solo alle persone occupabili. Si tratta di una platea di 660mila persone, molte delle quali hanno già compiuto 50-60 anni, hanno grosse difficoltà a ricollocarsi sul mercato del lavoro e non hanno di che mangiare. Ecco perché – ribadisce Conte – il M5S è pronto a tutto, a contrastare questo proposito disumano del governo scendendo anche nelle piazze, non solo nelle sedi istituzionali”.

A chi gli chiedono se si stia ricostituendo un asse col Pd nella battaglia a difesa del reddito di cittadinanza replica: “Spero che tutte le forze che hanno a cuore le persone in difficoltà in questo momento di crisi per il nostro Paese, si uniscano in questa battaglia”.

“I fatti ci dicono – ricorda poi il leader M5S – che forse la prospettiva più rivoluzionaria è stata realizzata nel Conte I. Con la Lega per la prima volta abbiamo introdotto una legge anticorruzione. Ancora, abbiamo realizzato il reddito di cittadinanza, che è la misura più di sinistra che sia stata varata negli ultimi 30 anni”.

“Cancellazione, sospensione, taglio di qualche mese, altri tagli fra un anno” scrive il leader del M5S su Facebook. “Sul Reddito di cittadinanza il Governo da settimane gioca con la vita delle persone: un atteggiamento disumano sulla pelle di famiglie che a stento pagano la bolletta e fanno la spesa. L’ultima novità che arriva dalla maggioranza della Meloni parla di un taglio di mensilità del Reddito di cittadinanza per gli “occupabili”: persone in grande difficoltà, fra cui molti over 50 e 60 per cui trovare lavoro oggi è durissimo e 200mila cittadini che già lavorano e che chiedono il Rdc per integrare stipendi da fame. Siamo disposti a tutto per arginare questo piano folle, anche a scendere in piazza”. “Noi non getteremo mai la spugna su queste battaglie – conclude l’ex premier – vediamo se saremo i soli o se altre forze politiche risponderanno ‘presente’”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

10 replies

  1. “Per i meno abbienti, quelli con un reddito fino a 15mila euro, spunta la carta della spesa. La manovra sul tavolo del Consiglio dei ministri avrebbe previsto un fondo di 500 milioni, destinato a ‘coprire’ l’acquisto di beni di prima necessità come pasta, pane e latte, garantiti così a chi ha difficoltà a riempire il carrello della spesa”

    Praticamente un pranzo una volta all’anno.

    23 aprile 2020
    Mef: “Reddito sotto 15.000 euro per 44% italiani”
    https://www.adnkronos.com/mef-reddito-sotto-15000-euro-per-44-italiani_4vi9UGIEr5iCLaBqFnxqQm

    "Mi piace"

    • Continuo a pensare che in Italia i poveri esistono quasi esclusivamente nelle statistiche nonchè negli archivi di INPS e Agenzia delle entrate.
      Sotto i 15000 euro di reddito annuo ci sono gli evasori, quali artigiani e liberi professionisti, i quali sicuramente chiederanno la carta per la spesa senza alcuna vergogna (ricordate i professionisti, tra cui notai, che chiedevano il ristoro per il confinamento da Covid?).
      Ci sarebbe un modo più equo, utilizzando l’ISEE, per dare soldi a una platea più ristretta e più bisognosa, ma allora questo non sarebbe un governo di destra che dà a chi ha già.

      "Mi piace"

  2. Decontribuzione totale per le aziende che assumono under 35.
    ————–
    Il modo migliore per regalare soldi agli imprenditori, distrarre soldi pubblici, impedire l’assunzione dei 50/60enni che non vedranno mai la pensione.
    Per gli under 35 già ora la pensione è impossibile.
    Solite politiche criminali da prenditori.

    Piace a 1 persona

  3. Oggi alle 10 conosceremo meglio la Finanziaria del nuovo Governo.
    Questo è quello che si sa finora.
    Sembra che la Meloni conserverà il reddito minimo, 550 euro,per chi non può lavorare (minori, invalidi, vecchi) ma, entro l’anno, lo eliminerà per chi è in grado di lavorare e rifiuterà per la seconda volta il lavoro che gli viene presentato. Non fissa un salario minimo né delle condizioni accettabili di lavoro né una distanza accettabile dalla residenza del richiedente. Non dice che finora gli occupabili (660.000) non hanno avuto nessuna o quasi offerta di lavoro, che molti di loro hanno una scolarità molto bassa e non sono qualificati in niente o che hnno più di 50 anni e non lavorano da 3 anni, né che 14 regioni (in pratica tutte quelle col Governatore di destra) non hanno fatto nulla per incentivare gli uffici che dovrebbero trovare il lavoro per cui questi non ci sono o non funzionano. Non dice che il reddito minimo spesso deve aiutare a sopravvivere chi un lavoro ce l’ha già ma con un salario troppo basso per vivere (e sono 170.000 persone). Ma riduce il reddito minimo da 12 mesi a 8 con lo scopo di eliminarlo del tutto, per trattenere qualche euro che andrà in mancette clientelari (le abbiamo già viste con Draghi: sindaci, giornalisti, politici, media, scuole private…) o in aiuti fiscali ai più ricchi.
    Il prossimo dovrebbe essere un anno transitorio in attesa di una riforma totale del reddito minimo. Per cui la speranza dei più poveri è che in quest’anno il governo cada e sia sostituito da uno più attento alla miseria in aumento e che equipari ai salari europei quelli italiani, che non solo sono rimasti fermi in 30 anni ma addirittura sono diminuiti del 9% mentre prezzi e bollette sono aumentati più degli altri Paesi europei.
    Una delle tante contraddizioni della destra è che combatte gli immigrati, quando poi ha proprio bisogno di loro perché sono gli unici che accettano le condizioni di degrado, di basse paghe e si sfruttamento in molti settori come l’agricoltura. Ma probabilmente lo scopo è di aggravare le condizioni degli Italiani più poveri così che accettino trattamenti da schiavi come i migranti.
    Nello stesso tempo si sollecitano più nascite, si pensa ad aumentare la popolazione e Salvini, in cerca di notorietà, dopo aver proposto il bonus divorzio, ora propone un bonus per chi si sposa in Chiesa, offendendo la Chiesa stessa e degradando un sacramento a furbata per avere più soldi. Lo stesso Salvini, in una condizioni di crisi economica, spese per la guerra, miseria in aumento e degrado crescente del territorio, non ha di meglio da fare che riproporre il Ponte di Messina.

    "Mi piace"

  4. Fabio Salamida: I 600mila disoccupati a cui verrà tolto il reddito di cittadinanza potranno recuperare il sussidio sposandosi tra loro. Non è un Governo, è Tinder.

    "Mi piace"

  5. Il M5S presenta una mozione al Senato per impegnare il governo a istituire un salario minimo legale di 9 euro lordi l’ora

    "Mi piace"

  6. Il governo Meloni salvo sorprese dell’ultima ora non abolirà la lotteria degli scontrini, parte del piano “Italia cashless” del governo Conte 2, anzi intende incentivarne il rilancio

    La conferma era tutt’altro che scontata, considerato che la premier aveva definito la misura “un’idiozia” e a fine 2020, quando erano partite le registrazioni per partecipare, aveva scritto su facebook:

    “Se paghi con carta di credito e fai così sapere a Conte, Casalino, Di Maio, Gualtieri, l’Agenzia delle Entrate e lo Stato tutto quali sono le tue abitudini, cosa ti piace, cosa compri e da chi e a che ora, allora partecipi a una “lotteria dello Stato” (cioè pagata anche da te). Poi Conte, Casalino, Di Maio, Gualtieri, l’Agenzia delle Entrate e lo Stato tutto potranno valutare se fai spese “immorali” oppure se sei un cittadino socialmente accettabile. Vale così poco la tua libertà? Manda al diavolo questi accattoni che abbiamo al Governo e non registrarti a questo umiliante gioco, fai vedere loro che gli italiani non vendono la loro dignità e la loro libertà a buon prezzo, a differenza di chi ci governa”.

    "Mi piace"

  7. Un paese alla rovescia… Senza o quasi forze politiche interessate al buon andamento, soltanto al proprio tornaconto ed interesse, un paese ridotto più che male perché i suoi politici non vogliono fare il bene e gli interessi dei cittadini.. il rdc con tutte le sue criticità, è stato ed è un intervento da migliorare sì ma da tenere come paracadute per chi si trova in un momento di difficoltà lavorativa, se solo ci fosse stata la volontà delle regioni ad impegnarsi veramente, affinché funzionasse ma pur di andare contro al M5S, sono andati contro ai bisognosi, a coloro che faticano a trovare lavoro dopo averlo perso! Non c’è stata volontà vera ed ora stanno cercando in tutti i modi di toglierlo, un rdc che è stato una boccata d’ossigeno, per persone indigenti.. invece le menti eccelse, favoriranno nuovamente l’afflusso di manovalanza alle mafie perché il rdc è stato da argine almeno per un po’.. tutto sta tornando come prima, si favoriranno gli evasori, si agevoleranno i ricchi furbi.. ma si sa che questo è un paese alla rovescia!!

    "Mi piace"