Signorsì signore!

(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – A Sanremo, Fiorello parla alle sedie vuote e incassa applausi finti. A Roma, la sedia vuota di Draghi parla agli italiani e incassa applausi veri. Anzi, standing ovation.

Dpcm. C’è una bella differenza fra quelli di Conte e quello identico di Draghi. Lo spiega la Gelmini, appena fuori dal tunnel dei neutrini, che ai tempi della tirannide contiana lo definiva “strumento discutibile” e ora lo illustra alla stampa “rivendicando la discontinuità nei tempi e nei metodi”. Nei tempi perché i Dpcm di Conte erano datati 2020 e quello di Draghi 2021. Nei metodi perché “abbiamo tentato di correre il più possibile” (come prima) e “cercato la condivisione più ampia possibile” (come prima, solo che allora la destra e le sue Regioni erano all’opposizione). Ma soprattutto: prima i Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri li illustrava il Presidente del Consiglio dei Ministri, ora invece c’è la Gelmini, perché a lui gli vien da ridere.

Premier fantasma. In democrazia, il premier coinvolge nelle decisioni il Consiglio dei ministri e poi le spiega al Parlamento e ai cittadini. Draghi ha silurato il capo della Protezione civile (Borrelli) sostituendolo col predecessore (Curcio) e il commissario all’emergenza (Arcuri) rimpiazzandolo con un generale (Figliuolo). I risultati diranno se ha fatto bene o ha fatto male. Ma perché l’abbia fatto sfugge a tutti. Non vuole spiegarlo a voce? Scriva un comunicato stampa. Ma la stampa non vuole. Il silenzio del premier, per il Giornale, è “un po’ come il grande Gatsby, che non partecipava quasi mai alle sue feste, limitandosi a vigilare sul fatto che tutto fosse impeccabile” (infatti già allora ci mandava la Gelmini). Per il Foglio, “Draghi sa scomparire” e “offre la scena ai ministri”, ma non per scaricare barile: “delega e si fida”, è l’“uomo solo al comando che sa delegare”. Per il Messaggero, pare che taccia, ma parla con quei “silenzi eloquenti che migliorano la politica”. Seguiranno le parole silenti, i movimenti immobili, i vegani carnivori, la tirannia democratica.

Prima la scuola. Ricordate la “svolta” di Draghi al Senato? “La didattica a distanza crea disagi ed evidenzia diseguaglianze… Dobbiamo tornare rapidamente a un orario scolastico normale e recuperare le ore di didattica in presenza perse”. Risultato: le scuole richiudono nelle zone rosse e, se i presidenti di Regione vogliono, pure in quelle gialle e arancioni.

Prima i ristori. Il 21 gennaio il Parlamento approvò 32 miliardi di deficit per il dl Ristori-5, ultimo atto del Conte-2, mentre FI, FdI, Lega e Iv strillavano ai ritardi nei rimborsi alle categorie colpite e le tv erano piene di ristoratori e gestori di impianti sciistici furibondi, affamati, alcuni suicidi.

Dopo un mese e mezzo le proteste sono scomparse, così come il dl Ristori: forse i soldi arrivano dopo Pasqua perché il ministro Franco sta escogitando una nuova piattaforma presso Sogei. La Stampa però già li vede: “Draghi: 12 miliardi di sostegni” (si rivende quelli dei famigerati predecessori). E la discontinuità è garantita: il dl Ristori-5 si chiamerà Sostegno-1.

Prima i commissari. Ricordate gli alti lai di renziani&giornaloni sulla cabina di regia di Conte per il Recovery che esautorava ministri, Parlamento, Regioni e Comuni? Il neoministro Giovannini informa sul Sole 24 Ore: “Commissari anche per le opere del Recovery”. E tutti zitti, anzi plaudenti. Com’è umano, lui.

Fianco destr! Tutti vedono che questo è un governo di centrodestra coi voti gratuiti della maggioranza di centrosinistra. Il premier è un grande banchiere, il ministro dell’Economia è l’ex dg di Bankitalia, il loro consigliere economico è il turboliberista Giavazzi, il sottosegretario ai Servizi è l’ex capo dei Servizi, i ministeri chiave sono tutti in mano a tecnici e politici di centrodestra. E ora è arrivato pure il generale al posto di Arcuri che M5S, Pd, LeU avevano chiesto di confermare e Lega, FI, FdI, Iv di cacciare. Lo scrive persino Repubblica a pag. 6: “Di fatto Draghi ha escluso la politica dalla linea di comando: le scelte economiche le fa lui insieme a Franco”. Ma Stefano Folli spiega a pag. 27 che “il governo Draghi non va a destra” perché “la sostituzione di Arcuri permette a Salvini di sentirsi soddisfatto”, e “ questo rafforza l’esecutivo”, mentre Speranza non l’hanno ancora cacciato. Quindi, per “rafforzare” il suo governo, Draghi deve badare ogni giorno che Salvini si senta “soddisfatto”. Ergoè ufficiale: il governo è di centrodestra. Chissà se il centrosinistra lo capirà. E quando.

Vogliono i colonnelli. Nel 1980, dopo il terremoto in Irpinia, il Corriere di Franco Di Bella iniziò a reclamare la militarizzazione dell’emergenza (“E adesso la mano passa ai militari”), fortunatamente inascoltato dal governo Forlani, che nominò commissario Zamberletti. Quattro mesi dopo si scoprì che Di Bella e il Corriere erano della P2. Altri tempi, ma questo festoso tintinnar di sciabole e penne fa comunque riflettere. Sentite il caporale Merlo dalla nuova fureria su Rep: “Oggi i militari, come i pompieri di New York, sono gli ‘arrivano i nostri’ della democrazia, risorse dello Stato che intervengono nei terremoti e nelle emergenze, anche meno gravi della pandemia”. Conte e Arcuri “non erano generali, ma hanno esercitato un potere autoritario, come i ‘colonnelli’ di Tognazzi”. Quindi i veri generali non sono i generali (che semmai sono pompieri), ma quelli che non lo sono. E chi non si allinea stia punito. Signorsì signore!

139 replies

  1. I “mitici” cuor di conigli del PD (quelli che accoppano i nemici nascondendo sempre la mano che colpisce), forse per questo sono tanto cari a Travaglio Fido….’Ste cose Zanda le dice pocche ore dopo le dimissioni di Zingaretti “guardacaso”…4 MAR 2021 17:25
    SIC TRANSIT GLORIA CONTE – ZANDA INFIOCINA LA LINEA ZINGARETTI-BETTINI SU CONTE: “NON L’AVREI MAI DEFINITO ”PUNTO DI RIFERIMENTO DEI PROGRESSISTI”. CONTE A CAPO DEL MOVIMENTO CINQUESTELLE E’ UN IMPORTANTE ELEMENTO DI CHIAREZZA POLITICA. QUANTO ALLA STORIA DEL FEDERATORE, OGGI CHE NON È PIÙ PRESIDENTE DEL CONSIGLIO, POSSIAMO VEDERLA MEGLIO. IN REALTÀ ALLE COALIZIONI I FEDERATORI NON SERVONO…”

    https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/sic-transit-gloria-conte-zanda-infiocina-linea-zingaretti-bettini-262947.htm

    "Mi piace"

    • Ma ce l’hai una vita, Gazzella?
      QUANTI commenti scrivi? Commenti, poi… sembrano conati di bile.
      Pensi che li leggiamo? Forse qualcuno di noi, per ridere. Agli altri tocca saltare, continuamente, in cerca di qualcosa di serio e leggibile.
      Quindi sappi che, per il tuo fine denigratorio, sei controproducente e non perché non vogliamo ERUDIRCI, magari bevendo alla fonte di Dagospia…
      Adesso prendi le goccine di XANAX, veloce, su… sei troppo agitata, mi fai preoccupare.

      "Mi piace"

  2. Travaglio è un giornalista e scrittore di razza.Ieri quando ad “Accordi e disaccordi ” ha detto di aver avuto ,in diverse occasioni ,pallottole inviategli in una busta ,ho avuto un brivido. Anche questo. E non lo sapevamo nemmeno noi, i suoi estimatori più fedeli e storici .L’onestà intellettuale e il coraggio ,però,ce l’hanno anche altri (pochi ) giornalisti.La cosa straordinaria è che lui oltre al coraggio di un “vero” giornalista ha una cultura ,una capacità analitica e una freddezza nel rispondere da anni ai tanti plotoni di esecuzione che tentano,inutilmente,di fucilarlo ,che ormai non riesco più a descriverlo con uno o più termini.Forse incredibile , un ossimoro ,l’unico ,che può dare contezza del suo genio.

    Piace a 1 persona