Mondiali in Qatar, Figliuolo guiderà task force italiana che garantirà la sicurezza

Pronta una task force composta da 560 militari e ben 46 mezzi terrestri che avrà il compito di assicurare la totale sicurezza durante la competizione

Per i Mondiali in Qatar il generale Figliuolo guiderà la task force italiana che garantirà sicurezza e ordine.

(Claudio Vittozzi – tag43.it) – A rappresentare l’Italia ai prossimi Mondiali in Qatar non ci sarà la nazionale di calcio bensì il Generale Figliuolo e una task force che ha il compito di garantire sicurezza e ordine durante la competizione.

Per i Mondiali in Qatar il generale Figliuolo guiderà la task force italiana che garantirà sicurezza e ordine.

L’operazione della task force per i Mondiali in Qatar

L’operazione della task force italiana per i Mondiali di calcio in Qatar è stata chiamata «Orice» in onore dell’animale nazionale del paese ospitante della competizione. L’operazione comprende ben 560 nostri militari, 46 mezzi terrestri, una nave, due aeromobili e anche un pattugliatore della Marina Militare chiamato «Thaon di Revel». A capo della task force c’è la Brigata «Sassari» è l’intera operazione in Qatar verrà coordinata dal Comando operativo di vertice interforze della Difesa, presieduto dal Generale di corpo d’armata Francesco Paolo Figliuolo.

A lodare l’operazione per i Mondiali in Qatar ci ha pensato anche Khalid bin Mohamed Al Attiyahil, vicepremier e ministro della difesa qatariota. Le sue parole sono state: «I rapporti tra Italia e Qatar rivestono un’importanza di assoluto rilievo per entrambi i Paesi, tra i quali esiste un solido rapporto di cooperazione nel campo della Difesa, continuiamo a lavorare insieme per intensificare le nostre relazioni strategiche in numerosi e diversificati settori»

Per i Mondiali in Qatar il generale Figliuolo guiderà la task force italiana che garantirà sicurezza e ordine.

L’obiettivo della task force

L’obiettivo della missione della task force italiana per i Mondiali in Qatar è molto semplice. Questa squadra speciale servirà per sventare qualsiasi potenziale minaccia di natura militare o terroristica condotta non solo da piccoli gruppi ma anche da Stati terzi.

L’Italia ha contribuito insieme ad altri 12 paesi, costituendo un’unica task force che impiega totalmente circa 5mila uomini, tutti uniti e coordinati per garantire il rafforzamento del Golfo Persico durante tutta la durata della manifestazione. La missione «Orice» è stata definita un onore dal nuovo ministro della Difesa Guido Crosetto che ha anche aggiunto: «Sarete gli unici a rappresentare l’Italia ai Mondiali e per questo tenete alta la nostra Bandiera».

Categorie:Cronaca, Interno, Mondo, Politica

Tagged as: , , ,

3 replies

  1. il famoso bidello senza diploma elementare messo al comando. CIALTRONERIA allo stato puro. Più stupido che ignorante, anche se sembra un paradosso.

    "Mi piace"