La quarantena della malinconia

(Marcello Veneziani) – Giorni di malinconia per la cattività prolungata, la lontananza dai cari, l’assenza del mondo. La malinconia è un albero ombroso che ti succhia linfa ma a volte dà frutti deliziosi: opere d’arte, poesie e a volte perfino trattati sulla stessa malinconia. In mancanza di librerie scavo nella mia biblioteca e trovo due testi sul tema (i libri sono i fertilizzanti della malinconia). Il primo è L’inchiostro della malinconia di Jean Starobinski, medico, saggista e letterato. È un compendio filosofico-sanitario, una storia e fenomenologia psico-letteraria della malinconia dalle sue origini soprannaturali o patologiche agli effetti sentimentali e caratteriali. Una volta era localizzata nella bile nera o nella milza, e la religione la considerava peccato di accidia: l’acedia è un torpore, assenza d’iniziativa, disperazione senza scampo, acuita dalla solitudine, che produce mutismo, anzi “afonia spirituale”; che Marsilio Ficino indicava come perdita dello spirito sottile. Il rimedio classico era viaggiare, ma ora ci è impedito. L’espressione spirituale della malinconia è la nostalgia. Per Kant il nostalgico non desidera in realtà i luoghi della giovinezza, ma lo stato della giovinezza, la propria infanzia legata a un mondo anteriore. Per Starobinski la nostalgia è una malattia morale.

La malinconia a volte si combina col sarcasmo e si mimetizza nel grottesco. Nell’ironia c’è lo sfogo, la terapia e forse la salvezza, notava Soren Kierkegaard nel Concetto dell’angoscia. Come in Giano bifronte un volto ride e l’altro piange, unendo il comico e il tragico. Il malinconico è per un verso posseduto dal demonio ma per un altro è baciato dagli angeli. Saturno dispensa i doni della malinconia a chi ha talento.

Il genio è malinconico, ma non tutti i melanconici sono geniali. A volte ci sono anche i cretini depressi. La malinconia diffusa si chiama depressione di massa e permea il nostro tempo. Il depresso non sempre è un animo sensibile, a differenza del malinconico. Il depresso, di solito, è prigioniero del presente; il malinconico, invece, si strugge per il passato e il futuro. Non lo tormenta il presente o la presenza ma l’assente o l’assenza. C’è pure la voluttà della malinconia, e perfino la civetteria di dirsi malinconici, figurandosi come l’artista geniale o il bambino triste che vuole attenzioni.

La malinconia può essere innata o sopraggiunta, suscitata dagli eventi; c’è una malinconia ereditaria e persino una etnica, attribuita come indole ad alcuni popoli (la saudade portoghese, la tetraggine russa, la murria spagnola, il cafard francese che è poi lo scarafaggio, lo spleen inglese che è poi la milza). Per Starobinski la costituzione congenita pesa più dell’influenza esterna. Il malinconico vive il tormento di non passare dalla conoscenza all’azione e non aderire alla realtà esterna; qualcosa lo allontana o lo rende inadeguato.

La malinconia è una vedovanza ma può essere un vuotarsi per ricevere la visita degli dei. Qui ritrovo l’altro libro che citavo senza citare. È il Ritratto della malinconia di Romano Guardini, filosofo, presbitero e teologo veronese vissuto in Germania. Un testo breve ma acuto e intenso. Per Guardini la malinconia è dolorosa e tocca troppo le radici del nostro essere per abbandonarla nelle mani degli psichiatri. Appartiene a un ordine di natura spirituale. La sua nostalgia divorante si unisce a un bruciante ardore spirituale. La malinconia per lui consiste in un’oppressione dello spirito, un peso che ci schiaccia mentre i nostri sensi e impulsi si paralizzano. L’uomo malinconico non padroneggia più la vita. Avverte un vuoto metafisico. La vita per Guardini è dominata da due impulsi opposti. La volontà di esistere, affermarsi ed elevarsi e la volontà di sparire, di sottrarsi. Il baratro ci attrae e ci fa paura. Un’indole malinconica è sensibile ai valori più alti ma tende all’autodistruzione.

È la grande tristezza di cui parla Dante, il dissiparsi, il “ricoverarsi nel mistero delle cause ultime, la nostalgia dei grandi malinconici verso la notte e le Madri”. Malinconia è connettersi al fondo oscuro dell’essere. Guardini distingue tenebre da oscurità: la tenebra è cattiva, nemica della luce, l’oscurità invece appartiene alla luce, è la sua ombra. Verso l’oscurità tende nostalgicamente la malinconia. Il malinconico anela alla pienezza dionisiaca dell’esistenza e al desiderio d’amore e di bellezza. Da qui per Guardini l’ascesa mistica verso Dio, amore e bellezza assoluta. La malinconia è il prezzo della nascita dell’eterno nell’uomo, oltre la vanità del tutto. L’uomo, scrive Guardini, sperimenta il mistero di una vita di confine, non è di là o di qua ma vive nella terra mediana dell’inquietudine.

Chiudo i due libri e rivedo la Melencolia ritratta da Albrecht Durer e il cielo apocalittico di Melancholia, il film di Lars von Trier dove il disastro torna al suo significato originale, astrale: Melancholia è un pianeta che distruggerà la terra e accompagna la malinconia degli ultimi abitanti nei loro ultimi istanti sulla terra prima della collisione. Byung-Chul Han dedica pagine al film e alla gioia estrema sull’orlo della catastrofe in Eros in agonia. Dopo una vita senza mondo verrà un mondo senza vita. La malinconia è la collisione dolorosa di passato e di futuro, nostalgia per ciò che si perde e angoscia per ciò che verrà o finirà. La malinconia è un disagio, un presagio e un lutto. Il malinconico non sa vivere solo di presente e di realtà, ha la tentazione della vita ulteriore e dello sguardo oltre il visibile. Malinconia è occhi pensanti. Fuori c’è il sole e noi siamo reclusi. La malinconia somiglia alla nostra prigionia.

Panorama, n.19 (2020)

3 replies

  1. So di interrompere un momento catartico.
    Il mondo è in mano ai raggi cosmici e pere di candeggina.
    La candeggina.. ha detto.
    Capisci?
    Siamo nell’iperspazio, Urania ci fa una pippa.

    Morbo orrendo.

    "Mi piace"

  2. Ho stima per pochissime persone in tutto l’universo mondo. Una di queste è Veneziani e lo dico e scrivo da sempre.
    Queste pagine lo confermano ampiamente, se mai ve ne fosse bisogno.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.