Grillo il Cinese

(Massimo Gramellini – corriere.it) – Beppe Grillo si è schierato, finalmente. Non per la Russia, come immaginava qualche anima semplice, ma direttamente per la Cina.

Da vero visionario, ha saltato i passaggi intermedi della Storia per gettarsi subito tra le braccia del futuro padrone, lubrificando il proprio blog con un soffietto imbarazzante sulle meraviglie del «pacifico» modello di globalizzazione cinese. Da contrapporre, s’ intende, a quello guerrafondaio dei sulfurei occidentali che hanno invaso l’Ucraina per interposto russo, così da poter sparare addosso ai russi per interposto ucraino.

Purtroppo, il mancato apritore di scatolette di tonno, riciclatosi in collezionista di ecoballe cinesi, è già stato smentito dalla realtà. I suoi pacifici modelli di efficienza hanno sbagliato completamente strategia sul contenimento del Covid e hanno dovuto riconoscere che il loro vaccino era persino più scalcagnato dello Sputnik. Perciò adesso stanno sperimentando a Shanghai una forma piuttosto estensiva di green pass: sigillano i cittadini dentro le case, mettendo i recinti intorno agli edifici, oppure li costringono a dormire direttamente in fabbrica.

Sarebbe interessante sapere che cosa ne pensano certi intellettuali nostrani, giustamente sensibili alle ragioni della libertà. Quanto al Grillo folgorato sulla via della Seta, l’unica motivazione plausibile è l’invidia per il collega ucraino. Da quando gli hanno spiegato che l’ex comico Zelensky è il fantoccio di Biden, muore dalla voglia di diventare quello di Xi Jinping.

34 replies

  1. Il bavoso fantoccio ha depositato anche oggi il suo escremento. Però sul mancato sventramento della scatola di tonno, impossibile non dargli ragione

    Piace a 3 people

  2. da quando scriveva libri ,questo poveruomo che scrive solo cazzzz…e al servizio ora della Rai ora del padrone della carta non sa più

    che pesci pigliare ,sembra un pugile suonato per il tizio importante e pigliarsela con i 5s sia chi sia sembra che abbia l ossessione

    che ritornino e che perda il lavoro pagato da noi contribuenti va a ciapa i rat piemontese falso e cortese

    Piace a 2 people

  3. Anche per oggi il gramella ha defecato il suo astio nei confronti del mondo. Supposizioni, insinuazioni, attacchi campati in aria e totalmente gratuiti. Adesso ha ricominciato ad accumulare per domani…

    Piace a 2 people

  4. @ gylly, per fortuna non tutti i piemontesi sono “falsi e cortesi”. Travaglio, la ex Sindaca Appendino e altre migliaia di persone non hanno nulla a che vedere con il piccolo uomo raccomandato, di cui si discute.
    In dialetto torinese le iniziali del cognome Gram… indicano una persona ” grama ” – ” chiel li a le’ gram”- ( quello lì è cattivo)
    Evidentemente era già predestinato dal suo cognome a fare una vita da servo strisciante.
    Cordialità

    Piace a 4 people

  5. Il modus operandi del Gramo lo conosciamo ormai… Purtroppo
    “Parlando in Gramellinese”
    Noi, gramelliniani della prima ora, siamo affascinati dalla rubrica fissa che il sempre spiritoso banalista del Corriere dedica ogni giorno al professor Orsini. E ci interroghiamo sulle cause di quest’ossessione che porta le meglio firme del bigoncio a sognarselo ogni notte e a tentare di demolirlo ogni giorno, con l’unico risultato di renderne ancor più proibite (dunque accattivanti) le tesi. Il sospetto è che questi noti frequentatori di se stessi, che appena mettono il naso in tv sortiscono effetti più definitivi dei diserbanti e dei narcotici, non si diano pace (absit iniuria verbis) per gli ascolti all’insù di Orsini e i sondaggi all’ingiù dei bellicisti. Il guaio è che, portando l’elmetto sulle ventitré, hanno la visuale ridotta e non notano la ridicolaggine dei loro argomenti. La Tocci intimò a Orsini di non parlare di Russia e Ucraina perché non c’era mai stato (un po’ come il Papa quando parla dell’Aldilà e della Croce). L’ambasciatore Sessa affermò di saperne più di Orsini perché, essendo più anziano, ha studiato più di lui (io, per dire, ho la patente da 39 anni e Leclerc solo da sei, quindi guido meglio io).

    Ora Gramellini dà del “gran paraculo” a Orsini per aver detto: “Io sono antifascista, nessuno è più antifascista di me, eppure mio nonno durante il fascismo ha avuto una vita felice”. Purtroppo Orsini non l’ha mai detto. Ha detto – insidiando pericolosamente Massimo Catalano (“meglio sposare una donna bella, giovane e ricca che una donna racchia, vecchia e povera”) – che per un bambino è meglio vivere sotto una dittatura che morire sotto le bombe: infatti suo nonno, da bambino, fu felice nei primi anni del fascismo, che iniziò le sue guerre quando era già adulto. Solo un imbecille o un paraculo potrebbe vedere in questa indiscutibile ovvietà una riabilitazione del fascismo: infatti Gramellini l’ha vista. Purtroppo l’elmetto sugli occhi gli ha impedito di vedere un vero riabilitatore dei nazisti: Gramellini, che un mese fa su Rai3, pagato coi nostri soldi (diversamente da Orsini), sciolse un epinicio all’eroico comandante nazista del battaglione Azov, la simpatica milizia ucraina con le svastiche stilizzate che da 8 anni viene denunciata da Onu, Osce e Amnesty per crimini di guerra e torture nel Donbass ai danni dei civili russofoni e ora, armata fino ai denti dai buoni, s’è asserragliata nell’acciaieria di Mariupol con centinaia di donne e bambini da usare come scudi umani. Sono i bimbi che tanto preoccupano quel fascista paraculo di Orsini e che presto l’intrepido antifascista Gramellini esalterà come mascotte volontarie della Azov Jugend, fiere di resistere nell’acciaieria con la svastichetta sul bavaglino. Ora indovinate un po’ chi è il fascista. E soprattutto il paraculo.
    M. Travaglio

    Piace a 3 people

  6. Anche un orologio rotto ogni giorno segna due volte l’ora giusta.
    Pur senza fare apposta ( in quanto cerebroleso cronico) il gramelluccio oggi ne ha detta una indiscutibilmente esatta:
    zelenski è il fantoccio di biden.

    Piace a 2 people

  7. Invece il modello italiano, quello con la media di 5000/6000 morti al mese nel 2022(ed il trend annuale sembra quello)con gente che muore senza cure nonostante il 90% e passa della popolazione vaccinata sarebbe quello da seguire!
    Ma mi faccia il piacere!

    "Mi piace"

  8. Non si potrebbe fare a meno di pubblicare gli articoli vergognosi e insolenti di Grmellini?
    Gli toglierei la cittadinanza italianam, se potessi. Non è lo si può più tolllerabile. È indecente.

    Piace a 3 people

    • Viviana purtroppo il problema non ė infosannio…..
      Il problema è che quell’idiota del gramelluccio scrive sul corriere e parla alla rai.
      Nel caso della rai la faccenda è ancora più grave perchė lo paghiamo noi.
      Viviamo di fatto in un monopolio mediatico in cui il 99% dell’informazione dice solo quello che più fa comodo al governo.
      Fa niente se poi sono tutte minchiate…….più idiozie scrive il gramelluccio più il draghetto e gli altri furfanti se la godono alle nostre spalle.

      Piace a 2 people

    • @viviana
      Basta non leggerlo!
      Sai quanti articoli io non leggo appena vedo il nome del loro autore? Sono comunque contento che abbiano la possibilità di scrivere e di essere diffusi. Piuttosto mi dispiaccio di non trovare più articoli!

      "Mi piace"

    • Beh, certo, se uno è uno schiavo è evidente che lo è del proprio padrone: di cosa sennò? O esistono anche schiavi che comandano i propri padroni?

      Piace a 2 people

  9. Ma basta, bastaaa!! Il Gramella è veramente irricevibile, non se ne può più! Mi associo quindi integralmente alla critica di Viviana sopra. È vomitevole leggere le bojate di questo paraQ-lo prezzolato con dindi pubblici. Vomitevole e insopportabile! IN SOP POR TA BI LE!! 😡 🤢

    Piace a 2 people

  10. Lo detesto così tanto Grillo, ho di lui una idea così bassa come persona prim’ancora che come politico, che questo editoriale di Grammellini mi arrapa.
    Saluti a tutti, quando avrò un po’ di tempo leggerò anche le vostre cazzate.
    Viso ciao

    "Mi piace"

  11. Poareto l’ex mona si era innamorato di Grillo ma ora si sente tradito !
    Prima volava alto e vedeva solo stelle e faville adesso in depressione solo rabbia merdosa.

    "Mi piace"

  12. Gramellini scava fossati intorno a noi, spinge nella direzione indicata dal padrone: armi, più armi, armi più distruttive, immolazione dei civili per abbattere il tiranno Putin, poi magari guerra mondiale…..e c’è chi fattura su questa tragedia.
    Di Grillo non condivido nulla. Certo lo apprezzavo come comico, anche impegnato, ma sempre comico. Ho sperato nel Movimento, come spinta dei cittadini alla vera democrazia, Grillo era solo comunicatore. Poi il delirio di onnipotenza gli ha fatto mangiare la sua creatura, come Cronos mangiava i suoi figli.
    Però occhio che non c’è mai stata tanta necessità a costruire ponti verso est come oggi.
    Mi auguro si moltiplicheranno gli sforzi per aprire al dialogo internazionale verso i Paesi esterni all’asse atlantista.
    A forza di isolarci, facciamo la fine del sorcio.

    "Mi piace"