Crisanti ha detto senza ipocrisia ciò che la maggior parte delle persone pensano

(FRANCESCO DONNINI – glistatigenerali.com) – Chiarissima la posizione espressa dal prof. Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova, circa i pre-requisiti per lui necessari per accettare di farsi inoculare il nuovo vaccino anti Covid-19. Anzi, mi hanno molto colpito gli attacchi che lo stesso professore ha ricevuto da più parti; e che denotano un certo grado di nervosismo in ambito accademico, governativo e farmaceutico.

Chi ha una minimo di dimestichezza con le procedure di approvazione di un farmaco sa perfettamente che sono necessari anni di ricerca e test per conoscerne il profilo di efficacia e sicurezza. Parlo di molecole relativamente sicure ma il cui meccanismo di azione, spesso, non è chiaro – perché è bene sapere che per molti farmaci l’esatto meccanismo di azione è sconosciuto – a tal proposito potete leggere i foglietti illustrativi di alcuni farmaci presenti nel vostro armadietto casalingo.

Tutti abbiamo letto nei bugiardini che molti degli effetti avversi al principio attivo o ad alcuni dei suoi eccipienti arrivano dalla fase post marketing del farmaco, cioè dopo che lo stesso è stato assunto da milioni di persone nel mondo. Nel caso dei vaccini contro il virus da Sars-CoV-2, i ricercatori non hanno avuto a disposizione anni di tempo per monitorare gli effetti a lungo termine del vaccino. Non è stato possibile a causa dell’urgenza di avere un arma sicura nel più breve tempo possibile contro la Covid-19.

Inoltre, nel caso dei vaccini di Pfizer e Moderna, si tratta di una vera e propria rivoluzione nel modo di progettare un vaccino. Per cui è lecito che le persone manifestino un certo grado di diffidenza, se non addirittura di paura, verso i nuovi prodotti della scienza. E per questo che condivido l’opinione espressa dal prof. Crisanti, ovvero di non limitarsi a leggere le sole informazioni diffuse dalle due aziende farmaceutiche – notizie rilasciate all’interno di una dinamica chiaramente di business correlato al mercato azionario – ma di voler conoscere e studiare i dati ufficiali delle sperimentazioni, prima di decidere di farsi inoculare un nuovo medicinale.

Moderna e Pfizer hanno infatti sviluppato per la prima volta al mondo dei vaccini con vettore a mRNA messaggero; e lo hanno fatto in tempi ultrarapidi rispetto agli standard abituali necessari per l’approvazione di questo tipo di medicinali: a detta degli esperti un periodo compreso tra sette e dieci anni. Per queste ragioni credo sia normale che i cittadini chiedano un’informazione chiara, precisa e super partes rispetto alle garanzie di sicurezza a lungo termine del vaccino.

È un preciso dovere delle istituzioni preposte fornirle, dopo una verifica attenta e imparziale dei dati, e compito dei vari governi diffonderle ai cittadini con una comunicazione chiara, efficace, “gentile”. La comunicazione, per ottenere la più alta adesione alla campagna vaccinale contro il Sars-CoV-2, che partirà nel 2021, a mio avviso dovrà essere “delicata”, precisa, trasparente e veritiera. Dovrà essere in grado di costruire un rapporto di serena fiducia tra cittadini e istituzioni, dissipando dubbi, sospetti, paure diffuse a piene mani in rete attraverso deliranti fake news. Solo così, la comunicazione, potrà ottenere il risultato di adesione atteso dai governi di tutto il mondo. Oltreché da cittadini anelanti di riprendersi la libertà di una vita in larghissima parte sequestrata dalla Pandemia.

5 replies

  1. spiegazione per Dummies
    – Vaccini inattivati
    Comprovata tecnologia classica
    ma al momento sono solo in fase 3 in India e Cina, in Russia sono in fase 1
    – Vaccini a vettore
    In questo caso, una persona viene infettata da un adenovirus reso innocuo,
    (patologie causate da adenovirus vi sono congiuntiviti, gastroenteriti, cistiti e polmoniti – NON l’influenza,
    come spesso i giornali scrivono, che è causata da altre famiglie di virus, e neppure del raffreddore che
    è causato dal rihnovirus)
    che trasporta il gene della proteina S del coronavirus alle cellule, ma NON può moltiplicarsi in esse.
    Il corpo, anche prima di incontrare il virus, inizia a produrre le sue proteine ​​
    così inizia a sviluppare anticorpi contro di esso.
    È così che funzionano quattro vaccini, che sono ora nella terza fase di test:
    il cinese della società Cansino
    l’americano della Johnson & Johnson,
    lo svedese-britannica della AstraZeneca
    e il russo della Research Institute intitolato a V. Gamalei
    Allo stesso tempo, i vaccini cinesi e russi sono già stati approvati per uso limitato:
    ciò consente di avviare la vaccinazione nei gruppi a rischio parallelamente agli studi clinici di fase 3.
    il russo ha presentato anche la richiesta all’OMS per l’utilizzo d’urgenza
    – Vaccini a RNA
    E’ la più giovane delle tecnologie. In questo caso, NON viene iniettato un virus nel corpo,
    ma singoli filamenti di RNA che codificano le proteine ​​virali.
    In precedenza, questa tecnologia era considerata troppo grezza e non veniva utilizzata contro altre malattie,
    ma ora ci sono già due aziende che richiedono l’approvazione anticipata.
    Si tratta di Moderna e Pfizer.

    Piace a 1 persona

    • Il Vaccino Cinese è già disponibile: costo 150 euro.
      È già richiesto per entrare in alcuni Paesi.
      Ti fanno pagare 150 euro per inocularti un vaccino sperimentale (previo pagamento del pizzo alla Cina, responsabile della diffusione del virus che la sta avvantaggiando economicamente, potrai partecipare alla sperimentazione. Chissà poi se era già pronto…).
      I farmaci a RNA, fino ad ora E̲R̲A̲N̲O̲ ̲V̲I̲E̲T̲A̲T̲I̲ ̲P̲E̲R̲C̲H̲È̲ ̲R̲I̲T̲E̲N̲U̲T̲I̲ ̲R̲I̲S̲C̲H̲I̲O̲S̲I̲, infatti non se ne conoscono i potenziali sviluppi a lungo termine. C’è chi (mi pare proprio “prezzemolino Bill”) lo aveva immaginato per eliminare alcuni tipi di insetto; il prodotto avrebbe infatti dovuto STERELIZZARE LA SPECIE. Ovviamente, la balorda idea è stata bloccata sul nascere.

      Il vaccino Russo era già nella seconda fase a Settembre. Qui i risultati pubblicati si Lancet:
      https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)31866-3/fulltext

      "Mi piace"

  2. Crisanti ha detto una cosa di buonsenso che in condizioni normali tutti sottoscriverebbero: cioè che prima di fare ricorso a un nuovo vaccino occorre esaminare con attenzione i dati di sicurezza, soprattutto se si tratta di un vaccino che è stato sviluppato in un tempo dalle 5 alle 8 volte inferiore a quello normalmente richiesto per produrre un vaccino. Non si tratta di una posizione no-vax né tantomeno di una posizione negazionista, infatti Crisanti ha pure detto che, una volta avuti questi dati, il vaccino lo farà.
    Ma le sue affermazioni cozzano contro la narrativa dei giornaloni mainstream, che devono blandire i lettori dicendo che c’è il farmaco miracoloso e che fra poco torneremo tutti alla normalità, quindi Crisanti è subito stato dipinto come un gufo o un corvo, un no-vax, un negazionista, un nemico pubblico. E’ stato attaccato da tutti, giornalisti e professoroni vari, che hanno completamente travisato le sue parole.
    Guai a chi osa contraddire la narrazione ufficiale.

    Piace a 2 people

  3. Sarebbe utile aspettare la pubblicazione del numero dei morti a fine anno.
    Si trattasse di una epidemia normale e non di un virus chimerico, probabilmente tra pochi mesi la carica virale tenderebbe ad essere inoffensiva. Soprattutto s̲e̲ ̲i̲ ̲p̲a̲z̲i̲e̲n̲t̲i̲ ̲f̲o̲s̲s̲e̲r̲o̲ ̲c̲u̲r̲a̲t̲i̲ ̲c̲o̲n̲ ̲i̲ ̲f̲a̲r̲m̲a̲c̲i̲ ̲a̲ ̲b̲a̲s̲s̲o̲ ̲p̲r̲e̲z̲z̲o̲ ̲e̲ ̲g̲i̲à̲ ̲d̲i̲s̲p̲o̲n̲i̲b̲i̲l̲i̲ .
    Cosa che viene caldamente osteggiata.
    Ora c’è e DEVE esserci il vaccino, che farà fluire soldi pubblici e REALI, nelle tasche dei trilionari della moneta “virtuale”.
    Il vaccino È SPERIMENTALE, non si sa quando durerà la copertura, quidi vedete voi dove pende la bilancia Rischio-Beneficio.
    Ecco come la pensa l’amico piddino Davide Faraone, che si mostra in mascherina anche sul profilo twitter…
    … Fedeli alla linea… I CCCP. almeno facevano canzoni apprezzabili. Sentite che squallida arroganza l’uomo di potere:

    «A quanto pare il vaccino anti-Covid non sarà obbligatorio per non urtare la sensibilità di Fragolina76 e Uomotigre58 (𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐨 𝐞̀ 𝐜𝐨𝐦𝐞 𝐯𝐢 𝐯𝐞𝐝𝐞 𝐥𝐮𝐢: 𝐩𝐨𝐯𝐞𝐫𝐢 𝐢𝐝𝐢𝐨𝐭𝐢) che dopo approfonditi studi (𝐠𝐥𝐢 𝐬𝐭𝐞𝐬𝐬𝐢 𝐬𝐞𝐫𝐯𝐢𝐭𝐢 𝐩𝐞𝐫 𝐩𝐫𝐞𝐩𝐚𝐫𝐚𝐫𝐞 𝐮𝐧 𝐯𝐚𝐜𝐜𝐢𝐧𝐨 𝐢𝐧 𝐮𝐧 𝐚𝐧𝐧𝐨) hanno appurato la presenza di un microcip collegato alle antenne del 5G che ci trasformerà tutti in rettiliani con la faccia di Bill Gates (𝐩𝐨𝐯𝐞𝐫𝐢 𝐭𝐞𝐫𝐫𝐚𝐩𝐢𝐚𝐭𝐭𝐢𝐬𝐭𝐢 𝐢𝐧𝐜𝐚𝐩𝐚𝐜𝐢 𝐝𝐢 𝐮𝐧 𝐩𝐞𝐧𝐬𝐢𝐞𝐫𝐨 𝐜𝐫𝐢𝐭𝐢𝐜𝐨, 𝐜𝐢 𝐩𝐞𝐧𝐬𝐞𝐫𝐚̀ 𝐢𝐥 𝐒𝐮𝐨 𝐠𝐨𝐯𝐞𝐫𝐧𝐨 𝐚 “𝐫𝐢𝐞𝐝𝐮𝐜𝐚𝐫𝐯𝐢”).
    Ok, quindi bisogna trovare un sistema alternativo per proteggere anziani, immunodepressi e categorie più a rischio e tornare alla nostra vita normale (s𝐢𝐜𝐜𝐨𝐦𝐞 𝐠𝐥𝐢 𝐚𝐧𝐳𝐢𝐚𝐧𝐢 𝐬𝐨𝐥𝐨 𝐥𝐨𝐫𝐨, 𝐢 𝐯𝐨𝐬𝐭𝐫𝐢 𝐟𝐢𝐠𝐥𝐢 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐬𝐚𝐜𝐫𝐢𝐟𝐢𝐜𝐚𝐛𝐢𝐥𝐢).
    Bene, la soluzione si chiama Passaporto sanitario integrato al vaccino anti-Covid (b𝐫𝐚𝐯𝐢, 𝐩𝐫𝐨𝐩𝐫𝐢𝐨 𝐥’𝐢𝐝𝐞𝐚 𝐝𝐢 𝐁𝐢𝐥𝐥 𝐆𝐚𝐭𝐞𝐬, 𝐬𝐢̀, 𝐪𝐮𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐝𝐞𝐢 “𝐠𝐨𝐦𝐛𝐥𝐨𝐭𝐭𝐢𝐬𝐭𝐢”). Chi non potrà esibire il documento non dovrà essere autorizzato a:
    – fruire dei mezzi di trasporto (bus-treni-navi-aerei);
    – accedere all’interno di teatri, musei, stadi e centri commerciali;
    – frequentare luoghi pubblici con rilevante presenza di soggetti a rischio come scuole e ospedali;
    Caro No-Vax, vuoi essere “libero” (𝐧𝐨𝐭𝐚𝐭𝐞 𝐢𝐥 𝐥𝐢𝐛𝐞𝐫𝐨 𝐯𝐢𝐫𝐠𝐨𝐥𝐞𝐭𝐭𝐚𝐭𝐨) di non vaccinarti? Prego fai pure…
    Vuoi essere “libero” (𝐪𝐮𝐞𝐬𝐭𝐚 𝐩𝐚𝐫𝐨𝐥𝐚 𝐩𝐫𝐨𝐩𝐫𝐢𝐨 𝐧𝐨𝐧 𝐠𝐥𝐢 𝐯𝐚 𝐠𝐢𝐮̀) di infettare gli altri e costringere il Paese alla paralisi eterna? Scordatelo. (𝐈𝐧𝐟𝐚𝐭𝐭𝐢 𝐧𝐨𝐧 𝐞̀ 𝐢𝐥 𝐒𝐮𝐨 𝐠𝐨𝐯𝐞𝐫𝐧𝐨 𝐚 𝐩𝐚𝐫𝐚𝐥𝐢𝐳𝐳𝐚𝐫𝐞 𝐢𝐥 𝐩𝐚𝐞𝐬𝐞, 𝐧𝐨 𝐧𝐨…)»

    Qui, quello che sta accadendo a Berlino, dove al Bundestag è stata sancita la fine della Democrazia:

    Se ci vogliamo mettere le multe da centinaia di euro per non aver messo la “bandiera di regime” (detta mascherina), direi che in Europa comincia a girare una brutta aria. A breve, sarà difficile distinguerla dalla Cina di Xi Jinping.
    Chissà se arriveremo a rimpiangere persino il vecchio olio di ricino.

    Piace a 1 persona

    • “… e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Apocalisse 13,17.”.

      “Chissà se arriveremo a rimpiangere persino il vecchio olio di ricino.”? Secondo te?

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.