Napoli: Vomero “in festa”  per una buca recintata da sei mesi

La provocazione: buche adottate quali reperti storici

            “ Nel quartiere collinare del Vomero stamani si è “festeggiato” l’inizio del sesto mese della presenza della buca presente in via Luca Giordano, all’altezza del civico 164, con l’apposizione, sulla recinzione provvisoria (sic!), di una cartello che ha sostituito quello del precedente per ricordare il nuovo traguardo raggiunto dalla buca in questione “. A segnalare, ancora un volta, l’evento, tra l’ironia e il disappunto, è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, fondatore su Facebook del gruppo “Buche partenopee, vedi Napoli e poi…cadi”, che conta circa duemila iscritti. Lo stesso Capodanno già nelle scorse settimane aveva richiamato l’attenzione sulla vicenda senza che però la buca sia stata a tutt’oggi riparata.

           ” Purtroppo – sottolinea Capodanno –  oltre al traguardo raggiunto dalla succitata buca, nell’ambito del territorio del quartiere collinare partenopeo, sono sempre di più le strade e le carreggiate afflitte da problemi legati alla carenza di manutenzione e la situazione peggiora di giorno in giorno, anche perché non si provvede con la puntualità e la celerità necessaria a tappare le buche e gli avvallamenti, rimuovendo le recinzioni provvisorie che li delimitano. Oramai pedoni, autovetture, e motocicli sono costretti a fare lo slalom nel tentativo di evitare i dissesti, impresa che non sempre riesce con facilità “.

            ” Per risolvere l’annoso problema – sottolinea Capodanno – rilancio una provocatoria proposta, che focalizza bene l’ironia, mista a rabbia, con la quale oramai i napoletani affrontano la questione, dal momento che l’evento appena descritto non rappresenta affatto una novità, stante la presenza di altri transennamenti datati in strade e piazze del capoluogo partenopeo. La provocazione, tesa a rimarcare la latitanza di quanti, a tanto preposti, non provvedono a una costante quanto idonea manutenzione delle strade, è quella d’invitare commercianti, aziende e singoli cittadini ad “adottare”, così come già si fa per le aiuole comunali, i dissesti, le buche e gli avvallamenti stradali non riparati per tempo. Sul cartello che verrà esposto nei pressi, oltre al nome dell’adottante,  verranno, in questo caso, indicate la circostanza e la data nelle quali l’evento si è verificato, oltre al periodo di permanenza, alla stregua di un vero e proprio reperto storico “.

            Capodanno con l’occasione rivolge l’ennesimo appello affinché gli uffici dell’amministrazione comunale a tanto preposti provvedano in tempi rapidi a eliminare, con interventi definitivi, dalle strade e dalle piazze tutti gli avvallamenti e tutte le buche attualmente presenti, anche al fine di garantire la sicurezza sia dei pedoni, sia, in relazione ai dissesti presenti sulle carreggiate, degli occupanti degli automezzi a due e a quattro ruote.