Le facce di bronzovid

(Tommaso Merlo) – Fino a ieri maledicevano lo stato, oggi sgomitano per raggiungerne la mammella. E invece di ringraziare, si lagnano di non riuscire a mungere abbastanza. Facce di bronzovid. Ingrati e pure ipocriti. Fino a ieri erano certi di farcela da soli e ritenevano lo stato una palla al piede e oggi si riscoprono statalisti. Fino a ieri votavano partiti che hanno malridotto lo stato sociale. Chi per ragioni ideologiche, chi per far cassa. Chi con malagestioni clientelari e corrotte o colluse con la criminalità. Ed oggi pretendono uno stato sociale all’avanguardia che domini in scioltezza l’emergenza del secolo ed accorra a soddisfare ogni loro aspettativa. Facce di bronzovid a cui la pandemia ha fatto volatizzare i clienti e quindi i profitti e quindi le proprie certezze privatistiche. Con lo stato che schifavano diventato all’improvviso l’unica ancora di salvezza. Altro che idolatria del mercato e denigrazione del pubblico. Altro che illusoria onnipotenza. Fragilità e dipendenza gli uni dagli altri. Ma molte facce di bronzovid non danno nessun segno di ravvedimento ed anzi rilanciano. Non solo non ringraziano e frignano perché non mungono abbastanza, ma se la prendono ancora con lo stato. E questo perché secondo loro hanno dovuto abbassare le saracinesche non per colpa del virus, ma dello stato. E quindi non ritengono di aver ricevuto nessun aiuto statale, ma al massimo risarcimenti per il danno subito. Risarcimenti che ovviamente disprezzano come poche gocce di elemosina. Irriducibili facce di bronzovid. Tra loro molti in reali difficoltà economiche ma anche molti mungitori di vocazione che fino a ieri facevano la bella vita e nel giro di qualche giorno hanno iniziato a mugugnare di essere alla canna del gas riuscendo magari ad intascarsi soldi pubblici sottraendoli a chi ne ha davvero bisogno. Facce di bronzovid che girano per le strade in felpa come nei palazzi in giacca e cravatta. Tra loro molti burattini di qualche ammuffita ideologia o di qualche partito che se la prende con lo stato solo perché governano i loro nemici giurati e allora qualunque cosa faccia non gli va bene. Se invece governassero i loro beniamini allora applaudirebbero alla finestra ogni minima scorreggina. Facce di bronzovid che non capiscono la gravità della situazione e l’importanza di fare la propria parte nell’interesse generale e non solo del proprio per una volta. E così mugugnano e disprezzano gli sforzi che uno stato malridotto sta facendo per non lasciare indietro nessuno. Nemmeno chi fino a ieri lo malediceva.

10 replies

  1. che rabbia…!!!
    che rabbia Tommaso, vedere i portavoce (disonesti? traditori? usurpatori?), di quel 33% di popolo onesto, che vanno a braccetto coi ladri, i corrotti e i corruttori…?
    é di oggi la notizia che i renzis sono indagati…!!! i tetrapoltronari cosa fanno? continuano a governarci insieme…?
    che rabbia…!
    che rabbia Tommaso…!!!

    "Mi piace"

  2. E che dovrebbero fare ?lasciare a loro amministrare? La rabbia è che solo contro gli onesti ,e contro i disonesti che cosa ce’?calamutande???

    "Mi piace"

  3. Non capisci toninob che se non avrebbero fatto così, staremmo come in tutti gli anni passati, con gli industriali e banche a cucinare allo stato ed i lavoratori e pensionati a pagare per loro, almeno così mantengono calmierato lo stato sociale, vedi la rabbia di Confindustria che non vede l’ora di rimettere i capaci Berlusconi, Renzi, Salvini, Meloni Draghi ecc.

    "Mi piace"

    • Antonio60 sono d’accordo con te su tutto… tranne sui modi verbali: non “se non avrebbero fatto così”, ma “se non avessero fatto così”.
      🙂 Con simpatia, A.

      "Mi piace"

  4. La maggior parte in queste categorie sono evasori totali o parziali ma questo è.
    Gente che producono dichiarazioni di redditi basse,isee ridicoli, per non pagare tasse scolastiche, ticket sanitari, Irpef , Iva in cambio di case popolari, esoneri, riduzioni
    esenzioni, assistenza di tutti i generi e tipi.
    Gente che poi ha fuoristrada, ville e tenore sociale non proprio da poveri, e che un semplice impiegato o operaio che guadagna meno di trentamila euro e paga fino all’ultimo euro di tasse, non avrà mai.
    Chi sono queste facce di bronzovid, quelli che vogliono dallo Stato sempre di più, che in cambio danno poco o niente, che fanno finta di essere poveri.
    Quelli che ora , con la scusa della pandemia, hanno la possibilità di spolpare ancora di più e lo faranno, come dice l’articolista, senza pudore e un minimo di gratitudine.
    Il danno economico c’è e molti rischiano veramente di vanificare con queste chiusure il lavoro di una vita. Ma c’è anche uno Stato che ha molte difficoltà e pur sta cercando di andare loro incontro. Un po’di moderazione e consapevolezza non guasterebbe.
    A quei politici del cavolo che poi cavalcano queste situazioni per qualche voto in più io direi di andare a studiare da clown, ne hanno la stoffa.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.