Chi ha detto che il caporalato esiste solo al sud?

(Paolo Baroni – La Stampa) – C’è tanto Nord, dalle aree agricole del Mantovano e del Pavese in Lombardia, al Veneto (con una concentrazione altissima soprattutto nel Vicentino e nel Padovano) e poi tutta la Romagna e molte zone dell’Emilia e ancora il Monferrato e l’alto Cuneese in Piemonte: su 405 località dove lo sfruttamento del lavoro nei campi è più forte, «solo» 191 sono al Sud e nelle Isole, mentre ben 129 si trovano nell’Italia settentrionale.

Questa è la «Geografia del caporalato», come recita il titolo del primo «quaderno» realizzato dall’Osservatorio Placido Rizzotto della Flai-Cgil, presentato venerdì scorso alla Sapienza di Roma.

La costruzione della mappa regione per regione, che in qualche modo sfata il mito del Mezzogiorno come epicentro dello sfruttamento sistematico della manodopera nei campi, è stata effettuata incrociando in maniera rigorosa e scientifica interviste on line raccolte dai sindacalisti della Flai che operano in tutto il territorio nazionale con le singole operazioni di Polizia giudiziaria e le denunce degli stessi lavoratori e del Terzo settore.

In un Paese dove, stando alle ultime statistiche, quasi 4 dipendenti su 10 risultano irregolari, la regione dove il fenomeno del caporalato è più evidente è la Sicilia, con 53 aree segnalate, a seguire Veneto con 44, quindi Puglia (41), Lazio e Calabria con 39, e poi Emilia (38), Campania (28), Toscana (27), Piemonte (22) e Lombardia 21. In totale: nel Nord Ovest risultano 45 zone, 84 nel Nord Est, 82 al Centro, 123 al Sud e 71 nelle Isole.

«Sfruttamento, caporalato, lavoro irregolare e mancata applicazione dei contratti sono andati assumendo confini geografici sempre più ampi nel nostro Paese, annidandosi anche in comparti caratterizzati da produzioni d’eccellenza con alto margine di profitto e coinvolgendo un numero crescente di lavoratori italiani e stranieri – spiega il segretario generale della Flai Giovanni Mininni -.

Si è radicata così in noi la convinzione sempre più forte che l’azione di denuncia dovesse proseguire e che fosse necessario avviare un percorso volto ad accendere un riflettore su questo fenomeno, per conoscerlo più a fondo e per contribuire a creare gli strumenti adatti a contrastarlo, per tutelare i tanti lavoratori coinvolti ma anche per spezzare l’odioso dumping basato sullo sfruttamento del lavoro, che fa delle aziende regolari altrettante vittime di questo sistema».

Secondo il prefetto di Reggio Emilia Iolanda Rolli, in passato commissario straordinario a Manfredonia con l’incarico della lotta al sommerso, «dietro al caporalato c’è criminalità e mafia, il caporalato è una lavatrice di soldi.

Negli ultimi anni sono state portate alla luce situazioni problematiche che confermano come nel settore agricolo italiano lo sfruttamento lavorativo sia radicato e strutturale» e colpisca soprattutto i lavoratori stranieri (il cui numero è in fortissimo aumento) «che versano in condizioni di grave vulnerabilità sociale, costretti a spostarsi tra i diversi ghetti italiani», vivendo così «in luoghi di marginalità, privi di diritti e isolati dalla società».

Per contrastare questo fenomeno, a parere del prefetto, «è necessario mettere a sistema tutte le azioni, ma bisogna partire dalla conoscenza: occorre conoscere il fenomeno campo per campo, ghetto per ghetto».

Anche per queste ragioni la Flai ha deciso di mettere a disposizione delle istituzioni e della collettività i risultati delle proprie ricerche. «Il lavoro di condivisione delle informazioni è basilare per contrastare il fenomeno e però – denuncia Mininni – dobbiamo constatare, non senza rammarico, che a distanza di oltre cinque anni dall’entrata in vigore della legge 199 lo Stato non è ancora riuscito a far rete tra le banche dati dell’Ispettorato nazionale del lavoro, dell’Inps, di Agea, così come prescritto dalla legge.

Una lacuna grave da parte delle istituzioni, a volte prigioniere di burocrazie troppo farraginose, che non permettono di trovare la giusta modalità per mettere in campo un’azione veloce ed efficace, mentre la criminalità si muove e prospera con enorme rapidità».

Secondo Mininni è infatti «fondamentale non abbassare la guardia, in particolare in questa difficile congiuntura economica determinata dalla pandemia, perché quest’ultima non diventi ulteriore elemento di giustificazione per perpetrare illeciti e sfruttare i lavoratori».

2 replies

  1. «Geografia del caporalato»
    purtroppo è molto parziale
    il fenomeno è molto più esteso di quello che si denuncia
    non ci sono abbastanza ispettori per controllare le campagne, i laboratori di lavorazione e confezionamento
    per di più il fenomeno segue le stagioni di raccolta

    "Mi piace"

  2. Lo sanno benissimo! Ma conviene a tutti stare zitti e boni !! Arrestesterebbero tutti gli ” im prenditori italiani ” andiamo avanti cosi da secoli!

    "Mi piace"