Coronavirus: avevano ragione gli svedesi?

L’ARTICOLO DEL ‘FINANCIAL TIMES’ SULLE AZIENDE SVEDESI CHE BATTONO LE ASPETTATIVE. https://www.ft.com/content/f7be28a0-ba3c-49d2-ab0c-09c932f32901

IL CASO SVEZIA: NON FARE IL LOCKDOWN HA SALVATO L’ECONOMIA? L’ANALISI DEL ‘FINANCIAL TIMES’

(Mauro Bottarelli – it.businessinsider.com) – La materia è di quelle da maneggiare con cura. Con parte di Europa alle prese con una crescente insorgenza di nuovi focolai di Covid, soprattutto in Spagna e Belgio, responsabilità vuole che a trattare tematiche di questa delicatezza per la salute pubblica siano gli scienziati e i medici.

coronavirus svezia

Ma è inutile negare che la pandemia da coronavirus sia ormai un vero e proprio market mover, capace di influenzare con le sue quotidiane novità – in positivo o negativo, più o meno confermate dai riscontri – non solo i corsi degli indici azionari ma anche le previsioni macro rispetto ai dati di crescita.

Con questo spirito meramente di analisi dei dati, il Financial Times – quotidiano non certo tacciabile di profilo complottista, no vax o negazionista – ha preso in esame il caso svedese, ovvero pressoché l’unico Paese al mondo (certamente in Europa) che ha affrontato l’ondata di epidemia senza nemmeno un giorno di lockdown, di fatto ponendo in essere un approccio sanitario basato sul principio dell’immunità di gregge.

Certo, qualche misura di contenimento in corso d’opera è stata imposta, come ad esempio l’utilizzo limitato di mascherine e il distanziamento ma il Paese scandinavo non ha mai visto negozi e ristoranti chiusi, uffici deserti e trasferimenti di massa verso lo smart working, fabbriche in modalità di serrata e, soprattutto, cittadini chiusi in casa e autorizzati a spostarsi solo per esigenze primarie e inderogabili.

Il risultato?

Lo mostrano questi due grafici, i quali delineano l‘andamento temporale dei nuovi casi e dei nuovi decessi a livello quotidiano per Covid.

Insorgenza, picco (probabilmente reso più acuto proprio dall’assenza totale di contromisure sanitarie drastiche) e poi, evidenze alla mano, un calo che fino ad ora non ha presentato nuovi focolai degni di nota.

Merito della tempra vichinga? Della dieta? Ironia a parte, persino la vulgata che vedrebbe il virus indebolito grazie all’arrivo della bella stagione e del netto aumento delle temperatura si scontra contro l’evidenza svedese, poiché a quelle latitudini certamente non si beneficia di temperature che possano “bollire” il Covid, nemmeno in piena estate.

Ma ecco la parte più interessante, quella maggiormente delineata dal servizio del Financial Times: proprio grazie all’assenza totale di lockdown, l’economia svedese sta già oggi mostrando chiari sintomi di miglioramento e di netto outperforming rispetto a tutte le controparti europee.

A confermare il trend sono stati i dati delle trimestrali presentate nelle scorse settimane delle principali aziende del Paese, da giganti come Ericsson ed Electrolux passando per le banche come Handelsbanken e protagonisti della componentistica come Assa Abloy. Tutti hanno vantato profitti ben al di sopra delle aspettative di mercato, anche se in alcuni casi questo trend si sia limitato e sostanziato in un calo più contenuto delle attese.

“Non ho mai visto nella mia carriera una proporzione così alta di aziende che battano le aspettative degli analisti a livello di profitti. Nel caso del secondo trimestre dell’economia svedese, possiamo dire che siano praticamente al 90% abbondante“, dichiara al quotidiano finanziario britannico Esbjorn Lundevall, chief equity strategist presso SEB.

“L’aver mantenuto la società aperta, le scuole aperte, non significa che non siamo stati colpiti dalla pandemia. Ma significa certamente che non siamo stati costretti, di colpo, a non poter più uscire di casa. Non serve un genio dell’economia per capire che questo ha certamente aiutato le imprese”, sottolinea, Alrik Danielson, chief executive del marchio manifatturiero SKF.

Questi grafici mostrano un paio di evidenze interessanti. Primo, i numeri giunti dalle trimestrali sono stati tali da aver spinto alcuni economisti a rivedere del tutto le stime del Pil svedese per il 2020, portandolo a livelli certamente non di crescita ma di un netto grado di resilienza all’impatto globale della pandemia rispetto alla media dei Paesi europei.

E prima che qualcuno avanzi il sospetto interessato che il miracolo scandinavo sia frutto della corona e della sovranità monetaria, giova invece sottolineare cosa molti psicologi ritengano abbia realmente offerto un effetto boost all’economia, più di qualsiasi direttiva del governo o delle autorità sanitarie: la predisposizione psicologica degli svedesi nel non aver paura di andare a scuola, in ufficio, in fabbrica ma anche al ristorante, al bar o in giro per negozi.

Senza questo approccio, infatti, nessuna imposizione avrebbe potuto evitare defezioni di massa, nemmeno in Paesi con un altissimo livello di senso civico come quelli scandinavi.

Insomma, il mix di realismo e fatalismo ha battuto quello di psicosi e cautela per 2 a 0. Secondo punto, questo tipo di impatto psicologico si fa notare nel grafico relativo agli utili aziendali, i quali hanno visto vincitrici assolute le aziende con forte vocazione al mercato interno, mentre giganti orientati su un’impostazione più globale come Volvo hanno pagato duramente il lockdown che ha paralizzato per mesi il mondo intero, dall’Asia agli Usa fino all’America Latina.

Non a caso, a presentare i dati in assoluto più inaspettati e confortanti sono stati gli istituti bancari con forte orientamento retail e pressoché nulla esposizione all’estero o a rami come l’investment banking. Infine, si fa notare come la Svezia abbia beneficiato grandemente anche dai buoni rapporti commerciali e politici che intrattiene a livello bipartisan sia con Cina che con gli Usa.

La prima – destinataria di export svedese, soprattutto legato al comparto industriale e alimentare – è stata infatti la nazione-avanguardia della ripresa economica, avendo patito per prima il lockdown più duro. I secondi, di fatto, rimasti operativi in modalità business as usual fino a primavera inoltrata, quando la pandemia ha colpito duramente New York e imposto il lockdown a varie parti del Paese.

E ora, con nuovi focolai in mezza Europa che a detta del premier britannico, Boris Johnson, rappresenterebbero di fatto già l’arrivo della tanto temuta seconda ondata, che fare? Seguire l’esempio svedese o, di fatto, operare con cautela massima, come sembra fare il governo italiano con la sua scelta di prolungamento dello stato di emergenza?

Preso atto che normalmente la via migliore risiede nel mezzo, il problema appare decisamente in testa alla lista delle preoccupazioni degli analisti economici: “Qual è il grado di probabilità di andare incontro a nuovi regimi di lockdown? Qual è il grado di probabilità che sussiste rispetto a quello che possiamo definire un fattore di paura collettiva? Questa e solo questa è la grande questione che incombe sul grado di velocità che si riusciremo a imprimere alla ripresa economica europea. Ora è tutto basato sulla psicologia, è tutto incentrato sulla gente e la sua reazione“, conclude Alrik Danielson.

“TELELAVORO FINO AL 2021”, LA SVEZIA PUNTA SULLO SMART WORKING

(europa.today.it) – È stata criticata per le misure anti-coronavirus, considerate da gran parte della comunità scientifica troppo morbide e poco efficaci. Ma adesso, prendendo in contropiede i fautori del lockdown, la Svezia ha deciso di sventolare la bandiera del rigore contro i rischi di una seconda ondata di Covid-19: fino al 2021, laddove possibile, i cittadini dovranno lavorare da casa.

La misura, che mira da un lato a ridurre il sovraffollamento dei trasporti pubblici, ha lo scopo di facilitare le cose per i lavoratori essenziali. Le autorità svedesi stanno attualmente registrando un calo del numero di nuovi casi, in particolare casi gravi che richiedono cure intensive. Ma l’agenzia svedese per la sanità pubblica rileva che se “i contatti dovessero aumentare di nuovo, il rischio di una seconda ondata in autunno sarebbe più che concreto”.

“Abbiamo sempre cercato di attuare misure sostenibili e di dimostrare resistenza nel lavoro a lungo termine che dovremo fare per combattere questa pandemia”, ha affermato l’epidemiologo capo Anders Tegnell durante una conferenza stampa.

Dall’inizio della crisi sanitaria, il paese ha registrato 80.100 casi di Covid-19, di cui 318 nelle ultime 24 ore, uno dei livelli più alti di contaminazione pro capite in Europa. Un totale di 5.739 persone sono morte a causa del virus in Svezia, secondo le autorità svedesi.

A differenza di altri paesi europei, la Svezia non ha mai imposto il lockdown alla sua popolazione, suscitando non poche polemiche. Ha mantenuto aperti le scuole per bambini di età inferiore ai 16 anni, caffè, bar e ristoranti. Per quanto riguarda l’uso delle mascherino, solo il personale sanitario è invitato a indossarlo. Le autorità sanitarie nazionali continuano a difendere questa scelta, sostenendo che i benefici saranno più evidenti nel lungo termine.

8 replies

  1. Per capire l’atteggiamento svedese occorre seguire su Youtube l’intervista alla BBC del 19 maggio u.s. dell’epidemiologo capo Andres Tegnell che ha affermato:” abbiamo preferito sacrificare qualcuno per salvare l’economia”. Quel “qualcuno” ha significato, in percentuale, più di 5 volte tanto di DECESSI, rispetto a Danimarca e Norvegia. Immagino che i poveri morti soffocati siano fierissimi di aver tanto contribuito al PIL di cui godranno i vantaggi nell’Aldilà. Peraltro, gli Svedesi sono incxxti con gli altri scandinavi che non li vogliono come turisti. Il virus ha risuscitato antichi odi, ad esempio di quando la Svezia neutrale strizzava l’occhio ai Tedeschi che pure avevano invaso i loro vicini. Quanto al mercato interno, una volta si chiamava autarchia e gli economisti ” puri” la disprezzavano. Avranno cambiato idea? Dopo tante spiegazioni sull’inflazione, forse, tra un po’ leggeremo su Infosannio l’elogio del calmiere di Diocleziano.

    Piace a 3 people

  2. Svezia 23,1 ab./km², Belgio 351 ab./km², UK 426,93 ab./km², Italia 199,42 ab./km²

    penso che la densità della popolazione centri qualcosa, come alcune VERE informazioni manipolate, per giustificare alcune personali opinioni.

    Piace a 1 persona

    • Egregio Adriano, la popolazione svedese è concentrata nel sud tra Stoccolma, Goteborg e Malmo, solo per citare le principali città. All’inizio se ne andavano solo gli immigrati africani e poveri di Malmo. Quando il virus ha cominciato a circolare anche nella capitale, le reazioni sono un po’ cambiate. So, per conoscenza diretta, che molti Italiani di Svezia hanno preferito seguire le indicazioni del governo italiano e non di quello svedese: chiudendosi in casa o/e lavorando, laddove possibile, in smart working.Quanto alla diffidenza dei vicini scandinavi, bastava parlare con qualche Danese per farsene un’idea.
      Saluti

      Piace a 1 persona

      • paolo diamanet Roma

        tutto vero
        ma gli svedesi, per la maggior parte, non abitano ammassati, di solito vivono in quartieri spaziosi, al contrario degli immigrati.
        La maggior parte degli svedesi lavora nel terziario avanzato, i lavori manuali ecc è lasciato alla parte povera della popolazione.

        Riguardo “le personali opinioni” mi riferivo a certi giornalisti o opinionisti
        Vorrei vedere delle statistiche serie in merito, che ancora non vi sono, prima di dire che la Svezia ha operato al meglio.
        Saluti

        Piace a 1 persona

  3. Voi due, c’e’ anche da dire che l’economia svedese ha piu’ possibilita di dislocare parte del proprio “terziario avanzato” a casa.
    Ora bisognerebbe vedere chi sono i morti svedesi per confermare questo assunto.

    "Mi piace"

  4. Svezia:1 morto ogni 1759 abitanti (sesta al mondo dopo Belgio, Inghilterra, Spagna, Italia, e Perù).
    Norvegia (paese con caratteristiche abbastanza simili): 1 morto ogni 9421 abitanti.

    In futuro vedremo, tutto è ancora molto incerto.

    Hanno tenuto meglio come economia?
    Sono scelte: qualcuno decide di minimizzare le perdite economiche, altri quelle umane.
    Il Financial times ovviamente è per salvare l’economia.

    Piace a 1 persona

  5. Se fosse dipeso dal Financial Times tutto il mondo avrebbe dovuto privilegiare l’economia (i danè di pochi) rispetto
    alla salute (la pelle di molti).
    Dov’è la novità?
    Chi può stupirsi che Lorsignori non tengano poi molto alla vita dei “troppi” abitanti di questa fetida palla di fango
    chiamata Terra se i loro affari sono minacciati dall’assurda pretesa degli “straccioni” di non morire soffocati coi
    polmoni scoppiati.
    O abbiamo già scordato la sicumera con cui i nostri confindustriali pretendevano che tutto rimanesse aperto mentre
    già non si sapeva come smaltire i cadaveri?

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.