Di Battista: “Trovo immorale che il M5S governi insieme a Renzi”

(Alessandro Di Battista) – Questa è la mail che Gianluca Ansalone, responsabile delle relazioni esterne di British American Tobacco (Bat), numero 2 al mondo per produzione di sigarette, invia a Roland Barry e Giovanni Carucci, rispettivamente capo ufficio legale e vice-presidente del Cda sempre di Bat.

Ansalone (già assistente di Rutelli ai tempi della Margherita e poi nello staff di Napolitano al Quirinale) parla di Open, la fondazione renziana sotto inchiesta, il “Tubo digerente” come la definisce l’avvocato Bianchi, numero 1 di Open, in una mail a Lotti, braccio destro di Renzi (Renzi l’ha lasciato nel PD a “controllare”) ed indagato, insieme a Bianchi, per corruzione per l’esercizio della funzione.

Ebbene Ansalone spiega quanto sia importante finanziare Open come prerequisito per arrivare a Renzi ed ai suoi uomini.

“Sostenere Open, prima della nomina di Renzi come premier, come strumento per confermare un allineamento con i progetti, la freschezza, l’energia e le idee portate avanti da Renzi ed il suo Governo; come strumento per impegnare l’entourage politico di Renzi; per stabilire un nuovo, attuale dibattito costruttivo con i nuovi arrivati nell’arena politica”. La Bat ha versato nelle casse di Open 170.000 euro.

Sempre Ansalone, il 14 dicembre del 2017, chatta con l’avvocato Bianchi (per intenderci Bianchi è quell’uomo in smoking fotografato insieme alla Boschi in abito rosso al Maggio fiorentino) e scrive: “Stiamo disinnescando un’ultima bomba con Luca in legge di bilancio, poi ci facciamo un po’ di ferie e ci prepariamo per la campagna elettorale”.

Questo era il sistema Renzi. Un sistema immorale (vedremo se anche illegale). Vi consiglio di andare in edicola per comprare il nuovo numero di TPI. Credo sia un dovere conoscere il modo in cui si muove il potere.

Per quanto mi riguarda continuerò a denunciare queste oscenità per varie ragioni:

1. Piaccia o non piaccia l’operazione Draghi è stata realizzata anche da Renzi.

2. Trovo immorale che soggetti del genere stiano al governo del Paese.

3. Trovo immorale che il M5S ci governi insieme.

4. Reati o meno, la Repubblica italiana è dilaniata dall’affarismo politico, dallo strapotere delle lobbies e da una troppo scarsa capacità di indignarsi dei cittadini.

5. Questi qua hanno speso 1,8 milioni di euro per la campagna referendaria del 2016 (noi poche centinaia di euro di benzina e caselli quando gli abbiamo fatto il mazzo in motorino), hanno perso, dovevano andarsene, e stanno ancora qui, pure molto più ricchi di prima.

Forse a qualcuno questo sistema va bene, ma come disse Noodles a Max in C’era una volta in America, “se questo sta bene a te, a me, non mi sta bene”.

27 replies

  1. L.avidità miope delle classi dirigenti italiane ha condotto all’ impoverimento generale del paese. Solo i grandi manager, superburocrati, professionisti e furbetti, intrallazzatori, finanzieri hanno moltiplicato in modo disgustoso le loro entrate

    Piace a 1 persona

  2. Mr. Smith va a Washington

    Film del 1939 con James Stewart e diretto da F. Capra.
    Lo si trova in streaming, il link non passa. Merita.

    "Mi piace"

  3. Non capiscono perché tutti tacciano per i soldi che Grillo e Casaleggio hanno preso da Onorato, un imprenditore in affari con lo Stato, monopolista di fatto delle tratte marittime nel Tirreno, un Benetton del mare.
    Si parla di oltre 1 MILIONE di euro, mica bruscolini.
    Perche Di Battista tace su questo, solo le lobby del tabacco fanno schifo?
    Onorato ha versato tutti quei soldi al M5S perché?
    Per passione o per condizionare la Politica.

    Non sei credibile Dibba!

    "Mi piace"

    • Andrea, il problema non sarebbe neanche il finanziamento ad un partito, il Pd come il m5s… qui si tratta del finanziamento ad una corrente, facente capo ad una sola persona, Renzi.
      Tant’è che la fondazione ha “seguito” le sorti di Giuda, NON quelle del Pd.
      Una cosa privata, insomma.
      Però non sono tanto addentro a queste questioni, che non afferro sino in fondo, avendo una forma mentis lontana anni luce dai maneggi, in genere… diciamo che l’ho inteso così, dai commenti di Travaglio e Bersani.

      Piace a 1 persona

      • @Anail

        Ma come può la politica avere un minimo di etica se prende montagne di denaro da prenditori in affari con lo Stato?
        Il fatto che vadano al Partito e non alla corrente (che è un partito nel partito) cambia di poco la questione.
        Quei soldi servono per co dizionari la politica.
        Ai Benetton la politica ha concesso molto, anche un contratto capestro che consente al concessionario di prendere per le palle, ed anche per il culo, lo Stato. E sai perché? Perche la politica (i partiti, ovvero associazioni di privati cittadini) ha preso un sacco di grana dai Benetton ed hanno svenduto una concessione. Tu pensi che il problema siano le privatizzazioni?
        Nient’affatto, il problema sono le privatizzazioni ladre dove il controllato (i Benetton di turno) sfugge ai controlli perché il controllore (lo Stato) non può controllare visto che la politica che si è fatta corrompere non lo consente.

        Sono mazzette, atti di corruzione, queste donazioni.
        Come fate a non capirlo mi sfugge.

        Ti pongo nuovamente pa domanda: per quale motivo Onorato ha versato oltre 1 milione di € al M5S?

        Per idealismo?

        Come fate a non capire che un partito che accetta centinaia di migliaia di € da prenditori in affari con lo Stato ha le mani legate, si è venduto?

        Come puoi legiferare bene sulla sanità se prendi le mazzette , pardon donazioni, da Agelucci?
        Come puoi liberalizzare il mercato del trasporto marittimo se prendi oltre 1 milione di € da un monopolista come il prenditore Onorato?

        La tua distinzione tra partito e corrente non ha molto senso.
        La politica degenera anche se le mazzette dai prenditori, pardon, le donazioni disinteressate di importanti imprenditori, se le intasca il partito tutto

        "Mi piace"

      • Andrea, io non parlavo di etica, su cui sono perfettamente d’accordo con te, tant’è che sono a favore del finanziamento pubblico ai partiti, proprio per EVITARE questo aspetto.
        Parlavo in punta di diritto, cioè riportavo ciò che è stato scritto a proposito delle donazioni, che, purtroppo, sono LECITE, se effettuate direttamente ai partiti, perché devono essere registrate (non ricordo se ci sia un limite, ma credo di sì).
        Con le fondazioni si aggira questa regola, perché la registrazione non è obbligatoria.
        Nel caso di Open, poi, stanno individuando lo scopo come diretto esclusivamente a sostenere un politico, non una politica.
        E pare che questo faccia la differenza, altrimenti non ci sarebbe l’indagine.

        "Mi piace"

      • Ma anche quelle LECITE ai partiti sono mazzette! Il fatto che ora siano LEGALI non che vuol dire?
        B. Aveva depenalizzato il falso in bilancio, per dire.
        Sottovaluti troppo questo aspetto delle mazzette, e lo fai solo perché questa politica ladra ha iniziato a chiamarle donazioni e le ha legalizzate.
        Ma se prendi i soldi dai Benetton, per dirne solo uno dei prenditori italiani (che per qualche imbecille sono i piccoli artigiani, ovvero operai com Partita Iva), come puoi contestare a Benetton la qualità del servizio?
        Chiaro?
        Lo “scopo politico” delle mazzette legalizzate, qual è?

        "Mi piace"

      • Senti, ti ho GIÀ detto che non condivido la cosa, al punto che IO sono per il finanziamento pubblico. Tu, invece? Che cosa proponi?
        E non è che ogni volta che si analizza un aspetto, DA FUORI, sì devono continuare a riproporre i nostri peggiori fantasmi e mettersi a lottare contro di essi come se tutto il mondo ci si opponesse!
        Io ho semplicemente tentato di evidenziare i motivi giuridici che differenziano i vari tipi di donazioni, per quanto poco ne sappia, oltretutto., pur non condividendoli.
        Ci riesci per una volta ad avere uno sguardo distaccato e capire che non sempre DESCRIVERE una cosa significhi CONDIVIDERLA?
        Quante volte, per ogni frase, ci devi far sapere il tuo pensiero in proposito?
        Lo conosciamo fin troppo bene, lo condividiamo anche, non c’è bisogno di vedere oppositori ovunque.
        Sembri Don Chisciotte contro i mulini a vento, che neanche ci sono, perché sfondi un portone aperto.
        Scialla.

        "Mi piace"

      • Hai ragione Anail, un Don Chisciotte contro i mulini a vento, per di più senza nemmeno un Sancho vicino a consolarmi 😀
        Devo astenersi dal commentare ma sono un po’ grafomane, la mia lancia è la mia tastiera.
        Ce vo pazienza, lassa sta’

        Piace a 1 persona

      • Siamo tanti Don Chisciotte, più di quanto tu creda, con la lancia spuntata dall’uso… e stanchi.
        L’importante è non rivolgerla, per miopia, verso i nostri compagni di lotta… 👋🏻🤓

        "Mi piace"

  4. Dal fq. ”
    Nel settembre del 2018, però, il M5s in Sardegna si schierò contro la conversione siglata con la Moby. Anche nel gennaio del 2019 i grillini attaccavano Tirrenia, con Onorato protagonista di un botta e risposta con Danilo Toninelli. “A luglio del 2020 sarà bandita la nuova gara per la continuità territoriale marittima per la Sardegna con il superamento del monopolio della Tirrenia”, aveva detto l’allora ministro grillino. “La sua – aveva replicato Onorato – è una dichiarazione di chi non sa e non ha preso le informazioni, pura campagna e demagogia elettorale”. In un’altra occasione Onorato aveva dichiarato di essere amico di Grillo (“ci conosciamo da quando eravamo adolescenti”), attaccando invece lo stesso ex ministro dei Trasporti. Proprio Toninelli aveva partecipato all’assemblea di Confitarma, l’associazione degli armatori aderente a Confindustria contrapposta a Onorato e contraria a una revisione delle regole per privilegiare le compagnie che imbarcano marittimi italiani. In quell’occasione Toninelli aveva detto che il sistema del Registro marittimo aveva consentito alla navigazione italiana di crescere e ammodernarsi. Chiudendo in pratica alla revisione che Onorato chiede da tempo.”
    Non sembra che il mv vicino allé idee del Dibba sia molto amico d’onorato.

    "Mi piace"

    • @Cagliostro

      Ma che senso ha una POLITICA che prende i soldi fa prenditori in affari con lo Stato?
      Come può appassionarvi una politica del genere?

      Tu parli dell’avversione del M5S a Onorato, tutte questioni opinabili (Toninelli ha detto, Onorato ha detto…) che non cambiano la SOSTANZA del discorso.

      I partiti politici e chi li rappresenta non possono, non devono!, prendere somme ingenti di denaro da PRENDITORI in affari con lo Stato. PUNTO.
      È facile da capire.

      Se digerite il 1.200.000 € (se ricordo male la cifra bi prego di correggermi) che hanno preso Grillo e Casaleggio da Onorato come se fosse purea di patate, risparmiateci le beccucce storte di fronte ai 170.000 € presi da Renzi, non siete credibili.

      A me fanno schifo certi comportamenti a prescindere da chi li adotta.
      Il mio punto di vista è sempre lo stesso, la vostra morale cambia al cambiare delle persone coinvolte.

      "Mi piace"

  5. Di Di Battista io non mi fido.
    È più onesto di un Di Maio o di tanti opportunisti del M5S, è più trasparente, più intelligente, più colto, con la schiena più dritta.

    Ciononostante non credo che sia onesto fino in fondo, è un furbone che sta giocando bene le sue carte.

    Certi suoi silenzi (parla delle donazioni a Renzi e nemmeno un accenno a quelle ben più sostanziose date a Grillo e Casaleggio) lo dimostrano.

    Mi viene in niente una scena del bellissimo film “C’eravamo tanto amati” laddove un grandissimo Aldo Fabrizi se ne uscì dicendo più o meno così: “mi raccomando, stai molto attento a quelli onesti, soprattutto a quelli, rifilano certe fregature!”

    I finti onesti sono molto più insidiosi dei venduti plateali.
    Non sto dicendo che Di Battista sua immagino elemento negativo, tutt’altro. Lo vedrei bene in Parlamento.
    Dico solo a chi si aspetta il GRANDE LEADER incorruttibile, che non può essere lui, non ne ha la statura.

    "Mi piace"

    • Su Onorato io ti do ragione, non sono uno da doppia morale ed i coinvolti dovrebbero quantomeno chiarire se si sia trattato di donazioni o di un contratto di servizi, e se poi siano seguiti in Parlamento atti a vantaggio del monopolista.
      Su questo anche un Travaglio o chi per lui (anche un Sallusti!!!) potrebbe fare un minimo di inchiesta, come lo fecero a suo tempo le Iene per il contratto con Philip Morris, poi finito nel nulla.
      Detto questo, Di Battista ha rinunciato a fare il ministro per non stare seduto allo stesso tavolo con Renzi e la Boschi, ha rinunciato a 200.000 euro di liquidazione al termine del mandato, soldi SUOI, donandoli in beneficienza, ha rifiutato a suo tempo le sirene di B. che gli avrebbe fatto ponti d’oro, e cerca di mandare avanti la sua famiglia con il suo onesto lavoro (nel quale francamente non mi sembra una cima), sbattendosi come un cittadino qualunque.
      Ha senz’altro diversi limiti, di formazione, caratteriali, manageriali direbbe Grillo, ma non certo di visione e di valori, nella sua idea che non ha bisogno di leader per andare avanti, ma solo di condivisione e di partecipazione dal basso.

      Piace a 1 persona

      • È il migliore tra i peggiori, tutto qui.
        Altrimenti anche lui avrebbe avuto qualcosa da dire sul milioneduecentomila euro che Grillo è Casaleggio hanno incassato.
        Parli della politica che si sporca con i soldi dei prenditori e trascuri solo quelli preso dal M5S?
        C’è qualcosa che non va?

        "Mi piace"