Il fu Movimento rigurgitato dal sistema

(Tommaso Merlo) – Se il Movimento fosse rimasto coerente, alle prossime elezioni avrebbe stravinto e spazzato via il vecchio sistema partitocratico. Forte dei risultati raggiunti i primi mesi, avrebbe capitalizzato i tradimenti prima di Salvini e poi di Renzi nelle urne. Ed invece ha perseguito cocciutamente una linea suicida. Prima corteggiando il Pd e vagheggiando revival ulivisti poi addirittura arruolandosi alla corte di Draghi per incidere da dentro. Già, come no. Draghi prima li ha costretti a rimangiarsi tutto e poi quando il Movimento ha osato alzare la testa, se n’è andato sbattendo la porta e gli ha pure addossato la colpa. Cornuti e mazziati. Dopo un disastro di tali proporzioni, le volpi dirigenziali movimentiste non dovrebbero lasciare la politica, ma l’Italia. Altro che transizione ecologica coi nuclearisti e cementificatori seriali, l’unica transizione è stata quella del Movimento che ha abbandonato la democrazia diretta e si è trasformato in un partito qualunque perdendo pezzi e credibilità ad ogni incrocio. Davvero un peccato perché rispetto al 2018 non è cambiato nulla se non in peggio. Il disgusto verso la politica è ai massimi storici, la credibilità dei trombettieri del sistema ai minimi e la platea di cittadini che vogliono cambiare è più vasta che mai. Ormai la vecchia partitocrazia non è solo invotabile, è inguardabile. Si stenta a credere che certi personaggi abbiano ancora il coraggio di elemosinare voti. Il loro delirio egoistico gli ha fatto perdere ogni contatto con la realtà e vittime dei personaggi che recitano, non si rendono conto di essere il vero problema dell’Italia invece che la soluzione. Siamo vittime di politicanti la cui inconsapevolezza rasenta la follia. E la missione del Movimento era proprio quella di rimpiazzare gli egopoliticanti coi cittadini e mostrare che è possibile servire la “cosa pubblica” in modo diverso. Non solo pulito ma anche coerente e altruistico. Ed invece eccoci qua. Cornuti e mazziati. Per lesa maestà a Draghi, il fu Movimento adesso è schifato perfino dal Pd che non aspettava altro che una scusa per levarselo dai piedi. Finché aveva qualche voto poteva servirgli, ma conciato così mille volte meglio Calenda e Renzi e tutti gli altri scissionisti egocentrici. Farina del loro sacco. Professionisti della politica e neoliberisti di ferro. Le volpi movimentiste responsabili degli amoreggiamenti col Pd non dovrebbero lasciare la politica, ma l’Italia. Il Movimento nacque sulle ceneri del Pd, con lo scopo di andare oltre ad una sinistra molle, ipocrita e priva di idee. Il Movimento era una evoluzione anche culturale e a differenza dei poltronosauri del Pd, aveva “stelle” a cui puntare e un modello alternativo sia di partito che addirittura di democrazia. Ed è per questo che raccolse milioni di voti. Gente nuova, progetto nuovo. Nuovi contenuti, nuove speranze. Di cambiamento. Radicale. Il fu Movimento è stato una enorme patrimonio di consenso politico sprecato, una opportunità storica rarissima buttata via perché invece di rimanere coerente e lasciare che fossero i cittadini a decidere la linea, il fu Movimento si è richiuso su se stesso ed è finito ostaggio di sedicenti dirigenti che l’hanno fatto deragliare malamente. Una chicca su tutte. Da “fuori la mafia dallo stato”, al governo con Berlusconi. Ed eccoci qui. Dopo essere stato tradito, usato ed umiliato, oggi il fu Movimento si ritrova da solo. Con tutto il sistema politico e mediatico contro. Come agli albori, con l’unica differenza che nel frattempo ha perso per strada credibilità e quindi milioni di voti ed è imploso in pezzi. Come se il sistema lo avesse inghiottito, masticato e poi adesso rigurgitato nella speranza di liberarsene definitivamente. Davvero un peccato perché rispetto al 2018 non è cambiato nulla se non in peggio. E se il Movimento fosse rimasto coerente, alle prossime elezioni avrebbe spazzato via il vecchio sistema partitocratico.

17 replies

  1. Il movimento e rimasto coerente e conte ha dovuto mettere ordine ed organizzazione, il programma non e mai stato stravolto e moltissime cose sono state fatte! ( poi i transfughi sono in tutti i partiti )

    Piace a 4 people

  2. Ok Merlo, tutto giusto. E allora? Non c’è più nulla da fare? Perché non provi a immaginare un qualcosa che possa ridare fiducia a quel 33% del 2018? Non che lo debba poi fare tu, ma almeno essere uno sprone a favore di qualcuno, vedi Di Battista, che quelle ragioni non ha mai ammainato? Altrimenti di disfattismo in disfattismo lasciamo il campo ( largo, stretto, destrorso) agli Stegosauri di sempre. E non ne parliamo più.

    Piace a 1 persona

    • Non credo non ci voglia un genio per capire che quando ti trovi a combattere un sistema mediatico che infanga con balle dalla mattina alla sera questo e il risultato ! altro che sono cambiati ! certo questo e stato anche utile per fare pulizia di parassiti di tutte le risme. Adesso si parte puliti e sempre contro mafiia,massonera,drangheta, banchieri italiani e stanieri ( financial times ecc, leggi PD ) ormai lo ha capito anche il gatto basta saper fare buone ricerche ! si puo.

      Piace a 2 people

      • Peccato che mr.tentenna brancaleon giuseppi il bradipo ha votato la fiducia al governo draghi ben 55 volte e sarebbe stato disponibile a votarla ulteriormente se il drago non lo avesse sfanculato, oltre a ciò il suo attaccamento e la sua dipendenza morbosa al PD lo rendono totalmente non affidabile.

        Piace a 2 people

      • Sto aspettando che Conte, dopo le bastonate che il PD gli sta menando, si decida a mandarli affanculo.
        Temo, però, che si metterà a cuccia con la coda tra le gambe c’è un di Maio qualunque.
        Se il buon si vede dal mattino, la giornata non è iniziata bene. Il movimento 2050 partecipa alle primarie del PD in Sicilia. La sua candidata non ha alcuna possibilità di vincere. Comunque, anche se vincesse il PD non la riconoscerebbe appellandosi all’agenda Draghi.

        "Mi piace"

  3. Povero merlo ,se,se,se se il movimento avesse preso il 44% dei consensi la musica sarebbe cambiata!
    Ma la legge elettoirale lo ha pure impedito,la grande porcata votata da tutti i partiti del sistema,infatti si chiama e si chiamava Rosatellum,che Lei confonde evidentemente con un vinello nostrale!
    Ma per favore…di merli in italia ne abbiamo anche troppi,

    Piace a 3 people

  4. “le volpi dirigenziali movimentiste non dovrebbero lasciare la politica, ma l’Italia”
    e dove lo mandi Grillo
    l’unico deux ex machina
    ed autore di tutte le giravolte:

    “Salvini è uno che quando dice una cosa la mantiene, il che è una cosa rara”
    «Basta piagnistei per l’alleanza con il Pd – dice rivolgendosi alla platea di attivisti – Fanculo voi, adesso»
    “Draghi è un grillino, mi ha detto vorrei iscrivermi”
    e delle frequenti telefonate tra i due, mentre Conte tentava con tenacia di contenere la deriva destrorsa delle leggi e l’anarchia dei parlamentari, Grillo toglieva sempre più autorità al SUO presidente?

    chi è che ha affossato il M5S???

    PS; io per non dimenticarmi le cose ho un taccuino Moleskine da 12euro, ma ce ne sono anche a meno
    chi svolge il lavoro del T.Merlo penso possa usare anche altri strumenti

    Piace a 3 people

  5. Vedo sempre con un certo timore chi attenta analisi di una qualsiasi complessità impostandola su un meccanismo dentro/fuori, quindi reputando ogni male all’esterno del perimetro, popolato di Draghi cattivi è un interno puro e immacolato.
    Quando è che cominciamo a dire che è stata una fesseria catapultare decine e decine di incapaci, incompetenti e scappati di casa senza uno straccio di formazione politica e istituzionale tra le sirene del potere che se li sono pappati a uno a uno?

    "Mi piace"

    • Certo si, perché secondo te è per l’incompetenza che hanno fallito, mica è stato il richiamo dei dindini.
      I “cartelletta”, come li chiama Grillo, sono stati eletti al grido di onestà e “onestamente” si sono fatti i cazzi loro. Il problema è la mancanza di ogni moralità pur di intascarsi lo stipendio per intero e assicurarsi una “carriera” immeritata. Tutto il resto è noia!

      "Mi piace"

      • … e in che modo quello che scrivi tu è in contraddizione con quello che dico io? Sono arrivati là, in tanti e troppi immeritatamente. E quando gli ricapita? Senza formazione, struttura, cultura istituzionale, come altro poteva mai andare a finire. Le sirene del potere e dei dindi, appunto che sempre vanno a braccetto.

        "Mi piace"

      • Perché la formazione, competenza o quello che vuoi non c’entra assolutamente niente anzi, forse i più competenti sono quelli scappati per primi (vedi prof. Fioramonti) ed il mio immeritatamente non è riferito alla poca preparazione, ma al fatto che hanno preso lo stipendio senza fare quello per cui erano stati votati anzi, hanno addirittura voltato faccia per poter prendere di più.
        Tra l’altro, come dico sempre, tra un onesto ed un competente io preferisco di gran lunga il primo, a meno che l’ultimo non dimostri di avere anche le qualità del primo.

        Piace a 1 persona

    • Sbagli proprio mira e ripeti a pappagallo gli slogan del sistema. La competenza o meno di cui parli non c’entra alcunché. Gli “incompetenti” del M5S, guarda un pò, hanno prodotto il RdC, misura esistente in tutti i paesi europei, ed ostacolata in ogni modo dal sistema e dagli stolti che gli vanno dietro pappagallando le solite menzogne trite e ritrite.
      Sempre questi incompetenti hanno introdotto il superbonus che, secondo NOMISMA, su circa 34 miliardi di euro investiti da parte dello stato ha prodotto un ritorno economico di circa 125 miliardi di euro quindi un effetto moltiplicatore di 1 a 3 come certificato da NOMISMA, studio visibile al seguente link:
      https://www.edilportale.com/news/2022/07/normativa/superbonus-nomisma-dai-387-miliardi-di-euro-investiti-ritorno-economico-di-1248-miliardi_89794_15.html
      Sempre per gli stolti che pappagallano le menzogne del sistema, significa che ogni euro investito ha prodotto un ritorno economico di 3.
      Quindi questi “incapaci” sono meno incapaci di te nel riconoscere cosa sia giusto e cosa sia snagliato fare e soprattutto come utilizzare le risorse dello stato e dei cittadini per il bene comune e nell’interesse generale.
      Ma questo evidentemente fa fatica ad entrarti in testa obnubilato dalle menzogne del sistema.
      Cittadini capaci e con la testa sulle spalle sono riusciti a fare Rdc, decreto dignità, taglio vitalizi, taglio pensioni d’oro, taglio parlamentari, quota 100, risarcimento truffati banche, codice rosso, legge spazzacorotti, blocco prescrizione oltre alla restituzione di parte dei loro stipendi alla collettività in opere sociali.
      Poi sono arrivati quelli che tu ritieni “capaci” ed hanno tentato la restaurazione dello status quo iniziale smantellando ciò che di buono avevano fatto e stavano facendo quelli che tu ritieni “incapaci”.
      Se c’è un incapace, anche di distinguere il falso dal vero, assoggettato alla propaganda del sistema, quello sei tu.

      "Mi piace"

  6. Ecco Merlo un altro mago otelma de noantri: “se…, se…, se il M5S avesse fatto questo o quello oggi avrebbe,,,”.
    Non lo sai tu e non lo può sapere nessuno. Tanto più che se guardiamo a quello che è successo solo 6 mesi dopo le elezioni nazionali (2018), alle europee il M5S aveva già quasi dimezzato il consenso e quindi tutti i tuoi “se” cadono nel calderole delle cazzate dei maghi otelma de noantri.
    L’unica cosa su cui posso concordare è che il M5S doveva mantenere la propria individualità e non rendersi subalterno al PD, partito di sistema puro, il cui unico scopo era quello di disinnescare l’anima rivoluzonaria del M5S, snaturarlo eomologarlo al sistema.
    Complice la poca consapevolezza e partecipazione della cittadinanza, sempre in attesa di un salvatore della patria in grado di fare “o miracolo”, e diatribe, rivalità, egosimi e personalismi interni, il sistema è riuscito nel suo intento.
    Ecco perché il M5S dovrebbe tornare alle origini e non allearsi più con nessuno, togliersi da ogni coalizione con altri partiti, ivi compresa quella in Sicilia e correre da solo per riprendersi lo slogan “tutti a casa”.
    Il fatto che elettori 5S come te facciano, incosapevolmente, il gioco del sistema la dice lunga sulla maturità dei cittadini.
    Errori ne sono stati fatti ma buttare il bambino con l’acqua sporca fa solo il gioco di chi ci vuole morti fin dall’inizio. Il sistema ha giocato le sue carte ed ha in parte vinto; ora sta a noi riconoscere i nostri errori e prendere le contromisure.
    Sono 5Stelle da sempre, da prima ancora che il M5S nascesse e fin dall’inizio ho sempre visto all’interno dello stesso parecchie prime donne con la presunzione di vedere e sapere tutto di più e meglio degli altri, anteponendo il proprio ego, dimenticandosi però che il M5S è una comunità.
    L’anima del M5S ed i suoi principi e valori sono ancora integri e, con la partecipazione di tutti i veri 5S, potrà risorgere, come araba fenice, più forte di prima, memori delle esperienze e degli errori del passato.

    "Mi piace"

  7. Io sogno Raggi e Appendino alla guida del “nuovo” 5stelle. Donne capaci e con la schiena dritta! Conte ha accettato un patto col diavolo e mi dispiace, può essere utile in background ma qui ci vuole gente che sappia dire no quando serve.

    Comunque, per la prima volta dopo 43 anni non so se andrò a votare. Un disastro.

    "Mi piace"

  8. C è parecchio di vero ma non vedo come chi ha votato 5S possa votare altri partiti.
    Chi si astiene la darà vinta a Renzi che diceva i 5S non dobbiamo cambiarli ma convincerli a non votare.

    "Mi piace"

  9. Talmente innamorati del Pd che alle amministrative 2021:
    1- hanno permesso al Pd di candidare la qualunque a Roma contro la Raggi senza darle mai un sostegno concreto se escludiamo la apparizione formale Dell ultima sera di campagna elettorale
    2- la sera dei risultati mentre a Roma si misurava la disfatta di Raggi i due principali esponenti del movimento sono andati di corsa a Napoli per festeggiare la vittoria del candidato del pd.
    Adesso sarà dura risalire la china!

    "Mi piace"