Eboli (SA): l’arresto del sindaco, perché il Pd non poteva non sapere

Il sindaco del centrosinistra Cariello, arrestato con accuse di corruzione, aveva già 6 procedimenti penali a carico, tra cui 2 rinvii a giudizio, anche per ipotesi corruttive. Ma i dem lo hanno sostenuto con forza, fino alla rielezione bulgara: ignorata ogni questione di opportunità

(Gianmaria Roberti – ildesk.it) – Un avviso di garanzia non è una condanna definitiva, e non lo è nemmeno una misura cautelare. Lo stesso deve dirsi per un rinvio a giudizio. Ok. Ma dove si ferma la presunzione di innocenza, si apre il capitolo dell’opportunità. Opportunità politica, ovviamente. Perché di questo si parla ad Eboli, dove il sindaco Massimo Cariello – appena rieletto con l’80% dei consensi – da venerdì è in custodia cautelare ai domiciliari. La procura di Salerno lo accusa di corruzione, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio, induzione indebita a dare o promettere, falso e lottizzazione abusiva. Gli inquirenti, tra le altre cose, gli contestano di truccare concorsi pubblici. L’indagine farà la sua strada, e si vedrà. Ma in queste ore colpisce il silenzio assordante del Pd, primo sponsor di Cariello. Il simbolo dem, infatti, non era presente nella coalizione civica del sindaco ricandidato. Ma il Partito Democratico ispirava un paio di liste pro Cariello, con l’imprimatur del governatore Vincenzo De Luca. Un timbro deluchiano conclamato nel comizio dell’11 settembre, quando sul palco in piazza salivano il candidato e Piero De Luca, il figlio deputato del presidente della Regione. Sull’elezione bulgara di Cariello, comunque, il Pd ci ha messo la faccia: il vicesindaco, appena nominato, è il dem Luca Sgroia. E di certo il Pd non immaginava lo tsunami giudiziario all’alba della nuova giunta. Ma qualche interrogativo poteva porselo anche prima: la famosa questione di opportunità, insomma. “Risultano infatti a carico di Cariello – ricorda l’edizione salernitana del Quotidiano del Sud – altre rogne giudiziarie: caso “La Marca” (il primo) corruzione; caso “Napolitrans”, corruzione in concorso con l’ex assessore, oggi consigliere, Emilio Masala; caso “Ises”, abuso d’ufficio in concorso con giunta e consiglieri di maggioranza; caso “Sito di compostaggio”, abuso e falso. Cariello poi è imputato per: caso “Croce Rossa”, falso e abuso; caso “Videosorveglianza”, corruzione, turbativa d’asta, peculato, abuso, induzione indebita”. Con l’ultimo sono 7 procedimento penali, due dei quali già approdati al dibattimento. E le accuse di corruzione spuntano varie volte. Come si diceva un tempo: non poteva non sapere. Il Pd, naturalmente.

Gianmaria Roberti

(Foto Massimo Cariello/Fb)

1 reply

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.