Chi di Speranza vive, disperato firma

(Anna Lombroso per il Simplicissimus) – In francese si dice tutoyer, per sottolineare con il tu confidenziale un’amorosa famigliarità, in inglese name dropping indica l’abitudine di menzionare col nome di battesimo personaggi illustri per dimostrare una intima dimestichezza.

Sicuramente vale la prima ipotesi  a proposito dell’appello sottoscritto da varie “personalità” a sostegno del ministro Speranza e lanciato sui media col titolo: noi stiamo con Roberto.

Ne ha fatti di danni il Covid, danni cerebrali non accertati che hanno travolto anche negli asintomatici e immuni buonsenso, senso civico, senso della democrazia, senso di responsabilità e senso di solidarietà, E probabilmente anche altri sensi, la vista e l’udito esentati dallo spettacolo delle rovine e pure l’olfatto, tanto da non sentire il puzzo di regime che caratterizza un certo tipo di consenso.

E difatti un anno l’istituto dell’appello, firmato da  intellettuali cui si sono aggiunti “cittadini” che non si accontentano dei necrologi e agognano a vedere stampato il loro nome anche in calce a invereconde scemenze, è tornato in auge con la lettera aperta pubblicata dal Manifesto in difesa dell’operato del miglior governo che potesse capitarci in una situazione di crisi di inedita gravità.

Già allora i più avveduti  che avevano capito che il Paese era stato costretto a adeguarsi a misure eccezionali dividendosi in due, i probabili “sommersi” clinicamente o economicamente, e i “salvati”, a prescindere dal confinamento e secondo comandamenti scritti dall’esecutivo sotto dettatura di Confindustria e dell’Europa, si erano stupiti.

Non era mai successo nel dopoguerra che le menti più lucide della nazione, tra pensatori, sociologi, autoproclamatisi da sempre come appartenenti alla “sinistra” progressista e riformista, si esprimessero in favore di un governo che tra l’altro aveva operato una gerarchia e selezione di diritti anteponendo la salute al lavoro, alla remunerazione dignitosa, all’istruzione, che aveva introdotto provvedimenti di eccezione, sospendendo prerogative democratiche, che aveva deciso aprioristicamente chi era essenziale per la sopravvivenza di tutti, tanto da poterlo esporre al contagio mortale, senza requisiti di sicurezza.

E che già allora aveva dimostrato di voler rimuovere colpe del passato e correnti, quelle che avevano demolito il sistema sanitario, e anche in ragione di ciò mostrava di voler intraprendere una strada senza alternative, quella della vaccinazione, distogliendo risorse e impegno dalla adozione e applicazione di qualsiasi protocollo terapeutico da affidare alla medicina di base.

Ma quello di oggi è proprio un atto senza vergogna,  perché le critiche e le accuse che ormai unanimemente vengono rivolte al governo Conte 2 e al governo Draghi che sembra deciso a replicarlo con quel tanto di confusa e stolida ferocia in più, hanno come oggetto non teorico  e non accademico proprio il ministro della Salute riconfermato. Raramente nella storia siamo stati alle prese con uno che le sbagliava tutte, se viene riconosciuto ad altri di aver fatto arrivare i treni in orario o aver valorizzato come bevanda inebriante la Capitale Morale.

A leggere brani scelti delle sue Memorie, riprese dai suoi giustificati detrattori, è arduo capire se siamo di fronte a un caso umano, costretto a spendersi fino al sacrificio per accreditare e imporre  delitti e sacrilegi, affetto da un disturbo della personalità che lo porta all’autodissoluzione pur di obbedire scrupolosamente a imperativi assassini, confusi, contraddittori. O se invece si tratta di un entusiasta esecutore di soluzioni finali come esige un’ideologia imperniata sulla selezione del capitale umano funzionale e sulla eliminazione del pubblico dei fastidiosi parassiti.

Ai  cittadini/vittime che si interrogano sulle due ipotesi hanno voluto rispondere (incollo il link utile https://articolo1mdp.it/noi-stiamo-con-roberto-lappello-e-le-firme-a-sostegno-di-speranza/ ) una serie di santoni inamovibili dalle poltrone dei giornali, delle televisioni, del Parlamento, quei totem del privilegio e delle rendite morali e materiali immeritate da Affinati a Augias, da Barca a Bonaga, da Carofiglio a Castellina,  da Caselli alla Ferilli, da Folena a Landini, molti dei quali ben felici dell’occasione di togliersi di dosso un po’ della naftalina nella quale fortunatamente erano stati riposti, tutti in fila per il salvifico accesso alla salvezza in modo da riprendersi la vita “necessariamente” negata in questi mesi e che sarà implacabilmente negata a milioni di italiani, senza lavoro, senza casa, senza assistenza sanitaria, senza scuola. E tutti appagati dal rito che ne riconferma l’appartenenza a un ceto speciale e superiore che può permettersi di raccomandare il Tso per eretici, le sanzioni per i ribelli, l’ostracismo per i dubbiosi e il licenziamento per i titubanti che si sottraggono all’atto di fede nella scienza secondo le major del farmaco.

Deve essere proprio quell’appartenenza al vaso di pesci rossi dei salotti tra cultura, informazione e politica che fa dire spericolatamente che dentro a immani difficoltà dentro queste immane difficoltà “il ministro della Salute Roberto Speranza è stato e continua a essere un punto di riferimento decisivo. Si è battuto per tornare a investire significativamente nella sanità pubblica. Si è battuto per il principio della massima precauzione e della massima cautela, quando altri ci raccontavano che era soltanto un’influenza e suggerivano di aprire, di correre, di non perdere tempo. Si è battuto per imporre – con il sostegno prima del presidente Conte e ora del presidente Draghi – una linea rigorosa che ha impedito decine di migliaia di altri contagiati e di altri morti. Si è battuto e si batte per un piano vaccinale efficace e capillare, che è la condizione indispensabile per preparare e facilitare le aperture, concependo sempre il diritto alla salute come principio cardine della nostra società e della nostra civiltà”.

Non ci rimane che batterci per mandarlo a casa, in un confinamento imperituro e efferato che andrebbe esteso agli altri decisori del prima e del dopo e ai loro valletti senza pudore e senza “speranza”.

14 replies

  1. Ma vai a cagare pure tu. Mi piacerebbe sapere cosa hai fatto, di concreto, nella tua esistenza per affiancarti a gente come salvini meloni e c.
    Quelli al governo hanno, dovuto affrontare una situazione allucinante con le armi di cui disponevano e che gentaglia, come formigoni,
    hanno distrutto in anni di ruberie.
    Qui mi fermo altrimenti, come te, piscio un sacco di parole inutili e incomprensibili.

    Piace a 1 persona

  2. oggi lo Speranza s’è astenuto a nominare il nome di Draghi invano
    l’ha appellato solo con la carica pubblica che ricopre
    al contrari il draghi l’ha più volte omaggiato di ricordarsi anche il cognome

    sarà indice di qualcosa che avviene dietro le quinte della conferenza stampa?

    comunque i porta borse del quirinale hanno negato il complotto
    per far cadere Conte

    non capisco dove sia la notizia, un cane morde un uomo, è abbastanza scontato…

    "Mi piace"

  3. Io sto con Robertino, ma l’hastag di quei radical chic è veramente penoso. E poiché oggi ce l’hanno tutti con Speranza perché non osano avercela con Marione, com’è che gli stessi ieri non stavano con Peppino quando tutti (gli stessi) ce l’avevano con lui? Infatti l’appello del manifesto fu molto criticato.
    Infine, Robertino si è sentito talmente amato che oggi si è arreso e ha ceduto ad aprire con numeri da chiusure, vedremo se pagherà.

    Piace a 1 persona

  4. Peccato che questa penna di panna montata NON SAPPIA LEGGERE LE STATISTICHE.
    Però lancia giudizi sommari costruendo realtà parallele su emerite supercazzole.

    A settembre con un RT, tasso di contagio, a 1,15 avevamo 50.000 infetti.
    Risaliti dai 15.000 di giugno dopo un’estate di NEGAZIONISMO e incitamento a rispettare le più elementari regole di prudenza da parte di coloro che oggi strilla o verso il ministro Speranza.
    A novembre il numero era già oltre gli 800.000 arrivando, presumibilmente, a circa 1.500.000 infettati contemporaneamente a gennaio.
    Da quel momento si è registrato un calo, col lockdown sino ad un – 35/40% odierno.
    Perché c’è qualcuno che si preoccupa di tale cifra e altri sciacalli che si intestano battaglie per conto dei bottegai.
    Costoro vorrebbero che lo Stato gli rimborsasse TUTTO, sulla base degli acquisti effettuati e non sui fatturati dichiarati, in modo da tener conto di tutte le loro vendite in NERO.
    Però sia ben chiara una cosa, con questi numeri ancora alti e senza essermi ancora vaccinato IO I LOCALI PUBBLICI NON LI FREQUENTERÒ.
    E come me saranno in tanti a non andarsi a cercare problemi. Idem per gli stadi, pur essendo stato un abbonato di una squadra attualmente in serie A.
    Poi sarebbe opportuno ricordare quanto detto da Formigli ieri sera in apertura di trasmissione a proposito dello UK, cosa che si scontra con la tua OTTUSA PROPAGANDA.

    Il 30/01 2.009.476 infettati in essere
    Il 21/02 1.493. 001 infettati
    Il 22/03 465.286 infettati
    Il 15/04 140.447 infettati

    IL 20/01 registravano 1.823 morti
    Il 29/01 1.247 morti
    Il 22/02 178 morti
    Il 23/03 112 morti
    Il 15/04 30 morti

    Percentuale popolazione vaccinata in UK con almeno una dose
    31/01 13,69%
    21/02 26,11%
    23/03 42,21%
    13/04 47,62%
    Oggi hanno superato il 50% e aprono.

    A dicembre, appena abbiamo visto che l’RT andava un po’ sotto l’1, abbiamo riaperto tutto: zona arancione e gialla. Questo ci ha portato al disastro degli ultimi mesi. Cerchiamo di imparare la lezione, e ignoriamo i ragli del Baciasalami sciacalli e delle fascio coatta peracottara a rotelle.

    Infettati giornalieri Italia

    12/11 38.231
    28/12 8.627
    30/01 12.712
    21/02 13.439
    22/03 13.820
    14/04 16.157

    Numero di infettati contemporaneamente in Italia

    23/11 803.591
    29/12 578.234
    30/01 474.014
    21/02 399.547
    22/03 560.633
    14/04 514.649

    Numero di decessi quotidiani in Italia

    09/09 14
    10/10 29
    16/10 55
    23/11 630
    31/12 555
    30/01 421
    21/02 232
    23/03 551
    14/04 469

    Vaccinati in Italia
    Al 16/04
    Prima dose 10.025. 605 cittadini
    PARI AL 16,81% DELLA POPOLAZIONE

    Seconda dose 4.234.230 cittadini
    PARI AL 7,10% DELLA POPOLAZIONE

    MA APRIAMO PURE TUTTO.
    COSA POTREBBE MAI ANDARE MALE?

    L`ansia degli SCIACALLI fascio legaioli di intestarsi i benefici, ANCORA Lontani, della campagna vaccinale PRODURRÀ SOLO TRAGEDIE.
    Gli ultra ottantenni sono vaccinati e restano a casa. I più giovani verranno invitati ad andare in giro.

    18/02 2.045 ricoverati in terapia intensiva
    15/04 3.417 ricoverati in terapia intensiva

    Numero di decessi per fasce d’età al 31/03 (Totale al 15/04 115.937)
    0-9 10
    10-19 14
    20-29 54
    30-39 206
    40-49 910
    50-59 3.534
    60-69 10.291
    70-79 26.236
    80-89 44.595
    >90 21.717
    Non noto 2
    Totale 107.569 100%

    Lombrica vattene in giro per locali. Aiuti l’economia e sarà la volta buona che ti togli dal blog, DEFINITIVAMENTE.

    Piace a 2 people

    • Ma tu Jerome lo fai apposta di essere così cattivi, feroce, senza umanità. Non ho ancora capito se tu sia un troll provocatore o una persona affetta da profondo odio verso l’umanità. E comunque sia, pubblichi commenti allucinanti pregni di fascismo, di desiderio di lockdown perenne, di sofferenza delle generazioni giovani. Sarà che tu con i ragazzi non ci lavori e non sai cosa stanno patendo! Dovresti vergognarti di ciò che scrivi. Profondamente. Che persona veramente priva di umanità, di etica, di bontà. Purtroppo sei figlio di questa società disumanizzante.

      "Mi piace"

      • È sottilmente, solo perché occulta il suo pensiero tra mille arzigogoli, NEGAZIONISTA e apertamente APERTURISTA.
        “governo che tra l’altro aveva operato una gerarchia e selezione di diritti anteponendo la salute al lavoro, alla remunerazione dignitosa, all’istruzione”
        Si doveva fare il contrario, secondo lei?
        Tenendo conto anche del fatto che, se la gente muore, non si salvaguardano neanche le sue priorità?
        Chiaramente novax, in nome di una ricerca che, a sua insaputa, le cure le cerca eccome…ma lei non lo sa, perché è intenta ad ‘arrovellare’ parole intorno ad un nucleo confuso di opposizione a prescindere.
        Quindi, figuriamoci se sopporta “Roberto”.
        Certo che hanno usato il nome…non ci vuole molto a capire che, con quel cognome, “sto con Speranza” poteva essere fuorviante, senza considerare il richiamo al famoso “Robbeerto” da Oscar della Sophia nazionale.
        È diventato come Eduardo, Leonardo, Dante? E a cosa la turba?
        E se fosse successo a lei? Anna oppure “io sto con Lombroso”?…. Naaaaaaaaaaa.

        "Mi piace"

      • Azzorriano, speravo che tu fossi ironico.
        Invece sei serio.
        I dati NON hanno colore.
        E privo di umanità e pregno di fascismo è chi vuole ignorarli e mandare a morire la gggente… in nome di che cooosa?
        Dei ragazzi che stanno PATENDO?
        Forse perché hanno adulti come te, accanto, che li vittimizzano invece di fargli cogliere l’occasione di crescita e responsabilizzazione che qualsiasi momento difficile può dare, anche e soprattutto questo.
        [Ma poooverini, quanto patiscono perché hanno SOLO Facebook, Instagram, Twitter, whatsapp e altri 10mila social di cui non so neanche il NOME per comunicare tra loro e la scuola in dad e si vedono al parco, nei bar e ovunque, portando poi il contagio a casa, da genitori e nonni.. Ma poveriiini, soffrono perché gli manca il contatto fisico e la scuoooola(quindi d’estate tutti depressi?) Rispolvererei il concetto del famoso latte al plutonio di De Luca]
        Li trattiamo proprio da scemetti smidollati, questi ragazzi.
        Forse è meglio che siano LORO ad insegnare a certi elementi, FALSAMENTE e sdolcinatamente UMANI, in effetti crudeli coi più fragili e diseducativi.

        "Mi piace"

      • @Azzorriano
        Ma sei scema/o di tua sponte o mi stai perculando?

        Cattivo?😳
        Feroce e disumanizzante? 😟🥺😱

        Ho postato tabelle di confronto in merito all’espansione attuale della pandemia e del piano vaccinale fra Italia e UK, dalle quali emerge un avventato salto nel buio conseguente alla decisione di riaprire.
        Con tutta la comprensione verso alcune categorie che soffrono economicamente POSSO ESPRIMERE IL MIO TOTALE E SENTITO RIFIUTO PER UNA DECISIONE CHE REPUTO AVVENTATA?
        Invece di lanciarmi addosso epiteti gratuiti gradirei da parte Tua un confronto di merito su questi numeri, tratti da siti consultabili da chiunque, come
        worldmeters,
        lab24
        o Report VACCINI ANTI COVID-19 di governo. It.

        Fra 15 giorni assisteremo ad una risalita VIOLENTA del numero di nuovi contagiati e dei morti a seguito. Non saranno più gli ultra ottantenni, che si spera siano stati tutti vaccinati, ma cittadini più giovani.
        Gli ospedali, i reparti di terapie intensive torneranno ad essere sotto pressione con altissimo e probabile rischio di collassamento del sistema.
        Oggi LE DESTRE si prendono il merito delle riapertura, fra 2/3 settimane addosseranno la colpa dell’Apocalisse al ministro della Salute Roberto Speranza.
        Ovviamente gli amministratori delle regioni, che hanno spinto in tale direzione, se ne laveranno le mani, perché si sentiranno in pace con sé stessi dopo aver ascoltato i lamenti dei bottegai.
        MA TU SU QUESTO SICURO E PROSSIMO SCENARIO DI MORTE, COME TI PONI?
        Io ho postato NUMERI, NON OPINIONI.

        Sono d’accordo con il Prof. Galli, virologo dell’ospedale Sacco di Milano, dedicato alla cura delle malattie infettive.
        TU?

        https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/04/16/galli-contro-le-riaperture-del-governo-rischio-calcolato-calcolato-male-ripartenza-precoce-senza-vaccini-i-contagi-risaliranno/6168718/

        Piace a 2 people

    • Jerome, ti prego, vai su FB da Domenico Guarino il giornalista di Controradio e posta questi dati.

      Io non posso farlo perché mi ha bloccato.

      "Mi piace"

  5. Bisogna battersi per mandare a casa i fautori della “lettera aperta”, la maggior parte dei quali sono dei veri e propri sepolcri imbiancati. A Jerome voglio solo dire che non si è salviniani o meloniani se non la si pensa come lui, e così, tanto per non irrigidirsi su posizioni preconcette, gli riporto le parole di un tizio con capelli arruffati e baffi e che ci aveva tanto da dire sulla relatività: “Nel campo di coloro che cercano la verità non esiste nessuna autorità umana. Chiunque tenterà di fare il magistrato verrà travolto dalle risate degli dei.”

    "Mi piace"

    • Silviatico, ma che cosa ha indovinato?
      Fa esattamente gli stessi discorsi di Salvini, Pappalardo,Trump, Bolsonaro e tutta la grenfa “negazionista”, aperturista e novax, ma “sotto il velame de li versi strani”…
      Mancava solo l’idrossiclorochina, giusto per non tradirsi troppo, ma chiedendo farmaci INVECE che vaccini (come se la ricerca non facesse ANCHE quello, grazie a Dio…), si è praticamente dichiarata.

      Piace a 1 persona

  6. Penso che certi (quasi tutti) gli articoli della della sig.ra Lombroso non vadano commentati tanto è chiara la sola volontà di “ascoltarsi” scrivendo (ma,nel caso,iriferimenti ai treni in orario e Milano da bere peraltro confusi,poteva risparmiarseli)… per
    quanto riguarda Speranza mi chiedo e chiedo: le decisioni non sono comunque collegiali e la firma è solo un atto dovuto ? O i ministri sono tutti piccoli dittatori che decidono secondo umore? Poiché non è così appare chiaro il disegno politico degli attacchi giornalieri ( e mi piacerebbe che il ministro,certo non bellicoso ,ogni tanto rispondesse per le rime)

    Piace a 2 people