Berlusconi l’illusionista

(MASSIMILIANO PANARARI – lastampa.it) – Abracadabra, a me gli occhi! Si sta celebrando, per l’ennesima volta, la «discesa in campo» di Silvio Berlusconi, l’«Illusionista Supremo». A schermi unificati, compreso il «dolce stil novissimo» di TikTok(Tak), come lo ha ribattezzato l’ultraottuagenario fondatore del primo partito personale italiano. Piattaforma nella quale il dominus nazionale della «neotelevisione» postmoderna si è infilato sulla scorta del motto «bene o male, purché se ne parli», puntando al rimbalzo comunicativo sui media mainstream. “Missione compiuta” da questo punto di vista, mentre non si può dire altrettanto dei contenuti programmatici e dello stile comunicativo, che paiono arrivare per direttissima da un’altra era. Praticamente quella del suo trionfale debutto elettorale, quasi che il tempo sia stato congelato. D’altronde, una delle parole che possiamo oggi più agevolmente associare al berlusconismo è quella di consuetudine, un pezzo del paesaggio e dell’arredamento (della vita pubblica). Se in queste ore di lutto i sudditi di sua maestà britannica realizzano che Elisabetta II è stata la Regina per antonomasia, e per molti decenni del Novecento una figura sempre presente (in senso letterale), noi italiani abbiamo, invece, il Cavaliere, al punto che per certe generazioni risulta impossibile immaginarsi una politica “deberlusconizzata”.

E, dunque, sui social il Berlusconi degli anni Venti del Duemila si propone con una propaganda marcatamente vintage, come se fosse appena uscito dalla macchina del tempo. Non essendo comunque il solo, ma ritrovandosi in abbondante compagnia, dal momento che – verosimilmente anche a causa della repentinità con cui siamo stati gettati in pasto al clima della competizione elettorale – molti partiti sembrano avere attinto in maniera massiccia ai propri temi e annunci «sempreverdi». E hanno così finito per scodellare altrettanti “grandi classici” del loro repertorio, che si rivelano anacronistici e stridenti al cospetto del contesto politico-economico emergenziale in cui ci troviamo immersi.

Peraltro, come documentato su queste pagine, il 96% delle promesse dei leader nella campagna odierna risulta privo delle relative coperture di bilancio. Pura prestidigitazione, in un Paese dove la tentazione di affidarsi con aspettative salvifiche all’uomo (o la donna) forte si rivela inesauribile. E dove il «pensiero magico», che prescinde dai numeri – i quali, poi, da ostinati disturbatori del manovratore arrivano sempre a presentare il conto (specie economico) –, è stato sparso a piene mani dai vari populismi. Di cui, il berlusconismo, non per nulla, è stato l’incubatore e la start-up. Pertanto, il presidente di Forza Italia estrae dal suo cilindro di prestigiatore della politica quella che spera essere una gallina dalle uova d’oro (elettorali). Ovvero, la ricetta dei mille euro (almeno…) di stipendio mensile per «i giovani» (verosimilmente le stesse generiche fasce anagrafiche a cui su TikTok si rivolge con l’ineffabile tono di voce infantile del baby talk). E, dunque, riecco l’«uomo col sole in tasca», in abbinata – ci si aspetterebbe – con un (gigantesco) tesoretto. Il quale, però, non c’è. Prima gli “impegni” e le promesse ai pensionati, ora alle generazioni più giovani, e una posizione fattasi più titubante rispetto all’abolizione del “reddito di cittadinanza” grillino. Siamo, appunto, di fronte all’iperottimistico libro dei sogni degli esordi, ma nel quadro di una finanza pubblica che non può minimamente permettersi di realizzarlo. Si potrebbe sostenere che la vita politica sia “inevitabilmente” fatta anche di corsi e ricorsi storici, ma qui si va parecchio oltre, con la campagna elettorale di Forza Italia che non si ferma a un nostalgico “ritorno alle origini” degli anni Novanta. Ma compie un ulteriore, e retrotopico, grande balzo all’indietro, direttamente agli anni Ottanta dell’esplosione del debito pubblico, a cui tanto contribuì quel Bettino Craxi che era allora il riferimento politico di Berlusconi.

«Se potessi avere mille euro al mese»… Solo che qui – a differenza di quanto evocava la canzone – non c’è nessuna «eredità di uno zio lontano, americano». Bensì un’Unione europea alla quale si deve rendere conto di un debito (sempre più) monstre, che ricade proprio sulle spalle dei più giovani.

9 replies

  1. Perché invece di dire stronzate suo suoi video au tik tok non utilizzano le pagine di quella carta da cesso per pubblicare i testi integrali delle sentenze in cui è stato condannato/prescritto? Risparmierebbero tempo e danaro. E Berlusconi andrebbe sotto il 5%

    "Mi piace"

  2. Stasera Berlusconi ha “ospitato” per 40 minuti Porro alla trasmissione “Quarta Repubblica”. Solo che quest’ultimo si è permesso di interrompere per ben 2 volte il comizio del padrone che leggeva le risposte scritte …..

    Poi è entrato Conte per 40 minuti e Porro lo ha lasciato parlare per circa 5 minuti…..

    "Mi piace"

    • @Gaeliber
      L’ho visto anch’io e, a parte giocare con mia moglie a chi riusciva ad indovinare per primo ciò che il berlusca stava per dire, ho riso di gran gusto 😅
      Lui è come il bomba….hanno un talento comico irresistibile.
      Se solo lasciassero perdere la politica sarebbero davvero simpaticissimi.
      Comunque le sparano così grosse che sembra impossibile che qualcuno riesca ancora a votarli.

      "Mi piace"