Renzi ricomincia con le minacce. Ma Conte resiste su Mes e Servizi

(di Luca De Carolis – Il Fatto Quotidiano) – Giuseppe Conte ha proposto, aperto, in parte concesso. Ma oltre un certo limite non andrà. Non ha voglia di farsi cuocere a fuoco lento, e il voto è una soluzione che non disdegna. È la lettura che va data alle frasi seminate come paletti dal presidente del Consiglio ieri, a Porta a Porta: “A me interessa trovare soluzioni nell’interesse del Paese, perciò dico che qualsiasi altra proposta o modifica che non sia nell’interesse del Paese non mi riguarda. Dopodiché la crisi non è nelle mie mani. Ma si va avanti se c’è una fiducia non astratta da parte di ciascuna forza che sin qui ha sostenuto la maggioranza. Cioè di tutte le forze”. Traduzione: i segnali pretesi da Matteo Renzi sono sul tavolo.

Ma se Iv continuerà a giocare ancora alla crisi, se ne dovrà assumere il peso. E avere il coraggio di far cadere Conte e la sua maggioranza, in Parlamento. Così confermano fonti di governo, nel giorno in cui Renzi torna a fare se stesso in tv a L’aria che tira, in una sfida a distanza con il premier. “Tutto è ancora sul tavolo” assicura, compreso il ritiro delle sue ministre dal governo. “Noi – continua – abbiamo posto un problema di metodo e merito. Sul metodo ci hanno dato ragione, un passo in avanti. Sul merito dipende se siamo d’accordo o no”. Ergo, l’ex premier vuole ancora tirare la corda.

Così torna a invocare il Mes, la mina per far saltare tutto, visto che i 5Stelle non potranno mai deglutirlo. Ma soprattutto insiste: “Sul tema dei servizi serve un esperto tecnico, che non è il premier. Tutti abbiamo sempre delegato, perché Conte accentra? Anche su questo servono novità”. Dopo i segnali di tregua di martedì, Renzi rialza volentieri la tensione, che per lui fa rima con visibilità. D’altronde non ha molto da perdere. “Io ora ho il 2 per cento, che mi importa?” gli hanno sentito dire. Per questo in un tweet dice no a quelle urne che pure a lui e Iv ad occhio costerebbero carissimo: “Non credo che si andrà a votare, perché in Parlamento una maggioranza c’è”.

E sempre in quest’ottica azzanna Dario Franceschini, capo delegazione dem che ha evocato proprio il voto: “Sta bluffando, il presidente della Repubblica non è Franceschini ma Sergio Mattarella”. Però poi c’è Conte, che nel salotto di Bruno Vespa rivendica di “aver parlato poco in questi giorni, lasciando parlare altri sulle tv”, ed è già una botta ai renziani.

Ma il punto è un altro: “Sulla delega sui Servizi non vorrei ci fossero equivoci: il presidente del Consiglio non si è appropriato di questi poteri, glieli attribuisce la legge e io non posso sottrarmi a questa responsabilità”. Niente passo indietro dunque, anche se l’hanno chiesto anche altri (il vicesegretario dem Andrea Orlando, per esempio). “Sono disposto a discutere di tutto ma per l’interesse generale e non di singole parti delle forze di maggioranza” ribadisce. Ovvero, non pensa ad abiure. Ed ecco perché recapita un’altra risposta a Iv, che martedì aveva celebrato la scomparsa della task force per il Recovery Fund: “La task force, come struttura centralizzata che avrebbe sopravanzato e prevaricato i ministeri, è stata superata perché non è mai esistita. Ma una struttura di monitoraggio ce la chiede l’Europa”. E il Mes? Vira ancora verso il no: “Attivarlo o meno è prerogativa del Parlamento ma i 36 miliardi del fondo ci farebbero accumulare deficit e lasceremmo alle generazioni future un fardello”. Piuttosto, avverte Conte, “non possiamo disperdere le risorse del Recovery Plan, e se non riusciremo in questo intento il governo dovrà andare a casa con ignominia”. Quindi bisogna andare di corsa: “L’obiettivo è chiudere entro l’anno il documento di aggiornamento sullo stato dell’arte (del Recovery, ndr). Dobbiamo mandarlo al Parlamento e avviare un passaggio importante con la società civile e le parti sociali”.

Per questo , “ho chiesto ai partiti di ritrovarci tra Santo Stefano e Capodanno per trovare la necessaria sintesi”. Fuori si riparla di rimpasto, ma a gennaio inoltrato. Dall’esecutivo raccontano che il Quirinale avrebbe fatto sapere che tre ministeri sono intoccabili: Interni, Esteri e Difesa. Mentre l’Economia tornerebbe in gioco se Roberto Gualtieri si convincesse a correre come sindaco di Roma. Più che un’idea, per il Pd.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

19 replies

  1. Conte è un gentiluomo, io avrei detto all’innominabile: “Fuori dal parlamento c’è un paese provato da una malattia, dalla crisi economica e dalla paura. La nostra responsabilità e fare tutto quello che è in nostro potere per proteggere la nostra gente, il loro futuro e dei loro figli. In memoria di coloro che non ci sono più, non possiamo retrocedere dinanzi alle stupide richieste di un egocentrico ometto di nessun valore.”
    La versione breve sarebbe stata vaffa :))

    Piace a 1 persona

  2. Gualtieri candidato PD a Roma?
    Ma glie lo hanno chiesto o è solo una delle tante fake che circolano sulla stampa e nei talk show?
    Quindi, essere il Ministro dell?Economia in un momento in cui l’importanza del ruolo è seconda solo
    a quella del Primo Ministro sarebbe un incarico a cui rinunciare a cuor leggero per correre l’alea di
    una elezione dall’esito tutt’altro che scontato?
    O Gualtieri s’è rincoglionito o ci dobbiamo aspettare, come prossima panzana, l’annuncio in pompa
    magna che Zingaretti & Co. candideranno direttamente Domineddio.
    — Ti piace vincere facile, eh? —

    Piace a 1 persona

    • Se fosse sarebbe una scusa per togliere di mezzo uno che ne n si fa manipolare dai boss del pd.Volete capirla o no che il pd vuole avere le mani in pasta nei soldi dell’Europa ed è per questo che Gualtieri non li soddisfa.Vogliono.magnare come hanno fatto finora a quattro ganasce

      Piace a 1 persona

  3. Buffone! Contesta il metodo e il merito lui. Ora con l’esperta di pilates dice che sul metodo hanno avuto ragione, ma cosa? La Bruttanova uscendo dall’incontro ha detto “finalmente Conte ci ha ascoltato”. Ma quando mai?

    Perfino Amendola (attore) l’altra sera ha detto (a una incredula Bianchina) ma veramente contestiamo la task force? Veramente vogliamo dare i soldi in mano a questi qua? No, grazie. Li abbiamo già visti all’opera.

    Piace a 3 people

  4. Una cosa non mi torna… come si concilia l’accusa di accentramento del potere con la costituzione di una task force di 300 persone?
    No, perché, a parte che si tratta di loro invenzioni, mi sembra che le due cose non stessero insieme…

    Piace a 3 people

  5. Conte così gentiluomo da aver preteso la legge ad personam per il suocero (ma no ha stato Franceschini) poi il cavillo per non fargli pagare i sei milioni di multa e dà la scorta alla fidanzata (ma no ha stato il negoziante).
    Ah il MES… Lo hanno ( anziché smontato) approvato i 5s così poi lo attivano gli altri consapevoli di aver il 15% e non più il 32.
    Approvarlo per poi dire “fa schifo” è da ipocriti poltronari che confidano nella ingenuità delle persone.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...