Il mondo è fuori

(“Il mondo è fuori” di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – L’altroieri, mentre Conte denunciava la spartizione della Rai fra i perditori delle elezioni che per coerenza ha escluso i vincitori, lo stato maggiore pentastellato alle sue spalle esibiva una rassegna di facce da funerale, tipo quando ti muore il gatto. Le prefiche grilline dovrebbero vedersi la commedia A che servono questi quattrini di Eduardo De […]

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

55 replies

  1. Il mondo è fuori

    (MARCO TRAVAGLIO – Il Fatto Quotidiano) – L’altroieri, mentre Conte denunciava la spartizione della Rai fra i perditori delle elezioni che per coerenza ha escluso i vincitori, lo stato maggiore pentastellato alle sue spalle esibiva una rassegna di facce da funerale, tipo quando ti muore il gatto.
    Le prefiche grilline dovrebbero vedersi la commedia A che servono questi quattrini di Eduardo De Filippo: “A un contadino cinese fuggì il cavallo. E tutti vennero a fargli le condoglianze. ‘E chi vi dice che sia una disgrazia?’, rispose il contadino. Infatti il cavallo tornò con altri sette. Tutti tornarono per congratularsi. ‘E chi vi dice che sia una fortuna?’, rispose il contadino. Infatti, cavalcando uno dei sette cavalli, il figlio cadde e si ruppe una gamba. Tutti tornarono a fare le condoglianze al contadino, che rispose: ‘E chi vi dice che sia una disgrazia?’. Infatti scoppiò la guerra e il figlio, grazie alla gamba rotta, fu riformato”. Ecco: chi l’ha detto che essere sbattuti fuori dalla Rai sia una disgrazia e non, invece, un’insperata fortuna?
    Le intenzioni di Draghi le conosciamo: dare a Conte e a 11 milioni di elettori l’ennesimo schiaffo, che il premier può permettersi grazie al filo diretto con i governisti a oltranza Grillo e Di Maio.
    Un’operazione di regime, che taglia fuori da tg e gr il partito di maggioranza relativa dopo aver escluso dal Cda l’unico partito di opposizione (FdI). Ma è tutto nella logica della vecchia politica, di cui Draghi – a dispetto della sua finta estraneità al Palazzo – è maestro da quando portava i calzoni alla zuava: chi è fuori dalla Rai muore.
    Era così quando il servizio pubblico era servizio ed era pubblico. Oggi è una via di mezzo fra un postribolo, un ospizio, un manicomio e una barzelletta: più ne stai lontano, più vinci. Non a caso uno dei pochi programmi d’informazione rimasti credibili, Report, i politici deve inseguirli per inchiodarli alle loro responsabilità.
    La Lega delle origini (quella vera di Bossi) e il M5S sfondarono anche perché avevano tutta la Rai contro. Oggi le ospitate a Saxa Rubra servono alle salme tipo bin Rignan ad allontanare un altro po’ le esequie, non a chi vuole e può vincere fra la gente normale. Che ormai si ritrova in luoghi meno malfamati: i social e le piazze.
    Nei loro primi 9 anni i 5Stelle hanno imparato a fare opposizione: riprendano a farla, diano battaglia per il loro ddl di riforma (giacente da tre anni per mancanza di alleati), facciano le pulci a chi gestisce i soldi del canone, chiedano le carte degli appalti esterni, denuncino sprechi e marchette.
    E muovano il culo per tornare in piazza. Lì giocano in casa, anche grazie a un leader che, unico insieme alla Meloni, quando esce di casa viene ascoltato e applaudito (mentre quell’altro, se mette il naso fuori, lo menano). E chi vi dice che sia una disgrazia?

    Piace a 4 people

    • Sostanzialmente è Travagliio che é fuori di melone ! 2 anni fa voleva a tutti i costi che i 5 stelle si alleassero con tutti i suoi ex amici dell Unita! I comunisti come lui non muiono mai poiché stanno benissimo! E dire che io ero una grande fan ! Che delusione!

      "Mi piace"

      • “2 anni fa voleva a tutti i costi che i 5 stelle si alleassero…” e quindi?
        Allearsi con il secondo partito per fare il governo è una cosa, fare un frullato di parlamentari e senatori guidati da un boiardo di sistema che fa quel che vogliono i suoi ¨benefattori” e non il bene dei cittadini è un’altra.
        Oltretutto Travaglio in più di un’occasione si è detto e dimostrato tendenzialmente destrorso. Checché per fortuna sensibile ai temi sociali.

        Piace a 2 people

      • non so quale sia la verità (nulla a che vedere con la Pravda) su Travaglio
        ma dargli del comunista mi pare un tantino eccessivo, al limite dell’ossimoro

        poi, oh!, qualsiasi cosa significhi per lei “comunista”, magari nell’intimo, lo è.

        ma io non sono un Recalcati, quindi mi astengo dall’analizzare le vostre psicologie

        "Mi piace"

      • Eh infatti!
        Quando invece tre anni fa si sono alleati con i suoi ex amici della Padania stavi a posto.
        Vedovo inconsolabile del meraviglioso Conte 1!

        Piace a 1 persona

    • Per fare opposizione devi stare all’opposizione. Se ti affezioni al posto che ricopri personalmente,alla tua forza politica possono fare qualunque cosa e fregartene alla grande. Ma Conte con chi sta ? Con chi la pensa come Travaglio o con Di Maio lo scudiero (Sancio panza) di Draghi ?

      "Mi piace"

  2. clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap clap
    grandi applausi al leader unico.
    voti = 0.
    giammanco per il cazzo la ggente voterà il Bamboz (e infatti il M5S rimane inchiodato al 15% nei sondaggi: e non dite che i sondaggi non contano un fico, perché quando si trattava di dire che il vostro Bamboccio era il più popolare d’Italia i sondaggi li consideravate oro).

    ma il punto è un altro.
    ed è sempre il solito: Grillo e Di Maio saranno pure supergovernisti, ma è il Bambocciaccio che non si scolla dal Governo.
    se volesse, potrebbe: si è scritto uno statuto in cui la direzione politica spetta solo a lui.
    solo che non vuole, perché vuole l’alleanza col PD dato che si crede davvero il punto di riferimento dei progressisti e spera che Letta lo rimandi a Palazzo Chigi. e il PD vuole l’alleanza ma vuole anche restare al governo, quindi non tollererà che il Movimento si smarchi.
    e quindi l’Insigne Statista Conte parla parla parla, adesso minaccia pure, ma alla fine deve dire sissignore a Draghi.
    e allora Travaglio la pianti di berciare e piagnucolare: o dice che il M5S deve staccarsi dal PD, oppure si fa andare bene il governo Draghi e le umiliazioni che il fantabamboccio deve subire e far subire al Movimento.

    Piace a 1 persona

    • Intanto Travaglio ha preso una cantonata terribile( anni fa ne scrissi qui !quando avevo il mio nome , poi qualcuno se l e preso ) ma é stato proprio lui Travaglio a voler buttare fra le fameliche fauci del pd i suoi beniamini ! E Pietro jula mi è testimone e difensore ( grazie ancora Pietro! Elena) adesso che Travaglio dica quello che avevo detto 2 anni fa ! Is a little bit too late!

      "Mi piace"

  3. Ehm.. sssì, ma
    Vedi amico, la cosa presa da sola potrebbe anche essere digerita. Voglio dire: non è tanto la questione in sé, quanto il metodo e l’obiettivo che si prefigge. Va a consolidare un trend, non so se mi spiego; e poi i titoli, gli sbeffeggi, le risatine, quelli di honestah- honestah. Tu capisci che dopo un pochino ne hai le OO così sature che te le trovi a strascico, serve un reggipalle rinforzato, eh..

    "Mi piace"

  4. Se i 5 stelle tornano in piazza verranno presi a pernacchie, la gente dopo 2 anni di covid,pandemia,green pass per lavorare , è incazzata nera,della RAI se ne sbatte

    "Mi piace"

  5. Spiace ripeterlo a distanza di mesi, ma quando fecero cadere il governo Conte 2,il movimento aveva il compito più semplice: andare all’opposizione ed uccellare le inevitabili porcate del nascente governo zoo Draghi e stravincere le prossime elezioni. Invece i Grillos (Giuseppe & Ciro) e gli pseudo statisti poltronari hanno confezionato una marea di supercazzole per il perfetto suicidio del fu movimento, facendosi prendere sistematicamente per il sedere dal Marchese del Draghi (diventando suoi complici ed utili servi) e buttando al cesso la fiducia di chi gli aveva votati in base alle idee, ai due mandati, alla guerra al psiconano mafioso di Arcore, alla diminuzione degli stipendi dei parlamentari, ecc. Scordatevi il 15% che vi danno ora, sarà un miracolo se arriverete all’8%. L’ottimo Travaglio si è svegliato tardi, mentre giocava al risikone delle alleanze non si accorgeva ciò che più era evidente: il Blob del sistema marcio italiota aveva preso le contromisure al movimento e lo aveva inglobato dentro di sé.

    Piace a 2 people

  6. A che serve tornare nelle piazze, se si continua a fare i servi delle veline di palazzo? Se non si ha uno straccio di comunicazione social quantomeno quotidiana e su temi controcorrente, come ai tempi del blog di Grillo? Se non si riesce a fare una forte e seria contro-informazione, come a suo tempo riusciva a fare Casaleggio sr., con pochissime risorse e tantissime idee?
    Oggi la comunicazione web del Mov è patetica, nessuna idea, nessuna prospettiva, nessuna partecipazione, nessuna possibilità di commentare e dire la propria, nessun dibattito, nessun riferimento, nulla di nulla di nulla.
    C’è un abisso anche rispetto al fu-Blog delle Stelle.
    I profili facebook peggio che andar di notte, sono mere bacheche di frasi da libro cuore o di pura circostanza, o di reclame al proprio libro in uscita, dove vengono bannati i commenti negativi e facendo persino sembrare siti d’inchiesta le pagine della Boschi o di Toti.
    Il piatto piange, il re è nudo, le polveri sono bagnate.
    Ripeto: il piatto piange, il re è nudo, le polveri sono bagnate.

    Piace a 3 people

    • X Frankie (goes tu ollivuud?)

      Sostanzialmente è proprio così.

      Appena oggi ho scoperto di essere stato cannato dal profilo FB di Di Maio.

      In ogni caso, il Gigetto la Frottola si diverte a sponsorizzare il suo libro e le grandi occasioni internazionali di prestigio a cui partecipa a nome dell’Italia, oppure i gelati che prende con la fidanzata.

      Non c’é verso, questa gente si è impoltronita, non solo non è più credibile, ma chi se la cerca ancora per le strade?

      4 anni senza più meet up, non so se mi spiego. Li hanno lasciati affondare senza ragione apparente se non accentrare tutto il potere a Roma.

      Questo gli attivisti lo sanno. E un Di Maio non lo vorranno mai più come capo.

      Non ci si può riscoprire rivoluzionari, non può funzionare così. I M5S possono tornare nelle piazze, ma solo se cannano tutta la classe dirigente. Però senza di essa non esistono, resta solo Giuseppi.

      Quindi temo che non si possa fare.

      Ma la ragione fondamentale è quella elencata da MT:

      ”che il premier può permettersi grazie al filo diretto con i governisti a oltranza Grillo e Di Maio.”

      I due farabutti che hanno distrutto il loro stesso movimento. DI Maio si facesse vedere senza guardie del corpo se ci riesce, ma dubito che lo farà. Quando andò alla manifestazione della CGIL contro i fassssisti, arrivò con un corteo di macchine blindate. Figurarsi.

      Piace a 1 persona

      • Devono tornare in piazza, per forza.
        La 7 e mediaset sono salubri come le paludi della Louisiana, perciò il consenso va cercato nei posti giusti.
        E sarà il triplo più difficile, perché dovranno chiedere scusa ed essere credibili che non la tireranno in 🍑 un’altra volta.

        "Mi piace"

  7. Cosa fatta, capo ha. Il m5s come lo conoscevamo, con certe persone, con certi sistemi è finito. L’ hanno ammazzato i suoi responsabili e tutti i parlamentari che li hanno seguiti nel governo Draghi. Le minestre riscaldate non vanno bene e non se ne parli più. Si dovrà ripartire, con fatica, con altri personaggi, tra tante difficoltà. Rimangono la speranza e una certezza: quando R. lanciò il referendum sulla schiforma costituzionale nel dic. 2016, aveva TUTTI i mezzi di comunicazione di massa a favore, era sempre intervistato e circondato da una propaganda inaudita : eppure vinse il NO.

    Piace a 2 people

  8. NO, NO E’ DI QUESTO CONTE CHE IL MOVIMENTO OGGI HA BISOGNO- Viviana Vivarelli.

    Il caso delle nomine Rai dovrebbe essere il detonatore che fa saltare a baracca. Purtroppo il disinteresse del M5S nei confronti della RAI o dell’informazione in genere è stato sempre fatale, dal momento che siamo un popolo di teleutenti che si è sempre lasciato soggiogare dalla televisione, e con la pandemia di più, per cui sopporto male Travaglio che la fa lo spiritoso sulle ulteriori offese di Draghi al Movimento, trattato come il figlio della serva e spero che chi usa il potere con tanta spregiudicatezza e iniquità abbia a pagare al più presto i danni che fa e la sua impudenza autoritaria, tanto più che mi è rimasto ancora sullo stomaco lo zelo che Travaglio ha sempre usato per spingerci ad allearci col Pd.
    E lo abbiamo visto quanto il Pd ci rispetti!! Che vi piaccia o no, il M5S è riuscito a realizzare gran parte del suo programma con la Lega nel primo governo Conte, a parte il compromesso subito a denti stretti sui decreti sicurezza (che Conte ha recriminato come un obbligo indesiderabile ma inevitabile) ma il secondo Governo Conte con il Pd è stato un totale fallimento, come arrampicarsi sugli specchi, con un nemico costante e astioso con cui non è stato possibile fare nemmeno alleanze locali e che ci è sempre stato contro (basterebbe vedere il caso di Roma e della Raggi) tramando con i peggiori soggetti di questo Paese. Io con Travaglio ci ho pure litigato quando mi scrisse privatamente per convincermi a quella alleanza col Pd di cui non mi sono mai fidata e che ho sempre visto come il peggiore e più infido alleato del M5S e, se votai a denti stretti su Rousseau la coalizione con la Lega, non ebbi poi stomaco di ripetere il consenso per la coalizione con il Pd, nemico subdolo e falso, sempre pronto ad andare pappa e ciccia con Confindustria e Berlusconi, rinnegando i diritti costituzionali di cittadini e lavoratori e intriso del renzismo più nero.
    E mi ribellai assolutamente e con sdegno al quesito farlocco di Grillo su Draghi, frutto del compromesso più vergognoso, e votai No al Governo Draghi, cosa di cui non mi sono mai pentita e che ripeterei subito e con maggior forza. E ora che gli esiti nefasti di questa resa si stanno evidenziando, vorrei che Conte fosse tanto onesto da fare la controprova per vedere se il popolo di Rousseau è ancora convinto del suo voto su Draghi, ma dubito che questa controprova mai si farà.
    Leggo nei social che omologare le tre alleanze come fossero tre governi identici e alla pari è un leit motiv dei rompicoglioni che insistono a chiamarci voltagabbana, come se fare una coalizione non fosse stato una emergenza obbligatoria, una volta fatto il Rosatellum che eliminava il premio di maggioranza. E purtroppo anche i più facinorosi grillini sembrano considerare i tre governi come identici mentre completamente diversa è stata la nostra posizione all’interno di ogni coalizione e diverso il nostro potere.
    I tre governi, al contrario di quanto insistono a dire i troll o gli ignari sono stati diversissimi, e se i primi due hanni avuto la loro ragione di essere, per condizioni di coalizione in cui il M5S era prioritario e riusciva a fare le proprie leggi, mi stupisce che non si voglia riconoscere che la cessione a Draghi non è stata affatto una alleanza o una coalizione, ma una subordinazione a un nemico spietato e gelido che vuole solo spianarci al suolo e non merita certo il nostro sostegno, perché non si sostiene chi ti abbatte e insulta, portando avanti un programma che è l’esatto opposto del tuo, e Conte, ieri sera a Piazza Pulita, non mi ha convinto affatto con le sue argomentazioni e l’ho trovato confuso e involuto come uno che non può dire i reali motivi di questa cessione troppo rapida ai desideri del Quirinale e il suo rinnegamento velocissimo della democrazia diretta e dei principi che fondavano il Movimento e ne costituivano l’unicità per mettere su una struttura di vecchio tipo, obsoleta e simile a un Pd 2, che mostra solo che del Movimento originale non ha capito niente, con Grillo dietro che lo incitava alla distruzione del suo stesso Movimento per motivi non etici e non raccontabili. No, Conte non mi è piaciuto. Non accetto le sue giustificazioni sul fatto che si sia tanto disinteressato della Rai e dell’informazione in genere, che abbia partecipato al golpe interno di Grillo che ha ammazzato la democrazia interna comportandosi come un ras assoluto e che abbia ceduto tanto presto e tanto facilmente al colpo di stato che ha portato al governo Draghi. Nella migliore delle ipotesi, Conte mi è sembrato debole e poco chiaro, non certo il comandante forte e deciso di cui oggi avremo bisogno e che riporti in alto l’onore del Movimento e la lotta al neoliberismo più incostituzionale e assassino. E ancora una volta nessuno ha spiegato come mai col programma e la struttura iniziale del Movimento abbiamo preso 11 milioni di voti e con le scelte attuali di Grillo e Conte ne abbiamo persi 6 milioni. Solo questo crollo dovrebbe essere la prova che le decisioni di Grillo e Conte e la loro resa incondizionata e vile a Draghi non sono piaciuti affatto alla maggioranza dei loro elettori e, se continuiamo così, a sostenere col nostro voto in Parlamento chi ci distrugge, votando unanimemente ala fiducia i decreti odiosi e antidemocratici di Draghi, spariremo del tutto in un autentico suicidio. E né l’alibi della pandemia né la speranza fasulla dei 209 miliardi potranno reggere di fronte a questo fallimento elettorale . Ma anche qui i grillini più fanatici negano l’evidenza, rifiutano una autocritica e continuano anche loro a omologare le tre partecipazioni governative come fossero specie identiche. Purtroppo, come spesso accade nella cronaca quando avviene una strage e tutti dicono: “Non ci avremmo creduto mai perché era tanto una brava persona”, gli errori del M5S nel presente non possono essere giustificati in nome delle buone cose fatte in passato. Ieri era ieri e ora è ora. Ogni tempo è il suo tempo. E richiede la sua valutazione dei fatti nel presente. E non so quale sia la valutazione di Grillo e Conte, ma è evidente che se continuano così a prendere calci in bocca da Draghi e a sostenerlo lo stesso, la democrazia morirà e il M5S con essa.

    "Mi piace"

    • ” il M5S è riuscito a realizzare gran parte del suo programma con la Lega nel primo governo Conte, … ma il secondo Governo Conte con il Pd è stato un totale fallimento, come arrampicarsi sugli specchi, con un nemico costante e astioso con cui non è stato possibile fare nemmeno alleanze locali e che ci è sempre stato contro (basterebbe vedere il caso di Roma e della Raggi) tramando con i peggiori soggetti di questo Paese”

      Più precisa e perfetta di così non potevi essere, e bisognerebbe gridarlo forte agli elettori/elettrici di LEU che imperversano denigrando/deridendo un governo che NONOSTANTE LA LEGA ha portato a casa fatti e risultati che oggi sarebbero pura utopia!

      "Mi piace"

      • Paola
        Per lo stesso motivo per cui con il governo Conte 2 sono tornati il 15% di elettori sinistrorsi, e sono scappati il 15% degli elettori destrorsi.
        Per pura ideologia.

        "Mi piace"

      • No scusa c’è un passaggio mancante, Il tuo calcolo porta a zero: dal 33 per cento siete arrivati al 18.
        Ora 15/16.
        Quindi li avete persi nel primo governo ma non è che li avete regalati al pd.

        Piace a 1 persona

      • Cara Paola, aspetta, aiutiamoci:
        Conte I: 33% – 15% (sinistrorsi scappati nell’astensione) = 18%
        Conte II: 18% + 15%(sinistrorsi ritornati) – 15% (destrorsi scappati dalla Meloni) = 18%
        Fluttuazione di elettorato scevro da ideologie (quindi margine di errore): +- 5%
        Così torna anche a te?

        "Mi piace"

      • “Conte I: 33% – 15% (sinistrorsi scappati nell’astensione) = 18%
        Conte II: 18% + 15%(sinistrorsi ritornati) – 15% (destrorsi scappati dalla Meloni) = 18%”
        FARNETICAZIONI.
        Quando MAI i voti passati direttamente dal m5s a Salvini erano sinistrorsi astenuti??????
        Ti sfugge che la Lega è passata dal 17 a quasi il 40, sicuramente al 34?
        E quando mai si è visto, nei sondaggi, questo RITORNO di sinistrorsi, che NON se N’ERANO mai andati?
        Sono i destrorsi che hanno preso il volo verso i loro partiti naturali.
        Peccato che ne siano rimasti ancora troppi.
        Ma vabbé, tanto, ora, VI ASTENETE: ed ecco trovato l’altro 3% mancante successivo.

        Ps prima di parlare degli elettori di Leu, pulisciti la bocca, ché siamo più LEALI noi al m5s, di quanto non siate VOI.

        "Mi piace"

    • A me invece, @viviana, Conte ieri non è dispiaciuto. Mica era una tavola rotonda sul M5S. Su migranti, Rai, Renzi, Draghi, eccetera, ne è venuto fuori bene, da persona seria qual’è. Nè più né meno. Inoltre sbagli a dire che la perdita di 6 milioni di voti dipende dalle scelte attuali di Grillo e Conte. Il M5S ha cominciato a perdere voti fin dalla nascita del Conte I, con la fuga a perdifiato di tanti elettori di sinistra che non sopportavano l’alleanza con Salvini. Da lì in poi è stata una continua discesa. Saluti

      "Mi piace"

      • Bravo, non è nemmeno una questione matematica.
        Potrebbe essere sufficiente il calendario per vedere quanti voti ha perso il movimento da quando c’è Conte.
        La cosa divertente è che il 5s medio (e mediocre) si lamenta della melma che gli arriva da fuori, ma il più lo fanno da soli alterando completamente la realtà.

        Piace a 1 persona

      • Santo, dove hai visto, anche tu, questa grande fuga (magari qualcuno isolato e coerente, come Jerome) di sinistrorsi durante il Conte 1?
        Ti risulta che siano aumentati, nei sondaggi, il Pd o Leu?
        A me risulta la crescita della Lega, contestualmente: si vedeva giorno per giorno, tristemente, lo spostamento dei voti 🤦🏻‍♀️
        Poi sono passati da Lega a FDI.
        E se ci fosse mai stata questa fuga in massa, come mai non sono rientrati col Conte 2?

        "Mi piace"

      • @Anail
        Hai ragione, ho scritto del calo di voti (reale, ed era quello che volevo dire a viviana) senza trasformarmi in Pagnoncelli.

        "Mi piace"

    • “E ancora una volta nessuno ha spiegato come mai col programma e la struttura iniziale del Movimento abbiamo preso 11 milioni di voti e con le scelte attuali di Grillo e Conte ne abbiamo persi 6 milioni”

      Guarda che sono fuggiti durante il tuo amato Conte1.
      E se siete riusciti ad attuare molti punti del vostro programma, con Salvini, è stato SOLO perché avevate la formula del contratto, non avendo speranze di conciliare le diverse istanze.
      (Inoltre Salvini si è preso TUTTI i vostri meriti e ancora vi chiedono conto dei SUOI demeriti, tipo i decreti sicurezza!)
      Cosa che invece avete tentato col PD ed è stata contrastata solo dalla presenza di Renzi & Co, purtroppo.

      "Mi piace"

  9. Possiamo solo sperare che il popolo sia migliore dei governanti che ha prodotto. Grillo ha ammazzato il Movimento. Ma le idee di Gianroberto sono più vive che mai e non basteranno i media unanimi ad esaltare Draghi né il governismo carrierista dei Di Maio a imporlo alla simpatia popolare per cui ruzzolerà dal suo soglio, peggio di quanto fecero Craxi, Monti e Renzi. Il mio augurio è questo.

    Piace a 1 persona

  10. Spiace ricordarlo dopo mesi, ma il movimento una volta caduta il governo Conte 2 aveva il compito più semplice. Andare all’opposizione del governo Draghi, uccellsrki sulle inevitabili contraddizioni epassare all’incasso alle elezioni successive. Invece eccolo a rinnegare tutto, scusarsi per le cose giuste dette e fatte, diventare complice ed alleato di chi si voleva combattere, con una serie di supercazzole da far impallidire il conte Mascetti. Grillo è sodali hanno perpetrato il suicidio perfetto, fregandosene del voto di 11milioni di elettori speranzosi nelle idee e ideali che hanno portato sconosciuti inesperti a dimostrare di essere capaci più dei vecchi poltronari, burattini dei poteri marci che ci ammorbano la vita. Il sistema ha però studiato e reagito, inglobando il nuovo come un Blob. L’ottimo Travaglio ha dormito su questo, preferendo giocare come un qualunque giornalone o Dagospia al risikone delle alleanze politiche. Il fu movimento alle prossime elezioni non arriverà al 10%, sperando in una nuova valida proposta politica che raccolga il desiderio di chi crede ancora o si illude che le cose possano ancora cambiare in questo paese incancrenito. Avanti il prossimo.

    Piace a 1 persona

  11. Ok sul ragionamento di Marco Travaglio.
    Solamente non confonderei la stima che suscita Conte (ottenuta con la serietà di quanto fatto col suo secondo governo,il Conte 2, che ha affrontato come meglio non si poteva una tremenda pandemia e ottenuto fior risultati in Europa), con gli effimeri consensi (ammesso che siano reali) della sguaiata Meloni.
    Gli applausi che riceverebbe?
    Davvero non vedo che ci sia da applaudire alle sequele di battute insulse e di bassa demagogia della Meloni che, tra l’altro, ha solidi appoggi e peroratori della sua causa sui media di mister bunga bunga e su quelli del “servizio pubblico” specie sul tg2 che ho personalmente bannato da tempo.
    I suoi sbraiti mi sembra suscitino solo sonore pernacchie.

    Piace a 2 people

  12. Travaglio, per carità, prenditi ‘na pausa e vai in meditazione.
    Ho guardato ieri sera, dopo l’intervista a Peppino, 3 nano secondi di “Venerdì”,
    la diversamente (QI), tutta trippa e distintivo, che transuma alla corte di De Benedetti.
    (poi ho messo su off)
    Simultaneamente è partita la mia calcolatrice che e ha fatto due calcoli
    e un resoconto, realizzando che,
    hai creato un esercito di
    Mostri/Qualunquisti/Opportunisti
    che se non sono nocivi vanno predicando il vangelo dei Peggiori.
    Avvvolo: Feltri, Scanzie, Gentili, Amurri e l’ultima è Venerdi.
    Riposati un attimo e lascia fare alla natura

    Piace a 1 persona

      • Infatti zio Girino, la sfiga la porta Tommaso Merlo, incartata e coi fiocchi, con la carta buona… Per me quando Merlo scrive i suoi articoli sull’EX-OH-CORE-LORO-OH! si pizzica il capezzolo sinistro, in serie di tre, mentre con la destra diteggia sulla tastiera.

        Conte e Di Maio valgono due pizzichi.

        Piace a 1 persona

  13. Povero Travaglio. Ormai ha perso la testa per Conte e, come tutti gli innamorati, non vede i i grandi difetti del suo amore. Più Conte si vanta di aver contribuito alla nascita del governo Draghi, più lui si ostina a sostenere che Giuseppy è prigioniero di Grillo e Di Maio.
    Più Grillo e Conte recitano la sceneggiata del primo che cede a tutte le menate di Draghi e del secondo che fa il duro, più il direttore di quello che qualcuno definisce il Conte quotidiano crede a quello che vede sulla scena, ma non va a vedere come i due se la ridono dietro le quinte. Tutti e due hanno un solo obiettivo, che poi è pure il suo: trasformare il movimento in una appendice del PD, convinti che gli elettori del 4 marzo 2018 fossero dei pidini usciti dall’ovile.

    "Mi piace"

  14. Si potrebbe dire che non andare più in rai potrebbe essere anche un male e da qui i malumori di alcuni 5🌟.. comprensibile.. del resto quanti altri canali di comunicazione si possono trovare che non siano faziosi contro il movimento? L’unico a parte fb forse è “accordi e disaccordi”, tutte le altre trasmissioni, sono troppo influenzate dalla linea editoriale che ovviamente non è pro movimento!! Però è pur vero che il movimento degli albori non andava nei programmi televisivi ed il significativo successo avvenne forse anche per quello!! Quello che il movimento non avrebbe dovuto mai fare è quello di ammorbidirsi, purtroppo le misure si prendono in corso d’opera, capire quello che è più giusto fare avviene nel tempo, con gli errori e i successi, il movimento era vergine e i suoi partecipanti inesperti di politica, la teoria è una cosa la pratica come sempre tutt’altro!! E si è visto ampiamente.. ora il movimento è irriconoscibile ciò nonostante ha mantenuto dei sani e saldi principi ma ha accettato troppi compromessi, troppi ed ora fa i conti con questo.. l’unica cosa che rimane secondo me è di uscire dal governo, l’illusione di poter avere voce in capitolo, è stata grande ma altrettanto una grandissima fregatura!! Il rammarico e la delusione è tanta ma alzare la testa e scrollarsi di dosso lo schifo ancora si può!! Dimostrare di avere la schiena dritta e di essere ancora il M5S della prima ora, tornare sui propri passi, fare ammenda e far capire all’elettorato deluso che gli errori fatti non si ripeteranno perché l’esperienza è stata scottante, perdere di vista il motivo per cui il movimento era nato è stato fatale!! La strada si può ritrovare!! Nulla è perduto ancora ma ci vuole uno scatto d’orgoglio grande!!

    "Mi piace"

  15. Il M5s non esiste più, o almeno nel paese reale si è liquefatto, esiste solo nel “palazzo/governo” dove i suoi rappresentanti non toccano palla e ingoiano di tutto e di più digerendo ogni nefandezza proposta dai”migliori”. capeggiati da SupemanMandrakeBatmanDraghi quindi, trovassero mai il coraggio di andare in piazza come propone Travaglio, verrebbero accolti da bordate di fischi cariche di disprezzo, che è quel che si meritano avendo da tempo rinnegato se stessi.

    Piace a 1 persona

  16. giuseppi il pdiota? con gigino o bibitaro?
    cercare il consenso nelle piazze?
    sostenendo il rettile?
    al massimo qualche nostalgico delle feste dell’unità,

    "Mi piace"

  17. Cambiando un attimo discorso, ecco la strategia di gualtieri per ripulire Roma entro Natale:

    Un premio di 360 euro per non “ammalarsi”: la strategia dell’azienda dei rifiuti di Roma per ridurre l’assenteismo nel periodo di Natale
    (Fatto Quotidiano It)

    Piace a 1 persona

  18. incredibile le supercazzole che sono capaci di spiattellare i pdioti,
    il mv*stron-i ha perso 6 milioni di voti per la giravolta di gigino e giuseppi alle europee, passando da una posizione critica ad una sottomissione totale a berlino oltre a nominare 5 capoliste non appartenenti al mv e nominate dal bibitaro sicuramente su raccomandazione del bos, sovvertendo tutti i buoni propositi del mv.

    "Mi piace"

  19. “E muovano il culo per tornare in piazza.”

    Ma muovano il culo chi?

    Quelli che hanno fatto un paio di legislature avranno messo da parte una milionata di euro. Quelli che ne hanno fatta una sola comunque un mezzo milione.

    Sono diventati degli onesti rentier.

    Che giustamente stimano Draghi, Big Pharma (ottimi utili), il filantropo Bill Gates (pure), l’astronauta Jeff Bezos (anche)…

    Piace a 1 persona

  20. Ieri i 5s presi per il qlo alla grande a Propaganda live, non sia mai che non basti l’ostracismo della RAI.
    D’altronde satira e vagonate di ridicolo fungono più dell’assenza.
    Scommetto che siete contenti, voi sedicenti 5s tafazziani: la sceneggiatura sembrava scritta da VOI, ma con maggiore ‘distanza’, più denigrazione gratuita e zero rabbia.
    Tutta la loro critica verteva sulle condizioni iniziali di modesta estrazione sociale e cultura di DI Maio (complimenti ai comunisti, diplomati esattamente come lui, ma probabilmente con voti anche inferiori) e su Toninelli, per il solo fatto di esistere, parlare, guardare (molto più ironico/autoironico di loro).
    Conte, poi, non poteva mancare.
    Già non ho mai sopportato la squallida macchietta della camminata con musichetta, MAI applicata a Renzi, che cammina da Buffone qual è, mentre Conte è del tutto sobrio ed elegante anche in quello.
    Ho cambiato canale, con orrore, su The resident, mai guardato prima.
    Andate affncl “tutti quanti siete”, alla sarda.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...