Ego me absolvo

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Racconta Alessandro Barbero che nel luglio 799 Carlo non ancora Magno, re dei Franchi, è accampato in Sassonia. E si vede arrivare papa Leone III, miracolosamente fuggito a una rivolta di patrizi romani che – dice lui – gli hanno cavato gli occhi, mozzato il naso e la lingua. Il sovrano obietta che gli occhi, il naso e la lingua li ha ancora. Il Pontefice risponde che la Provvidenza glieli ha fatti ricrescere. Carlo finge di credergli. Purtroppo due nobili nostalgici del penultimo papa Adriano I, Pascale e Campolo, accusano l’attuale con prove piuttosto dettagliate di illegittimità, inadeguatezza e dissolutezza. Ma ormai il papa è lui e Carlo, protettore della Chiesa occidentale, deve difenderlo. Così s’impegna a reissarlo sul trono di San Pietro dopo un processo che finirà con l’assoluzione. E invia a Roma una commissione d’inchiesta mentre i suoi messi arrestano Pascale e Campolo e distruggono le prove. Pensa di convocare 10 testimoni pronti a giurare che Leone non farebbe mai ciò di cui è accusato. Ma poi si rende conto che non basterebbe. Scende a Roma e il 1° dicembre riunisce un’assemblea-concilio di nobili e vescovi, che sentenzia: nessuno può giudicare il Papa se non Dio. Così però un’aura di sospetto resterà comunque. Allora Leone si autoassolve nella basilica di San Pietro il 23 dicembre, giurando la propria innocenza sul Vangelo. Pascale e Campolo vengono condannati a morte coi loro seguaci (pena poi commutata in esilio). Due giorni dopo, sempre in San Pietro, Leone incorona Carlo imperatore. E tutti i salmi finiscono in gloria.

La storia si sta ripetendo nei talk show sulle accuse dell’avvocato Amara al giudice Ardita, membro del Csm come Di Matteo (che lo ha informato delle accuse e lo difende a spada tratta insieme ai conduttori) e com’era fino a un anno fa Davigo (che ha informato dei verbali ai vertici del Csm senz’avvertire l’interessato per non commettere un favoreggiamento personale). Stiamo parlando di tre magistrati specchiati (fino a prova contraria), messi due contro uno (o viceversa) dal diabolico Amara e dalle manine spargi-dossier. L’accusa ad Ardita è di far parte della “loggia Ungheria” con giudici, avvocati, politici, imprenditori e faccendieri. Cinque Procure indagano per capire se c’è qualcosa di vero. Se c’è, procederanno contro gli affiliati. Se non c’è, contro il calunniatore. Ardita ha tutto il diritto di proclamarsi innocente. Ma nessuno può dire che basta leggere i verbali, con alcune date sbagliate sui suoi incarichi, per capire che è tutto falso: questo lo stabiliranno, speriamo presto, i pm. I tempi in cui bastava il giuramento del Papa o dei suoi amici per assolverlo sono passati da un pezzo.

51 replies

  1. anche lui fa fatica a capirci qualcosa,
    ma una cosa è certa, i polveroni servono ad oscurare le prove
    ed in Italia abbiamo maturato una competenza di millenni
    e non aiutano certo i giudici stessi, che ricorrono alla “scatola delle bugie” a schiarire l’aria

    Piace a 1 persona

    • Lui ha capito benissimo, e come tutte le persone normodotate ha capito che il suo amico la ha fatta fuori dal vaso.

      Più che altro ora spera che voi povery gli diate un’altra soddisfazione, e dimentichiate tutto in fretta 🐟

      "Mi piace"

  2. Madonna, davvero, che cacatella di editoriale per non dire niente! Mezzo impiegato per un aneddoto di cui non si vede l’utilità, e l’altra metà per lavarsene le mani dicendo che si trratta di giudici specchiati nonostante due abbiano severamente criticato quello che collabora col suo giornale, Davigo appunto…E siccome abbiamo a che fare con dei pupi, OVVIo che anche in questo caso la perfida stampa di regime e chi fa programmi di inchiesta in TV quella alla quale pur ambendo assai se la sognano i nsotrii eroi tanto che manco il TG di Gomez ha resistito più di tanto alla scarsezza di ascoltatori! Per concludere con l’ovvia banalità che sarà il magistrato a stabilire dove sta il vero e falso! ma và? persino più interessante oggi il riconoscimento di merito di Drafghi da parte di Scanzi tanto per dire dove li porta il cuore a questi eroi…Però, ci scommetto che se questo lo fa uno del FATTO non è leccaculismo ma leale riconoscimento di un risultato positivo…Davvero, che pena….

    "Mi piace"

    • D’altra parte puoi capire benissimo quanto sia difficile mantenere sempre lo stesso standard: anche tu scrivi tutti i giorni qui e non sempre fai ridere…

      "Mi piace"

    • “che cacatella di editoriale”

      A quanto pare non sei ancora guarita dalla coprofilia.🤢🤮😝😂

      Fosse la tua unica malattia…😁😆🤣

      "Mi piace"

    • “che cacatella di editoriale”

      A quanto pare non sei ancora guarita dalla coprofilia.🤢🤮😝😂

      Fosse la tua unica malattia…😁😆🤣

      "Mi piace"

  3. Difficile farsi una idea precisa di questo casino.
    Come al solito quando le regole non sono chiare o sono palesemente assurde, si è costretti ad una discrezionalità che può essere contestata in qualsiasi momento.
    È evidente che se Davigo avesse seguito la procedura prevista, avrebbe suo malgrado informato un indagato dell’inchiesta a suo carico.
    Non mi sembra una cosa gravissima, staremo a vedere.
    Certo è che sono 3 bravi magistrati, imbarazzante vederli sfancularsi.

    "Mi piace"

    • Andreaex, è evidente che Davigo avrebbe dovuto seguire la procedura. Per non diffondere segreti -dice lui- ha tenuto tutto nel cassetto, salvo raccontare a destra e a manca le accuse ad Ardita, col quale aveva litigato un anno prima ..
      Non è chiara neanche la faccenda della segretaria che avrebbe spedito alla stampa i verbali… c’è del torbido in questa faccenda. Questa volta Davigo non la racconta giusta; secondo me ha avuto paura della “bomba” che si trovava fra le mani.

      "Mi piace"

      • Non ha tenuto niente nei cassetti.
        Ha informato i suoi superiori: il vice presidente del CSM che ha informato il presidente del CSM nonché PDR, e ha informato il PG presso la cassazione cioè un membro di diritto. Se avesse fatto qualcosa di sbagliato primo gli avrebbero detto loro di seguire la giusta procedura (se c’è), secondo Mattarella non lo avrebbe ringraziato.
        TI È CHIARO PROF DELL’OCCULTO?

        "Mi piace"

  4. Concordo in toto con Travaglio.
    Sentendo Di Matteo proclamare che tutto ciò che concerneva questo dossier era FALSO perché Ardita era AMICO SUO, ho sobbalzato sulla sedia.
    Ma come????
    Davigo trattato come un cane in chiesa perché ha, giustamente, evitato di consegnare le carte agli stessi interessati e Di Matteo che ASSOLVE per amicizia e conoscenza propria?
    Ed è LUI quello corretto?
    Vabbé, poi io valuto col falsometro inserito.
    E, per quanto imbarazzato, Davigo mi sembra che abbia tentato di essere corretto, in tutti modi possibili.
    Di Matteo era teatrale. In modo soft, da stile recitativo italiano, ma comunque studiato.
    Aveva quella calma e pacatezza che voleva ispirare autorevolezza:” Se ve lo dico IO…”
    Se me lo dici tu, non me ne può fregare di meno, perché non stai parlando di cose TUE, per cui il falsometro potrebbe funzionare, ma mettendo la mano sul fuoco per l’amico tuo, facendoci basare sulla tua parola.
    Un’altra cosa, ho notato.
    Raccontando la storia del dissidio con Bonafede a proposito dell’incarico mancato, ha indicato, come DIRETTA AMMISSIONE di pressioni da parte di quest’ultimo, una frase così comune che io e mio marito non abbiamo avuto dubbi ad interpretare all’unisono in tutt’altro modo.
    Di Matteo dice:” Dopo che IO rifiutai l’incarico, Bonafede mi disse:”Va bene, ma la prossima volta NON accetterò dinieghi o…” (Non mi ricordo l’altro termine, ma era sulla stessa linea)”
    E quindi??? Chiunque interpreterebbe la cosa come “dinieghi da parte TUA”, lui no.
    Secondo lui erano dinieghi che gli erano stati forniti da altri! 😳😳😳 (una confessione, proprio)
    Ma NON si userebbe quel termine, in quel caso, NO?
    Si userebbe “pressioni”, al limite, non dinieghi, cioè RIFIUTI. Solo lui poteva rifiutare, non un altro.
    Perché alterare una risposta così chiara e comune?
    Temo che fosse MOLTO prevenuto nei confronti di Bonafede… e non stento ad intuire perché, purtroppo.
    Stessa linea che con Arditi.
    Capisco la fiducia nei confronti del suo amico e la sfiducia in quelli del “grillino incompetente”, ma il GIUDIZIO, quindi la difesa a priori o l’accusa plateale, NO.

    Piace a 2 people

    • Anzi, mi correggo, non la difesa e l’accusa, che sarebbero anche legittimi(anche se non in TV), ma la CONDANNA e l’ASSOLUZIONE.

      "Mi piace"

      • “Dinieghi e mancati gradimenti” sarebbe riferito ad altri, secondo te?
        E l’avrebbe detto a Di Matteo in risposta al SUO diniego?

        "Mi piace"

    • @Anail,
      Perdonami,ma io non ho capito perché Di Matteo è prevenuto nei confronti di Bonafede.
      Mi daresti almeno un indizio? ☺️ grazie

      Piace a 1 persona

      • X Maristella,
        Io personalmente credo che Bonafede ha ceduto alle pressioni della Lega o meglio ai ricatti : No a Di Matteo e noi votiamo
        le leggi che farai ( tanto quelle ,le leggi si smontano , Di Matteo era molto più pericoloso, altro che i ricatti mafiosi. Nonostante
        le insistenze di Giletti di passare il messaggio come Bonafede che cede ai mafiosi, Di Matteo non ha confermato, ha detto
        che ha ceduto a pressioni, da chi lo sa Bonafede e penso anche Di Matteo.

        Piace a 1 persona

    • La fiducia nel suo amico gli impedisce pure di farsi la domanda. Come se questo fosse un paese normale e non avessimo già visto di tutto.
      Ad ogni modo, mi spiace, ma da quando DI Matteo ha fatto quello che ha fatto, cioè telefonare e poi andare nel letamaio della tv, per ragioni personali (non come uomo dello stato, come ama dire) ha perso tutta la sua credibilità. Come uomo intendo, schiavo delle sue passioni e della sua ambizione. Come magistrato resta quello che è.
      La cosa riguarda tutti, quindi pure l’ultimo che si è seduto a fare l’intervista cuore a cuore con quel cesso.

      Piace a 1 persona

      • Sì lo so, ma per me lui si è sputtanato andando nella cloaca, non riesco a difenderlo. Lui sapeva benissimo che Massimino voleva infangare Bonafede (a mio parere l’unico tra i ministri 5s che ci ha provato davvero a cambiare le cose, con atti concreti e pesantissimi), lui si è prestato a questo gioco perché era deluso. Ma sai quanta gente a quei livelli si vede passare i treni davanti, viene scartata senza apparente ragione, o perché quello che lo doveva scegliere ha subito pressioni? E allora? Le pressioni le ha subite Bonafede, ma mica dalla mafia. E Renzi che aveva subito le pressioni della mafia per scartare Gratteri?
        Lui si è prestato a delegittimare tutto un governo per cosa? Per le sue ambizioni personali legittime, ma anche sticazzi. Cioè noi lo conoscevamo da prima Di Matteo, ma sai quanta gente non conosciamo vive le sue stesse frustrazioni? Lui poi è andato al CSM, al vertice del vertice. E falla finita!

        Strano che lo difenda tu che accusi Grillo di essere un promotore dello stupro seriale per il video in cui difende LEGITTIMAMENTE ma inopportunamente il figlio. Cioè le ambizioni di Di Matteo le difendi, le perdoni, mettila come vuoi. La disperazione di un padre ti scatena invece.

        Piace a 1 persona

      • @Paolapci

        “Strano che lo difenda tu che accusi Grillo di essere un promotore dello stupro seriale per il video in cui difende LEGITTIMAMENTE ma inopportunamente il figlio. Cioè le ambizioni di Di Matteo le difendi, le perdoni, mettila come vuoi. La disperazione di un padre ti scatena invece.”

        Le ambizioni non sono di per se negative!
        Io potrei avere l’ambizione di sconfiggere la mafia.

        Il video di Grillo è merda civica allo stato puro. Ho già spiegato con lunghi post il perché, evito quindi di ritornare sull’argomento.

        Di Matteo ha solo raccontato la verità, se Giletti ha insinuato che c’erano pressioni opache, aveva il diritto di insinuarlo perché l’opacità non in quella vicenda non è mancata.

        Se penso a quello che ha fatto di buono il M5S in politica mi vengono in mente in primis le leggi sulla giustizia, in secundis il RdC.
        Non ho nulla contro Bonafede, anzi, sono portato a perdonargli anche qualche errore visto che i suoi meriti superano di gran lunga i suoi demeriti.

        "Mi piace"

    • Anail, come ha scritto Adriano “anche lui fa fatica a capirci qualcosa, ma una cosa è certa, i polveroni servono ad oscurare le prove”
      Ardita da Giletti mi sembrava che volesse lanciare un messaggio a qualcuno, più lo ascoltavo
      e più avevo questa convinzione. Ha evitato il maldestro tentativo di Giletti di metterlo contro Davigo, ma sia lui, che Di Matteo
      e Davigo hanno dichiarato “E’ grave se la loggia esistesse e operasse e ancora più grave sarebbe se invece la loggia fosse stata inventata e fossero stati coinvolti magistrati.
      L’unica cosa chiara è il tentativo di condizionare l’attività del Csm e i suoi uomini migliori. Io quando sento il nome di Tinebra
      alcune domande me le faccio:
      1. Chi e perché frequentasse magistrati per delegittimare sentenze di processi
      2. Chi è perché avesse avuto interesse a formare una “ presunta “ loggia
      3. Perché e per conto di chi ,Lotti intrattenesse affari correnti con individui apicali della magistratura
      4. Chi e perchè vuole spargere dubbi e veleni contro magistrati integerrimi
      Se hai voglia leggi i link sotto, non c’entrano tutti con i veleni di oggi , ma sono sempre attuali per capire a chi serve delegittimare

      https://www.linkiesta.it/2012/10/il-mistero-italiano-del-procuratore-tinebra/

      https://www.antimafiaduemila.com/dossier/processo-depistaggio-via-d-amelio/77818-rivelazione-boccassini-tinebra-ore-in-stanza-con-scarantino-prima-degli-interrogatori.html

      https://www.antimafiaduemila.com/home/primo-piano/83565-ardita-colpito-perche-mi-batto-perche-non-ci-fossero-santuari-inviolabili.html

      "Mi piace"

    • “Per quest’ altra posizione non ci saranno dinieghi o mancati gradimenti”. Considerando che Bonafede ha ceduto a “dinieghi o mancati gradimenti” ha sbagliato: doveva dire “O lui al dap o salta tutto”.

      "Mi piace"

      • Ma ti pare logico che ad uno che ha GIÀ rifiutato una carica, dico: “Per quest’ altra posizione non ci saranno dinieghi o mancati gradimenti”? Cioè INFORMO, con termini che non si userebbero in quel senso, un magistrato come Di Matteo di aver ceduto a pressioni? Ma se ha ammesso di aver RIFIUTATO lui stesso la carica?
        Non è credibile…e per me è totalmente illogico.

        Piace a 2 people

      • Beh Di Matteo andò per accettare l’incarico del dap, gli fu negato dal ministro che poi gli prospettò un altro incarico (di cui avevano già parlato nel primo incontro..) per il quale non ci sarebbero stati dinieghi o mancati gradimenti. Mi ripeto: per me ha ceduto su Di Matteo al Dap e ha sbagliato.

        "Mi piace"

      • Ha rifiutato il secondo incarico (affari penali che fu di Falcone) dopo che Bonafede ha rifiutato Di Matteo a capo del Dap proposto il giorno prima.

        Piace a 1 persona

      • Quindi ciò che ha riferito DM, sarebbe la frase che Bonafede avrebbe detto dopo il suo rifiuto del secondo incarico e perciò riferita ad un eventuale 3o incarico?
        Ma Bonafede si è mai spiegato su questa cosa?
        Che cosa ha detto in proposito?
        Ha ammesso o sono le spiegazioni di DM da Giletti?
        Scusami, Rob, ma Giletti non lo vedo neanche sotto tortura, quindi ciò che si dice lì, per me, è 💩 a prescindere.
        Ma non dirlo alla Gazzella/Birillo… 😆😘

        Piace a 1 persona

      • Guarda che non ha parlato SOLO da giletti ma anche in commissione antimafia. Se cerchi su google trovi le vwrsiobi esatte.. Cmq, bonafede ha offerto il dap e affari penali e ha detto a di matteo di scegliere, di matteo ha scelto il dap, bonafede ha detto no al dap (ma si a affari penali “senza dinieghi o mancati gradimenti”), di matteo ha detto no grazie agli affari penali. Stop.
        E ritorno a dire che Bonafede ha sbagliato a cedere!

        Piace a 1 persona

    • Liana,
      Diciamo che Di Matteo ha dichiarato e Bonafede non ha smentito.
      Nel secondo incontro in cui DM era pronto ad accettare il primo dei due incarichi prospettati da B nel precedente incontro, gli offre solo il secondo incarico ritirando il primo, e specificando che per quello (non un terzo incarico) non avrebb Accettato alcun diniego o mancato gradimento (di terzi).

      Piace a 2 people

  5. Eh, L’”arretratezza L del sud….
    Eh, i “vittimisti”…
    Non ci azzecca? Ma lo dico lo stesso !
    Fa tanto figo 😃😃😃

    "Mi piace"

  6. Molte volte mi sembra di essere sul ballatoio della zia Luisa….pettegolezzi e contorsioni mentali,negli commenti.

    "Mi piace"

  7. Quanto labile e fragile è l’animo umano!! I buoni propositi anche i più tenaci, possono essere scardinati da allettanti miraggi.. rara avis sono coloro che rimangono puri e granitici sulle loro convinzioni.. i compromessi , do ut des, sono di quanto più infingardi ed ammaliatori!! Il mondo ne è pieno.. noi comuni mortali possiamo solamente, assistere impotenti allo sfacelo di una società sempre più corruttibile e falsa!! Qualcuno ci ha provato a renderla migliore.. la caduta degli dei è imminente!! Con grande amarezza e disappunto!!

    "Mi piace"

  8. Se i verbali siamo veri o falsi lo diranno le indagini, se mai saranno fatte (poco ci credo).

    Quello che invece è certo è che tenerseli nel cassetto per mostrarli nel sottoscala ad amici/succubi, o mandarli ai giornali (per di più provando ad accusare terze persone) non starebbe affatto bene.

    "Mi piace"

    • Non tutti hanno gli avvocati del Caimano pronti a difenderti anche da colpe evidenti e pluriaccertate.
      Metterci un po’ di attenzione a maneggiare certi dossier è il minimo sindacale. È reato?
      O vuoi denigrare gratuitamente Davigo perché non sopporti i giudici che non si accodano ai tuoi polici di riferimento?

      "Mi piace"

    • I verbali? Credi che si stia indagando sui verbali?
      L’hai capita bene la storia. Te l’ha spiegata Massimino d’Urso pure a te?

      "Mi piace"

  9. Marco scherza coi fanti…Ardita non si tocca, che dico non si sfiora.Tu non hai lontanamente idea di chi sia Ardita:da catanese ti dicoche nei bui anni craxiani e con mamma DC imperante, ha arrestato , con le manette !!,sindaci plenipotenzari,ministri, gente tunon immagini potente, e naturalmente delinquenti comuni.

    "Mi piace"

    • Non credo proprio che questo editoriale di Travaglio intacchi la stima per Ardita. E nemmeno quella per Di Matteo.
      Aiuta, semmai, a far chiarezza su un dissidio che non dovrebbe esistere tra tra tre giudici integerrimi che fanno onore alla povera Giustizia di questa povera Italia perennemente alle prese con corruzione e mafie.

      Piace a 1 persona

  10. Aspettiamo che chi è preposto a farlo chiarisca con le indagini ciò che è vero e ciò che è falso.

    "Mi piace"

  11. Ma nessuno si chiede chi sono gli altri 39 della loggia oltre a Ardita? E nessuno si chiede perchè il procuratore capo di milano ha tenuto nei cassetti queste carte per mesi ?

    Piace a 2 people

    • x ROB

      La lista con 40 nomi circa dice (Amara) di averla lui.
      In una vicenda cosi grave, La Procura di Milano non è tenuta informare la stampa perchè tiene i verbali nei cassetti.
      Anzi, credo che si è creato un finto “scandalo verbali” perchè si indagasse senza scoprirsi.
      Secondo me Davigo, Ardita, Di Matteo e persino Morra mi fanno pensare che per stanare i veri burattini
      che vogliono delegittimare CSM e soprattutto magistrati integerrimi mi viene in mente che lavorano “sottocoperta”
      e noi e soprattutto chi muove i fili non lo deve sapere. Naturalmente è solo mia opinione , ma ci sono tante cose oscure
      che la domanda sovente è sempre la stessa : Chi e perche ?

      Piace a 1 persona

      • Non dicevo di tenere le carte nei cassetto nel senso di non dare le carte alla stampa …. ma intendevo di formalizzare le accuse e indagare sia sui 40 tizi che su amara… sul “chi e perche” era proprio ciò che intendevo: del procuratore capo non si sa nulla, chi lo ha messo li, quando, con chi se la intende, ecc ecc, perché non ha formalizzato? …tanto da far impaurire il pm di essere lasciato solo.

        "Mi piace"

    • Rob erto,
      Mi ricordo tutta quella storia della successione di Bruti Liberati, se non sbaglio Travaglio era per Robledo, contro Greco.
      Risale a non tanto tempo fa 3/4 anni. Robledo rivendicava l’indipendenza assoluta del pm dal procuratore, la linea di Bruti Liberati era stata molto simile a quella di Greco con Storari.

      Piace a 1 persona

  12. Marco, ieri il tuo pari Andrea ha consigliato a Salluatri di “liberarsi”, che ne pensi se anche tu, insieme ad Andrea, vi liberate?

    "Mi piace"

  13. Bonafede governava con la lega . È chiaro che è dalla lega che vennero le pressioni per impedire di assegnare a Di Mateeo il Dap.La frase famosa era grosso modo …non accetterò pressioni per …l’altra nomina non ricordo quale era.

    Piace a 1 persona