Renzi colpisce ancora: “Conte Game over, governo finito, se cambio idea dovrei nascondermi su Marte”

(Luca Telese – tpi.it) – Conte stai sereno. Stavolta la dichiarazione di guerra è già stata consegnata agli ambasciatori. Matteo Renzi sceglie il retroscena di Francesco Verderami sul Corriere della sera per lanciare il suo ennesimo e definitivo ultimatum a Giuseppe Conte: “L’esperienza del suo governo per me è già archiviata. Se volete, discutiamo sul dopo”.

Renzi ripete il suo ritornello sul “game over” da giorni, ed è quasi infastidito per il fatto che qualcuno non lo prenda sul serio. A Verderami, in proposito aggiunge una frase da Rien ne vale plus: “Se cambiassi idea dovrei nascondermi su Marte”. Spiega il retroscenista del Corriere: “Renzi non teme le contromosse che mirerebbero a renderlo ininfluente in Parlamento, le voci sulla tenuta dei suoi gruppi e il contemporaneo arrivo di un drappello di ‘responsabili’ a sostegno di Conte: il suo conto alla rovescia verso la crisi ‘non si fermerà’”.

Ed ecco il calendario di guerra. Domani Renzi presenterà le osservazioni di Italia Viva alla bozza sul Recovery plan redatta da Palazzo Chigi. Il secondo passo – aggiunge Verderami – sarà il suo intervento al Senato a fine anno, su una Finanziaria che voterà per evitare al Paese l’esercizio provvisorio. Il terzo, quello su cui molti nutrono riserve, avverrà “i primi giorni di gennaio, quando – dice Renzi al Corriere – mi farò carico del coraggio anche per Di Maio e Zingaretti”. Ovvero: il momento in cui Italia Viva farà venire meno la sua fiducia.

Queste parole chiariscono il primo bluff che deve essere verificato, o il primo passo irreversibile che dovrà essere confermato. Ma ovviamente non è tutto. Renzi vuole accreditare l’idea di non essere solo. Spiega che lui non è l’unico che tira le conseguenze nella maggioranza, e di poter contare sull’appoggio dei leader del Pd e del M5s.

Ecco l’azzardo: l’uomo di Rignano crede che se avrà la forza di innescare la crisi troverà un seguito in Parlamento e – soprattutto – nella maggioranza. Non crede dunque a quello che ripetono – ad esempio – Nicola Zingaretti e Andrea Orlando: “Dopo questo governo c’é solo il voto”. Renzi è convinto che sia questo il vero bluff. E ha bisogno di questa certezza, perché altrimenti sa che i suoi stessi parlamentari non lo seguirebbero in un tentativo che diventerebbe suicida (dal momento che Italia Viva non ha la certezza del quorum in caso di voto anticipato).

Il timing della crisi sarà sicuramente scandito dalla mossa di Renzi. Ma non certo l’esito. Perché tanti in Parlamento sono gli aiuti – anche insperati – che potrebbero arrivare a Conte. E se la minaccia dovesse rivelarsi un bluff, Renzi dovrà scegliere tra il suo buen retiro su Marte e il perdere definitivamente la faccia.

24 replies

  1. A Telè… ma che stai a di’ ?
    Dar credito a ciò che dice Pinocchio, amplificato e rilanciato dai suoi slinguazzatori ufficiali,
    vuol proprio dire cercare di far la fine di Lucignolo… te lo ricordi vero che fine ha fatto Lucignolo?
    Lo sai tu, lo sappiamo noi e lo sa pure lui che qualcuno ha tolto i proiettili dalla pistola che
    continua a puntare alla tempia di Conte.
    “Mo’ te sparo! Mo’ te sparo!” continua a ripetere insieme al coro delle bertucce di cui s’è
    circondato, ma quando premerà il grilletto uscirà solo una bandierina con scritto “Bang!”
    su un lato e un lunghissimo “Prrrrrrrr!” sull’altro.

    Piace a 1 persona

  2. Il retroscenista del corriere….
    Traffichini pagati per le abilità da guardoni. E quando non vedono INVENTANO.
    E’ il gemello di mt meli. Quanta miseria e disonestà intellettuale. E quanta spocchia quando parlano.

    Piace a 2 people

  3. Ma davvero il bomba farebbe affidamento su queli del pd e del M5S per disarcionare Conte?
    1) Al prossimo giro verranno eletti meno, molti meno, parlamentari
    2) Quelli che avrebbero pugnalato il PdC alle spalle con quale faccia e coraggio si ripresenterebbero?
    3) Il livello di gradimento di Conte presso la popolazione italiana è altissimo. La gente non capirebbe.
    4) Il Bomba per non perdere la sua faccia già compromessa invita gli altri a seguirlo nel suicidio perdendola per lui.
    5) Per me lui su Marte c’è già arrivato. E non vorrebbe essere lasciato solo. La domanda pertinente, evitata dal guardone del CdS è quella non posta. Sarebbe disponibile il gregge di itaglia viscida a seguire il capo tuffandosi spensieratamente nel burrone?

    Delle paturnie di questa banda di chiuauami mi frega meno di zero. Abbaiano per far rumore ma basterebbe alitargli in faccia per metterli a cuccia.

    Piace a 2 people

  4. Okkio ai “martiani” sono cattivi e ammollano certi ceffoni che si ricordano.Toglietecelo dalle p meglio l’originale, a stò punto.Cosa bisogna dire?Complimenti mo ve li siete ripassati tutti…Siamo sicuri che l’m5s sia un movimento? Va bene in tange c’è movimento ma così si esagera…Scherzo

    Piace a 1 persona

  5. Una raccomandazione a chi gli sta vicino. Togliete il cappello di Napoleone dalla testa di Piermatteo prima di mettergli la camicia con le maniche lunghe lunghe. Tenete duro, si sente in lontananza la sirena dell’ambulanza che arriva per portarlo via.

    Piace a 2 people

  6. Telese, scegliere Marte o perdere la faccia non sarà necessario. possono accadere tutte e due le cose insieme. Se oserà parlare in Senato a gennaio, poi, un cazziatone di Conte lo spazzerà via. Altro che Marte!

    "Mi piace"

  7. Ovviamente renzi è lo squallore personificato, ma non dimentichiamoci che Renzi è l’avanguardia di gente più squallida di lui, che si annida nel Pd ed è la sua 5n colonna.Sto pensando a gente come Marcucci, Lotti,Del Rio, Orlando (si quell’Orlando che insiste sulla prescrizione e vede Bonafwede come il fumo negli occhi !) ed anche Zingaretti ,si lasciatemelo dire .Forswe, non ci credevo ,nutro fiducia solo su Franceschini e Boccia (quest’ultimo per me è stata una felice sorpresa e su cui mi ricredo volentieri).Del resto questo concetto l’aeva espresso bene, se non sbaglio, il paludato decano dei giornalisti italiani (mieli).Sono troppi gli appetiti che scatena l’arrivo del Recovery in una voracissima classe politica, per farli gestire ai 5 stelle ! Tra l’altro le contingenze politiche, con l’arrivo del semestre bianco, riducono molto lo spazio di manovra, per cui il buon Conte deve CADERE orA !
    l’ERRORE INZIALE DI QUESTA VICENDA , NESSUNO MI PUò CONVINCERE DEL CONTRARIO,E’ STATO FARE UN GOVERNO COL pd.i 5 STELLE DOVEVANO STARE ALL’OPPOSIZIONEED IL GOVERNO SE LO FACEVA RENZI,ZINGARETTI, BERLUSCONI, VERDINI, MELONI ETC.

    "Mi piace"

  8. Ma non l’aveva già persa definitivamente 4 anni fa la faccia, dopo il referendum? Perché la stampa offre sempre nuove possibilità a questi guitti di quart’odrone?

    "Mi piace"

  9. L’IMPERTURBABILE E MAGNIFICO CONTE E LE MEZZE CALZETTE BUCATE- Viviana Vivarelli.
    Renzi e Salvini ci provano a scalzare Conte: calunnie, minacce, tentativi di colpo di stato, calunnie, persino attacchi stradali alla sua compagna…
    Conte si scansa… con eleganza, con intelligenza, con stile.. ma si scansa. E i boccaloni finiscono col culo per terra.

    Contro il mellifluo e insinuante Vespa, dice Conte a Porta a Porta:
    “Non dico che aria di crisi non c’è stata: dico semplicemente che la crisi non è nelle mie mani“.
    “A me interessa trovare soluzioni nell’interesse del Paese, perciò dico che qualsiasi altra proposta o modifica che non sia nell’interesse del Paese non mi riguarda. Ma si va avanti se c’è una fiducia non astratta da parte di ciascuna forza che sin qui ha sostenuto la maggioranza. Cioè di tutte le forze”.
    Traduzione: Renzi, fottiti!

    A quel cretino guerrafondaio di Renzi:
    “Tutto è ancora sul tavolo, compreso il ritiro delle sue ministre dal governo. Noi abbiamo posto un problema di metodo e merito. Sul metodo ci hanno dato ragione, un passo in avanti. Sul merito dipende se siamo d’accordo o no”
    E Renzi accusa il colpo e tace.
    Poi riattacca e chiede i Servizi, e Conte:
    “Sulla delega sui Servizi non vorrei ci fossero equivoci: il presidente del Consiglio non si è appropriato di questi poteri, glieli attribuisce la legge e io non posso sottrarmi a questa responsabilità”. Dunque è indisponibile a cedere la delega sui servizi a una forza politica di maggioranza o a una persona che non sia di sua fiducia. “Ci creerebbe una struttura bicefala, un’anomalia, una grave compromissione dell’operatività dei servizi”. La legge sui servizi segreti attribuisce al presidente del consiglio la responsabilità politica, giuridica e anche operativa per quanto riguarda l’intelligence. Io anche avvalendomi di una mera facoltà di nominare l’autorità delegata non posso sottrarmi alle responsabilità. Il mio predecessore non aveva nominato un’autorità delegata”, dice Conte ricordando il caso di Gentiloni.
    “Zingaretti, Di Maio o Renzi come vicepremier? Non posso alimentare un chiacchiericcio. Ho un ruolo istituzionale e rispondo al Parlamento e non credo che in questo momento ai cittadini interessino queste dinamiche”.

    Persino quel vigliacchetto di Orlando gli chiede un passo indietro e la risposta è secca:
    “Sono disposto a discutere di tutto ma per l’interesse generale e non di singole parti delle forze di maggioranza”.

    La Meloni gli urla che è un dittatore perché impone una task force. E lui:
    “La task foìrce, come struttura centralizzata che avrebbe sopravanzato e prevaricato i ministeri, è stata superata perché non è mai esistita. Ma una struttura di monitoraggio ce la chiede l’Europa”.

    Il misero Zingaretti non cessa la sua lagna sul Mes?
    “Attivarlo o meno è prerogativa del Parlamento ma i 36 miliardi del fondo ci farebbero accumulare deficit e lasceremmo alle generazioni future un fardello. Piuttosto, non possiamo disperdere le risorse del Recovery Plan, e se non riusciremo in questo intento il governo dovrà andare a casa con ignominia”.
    “L’obiettivo è chiudere entro l’anno il documento di aggiornamento sul Recovery. Dobbiamo mandarlo al Parlamento e avviare un passaggio importante con la società civile e le parti sociali”.

    Insistono sul rimpasto per acchiappare altri Ministeri:
    Ma Mattarella fa sapere che tre sono intoccabili: Interni(Lamorgese), Esteri (Di Maio) e Difesa (Guerini).

    Intanto che i partiti schiumano bramosi dei miliardi, né Pd né Lega hanno ancora deciso un progamma per Roma né hanno scelto un candidato, a parte il povero Calenda che si è candidato da solo.
    Per il Pd un consiglio: visto che per le amministrative, il Pd, in tutta l’Emilia Romagna, non fu capace di trovare un candidato degno per Bologna e ripiegò su Casini, mai stato del Pd, che si dissociò subito dopo le elezioni, per Roma perché non ricandida Casini?

    "Mi piace"

  10. La banda dei quattro
    Berlusconi-Salvini-Meloni-Renzi

    Ma ci rendiamo conto che il quartetto diabolico della dx+ Renzi (con 80 renziani acquattati nel Pd e uno Zingaretti mellifluo come un’ameba multiforme aggrappata al MES) sono contro i più poveri? Vogliono tutti e 4 abolire lo stato sociale, gli ospedali pubblici, il medico di base. Vogliono tutti e 4 uno Stato accentrato a Roma con poteri forti. Vogliono tutti favorire i più ricchi e i più corrotti, gli evasori e i cortigiani e ridurre la giustizia a brandelli.
    Ma come si fa a votare gente così?
    Non dovrebbe farlo nemmeno chi è ricco, prima di tutto perché la ricchezza è labile e oggi c’è e domani no (pensiamo alla crisi del ’29 e a quandi super ricchi si trovarono senza niente!), poi perché ci sono dei principi di giustizia sociale e di democrazia che uno dovrebbe ripettare anche se è ricco.
    Renzi = “Ballas conteram (rompo i coglioni), ergo sum”.
    Il colmo di Renzi è stato farsi eleggere Senatore dopo aver tentato di abolire il Senato e convocare un Congresso del suo partito dopo essersi dimesso da segretario del suo partito e dopo aver subito una sconfitta epocale pretendere di essere l’ago della bilancia della nuova coalizione. Solo un piddiota può non vedere che c’è qualcosa che non torna. Questi ormai sono così obnubilati che rischiano di votarlo di nuovo. L’accecamento è una brutta malattia che a volte non ti fa vedere la buca dove ti vai a schiantare.
    Ora Renzi ha ucciso anche Italia Viva e ha fondato un proprio nuovo partito, Polo Liberale, assieme a Calenda, che è il fatuo successore di Monti e alla Bonino, uccello padulo del Biderberg, stipendiata da Soros come una migrante in cerca di nido. Così Renzi non poteva sprofondare peggio qualsiasi idea di sinistra. Come abbiano potuto quelli del Pd scegliere e votare un individuo simile resterà sempre un problema psichiatrico. Un individuo che, se non fosse per i suoi 18 senatore (ora sono 13), dovrebbe essere cacciato dal Governo per sempre e con ignominia.

    Renzi non ha mai nemmeno detto una frase che fosse sua, si avvaleva di una ragazza molto bella e brava, Andrea Marcololongo, della scuola di Baricco, quella dei rosiconi e di altri appellativi celebri, che poi se ne andò perché Renzi non la pagava, e da qui la sua discesa. Renzi sempre stato un puparo in mano all’ala finanza e i suoi elettori sono i servi di un puparo. Sorte infame! Gli ordini di governo Renzi li prende dalla Troika e dal sistema bancario e finanziario. I tweet glieli hanno sempre dettati, non sono suoi “i gufi, il pathos, la generazione Telemaco, cambiare verso, rottamare, il derby tra la rabbia e la speranza”, le citazioni di Frost e Disney, le belle metafore e i colti riferimenti culturali. Renzi è solo un pappagallo che impara i testi a memoria, una marionetta, messa su e pagata per curare interessi che con l’Italia non hanno nulla a che fare, un proclamatore di slogan, che ci vende la politica come se fosse Coca Cola. Ho sempre trovato che Renzi fosse banale, scontato, privo di immaginazione e di intelligenza. Quello che mi fa ancor più impazzire è pensare che per quei twitter così banali e a volte francamente idioti, lui abbia addirittura speso centinaia di migliaia di euro per pagare ghost writer che li scrivessero e glieli dessero già confezionati! Se penso che solo per la campagna contro la Costituzione ha speso 400.000 euro chiamando un guru americano, Jim Messina, e con risultati così disastrosi, non so se ridere o piangere. Bisogna essere analfabeti forte per trovare qualcosa di buono nei discorsi falsi e raffazzonati, spesso francamente volgari, di un simile soggetto! Fa una rabbia enorme pensare che il nostro Paese, che ha dato i cervelli migliori al mondo, sia nelle mani di gente così, che non solo non sa governare, ma non sa nemmeno PARLARE!! Abbiamo avuto molti uomini grandi in passato. Se leggo gli scritti di Gramsci o Amendola o Matteotti posso anche piangere. Se ascolto le frasi di Renzi, di Salvini, della Meloni o dei loro fascistelli mi viene da piangere, sì, ma dalla rabbia.

    Uno dei capolavori di Renzi è stata la distruzione della sanità. Fino alle Finanziarie degli ultimi 10 anni il sistema sanitario pubblico italiano era considerato uno dei migliori del mondo. Tutto è peggiorato con i governi Berlusconi, Monti, Letta e specialmente Renzi e Gentiloni, che hanno inferto pesanti tagli nelle finanziarie specialmente a sanità e scuola per cui la spesa pubblica in sanità è diminuita del 38%. Renzi voleva privatizzare interamente lo stato sociale (lo ha detto fin dalla prima Leopolda, mentre anche adesso nel suo programma di ItaliaViva c’è l’aumento della spesa in armi) per cui con lui saremmo finiti tutti o nelle assicurazioni private o
    nell’abbandono totale. La Lega è sulla stessa linea. Sia Lega che renzismo sono fortemente neoliberisti.

    L’altro capolavoro di Renzi è stata la distruzione dei diritti del lavoro e abbiamo dovuto vedere anche la vergogna di quei sindacati che con Cofferati avevano portato a Roma 3 milioni e mezzo di lavoratori contro il tentativo di Berlusconi di ucidere l’articolo 18, che stavano zittii come pulcini bagnati di fronte alle soperchierie infami di Renzi, quello che voleva il precariato a vita e il libero licenziamento senza cassa integrazione.

    Poi, quando ha tentato lo stupro costtuzionale dell’accentramentio dei poteri a Roma, il popolo hli ha detto di no, ma èlo stesso popolo ignorante che gli dette il 40% per la miseria degli 80 euro ai dipedendi mentre regalava 89 miliardi alle banche corrotte, lo stesso popolo sobillato dai media che ora storce il nasetto davanti ai miliardi in bonus distribuiti a getto continuo da Conte.

    "Mi piace"

  11. Renzi mette un pietra sul Governo Conte. Dice che ‘ormai è finito’ e che si deve pensare al ‘dopo’. Fa cpme i bambini piccoli che credono che basti dire una parola per creare una realtà-
    Davvero ha rottamato Conte??? Peccato che nel fondo del cassonetto dove è crollato non lo cachi nessuno.
    Una mosca si posò sul collo di un bue e disse: “Come ariamo!!” E questo è Salvini che attribuisce a se stesso quello che fa Conte mentre lui non fa niente.
    Ma per Renzi abbiamo un’altra favola, sempre di Esopo:
    Un giorno una rana vide in un prato un bue e, toccata dall’invidia per una così grande mole, gonfiò la sua pelle rugosa. Domandò poi ai suoi figli se non fosse più grossa del bue. Quelli dissero risposero in coro: “Noooo”. Di nuovo, con uno sforzo maggiore, tese la pelle e chiese di nuovo chi dei due fosse più grosso. I figlioletti risposero: “Il bueeee”. Infine, mentre provò a gonfiarsi ancora di più, inspirò moltissima aria finché… BOOOOOM! eplose e non ne rimase più nulla. Morale della favola: non bisogna cercare di essere ciò che non siamo. Non dobbiamo cercare di imitare chi è diverso da noi, solo perché invidiamo quello che è.
    Ora se Renzi lo hanno sempre chiamato ‘il Bomba’ qualche motivo deve esserci. Lo strano non è lui, ma chi crede alle sue ‘bombate’.

    Piace a 1 persona

  12. “Perdere definitivamente la faccia“???

    Stiamo scherzando o cosa?!

    Quell’individuo miserabile e spregevole la “faccia” l’ha GIÀ persa!
    E da tempo!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...