Conferenza Stato-Regioni: “Il governo non ha soldi per la sanità, per le armi sì”

Responsabile Salute Donini: “4 mld di spese Covid e zero rimborsi”. Il pacifismo in questa drammatica fase storica è diventato un esercizio un po’ complicato. Chi lo pratica è esposto a molti rischi. Eppure c’è qualcosa di molto concreto che spariglia le carte […]

(DI GIAMPIERO CALAPÀ E NATASCIA RONCHETTI – Il Fatto Quotidiano) – Il pacifismo in questa drammatica fase storica è diventato un esercizio un po’ complicato. Chi lo pratica è esposto a molti rischi. Eppure c’è qualcosa di molto concreto che spariglia le carte e non fa mai quadrare del tutto i conti. Perché mentre il governo porta al 2% del Pil la spesa militare, il sistema sanitario italiano si lecca le ferite (dopo essere stato travolto dalla pandemia), alla disperata ricerca di risorse – per ora insufficienti – per risollevarsi. E infatti in terra d’Emilia – concreta, laboriosa – c’è chi sta mettendo in fila tutto e facendo un po’ di conti. Questo qualcuno non è un qualcuno qualsiasi, ma Raffaele Donini, esponente di spicco del Partito democratico a Bologna e assessore regionale alla Salute oltreché coordinatore della commissione Sanità della Conferenza delle Regioni. Ruolo in base al quale ieri, al termine della riunione straordinaria della commissione, in sessione congiunta con quella del Bilancio, ha ricevuto il mandato di redigere un documento da sottoporre all’attenzione della Conferenza Stato-Regioni.

Documento per chiedere al governo tre cose. “Primo: che lo Stato rimborsi al più presto alle Regioni i quasi quattro miliardi in più spesi per combattere la pandemia, tra cure e campagna vaccinale – dice Donini –. Secondo: che venga sancito il principio che una Regione non può andare in disavanzo per la spesa assorbita dall’emergenza. Terzo: che a fronte delle spese che lo Stato non riesce a coprire si preveda un piano di ammortamento pluriennale”. Ma questo è solo l’incipit. Perché il vero nodo è un altro. “Se ci sono le risorse per le armi, allora un minuto prima ci devono essere le risorse per la sanità – dice Donini –. Adesso si discute di aumentare la spesa militare. Ma noi è da un anno e mezzo che chiediamo al governo di intervenire in maniera definitiva per la sanità. Perché tra un decreto e l’altro non è che possiamo vivere di speranza. In questo modo non possiamo procedere con una serena programmazione”.

Donini ieri ha postato su Facebook le sue considerazioni. Scrivendo, in sostanza, che prima ancora di pensare alla spesa militare bisognerebbe pensare “alla sanità pubblica e universalistica del nostro Paese che fatica in tutte le Regioni a far tornare i conti”. Poi ha accettato di spiegare perché al Fatto. Partendo proprio dall’Emilia-Romagna, esempio di eccellenza sanitaria. “Eppure per chiudere il bilancio abbiamo dovuto attingere a riserve per 400 milioni che non dovevano essere destinate a coprire le spese sostenute per la pandemia”, spiega, confermando che ora tutte le Regioni hanno gli stessi problemi. E poi ci sono gli altri fronti aperti. E che fronti. Da quello del personale (“siamo in fase di rinnovo del contratto e mancano ancora 300 milioni di copertura”) al caro-energia (“con i fortissimi rincari delle bollette che stanno mettendo in ginocchio gli ospedali: l’ultimo decreto del governo non basta”). Per arrivare al fondo sanitario nazionale “che va incrementato”, al piano di riassorbimento delle liste d’attesa “che costa, se abbiamo speso miliardi per la pandemia adesso li dobbiamo spendere per recuperare”. Senza tralasciare cosa prevede il Def, rammenta Donini: “Nel 2020 la spesa sanitaria era al 7,4% del Pil, nel 2021 è scesa al 7,2% e nel 2024 tornerà al 6,3%. Nella fase più critica dell’emergenza avevamo giurato che mai più avremmo tagliato la spesa per la salute e invece… Per questo io dico che ancora prima della questione delle armi va affrontata la questione della sanità”.

Anche perché il futuro non è affatto una strada in discesa. C’è il sistema post Covid da programmare, partendo dalla riforma della medicina territoriale. Poi la necessità di incentivare anche economicamente il personale sanitario e di rafforzare la rete dei medici di famiglia. “Ma tutto questo – dice Donini –, si fa solo con un finanziamento strutturale a bilancio. E cosa dobbiamo fare di più per dimostrare come sia irrinunciabile una sanità pubblica universalistica? È il bene più prezioso di cui dispone una nazione”.

Ma è una questione di priorità dopotutto e la direzione intrapresa dal premier Mario Draghi, col sostegno del Pd di governo, il partito di Donini, è puntare a tutta forza sulla corsa al riarmo con buona pace di chi ha evocato scenari di altre future pandemie, per non parlare dell’ulteriore taglio alla martoriata scuola pubblica (dal 4 al 3,5% fino al 2025 compreso) con la scusa dell’aumento dell’età media della popolazione. L’Italia entrerà a pieno titolo nel consesso che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva ribattezzato “club del 2%”, i Paesi della Nato che già nel 2021 spendevano più del 2% del Pil per la Difesa: Grecia (3,59%), Usa (3,57), Polonia (2,34), Regno Unito (2,25), Croazia, Estonia e Lettonia (2,16), Lituania (2,03).

Invece la spesa sanitaria per il governo cosiddetto “dei migliori” calerà dello 0,6% annuo, appunto, per il prossimo triennio. E lo scenario di partenza, che all’inizio della pandemia ha fatto trovare il Sistema sanitario se non in ginocchio almeno in grande difficoltà, è quello registrato dai dati elaborati dal Crea, il Centro per la ricerca economica applicata alla sanità: dal 2012 al 2019 l’Italia ha aumentato le spese di sanità pubblica dello 0,8% medio annuo, circa appena un quarto del 3,3% di aumento medio annuo centrato nello stesso arco temporale dai 14 paesi europei economicamente più forti, quelli che fanno parte dell’Ue almeno dal 1995. E nel 2020, per altro, come hanno calcolato sempre i ricercatori del Crea, nonostante gli aumenti per l’emergenza sanitaria anti-Covid “la crescita italiana è rimasta inferiore di 1,5 punti percentuali rispetto alla media europea”.

Insomma, se i ministri di Salute e Istruzione Roberto Speranza e Patrizio Bianchi devono ingoiare rospi, per quello della Difesa Lorenzo Guerini il piatto è ricco.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

3 replies

  1. Non li malediremo mai abbastanza a questi criminali.

    Mai.

    La gente muore e questi pensano ad armarsi per far contento Profumo di Leonardo e la lockheed???

    "Mi piace"

  2. L’asilo è qui cascato, si è fratturato, in ospedale è finito, non è stato curato per carenza di personale e stanziamenti, soldi per curarsi in regime libero non ne aveva, ora è morto, abbandonato e dimenticato su una barella in un corridoio verdolino del PS, tra blatte e mascherine usate.
    Ora suo figlio potrà andare con la soma al fronte, felice di servire la Patria che suo padre, prima di cascare, ha armato.

    Piace a 1 persona

  3. Un episodio molto significativo, che si porta dietro tutti gli altri:

    https://www.ilrestodelcarlino.it/cesena/cronaca/olimpiadi-di-matematica-2022-errore-1.7655751

    Ma esiste un esame, un concorso, una Maturità,… in cui coloro che devono “scegliere ” e giudicare non si sbaglino rivelandosi assai meno attrezzati dei “giudicati”? E va bene quando qualcuno se ne accorge e protesta!
    Immaginiamo chi ci guida nelle Città, nelle Regioni, in Parlamento, al Governo, chi possiede e scrive sui giornali, chi ha in mano i media … e tiriamo le somme.

    Tirando a sorte i “responsabili” si otterrebbe di più.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...