La foto ridens degli italovivi

(di Daniela Ranieri – Il Fatto Quotidiano) – Quando uno con la comunicazione è bravo, c’è poco da fare. Nella bolla patologica dei social, dove marcia la psicopolitica attuale, è comparsa giorni fa una foto, rilanciata dagli account dei più prestigiosi “deputati e senatori di Italia Viva”. Italia Viva, ricorderete, è il partito che ha fatto di tutto per far cadere il governo nel momento più delicato della pandemia e della crisi economica solo per obbedire all’ego del capo. La foto ritrae questi soggetti, per lo più esimi sconosciuti, in un selfie-assembramento tipo attori nella notte degli Oscar. Tutti sorridono, in un presumibile dopocena al ristorante, alcuni tanto contenti da spanciarsi dalle risate. Defilato vicino alla vetrina dei gelati, lui, il distruttore, abbraccia due donne ignote (significative solo in quanto voti in Parlamento) e se la ride della grossa, con l’espressione di chi ne ha appena detta una delle sue.La didascalia dice: “I deputati e senatori di Iv osservano con preoccupazione lo stallo istituzionale di questi giorni, la difficile situazione sanitaria e i drammatici dati economici del nostro Paese”. Scusate, ma non ci riesce di fare ironia. Nella poco probabile ipotesi che nessuno, nella filiera dei tweet e dei retwitt, si sia accorto della stridente discordanza tra immagini e parole, cos’è la foto se non uno sfregio ai morti, ai malati, a chi chiude l’attività? (La foto senza mascherine è stata scattata prima della chiusura dei locali, s’immagina).Le ministre e il sottosegretario fatti dimettere vengono poi ringraziati “per la straordinaria dimostrazione di coraggio, libertà e spirito di squadra che hanno dato… combattendo per le idee e gli ideali non solo di Italia Viva”. E di chi altro? Posto che i detestabili sono già detestati da tutta la nazione, cosa pensa la pur esigua base del 2% di potenziali elettori di Iv di questo gesto miserrimo, rancoroso, e in definitiva infame?

29 replies

  1. Sembrano contenti perché grazie al loro gesto di rottura Berlusconi potrebbe diventare Presidente della Repubblica come ha detto in Tv L ‘ altro Matt(e)o, e la Meloni premier , perché” è maturo il tempo per avere una presidente donna”.
    Certo, nel suo caso ci sarebbe un risparmio sui microfoni e sulle amplificazioni😀

    "Mi piace"

    • Eh? Scusa Federico C, potresti fare qualche esempio di giornalista senza virgolette che ti aggrada?
      Così ci fai capire.

      "Mi piace"

      • @paolapci
        quest’articolo è semplicemente inutile. Anzi no: è una stupida, inutile, e secondo me masochistica (ma questo è un mio personale giudizio politico) istigazione all’odio.
        GiornalistI? Difficilissimo. Di base non sono fan di nessuno. Dipende dal loro grado di oggettività e di onestà intellettuale, in genere.
        La stessa Ranieri. Se lo scopo del suo pezzo è semplicemente quello di lisciare il pelo ai peggiori istinti anti renziani, è un po’ triste non trova?

        Piace a 1 persona

  2. Bravissima Daniela Ranieri: la foto e la relativa didascalia sono la perfetta sintesi della strategia del loro ducetto, manca solo il gesto dell’ombrello.

    Piace a 1 persona

  3. Come mai lo sciacallo camicia bruna pappagonica non si vede oggi?
    Semplice, l’articolo di Travaglio è stato pubblicato tardi, dopo che il dovere di farsi vedere al senato lo ha costretto ad uscire di casa.
    Perchè un leghista come lui NON attacca mai questa banda di allegri nullafacenti ritratti in foto?
    Perchè gli sono utili e funzionali alla sua propaganda di richiesta dimissioni..

    INTANTO SUL FRONTE FINANZE PUBBLICHE…

    Le ultime evoluzioni della situazione politica italiana porterebbero a considerare come probabile uno scenario di governo Conte Ter. Giuseppe Conte potrebbe rassegnare le dimissioni nei prossimi giorni e ottenere dal Presidente, Sergio Mattarella, un nuovo incarico esplorativo per formare un governo con l’obiettivo di allargare il consenso e la maggioranza includendo nuovamente Italia viva e alcuni parlamentari di centro che attualmente non fanno parte della maggioranza.

    Questo scenario dovrebbe realizzarsi prima della votazione sulla relazione Giustizia che potrebbe non ottenere la maggioranza e fare cadere il governo Conte Bis.

    Il governo Conte Ter potrebbe essere composto da una nuova squadra di ministri e verrebbe sostenuto sulla base di un programma fino a fine legislatura nella primavera del 2023 e anche con un accordo per la nomina del nuovo Presidente della Repubblica nel 2022.

    La situazione politica rimane confusa: la possibilità di avere una maggioranza per il Conte Bis senza Italia Viva sembra difficile e porterebbe a questo nuovo scenario con la formazione di un Conte Ter che rappresenterebbe un’evoluzione positiva ed un possibile rientro dello spread a livelli pre-crisi.

    Tuttavia la situazione rimane in evoluzione in quanto non è chiaro se M5S e PD siano disposti a riaccogliere Italia Viva in maggioranza dopo la rottura di circa due settimane fa, che ha dato il via alla situazione di incertezza sul futuro del governo. Al momento non si prospettano cambi del primo ministro in quanto Giuseppe Conte sarebbe l’unico nome che potrebbe essere sostenuto da M5S.

    Piace a 1 persona

  4. “E di chi altro? Posto che i detestabili sono già detestati da tutta la nazione, cosa pensa la pur esigua base del 2% di potenziali elettori di Iv di questo gesto miserrimo, rancoroso, e in definitiva infame? (cit.)”. Credo pensi questo: grazie a voi 98% di cojoni che ci avete dato la possibilità per questo gesto miserrimo, rancoroso, e in definitiva infame! Ovviamente, ammesso ma non concesso che il punto di vista sull’infamia della superlativa giornalista del Fatto, sia un dato assodato, il che è lungi da costituire giurisprudenza…

    "Mi piace"

  5. AGGIORNAMENTO DAI MERCATI FINANZIARI.

    ROMA, 25 gennaio (Reuters) – Il mercato obbligazionario italiano resta in modalità ‘wait-and-see’ mentre si fa strada l’ipotesi di un Conte-ter, per gli investitori sicuramente preferibile al passaggio elettorale.

    ** I principali quotidiani riportano stamane che il premier Giuseppe Conte starebbe valutando di rassegnare le dimissioni aprendo così la strada a un reincarico per un nuovo esecutivo con una maggioranza più ampia, di cui potrebbe tornare a far parte Italia Viva.

    ** Secondo una fonte politica, tuttavia, il premier non avrebbe intenzione di rassegnare le dimissioni per formare un nuovo esecutivo.

    NOTIZIE SERIE DAI GIORNALI E’ IMPOSSIBILE AVERLE, PERCHE’ SI CONTRADDICONO A SECONDA DEL VOLERE DEI RISPETTIVI PADRONI.

    ** Sull’ipotesi di Conte-ter il Btp ha aperto in miglioramento, dopo che venerdì il tasso del decennale e lo spread sul Bund sul tratto decennale hanno toccato i livelli più alti da inizio novembre data la crescente incertezza politica.

    ** Attorno alle 10,40, il rendimento del benchmark aprile 2031 quota 0,69% da 0,74% di venerdì in chiusura. Il tasso del 2 anni scende a -0,27% da -0,22% della precedente seduta.

    ** Lo spread su Bund si attesta a 126 punti base dai 129 del finale di seduta di venerdì.

    **”TUTTO CIO’ CHE NON E’ ELEZIONI PIACE AI MERCATI” , commenta un trader.

    “Ovvio che bisognerà vedere in questi giorni cosa succede”.

    ** Secondo UniCredit l’OPZIONE DI ELEZIONI ANTICIPATE sembra rappresentare essenzialmente una minaccia per sbloccare i veti incrociati tra i partiti e tra Conte e Renzi.

    ** “QUANDO SI PARLA DI ELEIONI IL MERCATO SCENDE E ANCHE VIOLLENTEMENTE, PERCHE’ TEME I SOVRANISTI”, commenta un altro operatore, che ipotizza una discesa del tasso del decennale fino in area 0,5% se dovesse nascere un nuovo esecutivo Conte supportato da una solida maggioranza.

    ** Sul fronte macro, a gennaio l’indice Ifo che misura la fiducia delle imprese tedesche registra un calo superiore alle attese, a segnale di come l’economia continua a risentire dei pesanti effetti della seconda ondata pandemica

    OGNI VOLTA CHE I TASSI SALGONO, ANCHE PER POCHI DECIMALI DI PUNTO, SONO DECINE DI MILIONI DI EURO CHE LO STATO BRUCIA IN MAGGIORI INTERESSI DA RICONOSCERE AI SOTTOSCRITTORI DEI TITOLI DI STATO DI NUOVA EMISSIONE. E, in maniera inversamente proporzionale, in aumento dei problemi per banche e assicurazioni che hanno in pancia i vecchi che si svalutano. Ovvio che sul medio e lungo termine anche queste società ci penseranno bene prima di rinnovare i prestiti pubblici all’Italia se non a fronte di interessi insostenibili e usurai. Ma non ci puntano la pistola alla testa perchè sono i nostri irresponsabili in politica che, per semplice ambizione personale mista a profonda ignoranza economica, si muovono con la stessa grazia dell’elefante in una cristalleria.

    "Mi piace"

  6. Lui continua a dire questa cosa che dal 1990 o 1993 un ministro non si dimetteva. Lo scemo lombardo gli ha risposto in senato: guarda che un anno e mezzo fa ci siamo dimessi in 7. Dal punto di vista formale è la stessa cosa? Anche i ministri del kapitone si dimisero o furono dimessi?
    No, perché io a sentirgli dire questa fregnaccia per i prossimi 20 anni tutti i giorni senza un misero “giornalista ” a correggerlo non ja faccio.

    "Mi piace"

    • Ho trovato questo (qualsiasi cosa significhi. cit.):

      “…Dentro Italia Viva non si respira una gran bella aria. La prova? Anche una foto social può bastare: è quella pubblicata da Donatella Conzatti, senatrice ex Forza Italia passata con Matteo Renzi ormai da qualche mese, che ha pubblicato un vecchio selfie di gruppo (RISALENTE A PRIMA DELLA PANDEMIA) con gli altri parlamentari di IV. Un dettaglio non è passato inosservato: dal gruppone è stato cancellato malamente con uno scarabocchio sul volto il deputato Vito De Filippo, tornato nel Pd in questi giorni per dissenso riguardo alla sfiducia di fatto (anche se con astensione) al governo di Giuseppe Conte….”

      https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/25983109/matteo-renzi-terremoto-italia-viva-senatrice-conzatti-foto-gruppo-sbianchettata-fuga.html

      Se così fosse, della superlativa giornalista del Fatto che scrive “La foto ritrae questi soggetti, per lo più esimi sconosciuti, in un selfie-assembramento tipo attori nella notte degli Oscar…(La foto senza mascherine è stata scattata prima della chiusura dei locali, s’immagina)”, si può senz’altro ritorcerle contro il suo incipit: “Quando uno con la comunicazione è bravo, c’è poco da fare.”!

      "Mi piace"

    • no, pare essere quella del 2020…!!
      l’hanno trasformata in cena di lavoro per concordare la strategia per mandare a casa conte e i 5stelle e per formare un governo di inciuciari per papparsi il recovery fund…?!?!

      "Mi piace"

  7. sti infami, come li classifica la giornalista, sono stati inseriti nelle liste elettorali ed eletti dal popolo (cosiddetto) democratico…!!!
    uno é stato pure segretario, grazie al sistema “elezioni “aperte” (cioé, esplicitando, significa che il segretario del pd-l é stato eletto pure coi voti dei fascisti che, di fatto, con quel sistema “aperto”, si sono eletti un nemico che faceva loro comodo…)
    col risultato, tra l’altro, che quando fu segretario… invitò nei locali della segreteria nazionale un “delinquente naturale” condannato per frode fiscale, che pagava la mafia e che teneva in casa uno stalliere mafioso…
    e c’é pure un federico c (infame pure lui?) che anziché scandalizzarzi dell’infame primo in classifica, si scandalizza della giornalista che, sacrosantemente, li denuncia all’opinione pubblica…!!
    a futura memoria…!!!

    "Mi piace"

    • Temo che tu, tonino, abbia capito di Federico C, tanto quanto l’utente MARK TWAIN capisce di religione e di sacro.

      "Mi piace"

  8. Dev’essere una foto fatta a suo tempo nella tavenetta di casa Verdini dopo una serata a giocare a Rosiko e Manipoly.

    "Mi piace"

  9. L’articolo cinico e vuoto, riporta sulla falsa riga di una politica in assetto sommossa, l’inutilità di alcuni fraseggi dispersi al vento nella speranza di un’eco ridondante in proselitismi anti Renzi e company; strano che non vi siano più giornalisti che si calano nelle realtà contingenti per discernere il frutto di una politica sbagliata rispetto al loro modo di concepire le questioni e la realtà contingente, frutto assai più mite e dolce. La politica si avvale, si appoggia, si concepisce e si pone in dialettica con il mondo attraverso una dimensione sociale che tende, essa stessa, a coprire e a gestire i mercati, i flussi e il guadagno nelle sue molte disarticolazioni economiche; ma la politica è fatta di persone e ogni individuo è immerso nella propria temporalità e nella propria oggettività assecondando quello che potremmo definire un flusso di pensieri comuni e di azioni meditate e proposte all’uopo, consoni ad un credo comune che agisce da collante e da supporto per i voli nello spazio siderale del parlamento e delle singole realtà. Molti i tempi che si intrecciano. Ma, anche se il partito costola del Pd, nato da un’inseminazione artificiale in sede parlamentare, ha raccolto odi e rancori, questo non fa del giornalismo che li esplicita, li decanta e li tematizza, un buon giornalismo.

    "Mi piace"

  10. Ci siamo ostinati tutti – a parte forse Marco Travaglio – a chiamarlo Italia viva, salvo poi cambiare rapidamente espressione. Ma per dedurre che quello fosse, in realtà, un partito di 4a lega non occorreva certo aspettare le mosse distruttive degli ultimi giorni. Bastava forse “decrittarne” subito la sigla nel più classico dei numeri romani: 4 (IV), appunto. Da cui l’essenza di quell’assembramento umano, a prescindere dalla storicità della foto. Poi le conversioni politiche (parola grossa) dei 2 cazzari per antonomasia – i 2 Matteo nazionali (ché, il 3., Messina Denaro, sarebbe “super partes”) – hanno tolto ogni dubbio residuo.

    "Mi piace"