La sai l’ultima?

NOTIZIE FRESCHE – La Casta dei pulcini, ladri incoercibili, patenti volanti, millepiedi sinceri, dolci investimenti, esorcismi di piazza e peti d’influencer, si presenta all’esame (di teoria) per la patente alla guida dell’auto e parcheggia davanti alla Motorizzazione […]

(DI TOMMASO RODANO – ilfattoquotidiano.it) – Scienza Non sempre chi comanda è più intelligente, lo confermano anche i pulcini.

Qualche millennio di storia e di politica ci aveva tolto ogni dubbio, ma ora lo dice anche la scienza: non sempre chi comanda è il più intelligente. Per giungere a questa conclusione, gli studiosi si sono avventurati in un sofisticato studio su un gruppo di pulcini. Lo scrive Repubblica: “Nell’ultimo lavoro pubblicato su Communicationos biology, Giorgio Vallortigara, del Centro interdipartimentale mente/cervello dell’Università di Trento, con Jonathan Niall Daisley e Lucia Regolin dell’Università di Padova, osservano una relazione tra rango sociale e abilità logiche astratte nei pulcini, con una sorpresa: a differenza di quanto si potrebbe supporre, gli individui dominanti sono meno intelligenti di quelli intermedi e subordinati. E i pulcini femmina, complessivamente, si dimostrano migliori dei maschi”. Nel prossimo esperimento gli scienzati verificheranno i risultati spostandosi dal pollaio a un’aula parlamentare.

Parma Accusato per furto, ruba il telefono al magistrato durante la sua udienza: arrestato, sarà processato di nuovo

È senza dubbio una scelta oculata e premiante, quella del trentenne a processo con l’accusa di furto, che durante la sua udienza al tribunale di Parma ha creduto bene di rubare il cellulare al magistrato, così, tanto per dare prova della sua buona fede. “Dopo essersi avvicinato alla sua postazione – scrive Parma Today– ha preso il telefono, credendo che il suo gesto sarebbe passato inosservato, ma è stato subito scoperto dalle persone presenti. Il ladro, che ha agito durante il processo per direttissima nei suoi confronti, è stato arrestato in flagranza di reato per furto. Ora sarà di nuovo giudicato per direttissima”. Magari in realtà non è un ladro ma un genio visionario e il suo è un progetto futurista, vuole avviare una catena senza fine: al nuovo processo ruberà un altro telefono, così sarà di nuovo processato per direttissima per furto, e ruberà un altro telefono e sarà di nuovo processato per direttissima per furto, e ruberà un altro telefono…

Australia Esultano gli scienziati: hanno scoperto il primo millepiedi che ha effettivamente mille piedi (e anche di più)

Notizie che riconciliano con la scienza: in Australia è stato finalmente trovato un millepiedi che ha effettivamente mille piedi, non solo in senso figurato. Lo scrive il Daily Mail, ma ci affidiamo alla preziosa traduzione di Dagospia: “Nelle profondità di una miniera, in Australia, è stato trovato il primo millepiedi che ha davvero mille zampe. Nonostante il nome, infatti, finora non erano stati individuati millepiedi che ne avessero più di 750. In un articolo pubblicato sul Scientific Report, gli scienziati riferiscono della scoperta dell’animale, che ha ben 1.306 zampe, più di qualsiasi altro essere vivente, e appartiene a una nuova specie che è stata chiamata Eumillipes persephone”. Una bestiola sicuramente straordinaria, forse non bellissima, senza occhi, con un corpo filiforme “con una lunghezza di 9,55 cm e una larghezza di 0,07 cm, zampe corte e una testa a forma di cono con antenne e un becco”.

Sydney Il papà distrae il bimbo dandogli il suo telefono e quello spende oltre mille dollari in vaschette di gelato

Pensate di poter delegare la funzione educativa agli smartphone e credete di poter rimbecillire e rabbonire vostro figlio con uno schermo luminoso, ma sappiate che qualcosa può andare veramente male. Un simpatico bimbo a cui il papà aveva messo in mano il cellulare, per distrarlo mentre guardava la partita di football, ha ordinato con il telefono del babbo la modica cifra di oltre 1.000 dollari in gelato. Succede a Sydney, come scrive Today: “Il bambino (di 4 anni) ha aperto l’app di UberEats e ha iniziato a ordinare ogni ben di dio dalla catena ‘Gelato Messina’ tra cui una torta di compleanno personalizzata e vaschette di gelato dei suoi gusti preferiti. Una volta completato l’ordine ha confessato al papà che sarebbe arrivato ‘qualcosa’. Senza però esser creduto”. Poi è arrivato il corriere: “All’inizio ho pensato che fosse un ordine da 139 dollari”, ha detto il padre, “ma poi ho guardato meglio e in realtà erano 1.139. Abbiamo rischiato un attacco di cuore”.

Bologna Si presenta all’esame (di teoria) per la patente alla guida dell’auto. E parcheggia davanti alla Motorizzazione

Gli esami non finiscono mai, soprattutto se ti presenti a quello per ottenere la patente (il test di teoria, per giunta) alla guida di una macchina che ovviamente non potresti portare. È accaduto a Biella, come scrive Tgcom24. La nostra eroina non si è accontentata di mettersi a volante, ma ha anche parcheggiato proprio di fronte alla sede della Motorizzazione, dovesse mai passare inosservata. “Il personale della polizia stradale, però, si è accorto che era tra i candidati della prova. Protagonista della vicenda, accaduta a Biella, è una 42enne di origine nigeriane. La donna è stata identificata e gli agenti hanno fatto scattare le sanzioni amministrative previste dal codice della strada. Terminato il test, gli agenti hanno accertato che la donna, residente nel Basso Biellese, guidava senza patente e per la 40enne sono quindi scattate le sanzioni”. A questo punto sarebbe interessante sapere se la signora è stata almeno promossa, tanto sulla pratica va già fortissimo.

Usa L’influencer imbottiglia i suoi peti e li mette sul mercato: è un business che le frutta oltre 60mila dollari a settimana

In tempi forse più fortunati avevamo la “merda d’artista” messa in scatola da Piero Manzoni, oggi tocca accontentarsi delle scorregge d’influencer. Una notizia ferale che ci racconta Il Mattino: “Piuttosto bizzarra la trovata di Stephanie Matto, starlette televisiva di un noto reality show americano, 90 Days Fiancé, per guadagnare molti soldi. La giovane, dalle curve sinuose e super sexy, ha cominciato a vendere ai follower i suoi peti in vasetti, a 1.300 dollari ciascuno. Ora, la prorompente influencer è arrivata a guadagnare fino a 60mila dollari a settimana e diventando una vera e propria celebrità di flatulenze. ‘Che settimana pazzesca è stata. Prima di tutto, grazie per tutti gli ordini, le domande, il supporto e l’amore!’ ha scritto sul suo profilo Instagram, condividendo un video nel quale mostrava i barattoli di peti in vendita e ringraziando tutti coloro che li avevano ordinati e acquistati”. (La “merda” di Manzoni circola su Ebay al prezzo di 120 euro a scatola, non sappiamo se originale. Se proprio bisogna investire in deiezioni o derivati…).

Modena Un autoproclamato esorcista ha provato a liberare da Satana (e dai simboli lgbt) la statua di Babbo Natale in tutù

Non c’è pace per il povero Babbo Natale di Modena, la statua di Santa Claus vestito da ballerino in tutù, che ha già suscitato le proteste della sempre lucida destra emiliana, offesa per il trattamento ignobilmente fluido riservato al personaggio più amato della festa più cristiana che c’è (ovvero un panciuto, anziano servo del capitalismo, inventato dalla Coca Cola, che distribuisce merci nel mondo a ritmi da precario di Amazon Prime). Questa settimana ai danni del povero Babbo Natale modenese è stato effettuato addirittura un esorcismo: il protagonista del rituale – scrive il sito Modena in diretta – è l’eccentrico Padre Davis, ovvero “Davide Fabbri, personaggio non nuovo a questi exploit, che con acqua da lui benedetta alla mano e crocifisso nell’altra si è presentato ai piedi del Grande Babbo della Discordia per esorcizzarlo e per liberarlo dai simboli a suo dire ‘lgbt’ che porta con sé”. What a time to be alive, buon Natale a tutti.

Categorie:Cronaca, Interno

Tagged as: ,

2 replies

  1. Biella o manovella?

    “Bologna Si presenta all’esame (di teoria) per la patente alla guida dell’auto. E parcheggia davanti alla Motorizzazione
    Gli esami non finiscono mai, soprattutto se ti presenti a quello per ottenere la patente (il test di teoria, per giunta) alla guida di una macchina che ovviamente non potresti portare. È accaduto a Biella,”

    e pensare che ha pure studiato e dato un esame per fare errori che farei pure io che non ho fatto gli studi alti

    ps
    a discapito delle signora era extracomunitaria, più a sud di Pantelleria, molto più a sud
    magari la è normale fare cose del genere e non l’hanno informata quando è arriva qui.
    a discapito del giornale la notizia, in origine, non aveva ambiguità, Biella era a Biella

    "Mi piace"

    • Penso anche che la signora al suo paese avesse gia’ la patente e che si sia presentata piena di ingenuita’ e con un certo penchant per i sillogismi.

      "Mi piace"