Mascherina obbligatoria anche durante l’attività motoria all’aperto ma non per quella sportiva

(ansa.it) – Anche chi fa attività motoria all’aperto dovrà indossare obbligatoriamente la mascherina. Lo scrive il Viminale in una circolare firmata nella serata di ieri dal capo di Gabinetto Bruno Frattasi con la quale vengono dati dei chiarimenti ai prefetti sul decreto legge approvato il 7 ottobre scorso. La disposizione che prevede l’uso della mascherina “esenta dall’obbligo di utilizzo – scrive Frattasi – solo coloro che abbiano in corso l’attività sportiva e non quella motoria, non esonerata, invece, dall’obbligo in questione”. Nelle bozze del decreto circolate nei giorni scorsi era scritto che dall’obbligo di utilizzare la mascherina erano esentati “i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva o motoria” ma nel testo pubblicato in Gazzetta l’esenzione è rimasta solo per coloro che fanno attività sportiva.

Niente feste o incontri in ambito domiciliare se non tra congiunti, campagna elettorale (in Sardegna 160 Comuni vanno al voto il 25 e 26 ottobre, ndr) solo in luoghi che consentano di rispettare le norme a contrasto della diffusione del coronavirus e massimo 30 persone per volta in cimitero. Sono le restrizioni stabilite dal sindaco di Buddusò (Sassari), Giovanni Antonio Satta, con un’ordinanza che anticipa le ventilate misure del governo al fine di contenere la pandemia. Si aggiungono l’obbligo di mascherina in qualsiasi luogo al chiuso a parte la propria abitazione, ma anche all’aperto ovunque non sia possibile restare isolati rispetto a non conviventi e più controlli da parte delle forze dell’ordine nei locali pubblici.

COVID: OCCHIONERO, CORSA CON MASCHERINA? GOVERNO CHIARISCA

 (ANSA) – “Correre all’aperto e fare jogging con la mascherina può essere pericoloso per la salute, come hanno spiegato i medici dello sport e appare peraltro una misura inutile per evitare contagi, se si corre da soli. Quindi che senso ha la circolare del Viminale che obbliga a indossare la mascherina quando si corre? Perché una misura del genere, che non fu presa neanche subito dopo il lockdown, quando l’attività motoria fu nuovamente consentita anche lontano da casa? Tanto vale, allora, vietare del tutto la corsa, perché così di fatto sarà resa impossibile.

Se si tratta, invece, di un errore di interpretazione del Viminale e di Palazzo Chigi è bene rettificarlo subito, per non ingenerare confusione anche in chi deve effettuare i controlli”. Lo scrive su Facebook la deputata di Italia viva Giusy Occhionero. E prosegue: “Come ha dichiarato tempo fa Gianfranco Beltrami, vicepresidente della Federazione medico sportiva italiana, ‘chi corre o in generale fa attività fisica all’aperto, non deve usare la mascherina: rischia di intossicarsi respirando l’anidride carbonica che emette a ogni respiro. Quindi mai indossarla quando si corre, fa male'”.

3 replies

  1. Veramente, spero domattina di svegliarmi e vedere che è stato solo un brutto sogno, un film di fantascienza di serie b… e c’è gente che dice, beh in fondo che sacrificio è indossare la mascherina, purché non si chiuda tutto.. proprio non ci arrivano…

    "Mi piace"

  2. Dunque, facciamo chiarezza una volta per tutte:
    I giornali urlano “al morto per Covid!” per gente: annegata, sparata in testa, di tumore, di blocco renale e via dicendo.
    La diagnosi di Covid NON SCADE MAI. Se oggi sei “debolmente positivo” e nel 2030 morirai, si potrà scrivere: “Covid”.

    I giornali gridano: “emergenza! i reparti di terapia intensiva sono pieni!!” e i medici smentiscono sonoramente: nei reparti ci finiscono per altre moritazioni, ma se puta caso sono “debolmente positivi” (tampone d’obbligo) è “per Covid”.
    Tamponi a go-go, e su circa 60 mila, escono più o meno 200 positivi, e in meno di 10 casi la carica virale è evidente, per gli altri, è necessario “amplificare il segnale”. Allora perchè?

    Perchè? perchè stanno ricoverando gente SANA e che non ha un bel nulla (girano video in quantità, ripresi dai sani ricoverati, a volte persino a forza), ma per cui lo stato paga bei soldoni. Questi soldoni, che l’ospedale risparmia non ricoverando gente davvero malata, alla quale l’assistenza vera e costosa è rimandata (in molti casi a miglior vita), rimettono in piedi le voragini fatte dalle scellerate amministrazioni. Non per nulla, in cima alla classifica delle spese per Covid ci sono: Campania, appena sotto la Lombardia con ben 337.512. 245 € (76.000 a contagiato); Toscana, con ben 376.398. 216 € che capitano a fagiolo, visto che accorpare le asl non bastava a sanare i buchi giganteschi di bilanci scellerati, e Emilia Romagna, con ben 350. 321. 703 €.

    Quindi, portate la vostra mascherina e giubilate per i vostri eroi fantameraviglisi e buon PD a tutti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.