Studiare nelle università degli Stati Uniti per molti ragazzi rischia di diventare incubo

(Massimo Gaggi – Corriere della Sera) – Studiare nelle università degli Stati Uniti per molti ragazzi stranieri è un’esperienza costosa ma entusiasmante. Nel primo semestre del Covid-19 l’esperienza è rimasta costosa, ma è divenuta frustrante: corsi online, aule e campus chiusi, vita accademica azzerata.

Con l’inizio del nuovo anno di studi per molti la frustrazione rischia di diventare incubo a causa delle nuove regole improvvisamente emanate dall’autorità per l’Immigrazione, che impongono agli studenti stranieri con visti di studio F-1 e M-1 di rientrare subito nei loro Paesi se le loro università hanno deciso, per il prossimo semestre (agosto-dicembre) di trasferire tutto l’insegnamento sui canali digitali come hanno già fatto circa un quarto delle accademie Usa, compresa la più celebre, Harvard. Potrà, invece, restare chi frequenta atenei nei quali si tornerà in classe o che hanno scelto la formula ibrida: metà corsi online e metà in classe.

Norme che fanno parte della scelta politica dell’amministrazione Trump di ridurre i flussi migratori verso gli Usa (sono già stati azzerati vari tipi di permessi di lavoro) utilizzando il coronavirus come giustificazione per la stretta. Sono provvedimenti destinati a creare una situazione confusa non solo per gli studenti, ma anche per gli atenei: per loro gli studenti stranieri (oltre un milione) non sono solo il 5 per cento degli iscritti. Sono anche la principale fonte di finanziamento, perché chi viene dall’estero paga per intero le astronomiche tariffe d’iscrizione (circa 70 mila dollari l’anno) e, in genere, non riceve l’assistenza finanziaria riservata a molti studenti americani: i college incassano circa 2,5 miliardi di dollari l’anno dai non residenti.

Per i ragazzi si apre un periodo di incertezza: molte università non hanno ancora deciso come organizzare gli studi autunnali o si riservano di cambiare sistema a seconda dell’evoluzione dell’epidemia di Covid-19. Ci sono, poi, nazioni che non accettano viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti (compresi i loro cittadini) se non per situazioni di seria emergenza e con l’obbligo di quarantena. I voli sono pochissimi e costosi. Tornare, poi, in America quando riprenderanno le lezioni, è un’altra incognita: i consolati americani funzionano a scartamento ridotto e i visti vengono emessi col contagocce.

Le circostanze sono destinate a creare non solo un conflitto generazionale tra studenti (decisi a tornare in aula) e professori (che preferiscono l’insegnamento digitale fino a quando sarà disponibile un vaccino efficace), ma anche tra docenti e amministrazioni degli atenei. I professori più anziani dichiarano alla stampa di non voler rischiare la vita in classi piene di ragazzi, potenzialmente tutti contagiati asintomatici, che fanno festa e praticano sport con contatto fisico. In momenti come questo si scopre che quello dei docenti è un corpo notevolmente invecchiato, con molti professori che restano in cattedra oltre i 70 anni, mentre gli over 55, che nel mercato del lavoro nazionale sono il 23 per cento, nelle università sono il 37 per cento.

2 replies

  1. Mi sono sempre domandato che bisogno ci sia di andare a studiare negli USA. Arrivi e ti guardano subito come un potenziale terrorista pel fatto solo di essere straniero. Le armi sono in mano a tutti, minori, delinquenti, onesti.Abbiamo visto tutti quanto possa essere violenta sia la vita di tutti i giorni sia la polizia. La sanità costa moltissimo. Infine, sempre in quanto straniero, ti possono cacciare via quando gli pare, sotto mille pretesti. Tornassi gggiovane, frequenterei ancora le Università italiane pubbliche.

    "Mi piace"

  2. Molte famiglie alto-borghesi o borghesi o solo arriccchite mandanio i loro pargoli a studiare negli Stati Uniti, pagano una montagna di soldi sia di iscrizione che per viverci. Il risultato è lo stesso tanto si passano i posti di lavoro tra di loro, ma vuoi mettere? avere il nome inglese della sede dell’Alma Mater sulla traduzione per la conversione in Italia della Laurea è molto chic in certi ambienti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.