Chi imbroglia e arraffa non è mai un “furbetto”

(di Antonio Padellaro – Il Fatto Quotidiano) – A proposito dei cinque “bonus malus” di Montecitorio cerco sul dizionario i sinonimi dell’aggettivo “furbetto” e trovo: birichino, impertinente, malizioso, insolente, disobbediente, dispettoso, cattivello, e così via. Prima di entrare nel merito c’è da domandarsi, infatti, perché mai nella titolazione giornalistica si insista nell’accomunare i protagonisti di qualsiasi porcata e/o mascalzonata a simpatici bricconcelli da sanzionare tuttalpiù con uno scappellotto o una pedata nel sedere. Quando invece negli articoli successivi saranno dipinti come porci e mascalzoni. L’assuefazione pigra dei titoli (questo giornale usa la parola “furbastri”, più confacente in quanto sinonimo di briccone e imbroglione) precede le reazioni della politica, tutte così prevedibili e scontate da risultare perfino spassose.

Prevale, naturalmente, l’effetto codone di paglia. Pianto e stridor di denti nei partiti (Lega, M5S, Italia Viva) indiziati di essersi accompagnati a quei rifiuti umani. Rispetto ai quali un Matteo Salvini “incazzato e deluso”, prima si para le terga (“ma la responsabilità è dei singoli non della Lega”). Per poi retrocedere l’eventuale sanzione da comminare ai reietti verdi, dalla espulsione alla semplice “sospensione” (metti che nel mazzo ci sia qualche amichetto suo). Nel complesso un indignatissimo coro di sdegno che sulle spiagge e i resort dove il Palazzo riposa prorompe nel grido: “Fuori i nomi” (principalmente onde allontanare da sé l’orrido sospetto). Effetto chissà cosa c’è dietro. “Regolamento di conti”, sentenzia il Giornale, poiché “il fatto che Di Maio sia stato il più lesto a saltare nello scandalo è un indizio in tal senso” (eh Sallusti ne sa una più del diavolo). Sulla possibile manina del ministro grillino si esercita anche Repubblica secondo cui “certo” il M5S userà lo scandalo “spudoratamente per la campagna per il taglio dei parlamentari” (molto peggio lui dei mariuoli). Effetto modeste proposte. Per esempio, pubblicare i nomi di tutti i percettori del bonus partita Iva (sono appena alcuni milioni). Strepitosa l’ipotesi di autodenuncia virtuosa di tutti i parlamentari non “furbetti”, cosicché quelli che non si dichiarano avranno fatto l’uovo. Effetto odio vigilante. Chi diavolo è il “presentatore tv di successo” accomunato ai cinque farabutti? Alta e forte si leva la voce di questa implacabile rubrica: fuori il nome!

2 replies

  1. Genuina incazzatura appena velata dall’aplomb del cronista navigato che le ha viste e raccontate proprio tutte?
    Ironia? Sarcasmo?
    “Fuori il nome!”
    Certo che sì!
    Quando l’assassino si nasconde nel buio, non si tenta forse di sapere chi sia per punirlo ed impedire che continui
    ad uccidere?
    I politici di ogni ordine e grado sono eletti dai cittadini che hanno tutto il diritto di veder rispettato il loro giuramento di
    esercitare il potere conferitogli con “dignità e onore”.
    Non c’è reato in questa squallida storia?
    Mancare in modo così plateale a quella promessa solenne è peggio che un reato: è un abominio etico.
    Naturalmente ci saranno delle distinzioni da fare tra chi esercita una funzione pubblica ricevendo come compenso
    solo una diaria, o un gettone di presenza, o poche centinaia di euro come accade nei comuni più piccoli, ma chi
    ha eletto parlamentari o consiglieri regionali lautamente retribuiti e che non hanno avuto remore morali ad
    approfittare della situazione, deve sapere a chi ha affidato il proprio voto per poter non ripetere l’errore.

    Piace a 1 persona

  2. Secondo me il reato c’è eccome… ancora non lo dice nessuno ma il reato esiste.
    Si chiama falsa dichiarazione.
    Per percepire il bonus saranno certamente state fatte delle dichiarazioni on line sul proprio stato economico. Queste dichiarazioni sono false… art.495 codice penale. No non solo solo delle furbate.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.