Dosi di vaccino da fare ogni 3-4 mesi, renderli obbligatori è assurdo

Il governo ha definito la nuova strategia contro il Covid, mentre nei prossimi giorni si attende l’ennesimo possibile record di contagi, verso quota 200mila anche nel nostro Paese. Abbiamo chiesto ad Antonio Cassone, membro dell’American Academy of Microbiology, già direttore della sezione Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità […]

(DI PETER D’ANGELO – ilfattoquotidiano.it) – Il governo ha definito la nuova strategia contro il Covid, mentre nei prossimi giorni si attende l’ennesimo possibile record di contagi, verso quota 200mila anche nel nostro Paese. Abbiamo chiesto ad Antonio Cassone, membro dell’American Academy of Microbiology, già direttore della sezione Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità, cosa ci aspetterà nelle prossime settimane e se quanto messo in campo dal governo sarà sufficiente a contenere l’ondata.

Il governo ha deciso per l’obbligo vaccinale per gli over 50.

Credo che sia assurdo proporre un obbligo quando ci si avvia ad avere il 90% dei vaccinati. Ricordo che l’obbligo comunque prevederebbe un’approvazione formale dei vaccini e non l’autorizzazione emergenziale, e dovrebbe essere accompagnato da una specifica legge risarcitoria per chi, nell’interesse della collettività, viene danneggiato dal vaccino. E poi, con un vaccino che non blocca efficacemente il contagio? Nella situazione in cui siamo temo possa essere facilmente evitato dai No Vax duri e puri per via giudiziale.

In Germania, il ministro della Giustizia ha affermato: “Se il vaccino serve a proteggere solo per 2-3 mesi, non ha senso renderlo obbligatorio”.

Quando si arriva a proporre una vaccinazione ogni 4 mesi, peraltro senza adeguata sperimentazione, vuol dire di fatto ammettere che questo vaccino non funziona, ne servono altri.

Alcuni scienziati come Alessandro Vespignani ieri su LaStampa chiedono al governo di comunicare “in modo trasparente quali valutazioni e numeri guidano le decisioni correnti e quali piani B siano previsti nel caso di un deterioramento oltre le aspettative”. Cosa ne pensa?

Diciamo che se il governo una strategia ce l’ha, non la comunica in maniera comprensibile. Di piani B non ho mai sentito parlare. Si dice solo “vaccinatevi”: giusto, ma è chiaro che questi vaccini non proteggono efficacemente dall’infezione. Con una variante quale Omicron, è evidente che quale che sia la protezione contro la malattia, il rischio che il sistema sanitario vada in crisi resta altissimo.

Il crollo dell’efficacia nella protezione dei vaccini dal contagio della malattia era previsto, i dati di Israele lo chiarivano già mesi fa. Il ritardo sulla nostra campagna per le terze dosi per i fragili e gli anziani quanto può aver influito sulla situazione attuale?

Non parlerei di ritardo, meno che mai colpevole. La terza dose non è stata sperimentata e fondate ragioni immunologiche, come la lunga protezione da persistente immunità cellulo-mediata, hanno giustificato un certo temporeggiare. Nel frattempo è arrivata Omicron, e il virus è tornato a correre in avanti.

Anche in queste misure del governo, basta pensare alla scuola, si continua a distinguere la popolazione tra vaccinati e non.

I No Vax vanno convinti, non criminalizzati. Una parte è stata spronata grazie al Green pass, ma neanche fra gli eroici scandinavi si raggiunge il 100% dei vaccinati.

In Israele, dopo una settimana di prova su 150 soggetti, “la quarta dose è considerata sicura” e “aumenta di 5 volte gli anticorpi”. Anche da noi si inizia a parlare di quarta dose…

Se gli anticorpi aumentano di 5 volte e decadono velocemente, in due-tre mesi siamo come prima. Forse peggio. Chiaramente non ci siamo.

In questa situazione, che cosa si augura?

Che arrivi presto un vaccino che induca immunità mucosale, con una forte risposta IgA secretoria (per bloccare la catena dei contagi, ndr) e, nel frattempo, che l’antivirale Paxcovid funzioni, almeno ambulatorialmente. Tutto il resto sono cose che ahimè non risolvono.

Omicron può essere la fine della pandemia?

No, l’estrema facilità di contagio e il minor tempo (3 giorni) che Omicron ci mette per farci ammalare, sia pure meno gravemente, può davvero mettere in crisi i sistemi di assistenza sanitaria e comunque portare a lunghe ospedalizzazioni e, per le persone con minore resistenza all’infezione, anche alla morte.

30 replies

  1. Antonio Cassone, membro dell’American Academy of Microbiology, già direttore della sezione Malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità?

    Siamo sicuri? Secondo me Butac ce mette ‘n attimo a smascherarlo!

    Vai Jeronimo con lo scolapasta: sei tutti noi!!!

    "Mi piace"

  2. In Germania, il ministro della Giustizia ha affermato: “Se il vaccino serve a proteggere solo per 2-3 mesi, non ha senso renderlo obbligatorio”.

    Quando si arriva a proporre una vaccinazione ogni 4 mesi, peraltro senza adeguata sperimentazione, vuol dire di fatto ammettere che questo vaccino non funziona, ne servono altri.————

    CASSONE CONTRO CAZZ.NI.

    Tipo Bassetti oppure certi che razzolano da queste parti.

    "Mi piace"

  3. UN ANNO DI BUGIE
    È passato esattamente un anno dal “glorioso” V-Day, il giorno in cui sono iniziate le vaccinazioni di massa in Italia. Quelle famose vaccinazioni che “entro l’estate ci permetteranno di sconfiggere il covid e di tornare alla normalità”.
    Invece siamo a dicembre, il covid non è affatto stato sconfitto, e la normalità ormai non ci ricordiamo nemmeno che cosa sia.
    Durante questi 12 mesi abbiamo visto cambiare la narrazione ufficiale sul vaccino in maniera imbarazzante: Il vaccino immunizza al 94% ed è per sempre. No anzi, immunizza al 70%, ma ci vogliono due dosi. No scusate, immunizza poco più del 50%. In realtà solo il 39%, quindi ci vuole la terza dose; e poi la quarta e la quinta. In verità il vaccino non immunizza, ma riduce il contagio. Non riduce il contagio, ma almeno non ti ammali. Ti ammali, ma non finisci intubato. Finisci intubato, ma non muori. OK, puoi anche morire, ma molto meno di prima.

    Parallelamente, anche la narrazione sulla famosa “immunità di gregge” è cambiata nel corso dell’anno. Prima “la scienza” ci parlava di raggiungere un 65-70% di vaccinati per sconfiggere il virus. Poi siamo passati all’80%. Una volta raggiunto quello – visto che il virus continuava a circolare – l’asticella è stata spostata al 90%. E ora che stiamo arrivando al 90%, e il virus circola esattamente come prima, si comincia a dire che “solo vaccinando il 100% della popolazione vinceremo questa battaglia”.

    Di converso, nel corso del tempo abbiamo avuto una escalation delle restrizioni uguale e contraria: ovvero, man mano che l’efficacia del vaccino mostrava di calare, venivano aumentate le restrizioni per quelli che il vaccino non se lo vogliono fare. Prima il greenpass semplice, per andare al cinema o in pizzeria. Poi lo stesso greenpass esteso a tutti i lavoratori. Poi il super greenpass (che equivale a vaccinazione obbligatoria) per chi lavora nella scuola, oppure per cinema ristoranti eccetera. Oggi siamo arrivati al punto che il cittadino non vaccinato, CHE NON HA MAI VIOLATO NESSUNA LEGGE, non possa nemmeno andare al bar a bersi un caffè in santa pace.
    Per la prima volta nella storia la colpa di un medicinale che non funziona è stata data a quelli che non lo usano.

    Nel contempo, abbiamo assistito ad una campagna di criminalizzazione del non vaccinato da fare invidia alle leggi razziali del secolo scorso: ormai non c’è trasmissione televisiva o radiofonica in cui il non vaccinato venga additato come un untore, un essere indegno di vivere nella società, un paria, una persona da cui è indispensabile tenersi alla larga.

    Naturalmente, questa criminalizzazione è ciò che serve per giustificare agli occhi del pubblico le restrizioni ai non vaccinati. E le restrizioni ai non vaccinati servono a mantenere in uso il greenpass, che è il vero scopo ultimo di tutta questa operazione: renderlo permanente, con modalità ed usi ancora tutti da scoprire.
    Ma non c’è soltanto la bugia del “vaccino salvifico” ad aver dominato le cronache di quest’anno. C’è anche un’altra bugia, molto più grave e strisciante, che avviene per omissione: ovvero tutto quello che NON ci è stato detto sulle reazioni avverse.
    La regola generale, sui media mainstream, è stata fin dall’inizio quella di negare categoricamente le reazioni avverse gravi (morte o danni permanenti). Le reazioni avverse gravi comparivano soltanto sui giornali locali, ma sui media nazionali venivano ignorate sistematicamente. Ricordiamo tutti l’imbarazzo di Mentana & company nel negare disperatamente “una qualunque correlazione” durante il periodo dei trombi di AstraZeneca. Solo per riassestarsi più tardi su un più mite “sì, ma i benefici superano comunque i rischi”, quando finalmente la correlazione divenne innegabile per tutti.

    Ma i danneggiati da vaccino sono rimasti comunque un argomento tabù su tutte le televisioni italiane. Naturalmente, se i dati reali dei danni da vaccino venissero diffusi sui media nazionali con la stessa insistenza e precisione con cui vengono diffusi ogni giorno i dati dei “nuovi contagiati”, la campagna vaccinale sarebbe morta e sepolta ormai da molti mesi.
    Tutto ciò non si può avere, perchè è Big Pharma che comanda. Per cui da un lato si continua a magnificare come “salvifico” un vaccino che, nella migliore delle ipotesi, riduce appena l’impatto della malattia, mentre dall’altro si continuano a nascondere sotto il tappeto le centinaia di migliaia di morti o danneggiati permanenti in tutto il mondo.

    Il massacro continua. E fra poco toccherà ai bambini, che saranno sacrificati sull’altare del dio vaccino esattamente come venivano sacrificati gli innocenti agli dei migliaia di anni fa.
    Ma verrà un giorno in cui verrà scritta la vera storia di questo covid. E in quel giorno noi ci ricorderemo di tutti coloro che, per menzogna o per omissione, per compiacenza o per interesse personale, si sono resi complici di questa operazione criminale su scala globale.
    Nessuno sarà perdonato. Nessuno sarà risparmiato.

    Massimo Mazzucco

    "Mi piace"

    • Il tizio è esperto di bugie. Ricordo ancora quando insulto gli italiani, definendogli coglioni, perchè non reagirono quando, secondo lui, inspiegabilmente Conte chiuse l’Italia contro il parere del cts, cosa che si evincerebbe, secondo lui, da uno dei verbali desecretati.
      In realtà nel verbale, ANTECEDENTE LA “FUGA DALLA LOMBARDIA”, il cts chiedeva come MINIMO la zona gialla in tutta Italia, cosa che Conte/Governo fecero.
      La zona rossa arrivo, sempre su consiglio/approvazione del cts, solo dopo la “fuga dalla Lombardia”. Essendo questa avvenuta DOPO la stesura del verbale, non vi poteva comparire la volontà del cts di zona rossa in tutta Italia.

      Ricordo che uno degli iscritti al suo sito, con avatar un pinguino, glielo fece notare con fonti/virgolettati/date alla mano. Ma il mazzuccaccio non se lo cagò manco di striscio, lasciando inalterata la menzogna che Conte avrebbe inspiegabilmente fatto il contrario di quanto consigliato dal cts.

      E’ veramente un personaggio inqualificabile, circondato da migliaia di ciechi fedeli a cui fa credere di essere “quelli che hanno capito”.

      Piace a 1 persona

      • mi scuso
        per un problemino della piattaforma
        la firma del commento è venuta distorta

        ma se sto Mazzucco non sa leggere o legge solo ciò che dicono i politici
        è forse merito di chi ha fatto i vaccini?

        se avesse imparato a leggere e a comprendere ciò che leggeva
        quello che succede oggi non gli parrebbe un complotto

        che poi i politici ed i giornalisti/titolisti siano suoi pari nell’ignoranza non lo rende un oracolo

        e, quanto a lei, il riproporlo non la rende un divulgatore alla Piero Angela, ma solo uno
        che perpetua l’ignoranza e la flatulenza di chi per amore del proprio ego ne fa sfoggio

        "Mi piace"

    • ma se sto Mazzucco non sa leggere o legge solo ciò che dicono i politici
      è forse merito di chi ha fatto i vaccini?

      se avesse imparato a leggere e a comprendere ciò che leggeva
      quello che succede oggi non gli parrebbe un complotto

      che poi i politici ed i giornalisti/titolisti siano suoi pari nell’ignoranza non lo rende un oracolo

      e, quanto a lei, il riproporlo non la rende un divulgatore alla Piero Angela, ma solo uno
      che perpetua l’ignoranza e la flatulenza di chi per amore del proprio ego ne fa sfoggio

      "Mi piace"

      • Invece gli espertissimi che non ne hanno presa una che una, che ancora dicono che i vaccini siano sicuri ed efficaci, che parlano di IMMUNIZZAZIONE, l’ISS che nel frattempo ha preso una pausa (a meno che non mi sia perso qualcosa) sulla conta degli effetti avversi, nooooooo, quelli sono affidabili.

        Quando trapasserai, dona il tuo cervello alla scienza. Sai le risate che si faranno.

        "Mi piace"

  4. Ave sfigati.

    Massimo Mazzucco (Torino, 20 luglio 1954) è un regista e blogger italiano, attivo sostenitore di diverse teorie del complotto.

    Attentati dell’11 settembre 2001
    Nel 2006 Massimo Mazzucco ha realizzato un video intitolato 11 settembre 2001 – Inganno globale in cui vengono posti alcuni interrogativi sulla caduta delle Torri Gemelle. Le questioni sollevate dal filmato hanno dato vita ad un dibattito e sono state criticate nelle puntate di Matrix e in Internet dal giornalista Paolo Attivissimo, che ha esaminato e contestato le affermazioni proposte.

    Il sostegno alle teorie dell’ex medico Simoncini
    Dal settembre 2008 Mazzucco dà spazio sul suo sito a una terapia alternativa anticancro, la cui efficacia non è dimostrata e contrasta con le conoscenze mediche attuali. La supposta cura, che consiste nella somministrazione endovena di bicarbonato di sodio, è proposta da Tullio Simoncini, ex medico radiato dall’ordine e condannato per omicidio colposo e truffa aggravata proprio per aver cagionato la morte di un uomo a cui erano state fatte tali iniezioni dietro pagamento di una cospicua somma di denaro.

    Allunaggi
    Mazzucco è sostenitore della teoria del complotto lunare ovvero la tesi che reputa falsi gli allunaggi delle missioni Apollo e che ritiene che ciò che è stato mostrato in tv durante queste missioni, dal 1969 al 1972, sia stata una finzione realizzata in uno studio cinematografico.

    Ma d’altronde è risaputo che un regista sfigato, su argomenti scientifici dia dei punti a chi, sui libri e nei laboratori, ci ha condotto una vita di studi e sperimentazioni.
    E trova migliaia di fessi che comprano i suoi libri o guardano i suoi video, permettendogli di lucrare sulla loro ingenua, ma verace, ignoranza.

    "Mi piace"

    • X Jerry B:

      sapevo che questo post fosse una cartina di tornasole per i gonzi provax come te.

      Però dai, non essere troppo prevedibile.

      Attivissimo.

      AhAHAAHAHAH.

      A proposito:

      Non te l’ha portata la cintura di forza la Befana stanotte?

      Almeno ti levi dalle 00, come hai sempre giurato di fare?

      "Mi piace"

  5. @SM errore, qualcuno viene risparmiato. Anzi, puù di qualcuno. C’è tutta una economia non certo nascosta e che fa molto PIL che non viene minimamente toccata da alcun provvedimento.
    Facile sapere chi, basta chiedersi: chi è che ha meno di 50 anni, non lavora, non frequenta banche, parrucchieri e “servizi” (si arrangiano tra di loro) e non ha alcuna difficoltà , in caso di necessità, a procurarsi documenti e green pass farlocchi?
    Non mi pare che il vagabondaggio, lo spaccio e la prostituzione – in casa o in strada – vengano considerati lavori da green pass più o meno rafforzato, e neanche che vengano praticati per lo più da cittadini ultracinquantenni…
    Quindi anche il 60enne pensionato non potrà andare in merceria a comprarsi le mutande ma tranquillamente frequentare le lavoratrici del sesso. Assieme al giovane che ci viene indicato come massimo vettore di contagio ma che resta libero di sballarsi come crede. Fuori dai bar e con lo spacciatore indisturbato che gli fa la posta.

    Non ci avevano pensato? Certo che sì, ma il territorio è scivoloso, il contributo al PIL robusto, un sacco di soldi che girano e si riciclano… Meglio colpire i vecchietti della bocciofila e chi deve lavorare, con stipendi neanche paragonabili agli introiti dei visibiliassimi intoccabili. Come al solito piace vincere facile.
    Ne parlavo proprio ieri sera con una amica anziana e cardiopatica , esentata per fragilità e con certificato medico. Temeva di dovere mostrare il certificato attestante l’ esenzione per malattia anche alla parrucchiera.
    Ci sono persone che ci tengono alla privacy, soprattutto quella sanitaria: tutti ora sanno tutto di tutti, non è una cosa da poco.
    E vogliamo parlare della famigerata “giustizia sociale” ? Anche questa volta chi può è esonerato nei fatti: 100 euro di multa per chi ne prende 700 di pensione è un conto, per chi ne prende 7000 ( o anche solo 3000…) ovviamente è diverso: gli sarà possibile fare tutto e andare dovunque.
    E vai di “equità”!

    Insomma, in soldoni: si è dimostrato a chi “di dovere” di avere il Paese in pugno e ai cittadini di essere Migliori perchè non si chiude. Dunque continuerà lo stillicidio dei numeri e del mercato, che avrebbero entrambi tratto beneficio da un lockdown generalizzato di qualche settimana per tamponare l’ emergenza come è successo in quasi tutti i Paesi del mondo.
    Così’ si va avanti nello scontento di tutti e i “giochi” continueranno, di emergenza in emergenza, di vaccino in vaccino, di coda in coda , con la benedizione interessata degli Editori a supporto (anche il FQ, purtroppo, che sta viaggiando verso l’ organicità al PD esattamente come i 5stelle). Elezione del PdR; si o no elezioni (no, scommettiamo?), propaganda alle stelle… Intanto il tempo passa di distrazione in distrazione, e i soldi si spartiscono in tranquillità.
    Continueranno gli spauracchi pandemici veri o presunti; gli “scienziati” ad intasare i media facendo volare gli stracci; Zangrillo che ha i Pronto Soccorso vuoti e Locatelli che ha millanta bambini intubati; il virus che contagia 5 volte di più, no 3, no 15… Le nuove varianti in arrivo a cui cambiare nome per non essere razzisti; Salvini che ha twittato, Letta che ha risposto… La DAD nei fatti,; i negozi in sofferenza: la paura che cresce ovunque assieme ai nostri amici e parenti vaccinati che si ammalano ogni giorno, anche gravemente.
    Passerà il tempo, anche questo picco calerà, arriverà la bella stagione e i Migliori si millanteranno i risolutori. Fino alla prossima.

    Nel frattempo il Paese sarà cambiato, la privacy azzerata, la democrazia al lumicino. Draghi avrà deciso a quale alta carica dello Stato vorrà essere eletto, a meno che Oltreoceano e in Vaticano, per mano di Renzusconi, non si decida altrimenti. Il tutti contro tutti, accuratamente foraggiato con nuove “iniziative per il bene del Paese” renderà sempre più facile nascondere ai più i posti di lavoro persi, la povertà galoppante, il caos a regnare sovrano.
    Saremo tutti occupati, con la bava alla bocca, a fare le pulci al vicino di casa. Per chi ci governa missione compiuta.

    Piace a 1 persona

  6. Poco meno di due anni fa un gruppetto di irresponsabili complottisti avvisò tutti gli italiani che mettere l’intera popolazione agli arresti domiciliari per quattro mesi, militarizzare le città, pattugliarle coi droni e arrestare i runner non serviva a un cazzo di niente. Tantomeno a far sparire il virus.
    Un anno e mezzo fa, il sopracitato gruppetto di sciroccati, ammonì che chiudere ristoranti, alberghi e attività ricreative avrebbe soltanto messo l’economia nazionale in ginocchio. E non avrebbe fatto sparire il virus.
    L’anno scorso, sempre il solito gruppetto, urlò che chiudere le scuole e imporre la DAD avrebbe devastato la salute psichica dei più giovani. Soprattutto bambini. Senza far sparire il virus.
    Quest’estate il consueto gruppetto, diventato oramai organizzazione terroristica e nemico pubblico numero uno, si mobilitò contro il Greenpass un provvedimento antidemocratico, non sanitario e soprattutto inutile nel far sparire il virus.
    Alcune settimane fa, il solito gruppetto, mise in guardia tutti quanti dalla inquietante deriva intrapresa, facendo notare che la vergognosa, discriminatoria e paranazista caccia al no-vax non serviva a far sparire il virus.
    Oggi, vengono a imporre il tampone anche ai vaccinati, oltre al vaccino obbligatorio over 50 e altre regole demenziali. Negando per l’ennesima volta quel ritorno alla normalità sistematicamente televenduto come un set di pentole dai piazzisti della politica.

    "Mi piace"

    • Il lockdown è servito per non far “esplodere” gli ospedali e i forni crematori, salvando centinaia di migliaia di possibili vittime, non certo per debellare il virus. Vi è stato già spiegato 3 o 4 miliardi di volte, ma è evidente che chi ama recitare la parte martire, con tanto di inesistenti arresti di runner, non abbia nessuna voglia di ascoltare.

      p.s.:Il drone non è altro che una telecamera volante, che fa risparmiare un sacco di soldi rispetto agli elicotteri ed equipaggio, non un terminator.

      "Mi piace"

      • “Vi” chi? Faccio presente che sono vaccinato con terza dose. E’ ancora possibile esprimere qualche dubbio senza essere chiamati novax, fascisti, complottisti, negazionisti ecc. ?

        O ci vuole anche per quello un gp?

        "Mi piace"

      • Il “vi” è riferito a tutte quelle persone che da 2 anni mistificano la realtà.
        Nessuno critica chi ha dei dubbi, anche perche nei vostri (come sopra) racconti non c’è la minima traccia di dubbi, ma è tutto un susseguirsi di presunte certezze che, per essere vere, devono per forza far parte di un mega complotto mondiale, dato che lockdown, vaccini e restrizioni varie sono presenti in quasi tutto il mondo.
        Se tu fai intendere che una qualche autorità abbia garantito che dopo il lockdown sarebbe scomparso il virus, non stai esprimendo un’opinione, ma stai raccontando una cosa non vera, o forse detta da una minoranza che non fa testo.
        La storia è semplice: qualcuno era più ottimista sull’efficacia (nel tempo) dei vaccini e qualcuno più realista.
        Ricordo un Galli, parecchi mesi fa, che diceva “funzionicchiano”. Quindi non capisco questo “scandalo” che alcuni, soprattutto no vax, vedono nel non essere ancora riusciti a rendere innocuo il virus.
        Io sono uno che critica spesso le decisioni del Governo sul covid, ma non ci vedo una volontà di fare del male alla popolazione, ma piuttosto scelte discutibili basate su consigli di vari esperti, spesso in disaccordo tra loro, e per far contento qualche partito.

        "Mi piace"

      • X Guido:

        infatti, non c’é alcun dubbio che i vaccini

        1- non funzionano, anzi, FUNZIONICCHIANO, infatti adesso vogliono farne uno ogni 3-4 mesi.

        2- danno effetti collaterali anche pesanti, talvolta mortali.

        E TU parli dei novax che non hanno dubbi, mentre ometti le certezze (fasulle) dei tanti Napoleoni e ottusangoli che popolano questo blog? Tu incluso, a quanto pare.

        "Mi piace"

  7. Le televendite dei novax, invece, manco le pentole: solo aria fritta. Si limitano, infatti, a proporre di lasciar fare alla natura: immunità di gregge a scapito di quelli che considerano persone deboli che, quindi, non avendo forze proprie csufficienti per contrastare il virus, non meritano di vivere.

    "Mi piace"

    • purtroppo, come si è scoperto, per questo tipo di virus, l’immunità di mandria non c’è

      è troppo mutageno e quindi non la si raggiungerebbe mai

      unica possibilità è che per qualche motivo non prevedibile, il virus si schianti da solo in una mutazione
      che lo rendere per noi innocuo (o quasi) o lo fa sparire in qualche nicchia biologica dalla quale non esce.

      "Mi piace"

    • Veramente io sono vaccinato con terza dose. Ma ormai non è più possibile esprimere un dubbio senza essere etichettati o aggrediti.

      Magari ci vuole un green pass anche per quello…

      "Mi piace"

  8. Sto ascoltando la Tv: tutti i “giornalisti” e gli “opinionisti” a chiedersi se ci sia stata “una spaccatura nel Governo”. Con delle disposizioni del genere, questa è la preoccupazione.
    Sarebbe come se – un esempio per assurdo – uno di noi si trovasse prigioniero di due individui ed uno sarebbe deciso a farci fuori subito, l’ altro ponesse qualche timido distinguo: magari aspettiamo fino a stasera… Alla fine decisione: fatto fuori immediatamente.
    Ma l’ importante non è che noi siamo crepati subito, bensì che loro fossero un po’ in disaccordo in un primo momento… E questo distrae dal fatto concreto della nostra… dipartita, che diviene ininfluente nel discorso pubblico.
    Così siamo messi.

    (@Marco BO, non si attivi immediatamente, era solo un esempio macroscopico sull’ andazzo politico-mediatico, non ci entrano i vaccini…)

    "Mi piace"

  9. Solo.una cosa condivido di quanto fatto: che abbiano scelto gli over 50 (tra parentesi lo sono pure io).Che se la.prendano con noi vecchietti, inoculandoci ogni 3 mesi, che abbiamo un rischio relativo alto.di andare in terapia, e lascino stare e vivere i giovani, i nostri figli. Avrei creato 3 fasce di età: over 55 vaccino obbligatorio senza se e senza ma, dai 35 ai 55 qualche piccola restrizione (sui stadi, cinema, discoteca,…) con vaccino facoltativo, e per gli under 35 piena libertà di scelta e.di movimento (ovviamente investendo sulle classi, sui mezzi pubblici, sui sistemi di tracciamento, sullo.smart working,…)

    "Mi piace"

  10. Per favorire l’estinzione del genere umano, evento a me gradito, avrei affidato a Mazzucco, la Balanzoni, a Meluzzi, a medici del calibro di Amici, non solo la gestione della Pandemia ma proprio le chiavi della nostra vita. Peccato che debbano essere relegati a ruoli di secondo piano o a macchiette da interpellare occasionalmente. Vorrei tanto un nuovo protagonismo cialtrone. Un rinascimento del materiale umano di risulta. Tanto, se come diceva l’Ecclesiaste, il Saggio e lo Stolto hanno lo stesso destino e spesso hanno fortune opposte alle loro qualità, beh almeno i secondi accelerano la fine di questa farsa. In allegria.

    "Mi piace"

    • Invece averla affidata a Draghj, Speranza, Burioni, Pregliasco, Bassetti ci ha portato a vivere in un nuovo paradiso meraviglioso in cui vige l’amore universale e la salute delle persone e il loro benessere è al centro della politica. Però la colpa è dei Noh Vaxh fascistissimi. Ma fatemi il piacere va.

      "Mi piace"

      • Concordo, se gli esperti sono quelli, meglio affidarsi a Wanna Marchi e al Mago Otelma, altro che prendere in giro Amici o Meluzzi.

        "Mi piace"