Raffaele Guariniello: “Chi non si vaccina può essere licenziato. Lo prevede la legge”

(di Stefano Caselli – Il Fatto Quotidiano) – “Tutelare la salute significa vaccinare il maggior numero possibile di persone”: Raffaele Guariniello, che alla tutela della salute ha dedicato la sua carriera in magistratura, lo dice senza mezzi termini: “Ma attenzione – precisa – non è un’indicazione ‘morale’, è ciò che prevede la legge”.

Dottor Guariniello, andiamo con ordine: si può ipotizzare l’obbligo vaccinale contro il Covid?
Il principio per cui nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario se non per disposizione di legge è previsto dalla Costituzione.
E questa norma c’è?
Il discorso è un po’ articolato, ne ho scritto sul prossimo numero di Diritto & Pratica del Lavoro e riguarda il Testo Unico della Sicurezza sul Lavoro. L’art. 279 impone al datore di lavoro di mettere a disposizione “vaccini efficaci per quei lavoratori che non sono già immuni all’agente biologico, da somministrare a cura del medico competente”. Il Covid-19 rientra tra gli agenti biologici, peralro compreso nel gruppo dei più insidiosi, come stabilito da due decreti legge che hanno recepito una direttiva europea. Quindi, a norma di legge, essendo – come speriamo tutti – ora a disposizione un vaccino per il Covid (l’agente biologico), il datore di lavoro è tenuto a mettere “a disposizione” vaccini efficaci. Stiamo parlando di milioni e milioni di persone, dipendenti (e non) privati e pubblici.
La legge però dice “mettere a disposizione”, non obbliga nessuno a vaccinarsi…
Vero, ma la stessa norma impone al datore di lavoro “l’allontanamento temporaneo del lavoratore” in caso di inidoneità alla mansione “su indicazione del medico competente”. E come può il medico non esprimere un giudizio di inidoneità se il datore di lavoro, proprio su parere del medico competente, ha messo a disposizione il vaccino, poi rifiutato dal lavoratore?
In questo modo la sorveglianza sanitaria non rischia di danneggiare i lavoratori?
No, anzi, al contrario. La sorveglianza sanitaria non serve solo a tutelare il singolo lavoratore, ma anche tutti gli altri. La Corte Costituzionale lo ha ribadito più volte: la tutela della salute è un diritto dell’individuo e un interesse della collettività.
Rimane il fatto che nessuno ha ancora obbligato il lavoratore “ribelle” a vaccinarsi…
No, ma qui arriviamo a un punto insidioso.
Quale?
La legge prevede l’obbligo di allontanare il lavoratore e di adibirlo ad altra mansione, ma solo “ove possibile”. La Cassazione ritiene che tale obbligo di repechage (ripescaggio) non può ritenersi violato quando la ricollocazione del lavoratore in azienda non è compatibile con l’assetto organizzativo stabilito dall’azienda stessa. Insomma, il datore di lavoro è obbligato a predisporre misure organizzative per tutelare il lavoro, ma se questo non è possibile si rischia la rescissione del rapporto di lavoro.
Una giusta causa di licenziamento?
Lo stato di emergenza non consente i licenziamenti, il lavoratore fragile ha diritto allo smart working. Ma in futuro il problema potrebbe presentarsi.
Qualcuno potrebbe lamentare la violazione della libertà personale di non sottoporsi al vaccino.
Potrebbe sì, ma per avere ragione dovrebbe prima cambiare la legge. Altrimenti la normativa è chiara nel prevedere la messa a disposizione del vaccino, l’allontanamento e la destinazione ad altra mansione “ove possibile” del lavoratore che si rifiuti inidoneo.

32 replies

  1. Perché ci sono persone che non possono vaccinarsi e non potranno essere al sicuro se non si raggiunge la cosiddetra immunità.
    Ma tanto stiamo a parlare del niente, li voglio proprio vedere al dunque questi campioni della tastiera.

    Piace a 2 people

  2. Eccoci arrivati al “RED” (il rosso va di moda ultimamente!) rationem: ahahahahah … A sarà düra! …ahahahaha… Il Caos sta montando ragazzi!

    "Mi piace"

    • @SOMARO CRIMINALE NEGAZIONISTA
      Il caos ce l’hai nello spazio vuoto tra le orecchie.
      Mettiamola così:
      Andrai in piazza a ribellarti contro l’obbligo vaccinale.[
      La polizia dopo averti manganellate – e più volte ti arrestera’.
      Verrai processato e condannato per direttissima, essendo ti fatto beccare il flagranza di reato.
      Verrai rinchiuso in galera in una cella affollatissima, tra stranieri col caxxo grosso.
      Il caos da traffico tra le tue chiappe ti indurra’ a sfogarti scrivendo dei vantaggi nascosti dell’essere NO Vax.
      Dopo aver visto il mondo da una prospettiva inconsueta diventerai predicatore dell’accoglienza col Qlo proprio.
      E ti farai definire orgogliosamente ACC0GLI0NE.

      FINE DELLA TUA STORIA TRlSTE, MA CONFUSO E FELICE.

      "Mi piace"

  3. Questo Guariniello è funzionale allo storytelling Travagliesco e quindi tappeto rosso. Avesse detto contrario si apriva la stura alle contumelie in puro stile del Fatto. E continuano a chiamarlo “giornalismo “.

    "Mi piace"

  4. Quando si pone un quesito bisogna formularlo bene affinchè la risposta sia altrettanto chiara, io credo che il problema non sia rappresentato dal dilemma se vaccinarsi o meno perchè la stragrande maggioranza lo farebbe se non fosse per dei timori suscitati dai modi con cui si è giunti a produrre il siero miracoloso. L’integrità della persona umana è garantita dalla costituzione, Non si può violarla facendo ricorso al principio machiavelliano”estremi mali estremi rimedi”, perche sarebbe una violazione imperdonabile e barbara dell’individuo pensante e cosciente. Se chi esercita il potere esecutivo ha validi elementi poer convincere i riluttanti lo faccia, ma tutto avvenga restando civili e democratici, Del resto chi decide di vaccinarsi cosa ha temere da coloro che decidono di non farlo ? Loro raggiungono la sicurezza di non essere infettati e cosa gli interessa degli altri?

    "Mi piace"

  5. Quando si pone un quesito bisogna formularlo bene affinchè la risposta sia altrettanto chiara. io credo che il problema non sia rappresentato dal dilemma se vaccinarsi o meno perchè la stragrande maggioranza lo farebbe se non fosse per dei timori suscitati dai modi con cui si è giunti a produrre il siero miracoloso. L’integrità della persona umana è garantita dalla costituzione. Non si può violarla facendo ricorso al principio machiavelliano”a estremi mali estremi rimedi”perche ,sarebbe una violazione imperdonabile e barbara dell’individuo pensante e cosciente. Se chi esercita il potere esecutivo ha validi elementi poer convincere i riluttanti lo faccia ma, tutto avvenga restando civili e democratici, Del resto chi decide di vaccinarsi cosa ha temere da coloro che decidono di non farlo ? Loro raggiungono la sicurezza di non essere infettati e cosa gli interessa degli altri?

    "Mi piace"

  6. Ho letto i commenti. Per chi ha voglia, invito a guardare come funziona un modello SIR (Suceptible Infected Recovered) e come incide la vaccinazione. Se non si raggiunge una soglia critica di vaccinazione, l’evoluzione della pandemia non è l’esaurimento della stessa, mentre al di sopra della soglia critica l’infezione si esaurisce. Ecco perché l’argomento “che vi frega se non mi vaccino, se voi siete vaccinati” non funziona (oltre a quello di chi non si può vaccinare citato sopra). Come tutti i modelli matematici, è un’astrazione, ma il senso del modello è molto solido e concreto. E lo dico, pensando che la persuasione sia molto meglio della coercizione.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...