Trent’anni col virus?

(Massimo Fini – massimofini.it) – Oltre al Covid esiste, come se non bastasse, anche un “Long Covid”. Persone guarite ufficialmente da questa rognosissima influenza (ma sarà poi un’influenza, vai a sapere) accusano gli stessi sintomi e malesseri di quando erano malate: una grande stanchezza, debolezza, ansia, perdita di memoria, dolori muscolari. E’ comprensibile per chi ha vissuto un grande stress. Più curioso è che più o meno gli stessi sintomi li avvertono persone che non solo non hanno avuto il Covid ma non ne sono state nemmeno sfiorate. Qui entra in campo la paura, una componente consustanziale all’essere umano che può essere positiva, perché è grazie alla paura che noi abbiamo potuto sopravvivere per millenni a differenza di altre specie animali, ma anche, come in questo caso, negativa perché paralizzante. Basta uno stranuto, un colpo di tosse, un po’ di stanchezza (ma chi non è stanco in questa società ossessiva e nevrotica?) che subito si pensa al Covid e alla morte. Paura del tutto irrazionale perché in Italia i morti per Covid sono attualmente lo zero virgola della popolazione. Bisognerebbe che tutti ci ricordassimo del detto del vecchio e saggio Epicuro: “Muore mille volte chi ha paura della morte”. Che è proprio la situazione irrazionale che stiamo vivendo, peraltro in una società che, per una sua folle ubris non contempla la morte biologica, quella inevitabile che prima o poi arriva per tutti, ma l’ha proibita, scomunicata, dichiarata pornografica.

Credo però che in molti di noi più che la paura della morte operi un autentico e molto razionale terrore della trafila delle “quarantene”. Sono abbastanza convinto che le “quarantene” faranno più danni del Covid. L’ansia abbassa le difese immunitarie che si aprono a malattie ben più pericolose del Covid. Ma questo lo potremo sapere solo a epidemia superata e sempre che sia superata. Infatti l’aver tentato di bloccarla in tutti i modi ci espone a continui colpi di ritorno (ad uno stiamo assistendo in questi giorni) come una molla troppo compressa torna su con la stessa forza con cui l’abbiamo schiacciata. E un’altalena del genere può continuare all’infinito.

Il governo italiano ha deciso una linea, poi seguita più o meno da tutti gli altri Paesi europei, e l’ha portata avanti in modo coerente, forse l’unico appunto che gli si può fare è di non aver rafforzato i presidi sanitari fin dal momento in cui l’epidemia è comparsa in Cina, perché oggi tutto si muove a velocità supersonica.

Io, che per fortuna di tutti non sono presidente del Consiglio, avrei seguito una linea completamente diversa. Storicamente le epidemie non nascono a caso, arrivano quando c’è un eccesso di popolazione. Nel mondo non siamo poi molti, sette miliardi e mezzo circa, ma questa cifra è moltiplicata proprio dalla velocità degli spostamenti per cui, forzando un po’ il paradosso, è come se stessimo tutti nello stesso posto. L’epidemia ha la funzione di sfoltire questo eccesso di popolazione, eliminando i soggetti più deboli. Nel mondo i morti per Covid si aggirano attualmente fra gli 800 e i 900 mila. Quanti sarebbero stati senza le misure di contenimento presi dai vari Paesi? Il doppio, il triplo? Nell’ultima guerra mondiale, in un’area molto più ristretta (Europa e Giappone) i morti sono stati 50 milioni. La guerra ha avuto la funzione di un’epidemia. Se si fosse lasciato che l’epidemia sfogasse liberamente il suo corso alla fine se ne sarebbe andata, per mancanza di alimento, come sempre se ne sono andate le epidemie e se ne sarebbe riparlato fra trent’anni. Invece rischiamo di portarcela appresso per trent’anni ancora e forse più.

Massimo Fini

Il Fatto Quotidiano, 8 settembre 2020

10 replies

  1. Scrive “noi abbiamo potuto sopravvivere per millenni a differenza di altre specie animali”

    vorrei sapere quali animali non sono sopravvissuti millenni… ma mi faccia il piacere!

    La CA***TA del secolo: “Storicamente le epidemie non nascono a caso, arrivano quando c’è un eccesso di popolazione.” Allora non dovremmo avere avuto le pesti del 1300 e del 1600 oppure dovremmo avere un’epidemia all’anno a partire dal 1960!

    Certo che nascono a caso: le mutazioni di vitus e di batteri, il salto di specie, i contatti fortuiti… sono tutti eventi casuali.

    E poi dopo aggiunge: “Nel mondo non siamo poi molti, sette miliardi e mezzo circa”. A parte il fatto che è circa 10 volte quanto il pianeta potrebbe sopportare danno a tutti il livello di vita medio a cui siamo abituati, ma sarebbe meglio decidersi!

    “Nell’ultima guerra mondiale, in un’area molto più ristretta (Europa e Giappone) i morti sono stati 50 milioni.” Infatti è stata un’immane tragedia. Mi sembra furbo cercare di limitare i danni il più possibile per evitare che tante tragedie colpiscano degli innocenti.

    Piace a 2 people

  2. .”L’ Epidemia ha la funzione… di sfoltire i soggetti più deboli”???!!!Anche un insetticida alla medesima funzione.
    Questo qui non sta bene.
    Me ne ero già accorta dal suo precedente articolo .

    Piace a 2 people

  3. Non è futuro, già il peracottaro sta al 40%di gradimento ed in costante discesa.
    Riscuote consensi solo alla festa degli sfigati del PD.
    E vorrei vedere, senza di Lui, Zingaretti può solo chiedere a suo fratello di farlo lavorare in tv.
    Magari nel ruolo del sergente Garcia!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.