Massimo Cacciari: Draghi potrebbe fare sia il premier che il presidente della Repubblica

(Radio Cusano Campus) – Il filosofo Massimo Cacciari è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

Sulla crisi climatica. “Abbiamo la strana abitudine di affrontare problemi che si interconnettono come se fossero tanti capitoletti di un libro –ha affermato Cacciari-. Bisogna affrontare il problema del clima, insieme a quello economico, insieme a quello sociale.

Per alcuni Paese è più semplice, per altri meno, quindi i tempi devono essere necessariamente diversi, non si possono stabilire delle date. Mancando una politica globale, l’armonizzazione di aspetti diversi sullo stesso tema è impossibile, è per questo che vertici come il G20 finiscono sempre con rinvii.

La questione ambientale non è certo una fake news, ma è connessa strettamente a quella economica, a quella sociale, a quella delle disuguaglianze in diverse aree del pianeta. E’ venuto meno quell’ordine a livello globale, siamo di fronte a un periodo in cui non vi è nessun ordine. Prima c’erano contraddizioni, conflitti, ma in un ordine, che ora è venuto meno.

Se ci fossero Unione Sovietica e Usa, anche sulla questione ambientale, sarebbe più semplice. Stiamo parlando della questione climatica, con il Brasile, un impero che sta ammazzando l’Amazzonia.

Occorre che al più presto sia messa a disposizione di tutti, con qualche sacrificio da parte dei Paesi più sviluppati, una tecnologia che sia adeguata a queste esigenze di conservazione del pianeta. Soltanto un salto tecnologico ci può salvare.

Ma un salto tecnologico è costoso, quindi la parte del mondo che è in grado di realizzarlo deve metterlo a disposizione gratuitamente per l’altra parte del mondo che non è in grado di realizzarlo”.

Sulla figura di Draghi a livello internazionale. “La sua autorevolezza, anche presso i politici, consiste nel fatto che non è un politico, ma è visto come un grande competente. Ormai l’unica risorsa a cui si aggrappa anche l’opinione pubblica è la competenza. Questo è drammatico.

Draghi è l’ideale tecnocratico ed è ormai vissuto così dall’opinione pubblica, che è indirizzata verso questa direzione: basta democrazia, viva la tecnocrazia. Draghi al Quirinale?

Bisogna risolvere prima la questione di chi va avanti fino alla fine della legislatura. Io sarei perfettamente d’accordo a fargli fare sia premier che Presidente della Repubblica, siamo in una situazione di presidenzialismo surrettizio ormai da 30 anni. Non hanno il coraggio di fare una riforma, ma ormai il Paese è in quella direzione, se facessimo un referendum sul presidenzialismo vincerebbe all’80%”.

Sul lockdown per i non vaccinati. “Non ne voglio neanche parlare, è un’ipotesi che non voglio neanche prendere in considerazione. La deriva diventerebbe talmente autoritaria che cambierebbe totalmente lo scenario rispetto a quella attuale. Qualora si arrivasse ad un punto di questo genere, la coscienza di ciascuno sarebbe posta di fronte ad un aut aut molto serio”.

9 replies

  1. Chiedeteje a Cacciari se non e’ il caso pure de faje fa il ct della Nazionale di calcio a Draghi. M’è arrivata voce che sia competente pure in campo calcistico.

    Piace a 3 people

  2. PER ME è TUTTA MERDA, CHI HA DISTRUTTO ADESSO SALVA COSA? DRAGHI E COMPANY HANNO DI FATTO DISTRUTTO
    L’AMBIENTE PER IL PROFITTO E SINO A QUANDO PIù SEI RICCO E PIù CONTI IL PIANETA NON LO SALVI

    Piace a 1 persona