I voti contano, ma gli appelli pesano (di più?)

In che misura l’appellocrazia può contare più del voto? Proviamo a spiegare. In queste ore si moltiplicano le invocazioni per convincere Mario Draghi a non lasciare Palazzo Chigi. La petizione sottoscritta da mille sindaci, anche di centrodestra. Le pressioni della […]

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – In che misura l’appellocrazia può contare più del voto? Proviamo a spiegare. In queste ore si moltiplicano le invocazioni per convincere Mario Draghi a non lasciare Palazzo Chigi. La petizione sottoscritta da mille sindaci, anche di centrodestra. Le pressioni della Confindustria, locale (Puglia, Romagna, Assolombarda) e nazionale. Dei sindacati, perfino da parte del brusco Maurizio Landini per un governo “nel pieno delle sue funzioni per rispondere ai problemi delle persone”. E poi, medici, infermieri e titolari di farmacie, addetti alla logistica, armatori e camionisti: tutti imploranti SuperMario resta con noi. E poi, le suppliche della società civile, veicolate dalle firme più prestigiose: Natalia Aspesi ed Evelina Christillin su Repubblica e, particolarmente accorato, il messaggio di Antonio Scurati sul Corriere della Sera (“ Caro presidente, ecco perché non deve mollare”). Determinanti, ovviamente, le pressioni del G7, tra cui spiccano Biden, Macron, Scholz, Von der Leyen. Senza contare la grande finanza internazionale che, ovvio, si sarà fatta sentire con il supergarante del superdebito italiano.

Primo: è un elenco forse senza precedenti nella storia delle democrazie europee, e dunque da prendere molto sul serio. Secondo: non sappiamo se e come questa vigorosa spinta circolare sarà accolta dal diretto interessato. Sappiamo però che nel caso di una sua risposta positiva renderà, di fatto, inutilizzabile la richiesta di elezioni anticipate avanzata da Giorgia Meloni. Domanda: mercoledì, se il premier dovesse ritirare le dimissioni, quanto questa sua decisione dipenderebbe dalla rinnovata fiducia del Parlamento? E quanto sarebbe invece la diretta conseguenza della insistente spinta di cui sopra, visto che quella stessa fiducia gli è stata votata, giovedì scorso, e in forma larghissima? È un quesito che si potrebbe riproporre quando, prima o poi, il Paese sarà chiamato a rinnovare le Camere. Nel caso, una volta aperte le urne, si formasse subito una maggioranza di governo chiara e netta, nulla quaestio. Se, invece, i risultati non fossero così chiari e netti, chi potrebbe impedire una ri-chiamata di Mario Draghi a furor di petizioni? Infatti, i voti contano ma gli appelli pesano.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

8 replies

  1. Anche i Maneskin hanno preso posizione:

    ”Anche se a qualcuno non piacerà, Fuck Conte, ‘fangulo il Parlamento!’

    Mentre i Marlene Kuntz hanno scritto già da tempo una canzone dedicata proprio a Draghi:

    E poi Lucentini con i suoi accorati appelli al Drago:

    "Mi piace"

  2. ULTIM’ORA!
    Qui, Quo, Qua, Pippo, Pluto, Paperino, Topolino e la Banda Bassotti chiedono che Draghi resti al governo
    Mattarella e Draghi stesso non potranno non tenerne conto.

    "Mi piace"

  3. Ridicola manifestazione pro’ draghi a Milano e Roma ideata da un giovane promettente militante di Italia viva nonché brillante studente della luiss…..mi domando ma una grande manifestazione operaia di come non se ne vedono da decenni quando la organizzano tutti quelli che hanno a cuore la tenuta sociale del paese (Landini in primis) portando il grido di famiglie e povera gente ridotta alla fame fin sotto il Quirinale dove forse c’è ancora qualcuno che sa’ ascoltare il popolo italiano 🤔

    "Mi piace"

  4. “tutti imploranti SuperMario resta con noi.”

    Resta con noi, non ci lasciar, la notte mai più scenderà.

    In effetti, ormai siamo a quel livello. Da Agnus Dei.

    "Mi piace"

  5. Confesso la mia ignoranza, non conoscevo questo Lucentini e mi ha fatto ridere
    La parodia è la presa per il culo di qualcuno facendogli il verso
    E la presa per il culo dei leghisti con un approccio sgangherato che più leghista non si può, alla Zaia, è carina
    Meno interessanti le musichette alla Matzinga& C

    "Mi piace"

    • E’ la generazione anni ’70-’80, quelle musichette in realtà valgono molto per noi, sono degli archetipi. Luce è del ’75, quindi ci è nato in mezzo e in effetti, ha cominciato facendo le canzoni di Goldrake a Lucca.

      "Mi piace"