M5s, Di Battista sbatte la porta. “O mettono in votazione le condizioni che abbiamo posto oppure ci vediamo tra due anni a fine legislatura”

(affaritaliani.it) – La guerra nel M5s continua senza sosta. Gli Stati Generali hanno palesato le divergenze tra le diverse anime grilline. Da una parte i filo governativi capeggiati da Di Maio e dall’altra gli oppositori guidati da Di Battista. Il ribelle Dibba – si legge sul Corriere della Sera – ha lanciato un chiaro ultimatum. “O mettono in votazione le condizioni che abbiamo posto oppure ci vedremo tra due anni al termine della legislatura”. Di Battista ha tutta l’intenzione di far sentire la sua voce. E di fare le sue mosse in vista della scelta del nuovo direttivo M5S. “Tra poco ci saranno dei quesiti da far approvare dalla base, aggiungano tra le domande anche le questioni che abbiamo messo sul tavolo noi”.

I nodi su cui l’ex membro del direttorio ha intenzione di spingere sono anzitutto la revoca delle concessioni autostradali e la risoluzione del conflitto di interessi tra politica e finanza, “a partire dal caso Padoan Unicredit”. “Sono temi dirimenti per me”, ha spiegato ai suoi Di Battista, che puntualizza: “Il mio interesse sono più le questioni politiche nazionali che le regole interne”. L’ex deputato però precisa anche che le altre istanze che ha presentato dovranno essere messe nero su bianco: “Hai finito i due mandati? Non ti puoi candidare da nessuna parte”.

“Emanuele Buzzi – il Corriere della sera) «O mettono in votazione le condizioni che abbiamo posto oppure ci vedremo tra due anni al termine della legislatura»: Alessandro Di Battista ha tutta l’ intenzione di far sentire la sua voce. E di fare le sue mosse in vista della scelta del nuovo direttivo M5S. Chi l’ ha sentito negli ultimi giorni racconta di quello che suona come un ultimatum chiaro ai vertici 5 Stelle.

«Tra poco ci saranno dei quesiti da far approvare dalla base, aggiungano tra le domande anche le questioni che abbiamo messo sul tavolo noi, ovvero io, tanti portavoce che lavorano con me e migliaia di attivisti», dice l’ ex deputato. E chiarisce: «Si tratta di istanze politiche, non personali: io sono stato il più votato tra i delegati ed è corretto che chi mi ha appoggiato ritrovi tra i punti dirimenti anche ciò che io e il mio gruppo rappresentiamo». Poi chiosa: «Su questo sono inflessibile».

I nodi su cui l’ ex membro del direttorio ha intenzione di spingere sono anzitutto la revoca delle concessioni autostradali e la risoluzione del conflitto di interessi tra politica e finanza, «a partire dal caso Padoan Unicredit». «Sono temi dirimenti per me», ha spiegato ai suoi Di Battista, che puntualizza: «Il mio interesse sono più le questioni politiche nazionali che le regole interne».

L’ ex deputato però precisa anche che le altre istanze che ha presentato dovranno essere messe nero su bianco: «Hai finito i due mandati? Non ti puoi candidare da nessuna parte». Su questo punto – che azzererebbe buona parte della classe dirigente M5S – Di Battista è lapidario: «Non esiste che dopo anni in Parlamento qualcuno ipotizzi di correre come governatore», dice riferendosi alle indiscrezioni sulla possibilità che il Movimento presenti alcuni big alle prossime Amministrative alla guida di alcune Regioni (si parla anche di alcuni colloqui già avvenuti). Nel Movimento c’ è stata freddezza nei suoi confronti.

E critiche pubbliche da parte di alcuni esponenti, come Roberta Lombardi. C’è chi lo ha accusato di egoismo e di non pensare alla base. Ma l’ex deputato guarda oltre: «Chi mi critica dovrebbe prima guardare se stesso. Io ho sempre rispettato le nostre regole a partire dalla restituzione del tfr».

E fa capire tra le righe che con lui in segreteria problemi simili o con le restituzioni non saranno ammessi. Di Battista getta un ponte anche verso l’amico-nemico Di Maio: «Luigi è l’unico che mi ha scritto», ammette con chi ha avuto modo di parlargli. E prosegue: «Abbiamo avuto posizioni distanti su diversi temi negli ultimi mesi, ma ho apprezzato le sue parole sulla revoca delle concessioni e contro il Mes: su questi punti lo sosterrò sempre».

Certo, la presenza dell’ ex parlamentare tra i candidati per la futura segreteria pentastellata è una delle incognite più importanti – in chiave interna, anche per evitare eventuali scissioni – da sciogliere per il Movimento. Di Battista è fiducioso, vede la sua partecipazione come una possibilità, non come un vincolo: «Non ho niente da perdere e non cerco poltrone: vivo benissimo del mio lavoro». Ma ribadisce: «Devo dar voce a chi è con me, ho dalla mia il sostegno di migliaia di attivisti e di tanti portavoce ed è giusto che le nostre domande trovino risposta anche per chiarezza nei loro confronti».

E conclude: «Chiariamo tutto quanto prima».

15 replies

    • Leggo un ennesimo attacco a Casaleggio Associati con teorie fantasiose e procederò come di consueto a querelare chi diffama.

      Il tema dei conflitti di interesse affrontiamolo pure, a partire dai 120 parlamentari che possiedono un’azienda e firmano leggi.

      Io non firmo decreti, né voto leggi, e non ho mai fatto ingerenze per tornaconti personali o aziendali.
      Questi sono i fatti.

      Davide Casaleggio.

      "Mi piace"

    • @zorro
      Se la tua fonte di informazione è “Lo Schiformista” puoi risparmiarti la fatica di postare i link di quel rotolo di carta
      igienica su questo sito. Da tempo qui ci siamo tolti la sveglia dal collo!
      Perchè non vai un po’ a giocare col tuo monopattino sull’autostrada?

      "Mi piace"

  1. Il riformista? Sansonetti?
    da loro non comprerei neanche la ciotola per il mio cagnetto…
    hanno in mano solo illazioni, il loro “foglietto” serve solo a sciomiottare di fare satira….

    Piace a 1 persona

    • Le concessioni sutostradali devono essere messe al voto dalla base come programma? Ma in che senso? Lui propone proprio di togliere l’istituto della concessione?

      "Mi piace"

    • Adriano, Sansonetti fa veramente schifo, è molto peggio di Emilio Fede perché leccarsi il culo a B. spacciandosi per uomo di sinistra.
      Ma la notizia sarebbe una bomba, se fosse vera.
      Ma a voi che sia vera o falsa sembra non interessare.
      Casalmaggiore s’è intascato 2 milioni di euro dalla Philip Morris? È vero? E se SI, a che titolo se li è imbertati?

      "Mi piace"

      • andreaex
        infatti fo scritto che hanno in mano solo illazioni…altrimenti pubblicherebbero le prove…
        voglio le prove che la loro ciotola non sia bucata…

        Piace a 1 persona

      • Leggo un ennesimo attacco a Casaleggio Associati con teorie fantasiose e procederò come di consueto a querelare chi diffama.

        Il tema dei conflitti di interesse affrontiamolo pure, a partire dai 120 parlamentari che possiedono un’azienda e firmano leggi.

        Io non firmo decreti, né voto leggi, e non ho mai fatto ingerenze per tornaconti personali o aziendali.
        Questi sono i fatti.

        Davide Casaleggio.

        "Mi piace"

    • Leggo un ennesimo attacco a Casaleggio Associati con teorie fantasiose e procederò come di consueto a querelare chi diffama.

      Il tema dei conflitti di interesse affrontiamolo pure, a partire dai 120 parlamentari che possiedono un’azienda e firmano leggi.

      Io non firmo decreti, né voto leggi, e non ho mai fatto ingerenze per tornaconti personali o aziendali.
      Questi sono i fatti.

      Davide Casaleggio.

      "Mi piace"

    • @tonino b
      Da parte di un altro “innamorato del nulla”: Hai letto i commenti? Li hai capiti?
      Se sì perchè richiedi di esprimere obiezioni che sono state chiaramente espresse?
      Ti serve un disegnino esplicativo, che so… tipo una grossa merda fumante su un grosso
      foglio di carta igienica con su scritto “Il Riformista”?
      O hai voglia di perdere del tempo e farlo perdere anche a noi come Zorro?

      "Mi piace"

    • @toninob
      Egregio, l’unica obiezione è nell’art.656 del codice penale. Chi pubblica notizie false e tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico è punito con gli arresti fino a 3 mesi o con 309 euro di multa. L’esiguità della sanzione ( occorre anche dimostrare il turbamento dell’ordine pubblico) non fa paura a nessuno specialista in materia fognaria.
      Comunque, il tempo è SEMPRE galantuomo.

      Piace a 1 persona

      • L’ho sempre detto e lo ribadisco: a mio modo di vedere, chi dice e scrive menzogne pubblicamente, andrebbe punito come il peggiore degli assassini! Esagero?

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...