Nuovo Cinema Paradosso

(Nuovo Cinema Paradosso – di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Come già col governo Monti, anche con quello di Draghi è bastato meno di un anno per scoprire che il problema dei governi tecnici, oltre alle maggioranze troppo ampie ed eterogenee, sono proprio i ministri tecnici. Nato sulle gambe corte della grande bugia del “fallimento della politica”, il Governo dei Migliori doveva fare faville e […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

49 replies

  1. Nuovo Cinema Paradosso

    (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Come già col governo Monti, anche con quello di Draghi è bastato meno di un anno per scoprire che il problema dei governi tecnici, oltre alle maggioranze troppo ampie ed eterogenee, sono proprio i ministri tecnici. Nato sulle gambe corte della grande bugia del “fallimento della politica”, il Governo dei Migliori doveva fare faville e mirabilie proprio grazie al Dream Team dei ministri non politici, dunque competenti per scienza infusa. Che invece si sono rivelati paradossalmente i peggiori fra i Migliori. Di CingolEni e della sua transizione nuclear-petrolifero-gassosa già sappiamo. Della Cartabia e della sua schiforma della giustizia, pure. Di Franco e della sua disastrosa gestione della legge di Bilancio, idem. Di Colao e della sua transizione digitale invece poco si sa perché non lascia impronte digitali, se non sulla gara pilotata del Cloud di Stato. Come la ministra dell’Università che, per la cronaca e per Chi l’ha visto?, si chiama Messa.
    Se ora ci ritroviamo 259 morti (due terzi di un anno fa, quando i vaccinati erano poche migliaia) e 170mila contagi in un giorno (record di tutti i tempi) non è solo perché Delta è la variante più letale e Omicron la più contagiosa. Ma anche perché i tecnici Bianchi e Giovannini hanno miseramente fallito sulla scuola e sui trasporti pubblici, il tecnico Draghi non ha afferrato per il baverino il fido Brunetta per rimandare la Pa in smart working, il tecnico Figliuolo annaspa tra vaccini mancanti e code chilometriche di gente in attesa di terze dosi, tamponi a prezzi di rapina e reagenti fantasma. E i veri tecnici del Cts mugugnano anonimamente sui giornali perché il governo abolisce le quarantene senza filarseli. È per occultare questa catastrofe “tecnica” che oggi Draghi, il Pd e quel che resta di Speranza (anche lui commissariato) tenteranno l’audace colpo dei soliti noti: il Super Green pass per lavorare, rendendo il vaccino obbligatorio senza dirlo. Funziona così. Chi vuole farsi la terza dose non ci riesce, perché le liste d’attesa sono infinite (siamo partiti a novembre anziché a giugno), mentre si obbliga a farsi la prima chi non vuole. Così i non vaccinati che si tamponano ogni due giorni e verosimilmente sono sani non lavoreranno più, mentre i vaccinati contagiati e contagiosi continueranno a lavorare col Super Green pass, che non s’è ancora trovato il modo di revocare ai positivi. E capita pure che venga annullato ai positivi appena diventano negativi e devono attendere lo speciale SuperGp per guariti: cioè possono lavorare quando sono infettivi, ma non quando non lo sono più. È la famosa transizione digitale di cui sopra. A questo punto, nelle migliori famiglie, qualcuno chiamerebbe un tecnico. Ma noi ne abbiamo già fin troppi.

    Piace a 2 people

  2. Ahahahah tutto vero. Il dramma sarà nella scuola dal 10 gennaio con un balzo sei positivi e i ragazzini più deboli in terapia intensiva quando andrà bene.

    "Mi piace"

  3. A proposito di Giovannini:
    era il presidente dell’Istat quando gli fu affibbiato il compito di rapportare gli stipendi (e tutto il “contorno”…) dei Parlamentari italioti con quelli degli altri paesi europei.
    Si parla di una decina d’anni fa: gli italiani erano stufi di leggere di tutti i vantaggi dei nostri “politicanti”.
    Il libro “la casta” era uscito da qualche anno e nella popolazione italiota si facevano sentire gli effetti della crisi (iniziata qualche anno prima)…

    Per questi motivi si torno’ (ciclicamente lo si fa) a parlare di tagliare qualcuno dei troppi benefici di cui godevano i nostri “delegati romani”…

    Le cose si stavano mettendo male per loro, ma qualche scaltro azzeccagarbugli da noi stipendiato, si ricordo’ di quel detto:
    “se non puoi/VUOI risolvere un problema, nomina una commissione”…

    Ed ecco che allora, per prendere tempo e far passare “a nuttata” si diede questo “compito” al “rag. Giovannini”.
    Giovannini, che era Presidente dell’Istat, avrebbe appunto dovuto tirar giu’ una bella, chiara e veloce relazione e a seguito di questa gli stipendi ed i benefici dei nostri politicanti si sarebbero dovuti adeguare (perlomeno un pochino-ino) a quelli degli altri paesi…

    Ma il Giovannini nell’occasione si dimostro’ assai furbo e comprese bene quello che in REALTA’ era il compito che (non!) avrebbe dovuto portare a termine…
    Aiutato da altri professoroni e con l’ausilio di potenti computeroni inizio’ a far di conto:
    5 piu’ 3 ..moltiplicato per 4…. riporto uno… aggiungo 2.. elevo a potenza…detraggo 7…etc etc…

    Passarono i mesi.

    E poi arrivo’ il responso:
    “mi spiace ma questi calcoli son troppo difficili per me ed i miei esimi colleghi”…

    A quel punto i nostri politicanti tirarono un grande, gradissimo sospiro di sollievo…
    A nuttata era passata… ed anche quella volta tutto fini’ a tarallucci e vino.
    Il Giovannini pero’ si guadagno’ la “stima” di tutto il Parlamento e cosi’, saltuariamente, torna alla ribalta… e con l’approvazione di tutti, entra nella lista di questo o quell’altro governo tecnico…

    E tutti vissero felici e contenti.

    Piace a 5 people

  4. E’ ovvio che Draghi si voglia blindare al Quirinale: il peggio deve ancora venire. E non solo riguardo la pandemia – dalla quale non siamo affatto “fuori” e non ci voleva la scala per arrivarci – ma anche per la disastrosa situazione economica in cui ci troveremo ben presto. Anzi, in cui ci troviamo già ma tutta l’ attenzione pubblica viene concentrata sui novax.
    Come al solito ci millantano di pensare al “futuro di figli e nipoti” ( che verrrà forse, domani, dopodomani…sperate e credete, popolo!) ma per il qui ed ora nulla si fa.
    E non solo: per non dover ammettere che non sono “migliori” in alcunchè, perseverano con le iniziative: tutti a scuola, niente lavoro da casa, tutto aperto… Tutti ci invidiano… Noi siamo meglio.
    Ne riparliamo tra un paio di settimane, dopo che il “tornare a vivere” natalizio del tutto aperto – a differenza di altri che hanno chiuso – avrà fatto circolare il virus ben bene…

    Però si consolano col “l’ anno scorso era peggio”! E ci mancherebbe altro! Dopo un anno di “studi” e di esternazioni di chiunque e della qualunque, di green pass più o meno rafforzati, di miliardi su miliardi in vaccini, di persone che stanno molto più attente e mascherate, di odio sparso a piene mani, di malati e di morti, di virus che non sono eterni, ci mancherebbe altro che fosse peggio! E non è ancora detto…

    Piace a 4 people

    • Ho capito che il problema sono i ministri tecnici.
      Peccato che quando a toppare sono i ministri politici come Brunetta e Speranza, la colpa è sempre di un ministro tecnico, magari del primo ministro tecnico.

      Nel voler demolire Draghi, assolve tutti gli altri.

      Ma sono proprio i partiti dietro ai governi tecnici a costituire un problema per la politica.

      La riforma della giustizia l’ha fatta un ministro tecnico ma a volerla sono stati i politici, non Draghi.
      Draghi non rischia la galera, né lui né i suoi familiari o amici.

      Qualsiasi governo tecnico sorretto da questa politica è destinato a fallire.
      Pensare che il problema sia il governo tecnico in sé è sbagliato, al limite della ingenuità.

      Piace a 1 persona

      • Il governo tecnico è un obbrobrio a prescindere, non ha senso. Penso che non è stato abolito dalla costituzione perché i padri costituenti non pensavano ci si potesse ricorrere cosi spesso come si fa in Italia. Di fatto sono governi di unità nazionali emergenziali, quindi giustamente devono durare quei 6-12 mesi max, per superare emergenza o andare a nuove elezioni. Nel naturale corso politico ora dovremmo mettere Draghi al colle e votare a maggio sfruttando terza dose e arrivo caldo.

        "Mi piace"

      • Che il primato della cosiddetta politica sui governi tecnici sia una realtà tangibile è tutto da dimostrare, nonostante i dati offerti da MT il quali, come dimostrato da Marco Bo in un suo contributo precedente, spesso non sono attendibili.
        Io credo, al contrario della vulgata di cui Carolina risulta una leader con i suoi commenti, che proprio i politici siano un ostacolo all’attività del governo. Faccio un esempio: quando Draghi propose di neutralizzare il caro-bollette sottraendo risorse ai più ricchi, l’opposizione venne dai politici (in questo caso di destra) . Forse bisogna ricordare che i partiti sono il più delle volte portatori di interessi che nulla hanno a che fare con quello che normalmente si chiama “popolo” . A fronte di questa situazione, e della relativa ammucchiata di cui Draghi farebbe volentieri a meno, occorre a mio avviso valutare di volta in volta i singoli provvedimenti, mettendoli in relazione col “bene comune” e niente altro. Che poi i provvedimenti anti pandemia siano una specie di farsa è vero, ma lo è altrettanto la volontà perversa di non volersi vaccinare di certi individui che avrebbero bisogno di cure psichiatriche. E’ tutto molto complicato e chi semplifica è disonesto.

        "Mi piace"

      • Concordo su tutto Adriana, Travaglio critica e fa bene a criticare, personalmente condivido le sue critiche ma meno le sue difese.
        Ogni tanto si sbilancia troppo e qualcuno leggendolo potrebbe supporre che deposto il dittatore Draghi tutto ritornerà fantasticamente come prima, e anche i preti potranno sposarsi.
        Ma ci aspetta la traversata di un oceano di merda, Draghi tra un po’ sbarca ma la traversata continua, cambia solo il personale navigante che conosciamo purtroppo molto bene (Sono tutti degli Schettino) ma non la natura del viaggio che, sceso Draghi, non su trasformerà in una crociera ai Caraibi.

        "Mi piace"

    • Guarda un po’: oggi nessuno che apprezza il commento della nazinonna?
      Come mai? Fino a ieri era così amabile?

      "Mi piace"

  5. Er sor Giovannini l’avrà scelto Draghi ma probabilmente faceva parte della rosa di nomi autorizzati dalla politica.

    O pensate che se Draghi avesse voluto sarebbe stato libero di portare Gratteri alla Giustizia al posto della Cartabia?

    Piace a 1 persona

    • Certo che Giovannini andava bene ai politici….
      E appunto ho spiegato il perche’:
      lui ha dato tangibile prova di essere dalla parte… “giusta”:
      la loro!

      "Mi piace"

  6. A me ha deluso anche Draghi, pensavo fosse un uomo di polso, invece si è adattato all’andazzo generale come l’acqua dentro il vaso che la contiene.

    Piace a 1 persona

    • Non è detto che lasciar fare ancora di più a Draghi sarebbe stato meglio, anzi. Sappiamo bene quali sono i suoi riferimenti economici/bancari. Non si può dire che sia un uomo del popolo e per il popolo

      Piace a 1 persona

    • Forse è bene che Draghi sia stato un po’ limitato. Tutti conosciamo i suoi riferimenti economici/bancari: non è certo un uomo del popolo per il popolo

      "Mi piace"

    • Andreaex, credo che Draghi non potesse fare diversamente. La prima mission è stata acquisire i soldi europei e far vedere la faccia presentabile dell’italia. l’unità soprattutto.

      "Mi piace"

  7. non voglio difendere Draghi e compagnucci, ma
    MT ha nuovamente sbagliato a raccontare la situazione attuale e quella del passato, un anno fa.

    a parte che i 259 morti sono un numero enorme, ma sono l’effetto del ritardo delle comunicazioni
    tra la Sicilia e l’Italia, ieri 39, e della Liguria, new entry nel genere, che dichiara, senza quantificare, non è fine dirlo,
    “Il numero elevato di decessi comunicato nella data odierna è dovuto a un ritardo nella registrazione
    di alcuni casi avvenuti nei giorni precedenti. la causa, riassumo, è un malfunzionamento informatico.”
    e probabilmente anche l’accumulo dovuto ai giorni festivi precedenti nelle altre regioni.
    il numero di decessi settimanali rimane simile a quello della settimana precedente 1090 contro 1024
    che è molto alto, ma non è chiaro chi sia a ora morire visto che non qualificano i numeri, visto che PiGi se ne ha
    a male l’accontentano, ma così facendo diventa difficile capire che succede

    comunque
    un anno fa si era chiusi in casa, solo acquisti necessari e visite giornaliere, in massimo 2 alla volta esclusi i minori,
    ai parenti, scuole chiuse, tutti in zona rossa, ma pure prima non è che ci fosse tutta questa libertà di
    movimento odierna
    i decessi settimanali stavano a 3310 (quindi 3 volte di più che oggi 1090)
    ma con 109.967 positivi contro 810.535 positivi di ora (quindi 8 volte meno che oggi)
    quindi una mortalità sul numero di positivi (anche se si dovrebbe guardare alla settimana precedente 92.223,
    essendoci un ritardo tra contagio e decesso) del 3.59% contro 0.13% odierno
    l’unica che ha detto è che non c’erano i vaccini

    non ho capito se è t0nt0 o lo fa apposta
    lo scopo dei vaccini (ed i commentatori sui media alla foxnews evidentemente sono restii a comprenderlo)
    era quello, portare l’azione del virus ad essere meno aggressiva e quindi più gestibile
    e dai numeri pare che, varianti a parte, si possa dire che l’effetto è quello

    se poi MT voleva la pillolina che una volta buttata giù rendeva le persone impermeabili come neppure
    la durex fa, può sempre provare ad impegnarsi a realizzarla lui invece che lasciare fare a quegli incapaci
    di ricercatori prezzolati da bigfarma

    Piace a 2 people

    • Purtroppo per dare un giudizio sulla mortalità e sulle terapie intensive (con gente che si’ sopravvive, ma spesso con grossi danni permanenti) bisogna ancora aspettare almeno una decina di giorni dopo il momento del picco, quindi più o meno tra 3 settimane. Oggi in questa fase di salita i numeri.non riescono a dare un quadro preciso . Per quanto riguarda il mitico ritorno alla normalita’, beh , c’è molta propaganda governativa in questo momento. Ogni famiglia penso stia passando un’odissea in questo momento tra malati positivi o ritornati negativi e senza che nessuno ci capisca niente su come gestire quarantena, tamponi, guarigioni green pass

      Piace a 1 persona

    • Sembra che nella scassata Cuba e in casa del dittatore Putin i vaccini siano migliori di quelli che i signori di bigfarma ci impongono anche con l’uso delle armi.

      "Mi piace"

    • “può sempre provare ad impegnarsi a realizzarla lui invece che lasciare fare a quegli incapaci
      di ricercatori prezzolati da bigfarma”

      E il pd? E i marò? E ospitali a casa tua?

      "Mi piace"

    • Marco Bo, sui morti son anche d’accordo, ma il punto è il resto. Nulla sulla scuola e sui trasporti pubblici per i quali si dovrebbe fare qualcosa da anni, a prescindere dall’emergenza sanitaria. Ma se i soldi del PNRR arrivano ora e non si fa nulla, quando c…o si pensa di fare qualcosa? E le file per vaccinarsi? I prezzi non calmierati di tamponi e Ffp2? Li hanno calmierati ora(forse) quando le farmacie hanno già fatto il pieno. L’articolo di Travaglio analizza almeno 10 punti, tu ovviamente ti vai focalizzare su quello che meno interessa(perché onestamente dei non vaccinati che muoiono poco mi interessa, mi spiace infinitamente per altra gente che muore per colpe non sue). La domanda che pone Travaglio è semplice. Siamo sicuri che le cose in generale vadano meglio di un anno fa?

      Piace a 1 persona

      • Il Martello, ti rispondo solo sulla scuola. Tu stesso affermi che “si dovrebbe fare qualcosa da anni”,, io direi decenni visto che l’ultima riforma è di Renzi. Hai presente i banchi a rotelle di bocca di rosa? Soldi, nostri, buttati.

        "Mi piace"

  8. Fermate Galimberti!! Sta infangando il nome di Galimberti ( Duccio) a cui è dedicata la piazza centrale di Cuneo…. torturato dai nazi fascisti… quelli delle tessere!!
    A Galimberti… prenditi qualcosa per la demenza senile e sparisci dalla 7
    Tanto il guinzaglio d’ oro, con la concorrenza che c e di leccaculi, non lo vincerai

    "Mi piace"

  9. Certo c’è da chiedersi come mai partiti/parlamentari non siano in grado di formare un governo di unità nazionale politico, espressione legittima delle scelte elettorali, e che ogni volta sia necessario l’ arrivo dei tecnici…..in realtà una truffa visto che poi le decisioni sono necessariamente politiche! Ogni volta arriva lo stesso messaggio : quando la situazione si fa grave, ma non seria, direbbe qualcuno, c’è bisogno del tecnico. ….mister risolvo io il problema. ….tradotto i parlamentari non sono all’ altezza del compito, il parlamento viene delegittimato dal suo ruolo, ed il paradosso è che sono gli stessi parlamentari a delegittimarlo accettando il governo tecnico, in tutto o in parte, dove i tecnici non sono stati votati da nessuno, non sono espressione delle scelte elettorali di nessuno, eppure decidono e fanno scelte politiche……si accetta come normale la sospensione della democrazia, senza che gli italiani facciano sentire la propria voce, unica, oltre le tifoserie, che se i parlamentari non sono in grado di svolgere il loro mandato, vadano a casa, e proveremo a sceglierne altri all’ altezza. ….invece accade esattamente l’ opposto, gli italiani si sentono rassicurati dai tecnici, affidamento pericoloso delle loro sorti a chi non passa da elezioni…….una mentalità paternalistica che è contraria al significato di democrazia, da cui non riusciamo ad emanciparci! Ma una legge di iniziativa popolare per vietare governi tecnici, no ?

    "Mi piace"

    • Cosa sappiamo noi dei nostri “rappresentanti”? Li conosciamo personalmente? Abbiamo modo di toccare con mano – diciamo così – i loro pregressi almeno confrontandoci con qualche persona di nostra fiducia che ha avuto modo di incontrarli?
      No, almeno per la stragrande maggioranza di loro.
      Se qualcuno non “serve” in qualsivoglia modo a chi lo assume se ne torna presto a casa, fosse anche uno/a addetto alle pulizie. E chi nomina i nostri parlamentari? Chi li mette in lista più o meno blindati affinchè vengano votati? I capoccia del loro partito. E chi sono i capoccia del loro partito, noti o più o meno occulti? Farsi la domanda e darsi la risposta.

      Nelle ultime elezioni c’è stato il “caso” Franceschini. Ferrarese, famiglia notissima di partigiani, in politica da sempre, alle ultime elezioni è stato…trombato. Proprio da chi lo conosceva da sempre (della serie : se lo conosci lo eviti).
      Risultato? Non èssendo stato eletto proprio dove lo conoscono bene si è signorilmente ritirato? Qualcuno gli ha detto: “Guarda, aspetta almeno un giro…”? Giammai, ora è Ministro ed anche più in carriera che mai, addirittura in odore di PdR. Come si vede, i voti degli elettori non contano un cappero. E molti che non lo conoscono, data la pubblicità “benevola” degli Editori, lo apprezzano persino…sulla parola. Di Giannini Molinari o Fontana,…o Berlinguer, ovviamente. E’ solo un esempio, di “blindati” ce ne sono a iosa.

      Noi di Deputati e Senatori sappiamo solo quindi quello che gli Editori ci dicono, indicando i Migliori ed i Peggiori. Che non coincidono con le loro capacità ma con la loro “resilienza”. Che li porta a “piegarsi” come un giunco verso Destra per chi è stato eletto a Sinistra. E viceversa. Al momento opportuno.: per loro, ovviamente.
      Ci potrebbe essere Einstein, ma se non farà gli interessi di Cairo, Mentana e C. si scateneranno e diventerà l’ asino del maneggio. E noi ci crederemo.
      Rousseau metteva in guardia contro la democrazia rappresentativa. Prima o poi gli eletti “romperanno il patto” col popolo per fare i propri interessi. Anche questa volta ci aveva visto giusto, peccato che poi avesse aggiunto che il suo giusnaturalismo così’… estremo poteva esplicarsi solo in un luogo relativamente piccolo, come la sua Ginevra, in cui il popolo tutto poteva essere raccolto e consultato. Quindi ai nostri giorni non può funzionare.
      Ma qualcosa lassù è rimasto. La democrazia svizzera, con i cittadini chiamati al referendum più volte all’ anno per ratificare le proposte di legge che più impattano sul loro vivere civile, è ancora la cosa più “democratica” (tra virgolette) che c’è in giro, pur con mille criticità. E generalmente la decisione della maggioranza viene rispettata. Il grande Ginevrino non ha lavorato invano. Da noi se ne fregano.

      Piace a 2 people

  10. Faccio notare a tutti che l’articolo metta in risalto come i “tecnici” siano mezze pippe.
    Parla di questo.
    Ma ad essere pippa non è solo il tecnico in sé ma tutto er cucuzzaro che je sta intorno.

    Pertanto prendersela coi ministri tecnici fa abbastanza ridere.

    Ripeto: la riforma Cartabia chi l’ha voluta secondo voi? Draghi?

    Brunetta è un ministro politico però l’errore è del tecnico Draghi che è stato COSTRETTO a mettercelo.

    Molti articoli di Travaglio posso avere lo stesso titolo: Draghi Vs Conte.

    Un punto di vista legittimo ma che, almeno a me, un po’ ha stancato.

    "Mi piace"

  11. Scusa andreax ma il punto non è se il ministro tecnico è una pippa al pari di quello politico, ma che il politico, incapace ,lo scegliamo noi, nostra scelta e nostra responsabilità, mentre il tecnico no, e ci viene sponsorizzato come capace quando non lo è! Le scelte del governo tecnico saranno comunque politiche, ma i tecnici non li ha votati nessuno, solo per questo dovrebbero essere i migliori? lo sono? Un governo poi mezzo tecnico e mezzo politico, è la peggiore furbata comoda, un rimpallo di responsabilità, allora meglio un governo totalmente tecnico, dove Draghi ci metta la faccia sua e dei suoi ministri, senza alibi per nessuno, per lui, per i ministri tecnici e per la maggioranza parlamentare che può sostenerlo fino a quando le decisioni siano realmente le migliori possibili, altrimenti il governo tecnico va a casa, come ogni altro governo, perché la democrazia parlamentare funziona così! Vorrei sapere ,poi , perché negli altri paesi, si formino governi di grande coalizione o di unità nazionale, quando richiesto da certe condizioni, mentre in Italia se non arrivano i tecnici siamo alla canna del gas, non è la prova che continuiamo ad eleggere in parlamento chi non è in grado di gestire l’ ordinario e tantomeno lo straordinario od emergenziale? Che i parlamentari sono talmente espressione di appartenenza partitica, da non riuscire neppure in emergenza ad essere rappresentati della Nazione, in grado di sostenere un governo politico atto all’ interesse della Nazione e non della casacca, che cambiano come le mutande, tanto per dimostrare, come se ve ne fosse bisogno, che l’ unico interesse è il loro! !! Questo governo bastardo, mezzo tecnico, mezzo politico, da responsabilità di tutti e di nessuno sta gettando il paese nel caos, nella divisione, nello scontro ed in condizioni sociali peggiori che verranno tutte al pettine quando sarà superata la pandemia. ….il Covid diventerà una banale influenza, mentre il paese sarà in macerie per diseguaglianze, povertà, disoccupati, salari da fame, transizione ecologica de noantri, cioè il nulla, giustizia come da schiforma Cartabia con ovvie conseguenze!

    Piace a 1 persona

  12. “ Nelle ultime elezioni c’è stato il “caso” Franceschini. Ferrarese, famiglia notissima di partigiani, in politica da sempre, alle ultime elezioni è stato…trombato. Proprio da chi lo conosceva da sempre (della serie : se lo conosci lo eviti).”

    Con tutto il male che gli voglio, e con tutto che su “partigiano “ mi è preso un ictus, ma è stato eletto a Forlì, mica a Enna dove non lo conosce nessuno!

    "Mi piace"

    • Candidato a Ferrara, con millanta interviste di “supporto” , eletto… a Forlì. Ovviamente non dai voti dei cittadini. Nonostante siano entrambe le città in ER dubito fortemente che i Forlivesi conoscessero personalmente il Nostro, la famiglia, fossero andati a scuola insieme..

      Gentile@paolapaci, non è che si deve ogni volta contraddire per forza…

      "Mi piace"

      • Ah scusa!
        Vuoi imperversare in solitaria senza nessun tipo di interferenza che non sia l’apprezzamento o la sbavata?

        Tranquilla! I tuoi fan non ne saranno mica disturbati anzi, ti apprezzeranno ancora di più.

        "Mi piace"

  13. Andrea ma deve essere per forza un Dragji Vs Conte. A parte il fatto che qui il riferimento al precedente governo è minimo, con chi lo faresti tu il paragone? Deve essere per forza fatto così. Anche per quanto riguarda la gestione dei soldi del PNRR, Conte intendeva certamente distribuirli in modo diverso da Draghi, certo non escludendo le imprese, ma privilegiando famiglie P IVA e lavoratori. Sarà anche stucchevole il paragone continuo, ma è l’unico possibile. Prescindendo dal fatto, che, come ho detto prima nel mio intervento, ci sono criticità come scuola trasporti sanità ricerca, risanamento geologico etc etc di cui si sono perse le tracce da anni, o come giustamente rilevava Adriana Rossi da decenni, che poco hanno a che fare con la querelle Draghi Vs Conte……

    "Mi piace"

    • Sì, concordo Martello, il confronto non può non esserci ma incomincia ad essere un po’ ridondante.
      Si può criticare Draghi prescindendo da quanto ha fatto o avrebbe fatto Conte.

      Ma il punto non è questo.
      Ne ho parlato con Adriana proprio in questa discussione.

      "Mi piace"

  14. @ paolapaci, volevo solo farle presente che Franceschini è stato eletto a Forlì perché bloccato. Si era candidato a Ferrara e non è stato eletto.
    Franceschini era solo un esempio di come il voto dei cittadini conti poco per la carriera politica.
    Se guarda su Google Maps vedrà che la distanza tra Ferrara e Forlì è tale per cui i Forlivesi difficilmente potessero conoscere personalmente il Nostro, nato, vissuto e residente da sempre a Ferrara con la famiglia.

    ( Mi pare che in quanto a “imperversare”…)

    "Mi piace"

  15. Perlamorediddio, se ti disturbo me ne vado subito.
    Figurati se ti voglio contraddire!
    Tra te e la nazinonna cosa sono io? Polvere ero e polvere ritornerò ( cit. semicolta)!

    "Mi piace"

  16. “Non è da meno dei giornali G.e.d.i. anche il FQ che ormai imita il segreto del successo della Repubblica della prima ora, pubblicando in una pagina i frutti dal tardivo revisionismo di Trabajo folgorato dalle cialtronaggini delle autorità scientiste e, insieme, i contributi di fanatici vaccinali, in modo da appagare gli appetiti delle opposte curve di lettori. (storpiature a cura del sottoscritto, altrimenti il logaritmo – cit. – di Mr Pengue non fa passare, ndr.)”.

    Citazione coltissima!

    "Mi piace"

  17. Che vi devo dire, a molti di voi giustamente questo governo fa schifo e a preoccuparvi è l’era Draghi.
    A me preoccupa l’era Draghi, che solo per la riforma Cartabia potremmo definire una schifezza, ma anche l’era post Draghi.
    Anzi, l’era post Draghi, considerando la qualità schifosa del personale politico, mi preoccupa ancora di più.

    Che posso farci, sono più pessimista di voi.
    Voi in fondo al tunnel Draghi vedete una spiraglio di luce, io intravvedo i fari di un treno ad alta velocità.

    Mi sto già rannicchiando in attesa del botto!

    "Mi piace"

  18. Veramente Carolina andiamo oltre la non conoscenza dei parlamentari, una conoscenza personale non serve, sarebbe invece sufficiente imparare ad affossare elettoralmente il partito di appartenenza del parlamentare pescato con le mani nella marmellata, un semplice meccanismo di controllo cui abbiamo rinunciato, invece accettiamo passivamente che un senatore fondi il suo partitello, senza passare da elezioni , e che tenga sotto ricatto con un pugno di senatori parlamento e governo, fino alla caduta di un governo, espressione di una maggioranza legittimata da elezioni, per ottenere il governo dei migliori, tecnici non passati da elezioni come il suo partitello! Abbiamo accettato leggi elettorali senza la possibilità di esprimere la preferenza, che invece dovrebbe essere la regola imprescindibile per qualsiasi legge elettorale, proporzionale, maggioritaria, a pallini, decidano lor signori, ma chi va in parlamento dovrebbe essere deciso dagli elettori! !! Abbiamo accettato il gruppo misto, che ancora non ho capito a cosa serva, se non come recinto di “onorevoli” all’ asta per il miglior offerente, fioccano offerte…….uno dei politici più conosciuti al mondo è Berlusconi, serviva andarci a cena per sapere che era invotabile? Da pdc ha nominato ministro della Giustizia il suo avvocato, Previti, poi condannato per aver corrotto dei giudici, e gli elettori lo hanno apprezzato e premiato per la mancanza di vergogna oltre che di onestà…..evidentemente abbiamo, hanno, una propensione per i guitti ed un senso innato per il ridicolo!

    "Mi piace"

    • Ha ragione@Alessandra, volevo solo fare un esempio: non solo i nostri rappresentanti non li conosciamo, ma anche quando li conosciamo bene, hanno operato per decenni nel nostro territorio e li evitiamo – con maggior cognizione di causa quindi – il nostro voto non serve ad alcunché: vengono blindati da qualche altra parte e fanno, se serve, ancora più carriera.
      Ho parlato di Franceschini che immagino molti conoscano ma gli esempi sono infiniti. Il nostro voto, ammesso e non concesso ormai che si possa esprimere, non serve: i giochetti e gli escamotage sono infiniti.

      "Mi piace"

  19. Scusate ma chi è la nazinonna? Io penso di essere fuori per età anagrafica e soprattutto per il nazi. ……magari non mi sono spiegata bene. …” e se non avete capito, significa che non mi sono spiegato bene” …….comunque nell’ incertezza tolgo il disturbo e vado a fare compagnia ad andreaex in attesa del botto! Capace che in due reggiamo il colpo. ……

    "Mi piace"