Protesta del tavolino, ecco perché è scattato il Daspo per Puzzer

(Fosca Bincher – iltempo.it) – Ha fatto scalpore e suscitato numerose polemiche politiche la decisione del questore di Roma di emettere un Daspo o foglio di via che lo si voglia chiamare per impedire al leader dei portuali di Trieste, Stefano Puzzer, di mettere piede nella capitale per il prossimo anno. La scelta è sembrata a quasi tutti esagerata perché Puzzer era venuto a Roma da solo e in piazza del Popolo aveva messo in un angolino qualche seggiolina e un banchetto da campo con una serie di cartelli che aveva fatto sorridere. Qui un posto per Mario Draghi, qui uno per Papa Francesco, qui altri per personaggi delle istituzioni e leader del mondo che Puzzer invitava a raggiungerlo per dargli spiegazioni accurate sulle scelte fatte per green pass e piani vaccinali.

Di tutti quelli che hanno sfilato anche a muso duro nelle piazze italiane da fine estate in poi Puzzer era sembrato il no vax più mite e sicuramente non violento, oltre che ragionante. Prenderlo di mira con un provvedimento di solito adottato contro i violenti è sembrato ai più grande esagerazione, e scelta inappropriata, in grado di fare dubitare sulla libertà di dissenso in questo paese. Anche chi la pensa in modo diametralmente opposto a Puzzer ha visto in quel foglio di via benzina buona per accendere ancora di più il fuoco delle proteste e forse anche per fare alzare quelle fiammate alte e violente che le forze di pubblica sicurezza vorrebbero evitare.

In effetti quel Daspo può essere controproducente, ma porta a suo modo la firma tragicamente inconsapevole del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Puzzer è in qualche modo vittima di quel che è accaduto in quella stessa piazza nel drammatico sabato dell’assalto alla sede della Cgil da parte di Forza Nuova, e soprattutto di quel che è accaduto nelle ore successive, con un ministro dell’Interno che ha lasciato che tutte le polemiche sulla sicurezza mancata cadessero sulle spalle della questura e della prefettura di Roma o al massimo dei vertici della Digos, senza assumersi una sola responsabilità come qualsiasi altro ministro avrebbe fatto, o pronunciare una sola parola a difesa di chi si era trovato a gestire una situazione in gran parte imprevedibile.

E’ di quella totale assenza del ministro Lamorgese e di una qualsiasi direttiva di ordine pubblico che ha pagato prezzo Puzzer. Le autorità di pubblica sicurezza di Roma non erano preoccupate dei suoi tavolini o dei cartelli, anche se nessuna autorizzazione necessaria era stata chiesta prima di montare la piccola scenografia in piazza del Popolo. Ma Puzzer arrivando lì in treno e a passeggio nel centro di Roma ha convocato una manifestazione con una diretta social, e lo ha fatto anche in diretta televisiva su Tagadà, la trasmissione di La7 che seguiva il leader dei portuali triestini. E nel giro di un’ora a piazza del Popolo erano arrivate già più di mille persone, con la prospettiva di nuovi flussi entro sera visto che Puzzer aveva annunciato di volere restare lì qualche giorno e qualche notte.

Il gesto del singolo era diventato una vera e propria manifestazione, anche questa non autorizzata, e alle autorità di pubblica sicurezza è apparso subito il fantasma di quel sabato con la Lamorgese che poi avrebbe lasciato linciare loro mai fosse accaduto qualcosa. Il problema è che dei manifestanti sulla carta no-vax le forze di pubblica sicurezza conoscono assai poco, perché ci sarà pure gente comune e famiglia che non ha in testa alcun tipo di violenza. Ma è innegabile che quelle manifestazioni sono state occasione ghiotta per gruppi di estrema destra o di estrema sinistra che si infiltrano per provocare il caos e staccarsi compiendo violenze nei centri di molte città italiane. Che sia Forza nuova (ormai decimata dopo quel sabato) o centri sociali, frange anarchiche e no tav, le cronache di questi sabati sono dense di piccoli e grandi episodi di violenza.

Questo è il quadro in cui chi ha la responsabilità dell’ordine pubblico ha deciso di convocare in questura per accertamenti Puzzer trattenendolo lì ore per poi consegnare quel foglio di via- Daspo da Roma che evitava che la manifestazione si ingrossasse e divenisse più complicata da gestire. E’ stato fatto in fondo quel che si imputava alla questura di non avere fatto con Giuliano Castellino e Roberto Fiore quel famoso sabato pomeriggio. Il leader dei portuali ha riconosciuto i modi urbani e civili con cui tutto è avvenuto, e non ha manco fatto particolare polemica per il Daspo, spiegando che avrebbe passato al suo avvocato il provvedimento. E in effetti il foglio di via è impugnabile, e siamo certi che Puzzer lo farà. Forse da Roma dovrà stare lontano assai meno, e non pare una tragedia visto che non era “turista” compulsivo ed abituale.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , , ,

49 replies

      • Me l’ha detto il fatto che tutti i regimi di cui ho conoscenza temono molto la libertà del popolo, e la impediscono attivamente (di solito anche ferocemente).
        Invece di nutrirti dei fallaci sofismi predigeriti e rigurgitati da altri (che agiscono come mamma uccello, solo che invece che pulcini imboccano gonzi), basterebbe che tu mi smentissi facendo il nome di una dittatura, presente o passata (quelle immaginarie non valgono), nella quale i cittadini siano liberi di denunciarlo apertamente: ti assicuro che non avrò alcun problema nel riconoscerlo.

        Con parole tue, se vuoi che le ascolti, perché è troppo comodo parlare per link (altrimenti ti linko wikipedia .it e la cosa finisce qua).

        "Mi piace"

      • Qui siamo oltre la dittatura, perché questa non ha bisogno neanche del consenso, perché puoi dire e fare il caxxo che ti pare, ma questi se ne fottono e tirano dritto come se non esistessi

        "Mi piace"

      • Qui siamo oltre la cazzata, perché se fosse come dici vorrebbe dire che a questo mondo esistono solo dittature. Invece tu “puoi dire e fare il caxxo che ti pare”, ovvero ne hai libertà.

        "Mi piace"

      • Eh, già, che brutta fine, il Puzzer.
        Signora mia, non me lo dica, oddio omioddio.

        Chissà che infame vita (se così la possiamo chiamare) dev’essere, per un triestino, non poter più entrare a Roma per un anno. Praticamente un deportato, però potrebbe ancora unirsi ai suoi fratelli novaresi e cucirsi la stella di David sul petto (magari con la divisa da kapò), almeno finché non lo cacciano anche da lì. La Siberia non era niente, a confronto.

        Invece l’allegro portuale annuncia financo battaglia legale, avendo “passato al suo avvocato” il provvedimento (io non ho mai sentito un camallo dire “il mio avvocato”, beato lui che si può permettere di buttare così tanti tempo e soldi dietro a questa crociata).

        "Mi piace"

      • “Me l’ha detto il fatto che tutti i regimi di cui ho conoscenza temono molto la libertà del popolo, e la impediscono attivamente (di solito anche ferocemente).”

        A Puzzer hanno vietato di circolare a Roma ( provvedimento simile al confino…), con motivi per Nulla chiari, a Trieste hanno vietato le manifestazioni di piazza adducendo ( i giornaloni, magari prezzolati…) che Solo a Trieste, dove, coincidenza si manifestava contro il green pass sarebbero aumentati i casi di covid19,Le dittature

        ( le dittature giocano sul divide et impera sociale indicando al popolo vari capri espiatori per i propri fallimenti o contraddizioni, e fra i capri espiatori, solitamente ci mettono minoranze od opposizioni scomode o critiche, la mancanza di tutela delle minoranze è già un elemento sintomatico, più o meno forte, di una deriva autoritaria… leggiti bene i link che ti ho postato (!) , rischia di fare la figura del gonzo imbeccato , piuttosto che rischiare di fare la figura del gonzo saccente e ciarlatano…), Non iniziano, puoi informarti su fascismo e nazismo , per comodità ( ce l’avrai un libro di storia, con un minimo di approfondimenti, No…sennò che cavolo parli di dittatura… ti dice Nulla l’innocuo meni Kampf, scritto da un caporale ed imbianchino incarcerato e mezzo fallito, laddove si indicavano i capri espiatori della società tedesca ?).

        Se non conosci nemmeno per sommi capi il mein kampf ( che non era la dittatura ma era una specie di programma di Totalitarismo…eh ma non era mica la dittatura dirai tu che sei affascinato da sofismi, tesi a Minimizzare , o molto simile…), lascia stare le ciance su quello che sarebbe o non sarebbe un dittatura, e sulle DINAMICHE che portano gradualmente ( o progressivamente…) ad una dittatura Pene descritte dai link da me postati…

        Le persone inferiori, ebrei, persone con handicap o malate, omosessuali, popoli slavi, bolscevichi… presunzione dispotica e ideologica di superiorità sugli altri ( Superbia, Hybris…).

        Io tempo da perder conte non ne ho più noto una certa saccenteria superficiale e supponenza nel tuo mdo di esprimenti, e questo già mi basta per Non perdere ulteriore tempo.

        "Mi piace"

      • Perché deportarlo, e farne la nuona Giovanna D’Arco? Le dittature 2.0 non ne hanno bisogno, da decenni agiscono esclusivamente nel proprio interesse, gettando l’osso alle masse e lasciando che si scannino fra loro.
        Si risparmiano anche il lavoro sporco.
        Sei fermo ad una concezione dell’assolutismo quantomeno datata, anche questo si evolve come il virus, lì dove trova uno straccio di anticorpi, e diventa sempre più letale.
        E chi nega la dittatura? La dittatura stessa.

        "Mi piace"

      • Mi rallegra constatare come lo sport di ignorare le questioni che non siano funzionali alle tesi preconcette rimanga sempre il più praticato, tra i cazzari.
        In quanto a chiacchere non si scherza, ma quando si tratta di fare nomi di dittature (presenti o passate) nelle quali il popolo sia libero di denunciarle, faccio presente che siamo ancora a zero virgola zero.

        Ai poveretti che, incuranti della Storia e della decenza, continuano a fare paragoni già più volte denunciati come irrispettosi e offensivi da chi quella Storia l’ha vissuta sulla propria pelle, mi limito sommessamente a ricordare che, ad un ebreo degli anni ’40, non bastava certo scegliere di farsi una punturina per vedersi così sostituire con la svastica la Stella di David cucita sul petto. Anzi, pare proprio che non avesse nessuna scelta.
        Secondariamente, mi pare che qualcosina sia cambiato da quei tempi, in particolare i capisaldi giuridici alla base dei totalitarismi europei sono stati spazzati via dalle moderne Costituzioni.
        E ancora, anche ammettendo per un istante che il paragone possa reggere, i primi ad essere mandati al confino sareste proprio voi, invece è oltremodo evidente come in Italia le cazzate siano più libere dei rutti di Fantozzi.

        Per chiudere in bellezza col siparietto comico, abbiamo lo stalker più ossessivo compulsivo mai visto su queste pagine che dichiara, restando serio:

        Io tempo da perder conte non ne ho più noto una certa saccenteria superficiale e supponenza nel tuo mdo di esprimenti, e questo già mi basta per Non perdere ulteriore tempo.

        A parte il fatto che sei tu ad essere intervenuto in risposta ad un mio commento (e non il contrario), a parte l’involontaria comicità insita nel fatto che “perdere tempo” sia sostenuto da qualcuno i cui interventi, a qualunque ora del giorno e della notte, risultano soverchianti in numero perfino rispetto alla totalità di tutti gli altri utenti messi insieme; a parte tutto, immagino che tu non sia vaccinato, caro il mio amico svantaggiato, ma questo purtroppo fa di te la dimostrazione vivente di come non siano i vaccini a causare autismo.
        Addio.

        "Mi piace"

      • Ti rallegri cantandotela e suonandotela , senza leggere qui più sopra ( il nazismo non pensi sia una dittatura ?? Questo Non mi rallegra…) :

        “Ho già postato un commento articolato, con vari link, se lo censurano io Non rispondo più.”

        "Mi piace"

      • @?:
        Se da ciò che ho scritto sopra ne ricavi che io pensi che il nazismo non sia una dittatura, sei messo peggio di quanto pensassi.
        Ti lascio al tuo passatempo preferito, il serial spammer di Infosannio, cui sarebbe ingiusto sottrarre altro tempo.

        A proposito di nazismo, secondo Goebbels devi ripetere qualcosa un milione di volte per farla diventare verità. Te ne mancano solo 999980, tieni duro che il pubblico tifa per te.

        "Mi piace"

      • @Jonny Dio

        “nvece di nutrirti dei fallaci sofismi predigeriti e rigurgitati da altri (che agiscono come mamma uccello, solo che invece che pulcini imboccano gonzi)”

        Fallaci sofismi Di cosa, scusa ?

        Studiatii le dinamiche che hanno portato al nazismo od al fascismo, leggiti i link di “governoeregim” che ho postato qui sopra, e poi , Magari ne riparliamo senza le tue polemiche pretestuose.

        Il Mein Kampf di Hitler è o non è un fatto propedeutico alla dittatura nazista?

        Scrivendo il Mein Kampf , Hitler, in quel momento aveva incarcerato qualcuno ?

        Pare di no.

        Lo ha fatto dopo che ha messo le premesse ideologiche ( il Mein Kampf…toh, Solo un libro-diario, Niente Carri armati ,Fucili ed immediate torture, omicidi politici o incarcerazioni arbitrarie, per la tua delusione…) oltre che giuridico-politiche PER POTERLO FARE.

        Ecco rileggiti le dinamiche socio-politiche e giuridiche che DETERMINANO, fosse anche gradualmente, UNA DITTATURA, come sommariamente ti ho postato qui sopra, poi, forse, inizierai capire, almeno spero.

        "Mi piace"

      • @Jonny Dio

        La forma mentis di un galeotto che ha scritto il Mein Kampf ( Non Non era lui, in quel frangente, che stava incarcerando gli altri, lo voleva SOLO FARE IN UNA FASE SUCCESSIVA ,METTENDONE LE PREMESSE IDEOLOGICHE-PROPAGANDISTICHE…) , ha prodotto ilo modus operandi del 3° Reich ( di cui il Mein Kampf era un testo di riferimento ideologico … e se Non sai manco questo ti ripeto Studia, o magari leggiti i link che ho postato qui sopra…a altro che sofismi per gonzi, Post-link per sgrossare l’ignoranza, o magari malafede, di molti…).

        "Mi piace"

      • Cominciamo col dire che le premesse giuridiche, grazie alla Costituzione, non ci sono più: già questo è sufficiente a smontare la tua tesi strampalata e a qualificare te come elemento disturbato.

        Sicuro che farai orecchie da mercante come al solito, ti spiego in cosa consiste la fallacia del tuo presunto ragionamento: ammesso (ma non concesso) che le premesse siano identiche (e siccome la Storia la conosco anch’io, probabilmente meglio di te, ti assicuro che siamo molto lontani), questo non dimostra affatto che anche il risultato sarà identico, altrimenti si potrebbe tranquillamente argomentare di come la semplice buona educazione sia un meccanismo che potenzialmente può portare alla creazione di un serial killer (dato che anche il mostro di Firenze avrà detto buongiorno e buonasera, in vita sua).

        P.S: nella remotissima possibilità che ti rimanga un attimo di tempo libero, prova a chiedere ad un pechinese se preferisca vivere a Verona o a Pechino.

        @ Ennio: mi sa che ci toccherà sentirle dalla Paoletta.

        "Mi piace"

      • “In quanto a chiacchere non si scherza, ma quando si tratta di fare nomi di dittature (presenti o passate) nelle quali il popolo sia libero di denunciarle, faccio presente che siamo ancora a zero virgola zero.”

        la dittatura è quella che ha avuto le sue premesse logiche ( almeno lo hai capito che una dittatura Non appare dall’oggi al domani ma con uno graduale sviluppo temporale ?) in un diario di un galeotto ex caporale ed imbianchino, nel quale si cercavano propagandisticamente dei capri espiatori, dei diversi da dominare o vessare, se non uccidere… toh, mi suona qualcosa di familiare e recente come questo (criminalizzazione denigrazione reificazione dei “nemico” o di una minoranza, e anche con assidui controlli dei movimenti e comportamenti dei cittadini considerati come sudditi di una istituzione pubblica “statale”…coincidenze del tutto casuali, ovviamente, Per Te…):

        qui:

        Se la vuoi un po’ più contestualizzata storicamente , anche se romanzata :

        "Mi piace"

      • CHI ha chiamato,più e più volte, con il termine improprio e con finalità denigratorie o criminalizzatrici “negazionista” ( volendo implicitamente confrontare l’olocausto con il disgraziato “l’affaire covid19” con relativo caos sui numeri e sull’accertamento di malati e morti e metodi di cura…) , chi aveva dubbi “sull’affaire covid19”, Ancora oggi controverso sotto vari profili ( salvo per la propaganda fideistica a reti unificate, magari anche prezzolata…) ?

        "Mi piace"

      • @Jonny Dio

        Poi se ti vuoi informare :

        https://www.attivismo.info/sulla-pandemia-e-ora-di-cambiare-strategia/

        Da cui :

        “Credo pertanto che il dato principale debba essere il seguente:

        IL GOVERNO HA IMPEDITO LE CURE, CHE ESISTONO; TALI RIMEDI AVREBBERO TERMINATO IMMEDIATAMENTE L’EMERGENZA E TUTTO CIÒ CHE TRAMITE QUESTA SI È TENTATO DI ATTUARE.

        Continuare ad andare sul terreno del dibattito su cifre e dati, in assenza di qualsiasi minima condizione democratica, di trasparenza e di assenza di conflitti di interesse, che darebbero un significato a questi, credo sia una battaglia persa in partenza.

        Lo scontro deve essere spostato sul piano politico e del diritto:

        IL GOVERNO VIOLA COSTITUZIONE E DIRITTI UMANI, NON ESISTE ALCUNO STATO DI EMERGENZA IN COSTITUZIONE.”

        e qui :

        “IL MODERNO STATO DI DIRITTO PONE LE SUE BASI SUL RICONOSCIMENTO E LA DIFESA DEI DIRITTI UNIVERSALI DEL SINGOLO, CHE VA COSÌ A FORMARE UNA COMUNITÀ DI PERSONE DEPOSITARIE DI DIRITTI, NECESSARIAMENTE E NATURALMENTE TRASFORMATI IN DOVERI RECIPROCI.

        LA COMUNITÀ NON PUÒ MAI, SE NON PER VIOLAZIONI SINGOLE E PENALI ALLA LEGGE, DETERMINARE IL DETERIORAMENTO DEI DIRITTI INDIVIDUALI CON LA PRESUNZIONE DI DIFENDERE SE STESSA: QUESTO PERCHÉ IN UNO STATO DI DIRITTO L’UNICA ED EFFICACE DIFESA DELLA COMUNITÀ È DATA DAL SOSTEGNO E DALLA TOTALE ATTUAZIONE DEI DIRITTI UMANI DEI SINGOLI CITTADINI.”

        "Mi piace"

      • “In quanto a chiacchiere non si scherza, ma quando si tratta di fare nomi di dittature (presenti o passate) nelle quali il popolo sia libero di denunciarle, faccio presente che siamo ancora a zero virgola zero.”

        Antani come se fosse nazismo, con scappellamento di gioventù hitleriana, ma nomi ancora zero virgola zero. Eh, no, caro il mio furbacchione, non è così che funziona. A questo punto o tiri fuori il nome, oppure ammetti di aver detto una cazzata.
        Ma ovviamente, tutto ciò non ti sfiora nemmeno.

        chi aveva dubbi “sull’affaire covid19”, Ancora oggi controverso sotto vari profili

        A parte che, se anche uno fosse stato impropriamente definito negazionista, questo non lo autorizza a comportarsi da perseguitato e soprattutto non basta a resuscitare il nazismo, e poi, ma quale “negazionista”? Personalmente, uno così, io lo chiamo ignorante, o persona poco informata. Comunque non è questo il tuo caso, ormai è fin troppo evidente che non sei certo tu quello che si pone dei dubbi; tu hai un’unica, granitica certezza: quella di avere ragione, e non ti importa delle figure di merda che collezioni ogni volta che cambi discorso, modifichi la tesi, ti arrampichi sugli specchi o ignori sistematicamente i fatti che smentiscono la tue tesi (sgangherate come la tua prosa), che poi non sono nemmeno tue, ma provengono da una fetta di quel mondo pseudo-complottaro che da tempo campa sul traffico generato da quelli come te.

        Sei riuscito a strappare il primato di zimbello del blog a campioni che una volta parevano incontrastabili, te ne rendo atto, ma l’unico motivo per cui ancora mi prendo la briga di risponderti è che provo pena per quelli che ti stanno intorno, e voglio alleviare temporaneamente le loro sofferenze colmando, seppur temporaneamente, la tua bulimia di attenzione. Non serve che mi ringrazi, ma non approfittartene.

        Per il resto sono già informato, grazie. I tuoi link colmi di frottole, già ampiamente sbufalate da mesi in ogni dove, come già fanno molti altri utenti non li apro per principio, fosse anche solamente per la maleducazione insita nel reiterare la stessa cosa decine di volte, magari però cambierò idea quando diverranno verità. Te ne mancano solo 999900, non mollare.

        "Mi piace"

  1. “Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno a protestare”. Martin Niemöller

    "Mi piace"

    • ….ma poi arrivarono 10 milioni di Italiani che pacificamente si consumarono le scarpe sui culi dei dittatori,tra loro c’erano operai,disoccupati,poliziotti,carabinieri,dottori,militari,ecc…,e fu così che l’Italia ritornò ai legittimi proprietari,e questi erano gli Italiani…,il grande e orgoglioso popolo Italiano.

      "Mi piace"

      • ma si trovarono di fronte a 40 milioni di italiani che li presero a usag in fronte e li riportarono
        nelle fogne

        in fondo, inizialmente, anche la marcia su Roma fu fatta da una minoranza rumorosa
        questa volta non si arriverà a dover tornare sui monti prima di ricacciarvici

        Piace a 1 persona

      • Ma dopo la 3,4,5,6,ecc dose il numero di “usag” diminuì drasticamente….,e fu come per magia che la minoranza divento maggioranza…,e tutti avevano conservato la propria “usag” da riparazione e ne fecero un buon uso pacifico.

        "Mi piace"

      • Ormai, come sottolineato da Jhonny Dio, in Italia puoi protestare , civilmente ovviamente, solo se hai dietro un avvocato, e bravo . Il caso della poliziotta licenziata o della sindacalista di Novara a cui l’azienda ospedaliera ha fatto un esposto per danno di immagine, ci insegnano che bisogna stare molto ,molto attenti a quello che si dice e alle possibili conseguenze. Non pensavo che il progresso della democrazia avrebbe portato a questa situazione , dove con la scusa di difendere tutte le libertà piano piano si tolgono quelle che danno fastidio

        "Mi piace"

      • @Ennio

        e quelli che davano dei “”Negazionisti”” (!) random a chi protestava contro le opacità “dell’affaire covi19”, stavano prendendoo in giro i morti dell’ Olocausto per criminalizzare chi criticava l’affaire covid19 ?

        E questi cosa stavano facendo , invece ?

        Che termini ed atteggiamenti hanno assunto?

        La “gran cassa covid19”, li ha per caso censurati ?

        Per dire :

        https://ilsimplicissimus2.com/2021/11/02/deportazione-nella-menzogna-156395/

        "Mi piace"

  2. Quindi non solo ha messo tavolino e sedie in piazza, senza chiedere autorizzazione, ma ha anche lanciato appelli sui social per unirsi a lui nella manifestazione non autorizzata.
    Che fessi quelli che manifestano a norma di legge!

    Qualche giorno fa:

    Avevano concordato un percorso con la questura, ma arrivati all’altezza dei Bastioni di Porta Nuova, i manifestanti hanno virato verso strade non autorizzate e hanno bloccato il traffico nella zona tra via Melchiorre Gioia e piazza Gae Aulenti. Ancora una volta, i No Green pass mandano in tilt la circolazione a Milano, con la polizia costretta a provare ad arginare la loro avanzata correndo tra le auto, fino alla zona Sempione, dove i dimostranti hanno di nuovo tentato di deviare il percorso. Poi, il corteo è ripartito in maniera eterogenea, con una buona parte dei manifestanti che si sono diretti in piazza Duomo. Una situazione che si ripete per il quindicesimo sabato consecutivo.
    https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/30/no-green-pass-a-milano-i-manifestanti-non-rispettano-il-percorso-e-bloccano-il-traffico-un-fermato-cortei-anche-a-pisa-e-torino/6374678/

    Ci si accorda con la questura per il corteo di protesta, ma poi si fa il gesto dell’ombrello e fanno come cavolo gli pare, bloccando le auto di gente che non ha nessuna colpa e creando loro disagi. Per 15 sabati consecutivi!

    Ma siamo proprio in dittatura! Ora non si può neanche fare come cazzo ci pare! LIBERTAAAAAAAAAAAA’!

    Andiamo tutti a liberarli dai lager in cui sicuramente saranno stati deportati i nostri eroi!

    Piace a 1 persona

  3. “In effetti quel Daspo può essere controproducente, ma porta a suo modo la firma tragicamente inconsapevole del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.”
    —————————————————

    Cioè non c’entrano una mazza col daspo ne il ministro e ne il Governo, ma il nostro eroico giornalista (“solo 3mila morti per covid”) è riuscito a far credere ai fessi del contrario, dosando sapientemente un po di “a suo modo” e un po di “inconsapevole”.

    Io mi inchino davanti a cotale geniale magia giornalistica anti dittatura!

    "Mi piace"

    • Non si possono pubblicare più di 2 o 3 link con argomentazione diffusa in un Solo commento.

      A me è capitato così sin dall’inizio…

      "Mi piace"

  4. Il tanto strombazzato “lockdown austriaco per i non vaccinati” è più o meno qello che noi abbiamo da mesi. Speriamo ci siano più controlli che da noi. Vediamo come la prenderanno gli Austriaci, non è ancora in vigore…

    "Mi piace"

  5. In fondo noi siamo il Paese che “ha dato i natali a Mussolini”. Che è stato il precursore, l’ ispiratore, il fiancheggiatore e l’ alleato di Hitler, quindi è meglio soprassedere riguardo i confronti… Per carità di patria, come si suol dire.

    "Mi piace"