Uguale per tutti

(Giuseppe Di Maio) – No, non siamo alle solite. Siamo alla farsa generale. Il Ruby ter è stato rinviato per quattro udienze di seguito, e da maggio alla data per il prossimo dibattimento si sono persi almeno 5 mesi. Berlusconi si reca continuamente in ospedale per controlli suoi, e adesso che ci deve andare per una perizia che giudica se può presenziare al suo processo, invece se ne sta lontano. Insomma, non appena sono venuti meno i presupposti per i quali i giudici della settima sezione penale avevano concesso il legittimo impedimento presentato l’8 settembre, il Nostro ha dato inizio alla sceneggiata. Secondo l’ex premier quella perizia è “lesiva” della sua “storia e onorabilità“, oltre che un “evidente pregiudizio” nei suoi “confronti”.

Ma Silvio! Te l’hanno detto i tuoi avvocati che il processo si fa proprio perché gli inquirenti, nei tuoi confronti, non nutrono una buona considerazione? Te l’hanno detto che la tua storia, come tu la chiami, non è quella di uno statista o di un benefattore dell’umanità, ma quella di un pregiudicato che il Tribunale di Milano ha già descritto come un “delinquente naturale”, con una “naturale capacità a delinquere”?  E che la sentenza confermata dalla Cassazione nel 2013 ti definisce “ideatore” e “beneficiario” del tuo sistema fraudolento? Ma cosa credi, che la tarda età ti possa lasciare fuori dalla portata dei giudici? La tranquillità a cui ora aspiri, e che la grancassa dei tuoi servi batte, è una balla come tante tue: le scale del palazzo di giustizia sono troppo ripide per le tue vecchie ossa, ma il go kart su cui ti hanno visto non pare fosse un giocattolo.

Le leggi della Repubblica hanno messo in croce un sistema incapace di condannare un potente. Un sistema che funziona solo con i miseri: quelli che non possono permettersi un avvocato vero, che non possono attivare procedure, che non possono proporre appelli. E allora, considerando questa disuguaglianza iniziale, ecco come rendere definitivamente eversiva la povertà: condannandola. La riforma Cartabia rende espressamente vantaggiosa la ricchezza, per mezzo della quale gli avvocati dell’imputato attivano tutte le procedure per tirarla alla lunga e sforare il limite di legge. Evviva quella cosa uguale per tutti.

Si, è vero: Berlusconi ha oltrepassato ogni limite, ma con la nuova legge un’intera classe sociale procede verso la depenalizzazione dei suoi reati. Italiani! Mi raccomando: correte appresso alle panzane libertarie della pandemia; andate in piazza per difendere la vostra libertà di rifiutare i vaccini. Qui vi stanno fottendo la vita nella maniera più esplicita, ma questo, senza il solito stuolo di informatori prezzolati, pare vi sfugga. Poiché vi sfugge il senso della democrazia, della ragione di vivere in società, di avere regole, valori da rispettare. Ma diteglielo a Silvio vostro che forse non conosce la storia: gli italiani hanno paura di contrastare i vivi, ma sono capaci di processare i morti.

4 replies

  1. Quando ho letto “farsa” ho subito pensato a quella che ci propinano da 18 mesi, poi mi sono ricordato che questa è più vecchia…

    "Mi piace"

  2. Di Maio, tutto bene su Silvione nostro, ma non poteva mancare la supercaz… sui vaccini finali.

    Quando parli processare i morti, ti riferisci forse a quelli che dopo la reazione avversa, sono stati esclusi dalla causalità vaccinara perché hanno almeno una patologia pregressa?

    Ah, in caso di Maio non lo sapesse, sForza Itaglia è a FAVORE dei vaccini. Quindi che fai, ti metti a sparare contro Sire Silvio?

    "Mi piace"