Lazio, il caso dei droni per controllare la temperatura dei bagnanti sulle spiagge di Ostia

Il progetto della Asl annunciato e poi rimandato per il maltempo. Ma ci sono problemi di privacy da risolvere. E la Regione si dissocia

(open.online) – Droni che sorvolano le spiagge di Ostia per controllare se i bagnanti hanno la febbre. Il progetto della Regione Lazio doveva partire il 4 e il 5 settembre ma a quanto pare è stato rimandato «a causa delle cattive condizioni meteorologiche previste per il fine settimana». E forse anche perché nel frattempo il piano è finito sulla graticola dell’opposizione, con Giorgia Meloni che su Facebook si è chiesta se non pare «un metodo da Corea del Nord». La Asl Roma 3 aveva invece spiegato che «il drone viaggerà a un’altezza non inferiore a 25 metri dal livello dell’acqua e a una distanza non inferiore a 30 metri dalle persone. Il controllo delle temperature avverrà in modo automatico da parte del dispositivo Ostia sulla spiaggia».
https://www.facebook.com/plugins/post.php?href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2Fgiorgiameloni.paginaufficiale%2Fposts%2F10159426215097645&show_text=true&width=500

I droni per controllare la febbre sulle spiagge di Ostia

Repubblica Roma spiega che il drone sorvolerà qualche chilometro tra gli stabilimenti Coconait e Plinius, rilevando la temperatura corporea dei bagnanti con una telecamera termica a circuito chiuso. In caso di alterazioni sensibili rispetto alla normale temperatura, il drone avviserà il personale del lido per sollecitare un intervento nell’area sensibile della spiaggia e invitando i bagnanti a sottoporsi a un tampone. Il drone può anche monitorare chi nuota in mare o diffondere messaggi invitando al rispetto del distanziamento sociale anche in spiaggia. E può avvicinarsi alle persone e comunicare con il personale degli stabilimenti e il 118. «Si tratta di una forma di assistenza sanitaria innovativa e integrata – spiega al quotidiano Giulio Maria Ricciuto, primario di pronto soccorso del Grassi – che permette a un operatore sanitario unico, da remoto, di rilevare malori e indirizzare il bagnino laddove c’è una criticità, in modo da dare una prima assistenza rapida, immediata e contemporaneamente una prima forma di triage».

Ma ci sono anche questioni di privacy sul tavolo. Fino a ieri l’Autorità garante non aveva ricevuto richieste di pareri, ma non esclude un intervento d’ufficio: «È un caso limite – spiega un esperto di privacy – dove non sembra esserci base giuridica visto che c’è un trattamento di dati personali anche invasivo, perché i bagnanti non vengono informati». Non si tratta comunque di una procedura inedita: basta ricordare i termoscanner a distanza di aeroporti e stazioni e quei droni della polizia locale che durante il lockdown del 2020 volarono su Roma e altre città, autorizzati da governo ed Enac, per vigilare su uscite immotivate e assembramenti. Intanto proprio stamattina dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato arriva una mezza smentita: «Su Ostia non ci sarà alcun volo di drone, è un’iniziativa autonoma della Asl Roma 3 che non rientra nella programmazione dell’Unità di Crisi Covid-19. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha chiesto una relazione al Direttore Generale della Asl».

5 replies

  1. Tranquilli,è solo per il vostro bene…,adesso arriva il “dottore” e starete meglio…tranquilli.

    “Io sono Drago di Borg. La resistenza è inutile. La vostra vita, come è stata, è finita. Da questo momento in avanti, voi sarete al nostro servizio.”

    "Mi piace"

  2. ma come incredibile? se quello squilibrato di elon musk si fa le seghe sull’idea di ibridare il cervello umano con un computer, e siamo ancora a stupirci dei droni? ma in che mondo vivete, nel mondo descritto dalla rai o da mediaset?

    "Mi piace"

  3. A me sembra una boiata anche tecnicamente. Se uno sta al sole ad abbronzarsi, non sarà mica che poi la temperatura sale un pelino? Ecome fa il robottino a capire se uno ha la febbre se è andato a fare il bagno? Scommettiamo che la temperatura va sotto al normale? Provate a fare lo stesso passando le mani nell’acqua.

    Piace a 1 persona

  4. E con la sindrome premestruale come la mettiamo? Per moltissime ( compresa me) rialzo della temperatura assicurato.
    Se è vero (se) in Regione Lazio devono essere andati fuori di testa. Zingaretti infatti è sparito da un po’.
    Poi c’è chi ha “normalmente” meno di 36 e chi quasi 37 fisso. Dipende dalle ore della giornata e basta poco per alzarla.

    Piace a 1 persona