Manovra: ok alla caccia ai cinghiali in città, si potranno mangiare

(ansa) – Via libera della commissione Bilancio della Camera all’emendamento alla manovra che apre alla possibilità di abbattimenti di fauna selvatica per motivi di sicurezza stradale anche in aree protette e in città.

L’emendamento è a firma Foti (Fdi).

I cinghiali che saranno abbattuti, nell’ambito della misura inserita in manovra sulla caccia in città, saranno sottoposti ad analisi igienico-sanitarie e in caso negativo saranno destinati al consumo alimentare.

Lo prevede la versione finale dell’emendamento di Fratelli d’Italia alla manovra approvato in commissione Bilancio.

Categorie:Cronaca, Interno, Politica

Tagged as: , ,

14 replies

  1. Si può sparare anche dalla finestra di casa o è pericoloso? Si possono mettere le trappole per i cinghiali al parco? Solo fucili o anche bombe a mano? Se ti trovano armi in auto puoi dire che sono per i cinghiali? Un mendicante che mette a rischio la sicurezza stradale magari sbandando mentre cammina, può essere ammazzato? Uno che ti tampona? Si possono abbattere anche i cani dei vicini? Si possono investire intenzionalmente i cinghiali con la macchina? Si possono cucinare direttamente al parco facendo un fuoco? Nei giardinetti degli asili si può sparare? Ai gatti?

    Spero chiariscano questi ed altri punti, così uno si regola …

    Piace a 1 persona

  2. “Devo dipingere una parete grande, ci vuole un pennello grande”, cercava di giustificarsi un dipintore ciclista – in una nota pubblicità di circa 40 anni fa – che ostacolava il traffico cittadino portando a tracolla un pennello gigantesco. “Non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello” lo rimbrottava bonariamente il vigile che l’aveva fermato, giusto per fare la reclame ad un pennello della marca CINGHIALE. Ebbene sì: non ci sono più i cinghiali di una volta e gli “utilizzatori finali” di quella pregiata materia prima – a prescindere dalla destinazione culinaria o da impieghi industriali – saranno ora autorizzati a procacciarsela da soli, avventurandosi in una sorta di safari anche urbano, violando pure il silenzio venatorio e le aree protette. Prevedo, purtroppo, un’impennata delle vittime per incidenti in battute di caccia cittadina. Nella fattispecie, mi permetto allora di dare un paio di consigli spassionati a tutti i lavoratori PRECARI, da adottare scrupolosamente nel tragitto casa-lavoro: dotarsi di un giubbotto antiproiettile e recarsi in fabbrica/ufficio preferibilmente da soli e mai in gruppo con altri colleghi… Chi li assicura infatti che lo stolto estensore di quello specifico emendamento alla manovra di bilancio – argomentando della possibilità di abbattere i cinghiali anche nel perimetro urbano – non abbia commesso un tragico errore ortografico confondendo magari i PECARI (razza suina) con i PRECARI (razza umana)? In ogni caso, quest’ultima categoria di lavoratori non sarà destinata all’estinzione, visto il ripristino dei voucher… L’ho buttata sul ridere, ma ci sarà poco da scherzare. È quasi meglio allora augurarsi l’esercizio provvisorio…
    P.S.: spero non salti fuori il solito commentatore animalista a tentare di rovinarmi la parentesi satirica ricordandomi che i pecari non vivrebbero nelle nostre latitudini. Certo, come no: proprio come le nutrie o gli scoiattoli grigi nordamericani. Toccherà mica aggiustare un vecchio slogan degli anni ’60/’70? (Pet) yankee go home!

    "Mi piace"

  3. Avendo azzerato i competitors naturali, i cinghiali arrivano fino nelle nostre città. Qualcosa si dovrà fare: cosa?
    Anzichè deridere a prescindere, postare soluzioni.

    Per quanto mi riguarda, smettere di erodere il loro territorio e intensificare la presenza di lupi e altri predatori. Ma penso che in pochi sarebbero d’ accordo…

    "Mi piace"

  4. LIBERA CACCIA IN LIBERO STATO
    E se uno sbaglia mira e invece del cinghiale abbatte una persona? Che si fa???
    Si porta all’apposito ufficio e se non è infetta si può mangiare anche quella.

    Piace a 1 persona

  5. Per capire in che mani siamo e capire le stupidaggini che questi personaggi dicono, sotto trovate un piccolo vademecum del cacciatore di cinghiali che trovate facilemente nel web. Provate ad immaginarvi il ns cacciatore di città leggendo sotto….da sganasciarsi dal ridere per non piangere…..
    saluti Alberto

    Non sottovalutate il cinghiale

    Il cinghiale è un animale con una spiccata intelligenza e un sistema sensoriale molto ben sviluppato.

    Dato questo per acquisito, cercate di anticiparlo nei suoi movimenti e cercate di ragionare come se foste voi nelle condizioni della bestia che state cercando.

    Non avere fretta

    Appena avvistate il cinghiale, non abbiate fretta di sparare, attendete , molto probabilmente non è da solo, quindi guardatevi intorno in cerca di altri animali. Sarete dispiaciuti se per via della vostra fretta, sparate a un maiale piccolo spaventando così un cinghiale più grande.

    Scegliete un terreno di colore chiaro

    Potete cercare appostamenti dove è presenta la neve o l’erba secca,tipica autunnale. 

    Osservate la direzione del vento

    Cercate di NON stare mai con il vento “di coda” quindi alle spalle. La miglior posizione è quella con il vento che soffia perpendicolarmente a voi 

    Il bagliore della luna

    Se andate a cacciare in notturna, cercate sempre di non avere la luna di fronte. Potrebbe accecarvi; anche se il suo bagliore sembra innocuo, averlo negli occhi per varie ore può diventare fastidioso. 

    Attenzione ai rumori

    essendo i cinghiali bestie molto intelligenti, hanno sviluppato un sistema sensoriale molto attivo, fino a riconoscere il rumore delle macchine “pericolose” e quello dello struscio del vostro abbigliamento nella radura. 

    I migliori appostamenti

    In Inverno è possibile cacciare il cinghiale anche di giorno, quindi il miglior appostamento rimane quello vicino agli alberi da frutto come quercia, faggio, melo selvatico, prugno selvatico e pero. Essi faranno da esca per l’animale che state aspettando.

    "Mi piace"