Al lupo al lupo

Se “l’intera arte della politica consiste nel condurre con razionalità l’irrazionalità degli uomini” (Reinhold Niebuhr, teologo americano) oggi c’è da chiedersi quanto sia giusto e corretto che il discorso pubblico governativo, supportato dagli esperti di fiducia, e con al seguito il solito carro dell’informazione mainstream si serva anche della paura irrazionale per ottenere i suoi scopi.

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – Due notizie, una lo specchio dell’altra. La prima: “Così ho scoperto Omicron, ma non allarmatevi i sintomi sono molto lievi” (Angelique Coetzee, presidente dei medici sudafricani, su Repubblica). La seconda: “Corsa a immunizzarsi. Super Green Pass e i timori per la nuova variante spingono gli indecisi” (La Stampa).

Se “l’intera arte della politica consiste nel condurre con razionalità l’irrazionalità degli uomini” (Reinhold Niebuhr, teologo americano) oggi c’è da chiedersi quanto sia giusto e corretto che il discorso pubblico governativo, supportato dagli esperti di fiducia, e con al seguito il solito carro dell’informazione mainstream si serva anche della paura irrazionale per ottenere i suoi scopi. Pur se in presenza di finalità condivisibili quando si tratta di immunizzare quella parte della popolazione restia a vaccinarsi, spesso per motivi del tutto folli. Saremmo cioè di fronte alla paura come antidoto alla paura perché soltanto venerdì scorso la variante sudafricana e le sue 30 mutazioni, tentacoli spaventosi di un mostro spietato, era lì a farci sentire nuovamente indifesi, oltre ad affossare psicologicamente i mercati. Oggi che ci sentiamo un po’ rassicurati si resta abbastanza perplessi quando un autorevole virologo come il professor Andrea Crisanti viene bacchettato in tv se esprime prudenza sulla vaccinazione dei bambini, prima che sia testata in misura più ampia rispetto a quella attuale. Perché, altrimenti, “in prima serata, la gente si spaventa e non capisce più niente”. Ma si resta letteralmente di sasso se una personalità sempre così riflessiva e posata come il senatore a vita Mario Monti sostiene che sul tema vaccinazione “bisogna trovare modalità meno democratiche nella somministrazione dell’informazione” e che “deciderà il governo, ispirato e istruito dalle autorità sanitarie”. Anche i più convinti sostenitori della vaccinazione (e chi scrive lo è) si augurano che ai no-vax squinternati non si contrapponga la strategia dei sì-vax terrorizzati. E che il discorso pubblico politico e di governo, in tutte le sue forme, ritrovi al più presto equilibrio e razionalità. Soprattutto perché gridare al lupo al lupo, quando il lupo va tenuto a distanza ma non sta per divorarci, alla lunga abbatte gli anticorpi della fiducia e della ragionevolezza.

7 replies

  1. Bla bla bla…… i ricoveri aumentano ma gli ospedali “tengono ‘, le terapie intensive iniziano ad aver bisogno di rimodulazioni. A cosa serve commentare omicron tanto si dirà il tutto e il suo contrario. Zaia ha detto che la spesa per il covid in Veneto è di un miliardo e trecentomila euro e le visite e gli interventi non urgenti rischiano la sospensione. Quindi Monti ha ragione da vendere

    "Mi piace"

    • Paola Bl, ma te sei l’equivalente della Gazzelloni, oppure sei proprio la Gazzelloni?

      Perché quanto a ottusità siete a pari merito.

      A proposito: il costo del MOSE è di 6 mld. Che facciamo, mettiamo in lockdown anche tutti i politici veneti che hanno fatto quell’orrenda porcheria?

      O quelli vanno bene?

      "Mi piace"

    • Tranquillo Paolabl,Monti ti vendira’ senza problemi,stai tranquillo.Forze ti sara’ sfuggito che gia’ lo ha fatto.

      "Mi piace"

  2. Paola il tuo non lo vedo un esempio calzante.Sarò anche aneddotico, io vivo a Napoli, e per una visita specialistica alla tiroide dall’endocrinologo della ASL, a mia moglie fu dato un appuntamento ad 1 anno e 2 mesi prima del Covid, appuntamento poi slittato di circa 1 anno “a causa del Covid”. Il depotenziamento della medicina territoriale non lo vedo un problema causato dal Covid, mi sembra più la buona scusa per tutto e per il “dagli all’untore”. Io invece sono palesemente per “dagli al politico”, nello specifico al De Luca di turno

    Piace a 2 people

    • Mi pare un argomento ridicolo questo, perdoni:ma se già la sanità regionale affoga nei debiti. Ed è già fallita, di quale guadagno sta parlando lei? 🤣 I prezzi che lei riporta, in realtà sono costi che le aziende sanitarie locali debbono sostenere senza la certezza di un pronto rimborso. Non sono mica privati! I privati se ne stanno alla larga dai malati covid🤣🤣

      Piace a 1 persona