Discriminatori patentati

(Anna Lombroso per il Simplicissimus) – In attesa di diventare lo strumento per l’identificazione rapida, il tracciamento e la punizione dei docenti che ancora prendono sul serio la missione educativa che consiste nell’offrire gli strumenti della conoscenza per fare dei giovani uomini liberi e consapevoli, si sta già provvedendo alla penalizzazione di categorie oggetto della selezione che  si propongono i promotori del nuovo rinascimento.

Difatti a guardar bene la funzione di persuadere alla vaccinazione i riottosi che verrebbero convinti dall’opportunità di mangiare la margherita vicino al forno del piazzaiolo, o di non interrompere le lezioni di pilates, o di andare a vedere Brignano,  pare essere secondaria  rispetto al progetto di attuare quella particolare interpretazione della discriminazione già adottata con successo nel passato e  che prelude a una  severa “cernita” dei meritevoli in vista di una soluzione finale.

Nel mirino delle autorità infatti c’è la rete del medio e piccolo esercizio commerciale, della palestra di quartiere,  in favore della catena di Virgin che può dotarsi di vigilantes addetti ai controlli, di studi legali incaricati di rigettare le richieste dei clienti impossibilitati alla zumba, dei supermercati e grandi magazzini esentati dalla vigilanza sul lasciapassare.

Difatti le sanzioni si abbattono come una scure sugli esercizi condannati ad applicare uno strumento che  innegabilmente li punisce a priori riducendo la clientela, come dimostrato dal sabato nero per Gardaland e parchi acquatici,  imponendo misure di sorveglianza e controllo che non hanno nessun profilo di legalità  e legittimità e nemmeno di razionalità o efficacia, se è vero che il vaccinato dotato di mascherina e nel rispetto del distanziamento è tenuto e preoccuparsi del possibile accertato contagio dell’empio non vaccinato.

Non c’è da stupirsene, si tratta di un sistema di governo largamente in uso, quello di addossare il peso delle responsabilità e delle scelte, sul popolo, si tratti di vaccinati con prodotti consigliati con sistemi ricattatori più che persuasivi, ma non obbligatori,  in modo che la firma della liberatoria esoneri lo Stato da eventuali richieste di risarcimento per effetti collaterali talmente previsti e prevedibili da raccomandare la  strada della volontarietà.

Lo stesso vale per il green pass, tassativo invece, ma le cui disposizioni e i cui vincoli coercitivi sono in capo a cittadini, tenuti ad adottarli, applicarli e controllarne l’esecuzione, a dimostrarne e a esibirlo, pena una sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro, sia a carico dell’esercente sia dell’utente, e, qualora la violazione fosse ripetuta per tre volte in tre giorni diversi, l’esercizio potrebbe essere chiuso da 1 a 10 giorni, grazie all’attività di sorveglianza svolta dalle polizie municipali da sempre entusiasticamente addette all’attività di riscossione di indegni balzelli finalizzati a rimpinguare le casse comunali.

Nelle intenzioni del Governo fin da subito il green pass doveva essere un  lasciapassare, un documento che, attestando lo stato di salute o la presenza di certi requisiti di immunizzazione dal Covid, da  un lato avrebbe “consentito gradualmente il ritorno alla vita normale”, dall’altro avrebbe incentivato anche i più scettici a “fidarsi” “dei vaccini approvati dal Ministero della Salute”. La minaccia di varianti, prevedibili quando si vaccina durante un’epidemia, quella sibilata dagli impresari millenaristi, hanno ampliato e amplieranno i confini di applicazione, estendendo i vincoli al personale della scuola, agli studenti, a categorie lavorative e professionali.

In questi giorni si sta effettuando un test sul possibile consenso alle misure discriminatorie,  per una volta esuberanti rispetto ai suggerimenti dell’Europa che aveva decretato la non obbligatorietà, poco incoraggianti per chi ha a cuore libertà, rispetto della dignità e della privacy, vista la tendenza al linciaggio che di volta in volta si presenta come carattere identitario dell’autobiografia nazionale. E che conferma i pericoli dell’ottusa reiterazione della storia, vuoi che certe decisioni si assumano per inadeguatezza, ferocia autoritaria quanto stupida, o invece per condannare definitivamente all’ostracismo e all’emarginazione chi disubbidisce ai paradigmi del pensiero unico.

Certo è che chi ha abusato del termine negazionisti chi andava in piazza contro il green pass, oggi non può ragionevolmente deplorare chi paragona la discriminazione degli ebrei con quella di chi rifiuta uno strumento di identificazione, individuazione,  emarginazione di una minoranza catalogata come nemica, ostile, pericolosa e perciò doverosamente marchiata, criminalizzata e punita.

Che il green pass non abbia una funzione di natura sanitaria e profilattica, è accertato: il vaccinato non è esente dai rischi di essere contagiato da altri vaccinati, da disertori, da portatori di varianti, deve rispettare misure di distanziamento arbitrarie e discrezionali, deve indossare le mascherine e osservare criteri rigidi nel caso voglia far visita a parenti ospedalizzati o anziani nelle Rsa. Le sue licenze sono a termine, scattato l’ultimatum dovrà ricorrere ai tamponi, non ancora gratuiti, sottoporsi a nuove, previste, somministrazioni su misura per lo spirito di abnegazione della cavia. Tutto questo, fino ad oggi, in cambio della possibilità di mangiare al chiuso, fare un buon numero di vasche salutari in palestre al chiuso, andare al museo delle cere pieno di imitazioni della diafane fattezze sfingee del Presidente del Consiglio: poca cosa rispetto a rischi ormai conclamati e poca cosa per persuadersi che davvero si tratta del timbro apposto sul senso civico e di responsabilità, se non gli corrisponde la denuncia di innumerevoli contraddizioni e  paradossi che hanno contraddistinto le gestione del Covid in un anno e mezzo.

E che non è inutile enumerare: dalla imposizione del vaccino come estremo e insostituibile rimedio per runa malattia  al 99% curabile in pochi giorni, generalmente a domicilio e senza costi elevati, l’esonero dei medici di base dagli  obblighi deontologici e professionali, la proibizione dell’effettuazione della autopsie, la erogazione di statistiche contraddittorie, quelle sui decessi per Covid o con Covid, artefatte per favorire la rimozione di decenni di crimini contro la sanità pubblica e la tutela dell’ambiente, l’esposizione di milioni di lavoratori ai rischi di una patologia “incontrastabile” costretti secondo una selezione a monte a prestarsi in veste di essenziali in siti insalubri e viaggiando su mezzi che non sono mai stati incrementati, senza che venissero osservate elementari norme di sicurezza,  la farsa della temperatura di conservazione delle magiche pozioni trasportate in Italia nel corso di una epopea spettacolare anticipatrice della narrazione a fondo epico che sarebbe seguita e della militarizzazione della campagna vaccinale, a – 70°, oggi disponibili in simpatici hub fuori dalla discoteca romagnola con gli standard del mojito.

Che gli oligarchi non aspettassero altro per cancellare quel poco rimasto di sovranità dello Stato “promosso” ormai unicamente a elemosiniere delle major logistiche, della multinazionali, del sistema finanziario che investe nella moltiplicazione delle fiche del casinò, per convertire i lavoro in servitù, liberando la libera iniziativa imprenditoriale e digitale dai vincoli insopportabili dei diritti e delle garanzie e dai lacci e laccioli delle poche leggi non ancora dettate ai governi dagli studi internazionali pagati per dare attuazione a immunità, impunità e corruzione, era immaginabile e prevedibile. Ma restava la speranza che non fosse incontrastabile. Certo a vedere la propensione alla soggezione, all’obbedienza in cambio di miserabili compensazioni, non c’è da essere rassicurati. E meno ancora nel constatare la veridicità della profezia di Freud: “gli impulsi primitivi, selvaggi e malvagi dell’umanità non sono scomparsi, continuano a esistere sebbene allo stato represso”. E difatti basta la paura della morte, ma anche quella della libertà, che comporta responsabilità, bellissimi rischi e straordinarie sorprese a dar loro “l’occasione per ripresentarsi”.

8 replies

  1. “la punizione dei docenti che ancora prendono sul serio la missione educativa che consiste nell’offrire gli strumenti della conoscenza per fare dei giovani uomini liberi e consapevoli”
    Ovvero? Dirgli che le mutazioni sono praticamente infinite (stanno pensando di passare, finito l’alfabeto greco, ai nomi di stelle o altri alfabeti) o che è un problema capire se una mutazione potenzialmente pericolosa prenderà piede oppure se sarà scacciata da una che lo è meno, o se una mutazione è valida solo per una persona o se avrà la capacità di diffondersi (tenere a mente che essa verrà rintracciata solo quando il bacino ďinfetti sarà già numeroso, prima è improbabile, l’ultima l’hanno trovata dopo un mese a settembre 2020.)
    Meglio spiegargli che stanno sopprimendogli le libertà costituzionali, elencate nel noto tomo di medicina applicata.
    La sars-ncov2 si sta sbellicado dalle risate e, tra se si dice, pancia mia fatti capanna che con “diversamente intelligenti” come questa rimango sino al 2030

    Piace a 1 persona

  2. “Gli impulsi primitivi, selvaggi e malvagi dell’umanità non sono scomparsi, continuano a esistere sebbene allo stato represso” Represso?Non sembra.Per il resto mi sembra una buona lettura dell’attuale.Purtroppo

    "Mi piace"

  3. “in modo che la firma della liberatoria esoneri lo Stato da eventuali richieste di risarcimento per effetti collaterali talmente previsti e prevedibili da raccomandare la strada della volontarietà”
    —————————————————————————————————————————-

    Dire che il green pass serve allo Stato per non pagare è ridicolo, dato che i soldi li mettiamo noi e non il “signor Stato”. Inoltre:

    Iɴɪᴢɪᴀʟᴍᴇɴᴛᴇ, ʟ’ɪɴᴅᴇɴɴɪᴢᴢᴏ ᴇʀᴀ ʀɪᴄᴏɴᴏsᴄɪᴜᴛᴏ sᴏʟᴏ ɴᴇʟʟ’ᴀᴍʙɪᴛᴏ ᴅᴇʟʟᴇ ᴠᴀᴄᴄɪɴᴀᴢɪᴏɴɪ ᴏʙʙʟɪɢᴀᴛᴏʀɪᴇ, ᴍᴇɴᴛʀᴇ ᴀ sᴇɢᴜɪᴛᴏ ᴅᴇʟʟᴀ ᴘʀᴏɴᴜɴᴄɪᴀ Cᴏʀᴛᴇ Cᴏsᴛɪᴛᴜᴢɪᴏɴᴀʟᴇ ɴ. 107/2012 ᴇ̀ sᴛᴀᴛᴏ ᴇsᴛᴇsᴏ ᴀɴᴄʜᴇ ᴀɪ ᴠᴀᴄᴄɪɴɪ ɴᴏɴ ᴏʙʙʟɪɢᴀᴛᴏʀɪ ᴍᴀ “ᴄᴏɴsɪɢʟɪᴀᴛɪ” ᴅᴀʟʟᴇ ᴀᴜᴛᴏʀɪᴛᴀ̀ sᴀɴɪᴛᴀʀɪᴇ (ᴇs. ᴄᴀᴍᴘᴀɢɴᴀ ᴅɪ sᴇɴsɪʙɪʟɪᴢᴢᴀᴢɪᴏɴᴇ).

    Lᴀ Cᴏʀᴛᴇ ʜᴀ ɪɴꜰᴀᴛᴛɪ ᴘʀᴇᴄɪsᴀᴛᴏ ᴄʜᴇ “Iɴ ᴜɴ ᴄᴏɴᴛᴇsᴛᴏ ᴅɪ ɪʀʀɪɴᴜɴᴄɪᴀʙɪʟᴇ sᴏʟɪᴅᴀʀɪᴇᴛᴀ̀ ʟᴀ ᴍɪsᴜʀᴀ ɪɴᴅᴇɴɴɪᴛᴀʀɪᴀ ᴀᴘᴘᴀʀᴇ ᴘᴇʀ sᴇ sᴛᴇssᴀ ᴅᴇsᴛɪɴᴀᴛᴀ ɴᴏɴ ᴛᴀɴᴛᴏ, ᴄᴏᴍᴇ ǫᴜᴇʟʟᴀ ʀɪsᴀʀᴄɪᴛᴏʀɪᴀ, ᴀ ʀɪᴘᴀʀᴀʀᴇ ᴜɴ ᴅᴀɴɴᴏ ɪɴɢɪᴜsᴛᴏ, ǫᴜᴀɴᴛᴏ ᴘɪᴜᴛᴛᴏsᴛᴏ ᴀ ᴄᴏᴍᴘᴇɴsᴀʀᴇ ɪʟ sᴀᴄʀɪꜰɪᴄɪᴏ ɪɴᴅɪᴠɪᴅᴜᴀʟᴇ ʀɪᴛᴇɴᴜᴛᴏ ᴄᴏʀʀɪsᴘᴏɴᴅᴇɴᴛᴇ ᴀ ᴜɴ ᴠᴀɴᴛᴀɢɢɪᴏ ᴄᴏʟʟᴇᴛᴛɪᴠᴏ: sᴀʀᴇʙʙᴇ, ɪɴꜰᴀᴛᴛɪ, ɪʀʀᴀɢɪᴏɴᴇᴠᴏʟᴇ ᴄʜᴇ ʟᴀ ᴄᴏʟʟᴇᴛᴛɪᴠɪᴛᴀ̀ ᴘᴏssᴀ, ᴛʀᴀᴍɪᴛᴇ ɢʟɪ ᴏʀɢᴀɴɪ ᴄᴏᴍᴘᴇᴛᴇɴᴛɪ, ɪᴍᴘᴏʀʀᴇ ᴏ ᴀɴᴄʜᴇ sᴏʟᴏ sᴏʟʟᴇᴄɪᴛᴀʀᴇ ᴄᴏᴍᴘᴏʀᴛᴀᴍᴇɴᴛɪ ᴅɪʀᴇᴛᴛɪ ᴀʟʟᴀ ᴘʀᴏᴛᴇᴢɪᴏɴᴇ ᴅᴇʟʟᴀ sᴀʟᴜᴛᴇ ᴘᴜʙʙʟɪᴄᴀ sᴇɴᴢᴀ ᴄʜᴇ ᴇssᴀ ᴘᴏɪ ɴᴏɴ ᴅᴇʙʙᴀ ʀᴇᴄɪᴘʀᴏᴄᴀᴍᴇɴᴛᴇ ʀɪsᴘᴏɴᴅᴇʀᴇ ᴅᴇʟʟᴇ ᴄᴏɴsᴇɢᴜᴇɴᴢᴇ ᴘʀᴇɢɪᴜᴅɪᴢɪᴇᴠᴏʟɪ ᴘᴇʀ ʟᴀ sᴀʟᴜᴛᴇ ᴅɪ ᴄᴏʟᴏʀᴏ ᴄʜᴇ sɪ sᴏɴᴏ ᴜɴɪꜰᴏʀᴍᴀᴛɪ” (Cᴏʀᴛ. Cᴏsᴛ. ɴ. 107/2012).

    fonte: altalex.com

    Piace a 1 persona

  4. Tutti i più autorevoli esperti e virologi (quindi non certi cialtroni che non nomino neppure) da tempo affermano chiaramente che è da pazzi vaccinare durante una pandemia, poiché in tal modo si favorisce l’insorgenza di numerose varianti: il covid si può curare in 24/48 ore a casa, ottenendo una guarigione completa. Questi vaccini hanno causato molti più casi di effetti collaterali gravi, anche irreversibili o letali, di quanto sia stato detto: questi casi sono centinaia, forse migliaia di volte di più di quanto comunicato dai mass media complici. E sono anche inutili: in Israele, in Inghilterra ed anche in altri paesi, tra cui anche in Italia, buona parte dei nuovi contagiati sono proprio persone che sono già state vaccinate. De Donno aveva trovato la cura per il covid a costo zero, e si è suicidato (dicono). Ho letto un’intervista ad uno dei medici più importanti del mondo, ovvero Il Dott. Peter McCullough, luminare di fama mondiale, che è a dir poco illuminante in tal senso: https://www.meteoweb.eu/2021/08/peter-mccullough-vaccini-covid-non-funzionano/1711910/, a differenza delle cialtronerie che vengono propinate in tv ad ogni ora da presunti (molto presunti) esperti invitati in tante (troppe) trasmissioni.

    "Mi piace"

  5. “Dr. Peter McCullough is an internist, cardiologist, epidemiologist, and Clinical Professor of Medicine at Texas A & M College of Medicine, Dallas, TX”

    Tranquillo che ti capiamo.

    "Mi piace"