Vi ricordate di Francesco Maria De Vito Piscicelli? l’imprenditore che se la rideva dopo il terremoto in Abruzzo…

(Maurizio Belpietro – La Verità) – Vi ricordate di Francesco Maria De Vito Piscicelli? Se il nome non vi dice nulla vi rinfresco la memoria. Il signore in questione è un imprenditore che nel febbraio di 11 anni fa venne arrestato per gli appalti della ricostruzione dopo il terremoto in Abruzzo. Non fu però per le accuse di corruzione che il suo nome finì sui giornali, ma per la pubblicazione della trascrizione di una conversazione tra lui e il cognato.

Al telefono, mentre gli italiani seguivano con dolore le operazioni di soccorso nelle zone stravolte dal sisma, i due se la ridevano. Il congiunto di Piscicelli raccomandava di partire subito in quarta, cioè di darsi da fare con gli appalti: «Perché non c’è un terremoto al giorno». Nel senso che una «fortuna» del genere non capita spesso. E l’altro rispondeva: «Io ridevo stamattina alle 3 e mezzo dentro il letto». In pratica, la tragedia aveva messo allegria a Piscicelli. Il cinismo dei due imprenditori felici per una calamità in cui perirono oltre 300 persone suscitò un’indignazione collettiva e non ci fu giornale che non avesse messo in prima pagina la notizia dei due avvoltoi che si felicitano fra loro per la catastrofe.

Vi chiedete perché tirare fuori ora questa vecchia storia? Perché ho la sensazione che l’indignazione proceda a singhiozzo: se c’è di mezzo uno sconosciuto come Piscicelli, ci si può sdegnare per il disprezzo della vita umana, se invece si parla di qualcun altro, magari della famiglia Benetton, si procede con cautela, moderando le parole. Anzi: cancellandole.

Già avevamo notato l’atteggiamento prudente della grande stampa due anni e mezzo or sono, quando venne giù il ponte Morandi. Per far spuntare in prima pagina il nome degli imprenditori di Ponzano c’erano voluti giorni: tranne La Verità e forse un altro quotidiano, raccontando la strage in cui morirono 43 persone i giornaloni riuscirono a non citare i padroni di Autostrade, quasi che la società fosse una specie di public company, cioè di azienda con tanti piccoli azionisti.

In realtà, come tutti sanno, il socio di riferimento era uno solo, ossia la holding dell’impero dei maglioni che per anni, grazie alla riduzione degli investimenti in manutenzione, aveva incassato dividendi miliardari. Ma se alla fine, dopo un disastro in cui 556 persone persero la casa, con molta timidezza il nome dei Benetton fu fatto, adesso si procede con cura, cercando di non mettere troppo in imbarazzo i signori di Ponzano, evitando cioè di disturbare la vendita di Autostrade a Cassa depositi e prestiti, operazione che, guarda caso, si sta concludendo proprio ora.

Vi chiedete che cosa ci sia di nuovo da aggiungere a una vicenda che già è stata scandagliata anche da una raffica di indagini? Beh, di nuovo c’è quel che abbiamo raccontato l’altro giorno e di certo è una novità. Il settimanale Panorama, scartabellando fra le carte dell’inchiesta della Procura di Genova, ha pubblicato le conversazioni tra i vertici del gruppo, ovvero tra l’amministratore della holding di famiglia e gli amministratori di Atlantia.

È il 31 dicembre del 2019 e Gianni Mion parla con Carlo Bertazzo e Fabio Cerchiai, rispettivamente amministratore delegato e presidente della società che controlla Autostrade. Poche ore prima, sull’autostrada dei trafori che porta a Genova, dal soffitto di una galleria, è crollato un enorme blocco di cemento e solo per un soffio non ci sono stati morti.

Dopo il disastro del ponte Morandi, ci si aspetterebbe che i tre dimostrino preoccupazione per la sicurezza degli automobilisti. Invece, a quanto pare, i manager del gruppo sono preoccupati solo delle loro vacanze. Riporto direttamente il brano di Panorama, che molti lettori già conoscono perché La Verità lo ha scritto due giorni fa. «Cerchiai è pensieroso: “per andare giù devo fare tutte le gallerie”. Risate. Bertazzo fa riferimento a un censimento del Mit sui tunnel non a norma: “Mi son preso paura quando m’ ha detto 200 gallerie su 270 in Italia”. Irrompe Mion: “Devi andare in aereo, devi andare in aereo”.

Cerchiai sta al gioco: “Vado in aereo, difatti, sì”. Altra ilarità. Chiude Mion: “Eh sì, però, se vai in galleria puoi fare tu il monitoraggio”. Nuove risate». Tutto ciò, ribadisco, dopo il crollo del ponte Morandi con 43 vittime. E dopo la strage del bus caduto dal viadotto dell’autostrada Napoli-Canosa in cui, anche per scarsa manutenzione, morirono 40 persone e otto rimasero ferite.

Certo, il cinismo di Piscicelli era insopportabile: un insulto ai morti del terremoto. Ma anche quello dei manager di casa Benetton è un insulto alle vittime della mancata manutenzione. E tuttavia, l’indignazione della grande stampa per quelle risate non c’è stata. I tre scherzano perché un pezzo di galleria è caduto e dicono di non voler viaggiare in autostrada per paura, ma sono gli stessi che sulle autostrade incassano fior di pedaggi, mandando altri sotto le gallerie. Non so voi, ma a me è parsa subito una notizia da prima pagina. Ai giornaloni no, tanto che hanno evitato di pubblicarla. Zitti zitti, perché una delle famiglie più ricche d’Italia non può certo essere trattata come un Piscicelli qualunque. E poi, come la mettiamo con la bella pubblicità multirazziale e multimilionaria fatta dai Benetton?

5 replies

    • …. e forse un altro quotidiano..patetico?
      uno stronzo finto smemorato..
      Il Fatto Quotidiano l’aveva scritto che furono loro e la verità a fare per primi il nome dei Benetton..
      pezzo di m.. ed ora fai finta di niente?

      Piace a 3 people

  1. Comunque ha ragione, il trattamento riservato aiBenetton è di un servilismo schifoso. Io aggiungo un pensiero : a parte tutti i risarcimenti dovuti alle vittime dirette del crollo, l’intera città di Genova non potrebbe presentare una richiesta di danni per i terribili disagi sofferti per 2 anni come conseguenza del crollo del ponte Morandi? Danni incommensurabili, ma intanto un sequestro preventivo di tutto il valore della compravendita delle azioni di Aspi potrebbe essere un buon inizio, o no?

    Piace a 3 people

    • Peccato che Belpietro abbia dimenticato di scrivere che Salvini fece cadere il Conte 1 alla vigilia del voto in Parlamento sulla revoca della concessione. Chissà perché ?

      Piace a 2 people