Nuovo ricovero all’ospedale San Raffaele per Berlusconi

(repubblica.it) – Nuovo ricovero all’ospedale San Raffaele per il leader di Forza Italia. A quanto si apprende Berlusconi è tornato al San Raffaele ieri sera, mercoledì. La conferma arriva da fonti del partito: il ricovero sarebbe legato a controlli di salute.

L’ultimo ricovero al San Raffaele per il leader 84enne risale allo scorso maggio, ed era stato il secondo ricovero nel giro di un mese, conseguenza ancora del Covid che Berlusconi aveva contratto lo scorso settembre. “Ha avuto qualche problema, inutile nasconderlo, ma è un leone e vincerà anche il Covid”, aveva detto dopo le dimissioni di maggio il senatore di FI Antonio Tajani.

Una nota di partito aveva poi spiegato che il ricovero di maggio era stato “prescritto dai sanitari per accertamenti e cure in relazione ai postumi della malattia da Coronavirus dalla quale il presidente era stato affetto nei mesi scorsi. Il presidente Berlusconi continuerà a domicilio un adeguato periodo di riposo, di riabilitazione e cure come prescritto dai sanitari.

Si conferma così l’infondatezza delle notizie allarmistiche circolate nei giorni scorsi, delle quali il presidente stesso ha sorriso coi i suoi stretti collaboratori. Forza Italia saluta con entusiasmo questi positivi sviluppi, che avvicinano il momento nel quale il proprio leader potrà finalmente tornare a svolgere l’attività pubblica che in questi mesi gli è stata preclusa su stretta indicazione medica.

Il presidente Berlusconi naturalmente non ha mai smesso di seguire puntualmente le vicende politiche, per quanto compatibile con il riposo assoluto prescrittogli dai curanti, è rimasto in contatto continuo con i vertici del Movimento, ed è ansioso di tornare alla piena attività. Si atterrà tuttavia naturalmente ai tempi e alle regole di prudenza indicate dai sanitari”.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

13 replies

  1. al San Raffaele hanno ricoverato il suo cartonato

    si avvicina la data di una delle tante udienze, ma che io sappia i giudici lo possono anche sentire con collegamento a distanza se vogliono, solo che non vogliono.

    "Mi piace"

  2. Questo Bassotto si fa prescrivere visite per far prescrivere le condanne.

    Ma guarda che fatica gli tocca fare per allungare i tempi e rimandare (ho letto che ha un’udienza l’8 settembre, prevedo un ricovero per accertamenti), meno male che con la riforma dell’Ingiustizia ciellina gli risparmierà tutte queste fastidiose complicazioni.

    Certo che questa storia della salute cagionevole potrebbe essere un freno alla sua candidatura a presidente della repubblica … che peccato … perchè per il nostro paese marcio averlo come PdR sarebbe la ciliegina sulla torta.

    "Mi piace"

  3. “Avanti tutta e forza – disegnino di un cuoricino nero – sono con voi”. Il post trasuda affetto e premura. Segnala un appuntamento: il 7 agosto “il movimento civico Progetto Pontinia Futura presenta il candidato sindaco al comune di Pontinia”. Edda Negri Mussolini vive in Romagna ma non vuole mancare, almeno con lo spirito. Già che c’è, rilancia anche la diretta: davanti a una trentina di persone sotto al sole che picchia in località Mazzocchio, Agro Pontino, il coordinatore locale di Fratelli d’Italia Massimiliano Antelmi ufficializza la sua corsa. Sarà questione di radici, la nipote del Duce vuole essergli vicino. Così ogni giorno riposta i suoi eventi elettorali: ieri tifava “Avanti tutta” per l’incontro al Bar Katy di Borgo Pasubio, il 24 tutti “alla Caffetteria del Corso per un aperitivo insieme a voi!!!”, e due giorni prima rilanciava un articolo sulla discesa in campo al suo fianco di un architetto del luogo. E così via: ogni giorno un post a sostegno.
    Il candidato ringrazia e co nfer ma: “Siamo molto amici”. Certo, da queste parti il nome di “Lui” esercita ancora una certa
    fascinazione, quel richiamo alle origini che Claudio Durigon ha provato a riaccendere a Latina e gli è costato il posto. Su uno dei due at-
    tuali intestatari del parco, però, donna Edda (come la chiama qualcuno sotto ai suoi post) è stata chiara: il 19 luglio, giorno della strage di via d’Amelio, ricorda “tris tezza, dolore, rabbia. I corpi di Paolo Borsellino e i suoi cinque agenti di scorta (…) sono tra quel fumo,
    quelle urla. Ma (…) i loro ricordi saranno sempre accanto a noi”. Il 23 maggio invece, data dell’uccisione di Giovanni Falcone, la figlia di Anna Maria Mussolini, quintogenita del Duce, è con Antelmi per un brindisi a Pontinia. Perché Edda torna spesso nella palude bonifica-
    ta. Ha più volte presentato qui il suo libro Donna Rachele mia nonna. La moglie di Benito Mussolini(Minerva, 2015), viene anche per gli eventi di Solco Pontino, l’a ss o ci az i on e fondata da Antelmi. Che in foto su Fb è più volte abbracciato a Giorgia Meloni. Come il 16 luglio, giorno in cui la leader era nell’Agro. Il candidato posta la foto (“Pontinia pres e n t e! ! ! ”), un utente commenta con una manina gialla tesa e lui risponde con un cuoricino. Ovviamente nero, nero Ventennio.

    MARCO PASCIUTI
    FQ

    "Mi piace"

  4. state sereni forse é solo una lieve allergia ai tribunali d’italia dove dovrebbe presentarsi per essere valutato dai suoi giudici naturali?
    vedrete che appena scatta l’improcedibilità cartabiana tornerà arzillo come un damerino e pronto, prontissimo per essere eletto pdr magari pure con qualche voto del famoso “nuovo partito giallo” che, dal voler aprire il parlamento come una scatoletta di tonno, ora governa (governa… si fa per dire) coi ladroni padani, i fraquentatori delle spiagge capalbiesi servi di bancarottieri e prenditori e, di recente, pure coi mafiosi arcoriani!!

    "Mi piace"

  5. berlusconi morirà certamente troppo in ritardo rispetto alle necessità del paese. in ogni caso non bruceranno l’intera corte del sultano con le cortigiane ed i lacchè. ne faranno una versailles del kitsch , ove chiedere un autografo a feltri o strizzare una tetta delle tante odalische, avrà un prezzo ed una soddisfazione commisurata. metteranno all’asta fin le mutande ed il pettine. come si deve ad una delle persone d’altri tempi, come non ne vengono più. almeno si spera.

    "Mi piace"