Dacci oggi la nostra gaffe quotidiana!

 (Daily Mail) – Non c’è giorno che passa senza che Joe Biden ci regali una piccola gaffe, tanto da sollevare spesso dubbi sulle sue capacità mentali. Così è successo ieri, quando, durante un incontro con i dirigenti dell’industria eolica alla Casa Bianca, il presidente degli Stati Uniti ha mostrato per sbaglio a favore di telecamera il bigliettino che il suo ufficio gli aveva preparato con le indicazioni sul da farsi. L’elenco era composto da più punti, con istruzioni come «prendi posto», «fai brevi commenti», «te ne vai».

Durante l’incontro con i dirigenti nella Roosevelt Room alla Casa Bianca, Biden ha mostrato per errore ai fotografi l’elenco in otto punti su come comportarsi. Le istruzioni erano intitolate «Sequenza di eventi» e la prima indicazione era «entra nella Roosevelt Room e saluta i partecipanti».

L’elenco proseguiva con «Prendi il tuo posto», poi «entrano i giornalisti» e solo a quel punto «Fai brevi commenti (2 minuti)». Poi, una volta usciti i giornalisti, il presidente doveva «fare una domanda a Liz Shuler, presidente di AFL-CIO», quindi «ringraziare i partecipanti» e «andare via».

L’incontro si è concluso senza ulteriori incidenti, ma i fotografi si sono resi conto presto delle immagini che avevano in mano. E hanno subito notato che chi ha scritto l’elenco si è rivolto al presidente con il pronome “YOU” (tu), e non “THE PRESIDENT”, proprio a denotare il carattere confindenziale della nota.

Un incidente simile era già successo lo scorso luglio mentre Biden era in videocollegamento. Gli era stato recapitato un biglietto che lo avvertiva che da circa 10 minuti stava parlando con la bocca sporca. «Signore, c’è qualcosa sul tuo mento» diceva il biglietto, che anche in questo caso è stato offerto distrattamente a favore di telecamera.

E ancora ad inizio anno, le telecamere hanno ripreso il bigliettino che il presidente teneva in mano per rispondere alle domande sulla guerra in Ucraina. Gli appunti elencavano le domande che avrebbero potuto fargli e le relative risposte. «La guerra minaccia di frantumare l’unità con i tuoi alleati Nato?» diceva una delle domande. E la risposta: «No. La Nato non è mai stata così unita».

https://www.dailymail.co.uk/embed/video/2471291.html

Categorie:Cronaca, Mondo, Politica

Tagged as: , ,

28 replies

  1. Un burattino nelle mani del sistema.
    Tutto il mondo è paese. La manipolazione delle masse produce questi risultati.
    Una élite a livello globale domina la massa come un gregge di pecore.
    Negli USA hanno avuto il loro uomo di colore, Obama, per far passare il messaggio che fosse un uomo del popolo, poi avevano puntato su Hilary Clinton facendo leva sul genere femminile, così come avviene da noi, ma hanno toppato ottenendo Trump, il loro Berlusconi a stelle e striscie, per arrivare in ultimo a questo burattino.
    Tutto pianificato nei minimi dettagli e se il popolo, solo per puro caso, riesce a fare una scelta sensata, passano alle maniere forti.
    Tutto il mondo è paese…

    Piace a 4 people

  2. Non esistono democrazie né dittature, solo oligarchie in accordo vel in lotta tra loro.
    Anche nel caso del Presidente dei Presidenti è assai evidente.

    "Mi piace"

    • Guardi la classifica di Forbes – e non i nuovi arrivati- e ci metta un bel po’ di industria militare. Uomini compresi.

      "Mi piace"

  3. Per cui, mi domando, con chi ha parlato Draghi quando è andato a Washington?
    Cosa ha ottenuto o che ordini ha ricevuto?
    Gli è stato chiesto qualcosa in merito in Parlamento?

    spesso Dagospia rilancia delle bufale oppure si trastulla con l’immondizia
    ma cercando una notizia di Di Maio che incontrava qualcuno in segreto ho trovato questo:
    è del 11 Luglio 2020
    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/luigino-incontra-tutti-far-fuori-conte-ndash-faccia-faccia-241856.htm

    "Mi piace"

    • Aaah come sei caduto in basso anche tu Metropolis: avvalersi di Dagospia come una Gazzella qualsiasi!

      Mi è piaciuto però il tuo mettere le mani avanti per non battere violentemente la faccia:

      “…spesso Dagospia rilancia delle bufale oppure si trastulla con l’immondizia ma cercando una notizia di Di Maio…” ahah…

      Suona un po’ come il nénéismo di Travaglio:

      “…la storia della guerra civile ucraina culminata il 24 febbraio nell’aggressione criminale di Putin…”

      con il quale si tenta di non urtare la suscettibilità di nessuno.

      Te lo dico da verace sociopatico: credimi ho molta esperienza in merito.

      "Mi piace"

      • “ma cercando una notizia”
        s’intende cercare generico, googleando, search ecc..
        tra le altre cose è venuto fuori questo di dagospia che mi ha incuriosito
        ed in effetti col senno di poi, al tempo, l’ha centrato in pieno.
        A me interessa che una notizia sia attendibile non chi la divulga, certo la reputazione è una valida discriminante.
        Circa Travaglio, non pendo dalla sua bocca o meglio dai suoi scritti, è una persona che svolge il mestiere di direttore di giornale che scrive il suo pezzo ogni giorno, anche qui però vale la reputazione personale, poi ognuno si fa propria opinione ecc. ecc.
        secondo la propria indole e sensibilità.
        personalmente sono onnivoro riguardo alle fonti.

        Piace a 2 people

      • Sì, perfetto Adriano, ma io mi riferivo al fatto che “A me interessa che una notizia sia attendibile non chi la divulga…”, all’epoca della Gazzella, tu eri uno di quelli che non sembrava affatto di quest’idea, ché insieme a tanti altri – uno per tutti: NAPOLEONE CON LO SCOLAPASTA IN TESTA -, la sputtanava, o comunque avvallava quelli che lo facevano, proprio perché si avvaleva di Dagospia, a prescindere dal merito.

        E’ un po’ quello che sta succedendo con la guerra in Ucraina: prima, quando riportavano le notizie in controtendenza sulla pandemia, i vari Mazzucco, Toscano, Balanzoni, Radio Radio, ecc., ecc… solo per il fatto di essere loro, le notizie che ne uscivano erano delle balle a prescindere. Adesso che si sono rimescolate le carte e che molti dei loro detrattori si sono ritrovati indirettamente apologeti, allora, stranamente, interessa la notizia e non chi la esprime.

        Beh, l’atteggiamento non è molto coerente, se permetti… Magari la coerenza, per alcuni, non è nemmeno un valore, e vabbè, ma questo è un altro discorso…

        Piace a 1 persona

      • ammetto di aver postato (qualche volta) contro le iperboli folli della GAZZELLONA e il fatto che si abbeverasse su DAGOSPIA
        insomma dai
        era la sua unica FONTE
        adesso non fare il bastian contrario a tutti i costi
        la GAZZELLONA era indifendibile, la consideravo una folle bisognosa di cure
        tanto è vero che dopo i primi post me ne sono completamente disinteressato.

        Adesso ne fai una questione di principio
        sai quanti si sono fidati, IN BUONA FEDE, di quello che le autorità mediche predicavano?
        e sai quanti scettici a riguardo c’erano?
        Il medico del lavoro a cui si sono avvalsi due miei collaboratori, per essere esonerati dalla vaccinazione quali lavoratori fragili, ha testualmente dichiarato: IL COVID NON ESISTE PIU’, questo a settembre 2020
        abbiamo risolto lo stesso, ma ognuno ha fatto quello che poteva e ha potuto

        Piace a 1 persona

      • Mr ?

        evidentemente Adriano non approvava il resto che diceva la Gazzellona, per esempio TRAVAGLIO FRIGO CONIGLIO.

        Da scemi, anche citando la BBC.

        "Mi piace"

  4. Non ci credo. La regia è quella hollywoodiana attenta ai minimi dettagli. È fatto apposta secondo il criterio:” Nun so’ fesso ma faccio o’ fesso, perché facendo o’ fesso ti faccio fesso”.

    "Mi piace"

  5. Il giorno in cui si è girato ed ha allungato la mano verso il nulla, forse gli avevano scritto “Girati e stringi la mano”…purtroppo lui si è girato a destra e invece erano tutti a sinistra! 🤦🏻‍♀️😆

    Piace a 5 people

  6. “Istruzioni per burattino Joe
    Date: 24 Giugno 2022Author: ilsimplicissimus

    Nella foto in apertura ecco il presidente degli Stati Uniti Biden ad incontro di giovedì scorso alla Casa Bianca con i lobbisti dell’industria eolica: tra le dita tiene un foglietto, preparato dal suo staff in cui è specificato punto per punto ciò che deve fare, a chi rivolgersi, chi salutare e come, a chi stringere la mano e persino le cose più elementari tipo ” “Entra nella stanza Roosevelt e saluta i partecipanti”: Disgraziatamente invece di tenere il foglietto dal verso giusto lo ha esposto ai fotografi mostrando così l’algoritmo di funzionamento del presidente degli Stati Uniti compreso anche il fatto che le parole tu e tuo ( you e your) sono scritte in maiuscolo visto che Biden spesso si confonde non solo su dove si trova e con chi sta parlando, ma anche su chi è. Molti cominciano a pensare che si dovrebbe fare un reso come accade con Amazon la quale del resto non è del tutto estranea all’elezione (su fa per dire) di un simile presidente, ma è difficile perché il vice di Joe benché sia ancora nella pienezza delle sue facoltà non sembra averne abbastanza per vendere un hamburger e magari avrebbe anche qualche moto di resistenza ai fili che vengono tirati. Così Kamala è diventata il più grosso ostacolo per chi pensa che sia ora di liberarsi di un presidente le sui condizioni peggiorano di giorno in giorno. Non ovviamente per avere un vero presidente, ma per mettere qualcuno che possa sembrarlo.”.

    Piace a 4 people

  7. 😂🤣😂🤣
    Spero che l’intero articolo sia ironico…..
    Se così non fosse affrettiamoci a prenotarci un loculo in un cimitero decente.

    "Mi piace"

  8. Off Topic (ma sempre USA)

    “Usa, la Corte Suprema annulla la sentenza Roe v. Wade del 1973 sul diritto all’aborto: “Non è garantito dalla Costituzione”

    e questi si sentono la guida del mondo occidentale a cui il nostro governo si prostra in obbedienza

    "Mi piace"